Actinomicosi: sintomi cause cura

L'actinomicosi è una tipologia molto rara di infezione batterica, le infezioni batteriche sono caratterizzate da fatto che sono limitate ad una parte del corpo e questo è dato dal fatto che i batteri hanno difficoltà ad inoltrarsi nel tessuto del corpo. Purtroppo l'actinomicosi è un tipo particolare di infezione batterica che lentamente si insinua all'interno del corpo.

Actinomicosi: sintomi cause cura

Actinomicosi

Sintomi principali della actinomicosi:

  • il tessuto colpito è gonfio e molto arrossato;
  • la parte colpita è lesionata;
  • ci può essere una formazione purulenta;
  • si vengono a formare come delle piccole sacche all'interno del tessuto che possono portare a fuoriuscita di pus denso.

Batteri actinomiceti:

Questi batteri causano la malattia che prende il nome di actinomicosi. Di regola questa batteri sono presenti nelle zone umide del corpo, come bocca, naso, gola, apparato digerente e vagina.

Il problema nasce nel momento in cui la parte di tessuto dove sono presenti è lesionata, perché sono aperti dei varchi per andare in profondità. Il pericolo è dato dal fatto che trattandosi di batteri anaerobici, cioè che per svilupparsi non hanno bisogno di ossigeno, se entrano molto all'interno del tessuto possono aumentare senza problemi. L'unico vantaggio è che questi batteri non sono contagiosi e non possono vivere fuori dal corpo umano.

Quanti tipi di actinomicosi esistono?

Partendo dal presupposto che è una malattia che si può sviluppare in qualunque parte del corpo umano, per semplicità sono state raggruppate le zone più a rischio:

  • actinomicosi orale;
  • actinomicosi toracica;
  • actinomicosi addominale;
  • actinomicosi pelvica.

Actinomicosi orale

Si sviluppa nella zona della bocca, mandibola e collo e nella maggior parte dei casi è dovuta a denti cariati ed è quella più diffusa.

Sintomi:

  • su guancia o collo la presenza di gonfiore e grumi;
  • la parte coinvolta risulta essere tumefatta;
  • alzamento della temperatura corporea.

Prima dell'infiammazione vera e propria ci può essere una presenza del grumo assolutamente indolore, che potrebbe coinvolgere anche i muscoli della mascella, apportando problemi alla masticazione.

Questa patologia può dar luogo a fistole, che sono dei fori della pelle dalla quale fuoriesce materiale purulento.

Possibili cause:

  • carie dentali;
  • scarsa igiene orale;
  • tonsillite;
  • otiti;
  • estrazioni dentarie.

Actinomicosi toracica

Si sviluppa nei polmoni o nei bronchi e la causa è imputabile ad inalazione involontaria di liquido contaminato che poi va a finire nei polmoni.

Sintomi:

  • calo ponderale;
  • febbre alta;
  • senso di stanchezza;
  • inappetenza;
  • difficoltà respiratorie;
  • forte dolore al torace;
  • presenza di fistole toraciche.

Ci può essere anche la presenza di tosse sia grassa che secca e spesso si può espellere del muco con sangue.

Possibili cause:

  • chi ha avuto a che fare con droghe e alcol per anni;
  • chi ha ingerito accidentalmente materiale pericoloso che è passato ai polmoni.

Actinomicosi addominale

Si sviluppa nella pancia e le cause possono essere diverse, come ad esempio una peritonite, o ingerire un pezzetto di osso di pollo che contiene actinomiceti.

Sintomi:

  • leggero innalzamento della temperatura;
  • calo ponderale;
  • fenomeno di stipsi e/o diarrea;
  • dolore addominale;
  • vomito e nausea;
  • presenza grumosa nell'addome;
  • presenza di fistole addominali.

Actinomicosi pelvica

Si sviluppa nella parte ossea del bacino.

È tipica delle donne la cui diffusione nella parte pelvica è di origine genitale.

Si attribuisce lo sviluppo della actinomicosi pelvica all'uso prolungato della spirale come metodo contraccettivo.

Sintomi:

  • dolorabilità al basso ventre;
  • emorragie vaginali anomle;
  • inappetenza;
  • senso di stanchezza;
  • formazione grumosa nel bacino.

Quanto è diffusa l'actinomicosi?

Ha una diffusione limitata a quelle zone nelle quali la reperibilità dei farmaci per curarla non è facile. Come detto poc'anzi l'actinomicosi è causata dai batteri actinomicetali che sono anaerobici. Questo sta a significare che non si sviluppano se trovano ambienti ricchi di ossigeno. Ma seppur trovandosi in un ambiente anaerobico, riescono a trovare un varco di tessuto non ossigenato, riescono a riprodursi e far ammalare la parte.

Ascesso

La parte di tessuto che viene attaccata dal batterio prende il nome di ascesso. Il nostro sistema immunitario, cercherà di contrastare la presenza del batterio, invierà delle cellule per eliminarlo. Non riuscendo a debellare il batterio, le cellule che combattono l'infezione e che muoiono vanno a formare un liquido giallognolo che prende il nome di pus. L'organismo cerca con ogni mezzo di fronteggiare il pericolo e va a creare una barriera di tessuto sano che circonda il pus. Questa barriera che impedisce al batterio ed al pus di diffondersi, prende il nome di ascesso.

Cura dell'actinomicosi

L'unica cura prevista è uno o più cicli di antibiotici che può durare anche un anno e, nei casi particolarmente gravi, un intervento chirurgico per eliminare il tessuto malato e l'eventuale pus presente. È un tipo di patologia asintomatica, fino a quando non si intravvedono delle fistole, con tutti i problemi ad esse legati.

Informazioni sulla actinomicosi...

Malattie

Lascia il tuo commento: