Ambliopia terapia e cura

La terapia per la cura e trattamento della ambliopia non è una sola, ma l'esperto potrà scegliere quella più adatta in base alla situazione visiva del soggetto interessato.

Come si cura l'ambliopia? La terapia per la cura della ambliopia è una terapia molto delicata, la quale è composta da diversi trattamenti più o meno invasivi per il soggetto. L'ambliopia è un problema della vista assai comune nei bambini è l’ambliopia, nota anche come “occhio pigro”. Tanto comune da essere la principale ragione per la perdita della vista nei bambini. Più di tutte le altre cause messe insieme. L’ambliopia è una diminuzione della visione del bambino che può accadere anche quando non ci sono problemi con la struttura dell’occhio. Uno o entrambi gli occhi inviano un’immagine sfocata al cervello che alla lunga finisce per inibire le immagini provenienti dall’occhio debole.

Ambliopia terapia e cura

Ambliopia terapia

Tra i tipi di ambliopia più frequenti citiamo l’ambliopia da strabismo, quella da privazione e quella rifrangente:

  • Ambliopia da strabismo. Si sviluppa quando gli occhi non sono diritti. Quando il cervello “spegne” l'occhio che non è diritto insorge l’ambliopia.
  • Ambliopia da privazione. Si sviluppa quando la cataratta o condizioni analoghe  impediscono all’occhio una corretta visione. Se non trattata molto presto, questi bambini possono avere una visione molto povera. A volte questo tipo di ambliopia può colpire entrambi gli occhi.
  • Ambliopia rifrangente. Si sviluppa quando c'è una grande quantità o disparità di errore rifrattivo. Di solito il cervello “spegne” maggiormente ipermetrope o astigmatico. Questo tipo di ambliopia può interessare uno o entrambi gli occhi e può essere risolto se diagnosticato per tempo

Tecniche di terapia utili contro l'ambliopia:

L’utilizzo degli occhiali

Gli occhiali possono forse aiutare a combattere il problema, ma certo non lo possono correggere fino ai 20/20. L’ambliopia è prevalentemente una patologia neurologica quindi gli occhiali, che pure col tempo possono aiutare il cervello a “fidarsi di nuovo” dell’occhio debole, non possono fare più di tanto essendo ormai il cervello è abituato a vedere sfocato con quell’occhio. Per questa ragione, l’occhio normale è trattato (con patch o collirio) per rendere l’occhio ambliope (debole) più forte.

Quando deve essere trattata l'ambliopia?

Il trattamento precoce è sempre il più indicato. Se necessario, i bambini con difetti di rifrazione (miopia, ipermetropia o astigmatismo) possono indossare gli occhiali o le lenti fin dai primissimi giorni d’età. Recenti studi medici dimostrano dei miglioramenti fino ai 13/14 anni, in piena adolescenza, tuttavia i risultati più significativi si ottengono in età prescolare, quando la vista è ancora in fase di sviluppo. E’ dunque fondamentale, e fortemente raccomandato, un controllo periodico della vista fin dalla più tenera età. I pediatri possono controllare i neonati per trovare eventuali tracce di cataratta congenita o strabismo.

Trattamento per la cura dell’ambliopia

Uno dei trattamenti più importanti della ambliopia è correggere l’errore di rifrazione con l’uso costante di occhiali e/o lenti a contatto. Altri capisaldi del trattamento per l’ambliopia vanno nella direzione di rendere l’immagine più chiara possibile (ad esempio attraverso la rimozione di una cataratta) e costringendo il bambino ad usare l'occhio non dominante (tramite patch o collirio ad offuscare l’occhio “buono”). La patch deve essere usata solo se raccomandata da un oculista. Un oftalmologo dovrebbe controllare regolarmente come il cerotto sta influenzando la visione del bambino. Anche se può essere difficile da fare, l'applicazione di patch di solito funziona molto bene se iniziata abbastanza presto e se i genitori e il bambino seguono attentamente le istruzioni. La patch è un classico adesivo cerotto, che viene applicato direttamente sulla pelle intorno agli occhi. Sono disponibili in diversi formati per i bambini giovani e meno giovani, per i bambini che indossano gli occhiali, e in vari materiali. Anche se il miglioramento visivo si verifica spesso entro poche settimane dall’inizio del trattamento l’applicazione di patch può dare risultati ottimali spesso dopo molti mesi. Inoltre, una volta che la visione è stata migliorata, l’applicazione di patch o l’uso periodico di atropina o collirio, sia pur per poche ore al giorno, può dover continuare per diversi mesi o anni. Contrariamente da quanto affermato da alcune fonti, anche mediche, la particolare attività svolta con la patch non è molto importante rispetto alla necessità di mantenere il cerotto per tutto il tempo assegnato. Finché il bambino è cosciente e ha gli occhi aperti tutti gli input visivi saranno trattati con l’occhio ambliope. D’altra parte, il bambino può essere più cooperativo e vivere meglio la situazione se la patch viene eseguita durante certe attività, come ad esempio guardando un programma televisivo o un video. Alcuni oculisti ritengono che le prestazioni di attività da vicino come leggere, colorare, giocare con computer palmari durante il trattamento possa essere più stimolante per il cervello e dare il là ad un recupero migliore e più rapido.
Per quanto riguarda la scuola, essa può essere, in molti casi, un ottimo momento di patch, approfittando di una figura autoritaria e dando alla classe l’opportunità di imparare lezioni preziose e di accettare le differenze tra i bambini. Col giusto insegnate ed un gruppo di bambini educati, l’applicazione di patch a scuola non rappresenterebbe un’esperienza socialmente stigmatizzante. D’altra parte, spesso una figura di famiglia può essere più vigile nel patching di monitoraggio rispetto a quanto sia possibile in ambito scolastico. Perché, com’è ovvio, molti bambini rifiutano di indossare un cerotto sull’occhio, almeno in un primo momento. Patching di successo può richiedere la persistenza e l’abbondanza di incoraggiamento da parte di familiari, vicini, insegnanti, bambini…

Trattamenti alternativi per la cura dell'ambliopia

A volte l’occhio più forte può essere “penalizzato”, la sua vista sfocata, per aiutare l’occhio più debolea divenire più forte. L’offuscamento della vista nell’occhio buono con gocce o con maggiore potenza negli occhiali penalizzerà l’occhio “buono” costringendo il bambino ad usare l’occhio più debole. Oftalmologi utilizzano questo trattamento al posto della patch quando l’ambliopia non è molto grave o se il bambino non è in grado di indossare la patch come consigliato. Per i gradi lievi e moderati di ambliopia, recenti studi hanno dimostrato che l’applicazione di patch o colliri possono essere altrettanto efficaci. Il vostro oculista pediatrico vi aiuterà a scegliere regime di trattamento migliore per il bambino. Infatti non tutti i bambini possono trarre beneficio da un trattamento con collirio per l’ambliopia. Il collirio penalizzare, come l'atropina funziona meno bene, ad esempio, quando l’occhio miope è più forte.

L’intervento chirurgico nella cura dell’ambliopia?

La chirurgia dei muscoli oculari è un trattamento per lo strabismo volto a raddrizzare gli occhi non allineati. Di per sé, tuttavia, la chirurgia di solito non può aiutare nella cura dell’ambliopia.Un intervento chirurgico per raddrizzare gli occhi non può che aiutare, permettendo agli occhi di lavorare insieme come una squadra.
Per i bambini che nascono con la cataratta potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per togliere l’occlusione. Dopo l’intervento chirurgico, il bambino di solito abbisogna di una correzione visiva con occhiali o lenti a contatto e patching.

Qual è l’obiettivo del trattamento?

In tutti i casi, l'obiettivo è la miglior visione possibile in ciascun occhio. Anche se non tutti i bambini possono essere migliorati per 20/20, la maggior parte può ottenere un sostanziale miglioramento della vista. In alcuni casi, tuttavia, il trattamento per l'ambliopia non riesce a migliorare sensibilmente la vista. E’ difficile decidere di interrompere il trattamento, ma a volte è meglio sia per il bambino sia per la famiglia. I bambini che soffrono di ambliopia in un occhio ma hanno una buona visione nell’altro, possono indossare occhiali di protezione e occhiali sportivi per proteggere l’occhio “buono” da eventuali infortuni. Fino a quando l’occhio buono rimane sano, questi bambini non hanno particolari problemi in molti ambiti della società ed è dunque perfettamente inutile insistere con una terapia, comunque pesante nella sua applicazione più rigorosa, senza avere in cambio benefici accettabili.

Informazioni sulle tecniche di cura e trattamenti utili per curare l'ambliopia.

Malattie

Lascia il tuo commento: