Ambliopia e ipermetropia

Ambliopia e ipermetropia cosa hanno in comune? Usiamo la nostra vista per svolgere praticamente tutte le nostre attività quotidiane. Provate a pensarci un attimo: dal momento in cui ci si alza dal letto, la mattina, alla sera, quando vi si fa ritorno, gli occhi sono il nostro organo più impiegato, la vista il senso più utilizzato. E’ dunque utile conoscere a fondo alcune delle patologie che più possono intaccare tale, irrinunciabile, senso così da potervi far fronte al meglio, prevenendo, diagnosticando per tempo, curando con efficacia. Di seguito troverete una breve guida su due delle patologie più frequenti, specie in età prescolare, a livello visivo: l’ambliopia e l’ipermetropia.

Ambliopia e ipermetropia

Ambliopia e ipermetropia

Vi consigliamo di leggere con attenzione quanto segue, facendo tesoro delle indicazioni contenute.


L’AMBLIOPIA:

L’ambliopia , detta anche “occhio pigro”, è una condizione di visione ridotta causata dall'incapacità di elaborare le immagini nel cervello. Il cervello impara ad elaborare le informazioni visive rapidamente nei primi anni di vita, quindi tutto ciò che interrompe questo apprendimento può portare ad amblipia. Questa si evidenzia, in genere, nei primi cinque anni di età rappresentando una delle principali patologie visive dell’età pediatrica.

Tipi di ambliopia:

L’ ambliopia cade generalmente in una delle tre categorie sottostanti, sulla base della causa scatenante.

Ambliopia strabica

L’ambliopia è causata da strabismo o da un occhio deviato. Se un bambino nasce con un occhio deviato, o l'occhio comincia a deviare nella prima infanzia, il cervello finisce col scegliere di “chiudere” le informazioni provenienti dall'occhio deviato piuttosto che fare confusione ed avere una visione doppia. Di conseguenza, la parte del cervello responsabile per la visione in un occhio deviato non si sviluppa correttamente, ed insorge l’ambliopia.

Ambliopia anisometropica

L’anisometropia si verifica nel caso in cui esista una differenza significativa nel grado di miopia o ipermetropia tra i due occhi. Se esiste una differenza significativa, il bambino può vedere il mondo come un po’ sfocato, anche se un occhio è normale e l'altro occhio è miope, in quanto entrambi le immagini visive arrivano al cervello per formare una singola immagine. Il cervello può scegliere di spegnere le informazioni provenienti dall’occhio “cattivo”, peggiore in modo che l'immagine provenga solo dall’occhio buono, risultando così più chiara. Una volta che questo accade, il cervello non può più elaborare le informazioni dall'occhio peggiore e quindi non può imparare a vedere con entrambi gli occhiche occhi, ed insorge l’ambliopia Che può verificarsi anche in entrambi gli occhi nei casi di notevole miopia: si chiamerà allora ambiopia ametropica.

Ambliopia occulisiva

L’ambliopia occlusiva è causata dal fatto che le immagini di un occhio non raggiungono il cervello correttamente perché qualcosa impedisce una visione chiara. Se un bambino nasce con qualcosa che ne blocca la visione, il cervello non riceverà le immagini corrette e non svilupperà una visione normale. Anche se il blocco è infine rimosso, il cervello avrà ancora una ridotta capacità di vedere con entrambi gli occhi. L'ostruzione fisica deve essere presente durante il periodo di sviluppo visivo, in genere prima di cinque anni di età, e devono essere presenti per un periodo prolungato di tempo (mesi o anni) in modo per dare vita ad un’ambliopia occlusiva. Ciò può essere dovuto ad una catarrata congenita, ad esempio nel caso di cicatrici corneali da un infortunio durante il parto; abbassamento della palpebra, che può essere causato da un danno al nervo o muscolo che solleva la palpebra, oppure può essere congenito; un grande emangioma(voglia consistente in una grande massa di sangue vasi e pelle) che si trova vicino l'occhio ed ostacola la visione; qualsiasi ostacolo fisico, compreso l'abitudine di indossare sempre una benda su un occhio (ovviamente se fatto in maniera continuativa per mesi o anni, non certo indossando una maschera di carnevale!). Infine, anche una infezione agli occhi, che può causare la perdita temporanea della vista, può causare ambliopia se non trattata rapidamente; gravi gonfiori delle palpebere in casi di ripetuti attacchi di allergia, possono causare un’ostruzione abbastanza prolungata da causare ambliopia e persino la cura dell’ambliopia può causare lo stesso fenomeno nell’altro occhio qualora il cerotto sull’occhio buono venga lasciato per troppo tempo e non ci sia un monitoraggio costante durante il trattamenti!

Segni e sintomi

In molti casi, il bambino non si accorge che un occhio non è efficace quanto l’altro. Per questo motivo assumono grande importanza controlli e visite specialistiche costanti. Solo un medico saprà infatti notare in fretta alcuni sintomi meno evidenti e proprio per questo ancora più importanti per diagnosticare, e curare, per tempo, il problema. Tra questi:

Aumento deviazione degli occhi

In caso di strabismo (occhio deviato), dove lo strabismo si verifica solo in modo intermittente, mentre l'input visivo da quell'occhio viene ignorato, il controllo del movimento e la coordinazione di occhi peggiorano, l'occhio diventa sempre più deviato, fino a quando non è sempre rivolto verso l'esterno o verso l'interno.

Scarsa percezione della profondità

Nei casi più gravi, dove la ambliopia causa quasi cecità di un occhio, il bambino può notare scarsa percezione della profondità. Lo si potrà notare, ad esempio, in quegli sport che si basano molto sulla percezione della profondità, come calcio, tennis e ping-pong. L'effetto di questa scarsa percezione della profondità non è così drammatica come si potrebbe immaginare in quanto il bambino con ambliopia impara ad avere un po’ la percezione della profondità utilizzando i riferimenti in campo ambientale, come le dimensioni, la sovrapposizione delle immagini, e la velocità di oggetti in relazione a più oggetti distanti.

Impossibilità di utilizzare un occhio in certe situazioni o occupazioni

Quando il bambino cresce, può finalmente notare autonomamente la scarsa visibilità in un occhio, e questo può essere particolarmente fastidioso per l'individuo in determinate professioni, come gli astronomi, microbiologi, e cecchini, che si basano sull'utilizzo di entrambi gli occhi o gli strumenti in cui è necessario utilizzare uno o l'altro occhio. L’ambliopia può dunque rappresentare un grave handicap per l’individuo negandogli l’accesso al servizio militare o a professioni come, ad esempio, quella di pilota.

Le cause

Il cervello e l'occhio lavorano insieme per produrre la visione. La luce entra nell'occhio e si trasforma in segnali nervosi nella retina. Questi segnali nervosi viaggiano lungo il nervo ottico fino al cervello. Quest’ultimo elabora le immagini normalmente da entrambi gli occhi. Se il segnale è compromesso, il cervello “spegne” i messaggi provenienti da quell'occhio, e non sarà in grado di ottenere le informazioni visive necessarie per “imparare” a vedere. Col tempo, il cervello non sarà in grado di vedere dall'occhio colpito.Come già detto ci sono diversi motivi per cui questo segnale può “spegnersi”.

Diagnosi

L'ambliopia è una cecità che si verifica senza che ci sia qualcosa di sbagliato nell’occhio stesso. Tuttavia, tale patologia può essere causata da vari problemi degli occhi nella prima infanzia, e come tale, l'ambliopia non può essere scoperta e diagnosticata fino a quando il problema iniziale dell’occhio non viene corretto a meno che il deficit visivo non sia peggiore di quanto il “vero” problema nell’occhio non possa spiegare.
Se un bambino nasce con un problema agli occhi come lo strabismo (deviazione di un occhio), la cataratta, o miopia grave, è abbastanza comune che, una volta che il problema di fondo sia stato trattato, il bambino abbia un certo grado di ambliopia che viene diagnosticata, in questi casi, attraverso un attento esame di entrambi gli occhi da un oculista.
In molti casi, ambliopia rimane invece inosservata durante i primi anni dell'infanzia e non può essere diagnosticata fino a quando il bambino non si sottopone al suo primo esame della vista.

Trattamento

Il primo passo nel trattamento dell’ambliopia sta nella risoluzione della causa sottostante.
Nel caso dello strabismo può richiedere un intervento chirurgico o l’utilizzo di lenti correttive. La rimozione di un ostacolo visivo, come la cataratta, è il primo passo nel trattamento di ambliopia occlusiva. Occhiali o lenti a contatto in grado di correggere un problema favoriscono la risoluzione dell’ambliopia anisometropica.

L’IPERMETROPIA

L’ipermetropia, è la patologia che induce un individuo a vedere meglio a lunga distanza piuttosto che da vicino. Spesso i bambini con ipermetropia possono vedere chiaramente la televisione o la lavagna, ma avere più difficoltà nel leggere un libro. Possono avere difficoltà nel mettere a fuoco chiaramente da vicino e ciò può causare 'affaticamento degli occhi e mal di testa. Detto che una lieve ipermetropia è comune e normale da trovare nella maggior parte dei bambini piccoli, va sottolineato come molti bambini “crescono” di ipermetropia con l’età adulta.

Le cause

Per una visione chiara e confortevole  la luce deve essere focalizzata sulla retina nella parte posteriore dell'occhio. La maggior parte dei occhi ipermetropi possono mettere a fuoco la luce da un oggetto lontano ma hanno difficoltà a concentrarsi sulla luce proveniente da un oggetto a breve distanza, che si focalizza “dietro” la retina rendendo la visione offuscata. Se l'oggetto è posto più lontano dall'occhio, il punto in cui la luce si concentra nettamente si sposta in avanti sulla retina rendendo l’oggetto posto a lunga distanza più chiaro.
Ci sono alcune ragioni per cui un bambino potrebbe sviluppare l’ipermetropia tra cui, soprattutto, l’ “eredità” di genitori ipermetropi o l’evoluzione di un’altra patologia oculare come glaucoma, strabismo, ambiopia.

Cos'è il glaucoma?

Il glaucoma si verifica quando il nervo ottico viene danneggiato dalla pressione elevata nell'occhio. Ciò può provocare problemi alla vista. Questo è spesso causa di dolore, occhi rossi e visione offuscata, ma raramente causa di problemi durante l'infanzia.

Cos'è lo strabismo?

Lo strabismo si verifica quando gli occhi di un bambino non sembrano guardare nella stessa direzione. A volte in Ipermetropia un occhio può puntare verso l'interno (convergono). Questo si chiama strabismo convergente. Lo strabismo può spesso essere migliorato con occhiali o un intervento chirurgico.

Cos’è l'ambliopia?

Se la luce da un oggetto non può essere focalizzata nettamente sul fondo dell’occhio allora il bambino può finire per soffrire di “occhio pigro”. Non parliamo ancora di ambliopia, tuttavia, proprio come se lo fosse, il cervello non potrà imparare a vedere chiaramente da entrambi agli occhi, con tutte le difficoltà conseguenti espresse nella prima parte. Indossando gli occhiali per focalizzare la luce si può prevenire l’ambliopia. A volte, però, nonstante gli occhiali, la vista può restare comunque confusa perché il cervello non ha sviluppato il potere di vedere chiaramente. Quest è chiamat ambliopia.

La diagnosi

A volte i genitori e gli insegnanti possono notare che la visione di un bambino è compromessa: i bambini possono avere difficoltà a vedere i libri di testo a scuola; possono lamentarsi di affaticamento degli occhi o mal di testa; i genitori possono notare che gli occhi dei loro figli, anche occasionalmente, appaiono strabici… Esponendo le proprie preoccupazioni al medico di famiglia si potrà avere una valutazione più sicura ed approfondita, magari tramite il consulto con un oculista.

Anche un ottico è in grado di diagnosticare l’ipermetropia durante un esame. Il livello di ipermetropia può essere misurato facendo brillare una luce attraverso lenti diverse nell’occhio. Il livello di ipermetropia si misura in unità di messa a fuoco di potenza chiamato “diottrie”. Un’ipermetropia lieve varia tra zero e tre diottrie; moderata tra tre e dieci; grave oltre le dieci diottrie.

Informazioni sulla ambliopia e ipermetropia.

Malattie

Lascia il tuo commento: