Angioedema : sintomi diagnosi cura

Angioedema cos'è? Angioedema è un gonfiore che coinvolge le labbra, il naso, la lingua, la laringe, le mani e l'intestino nella maggior parte dei casi.

Quali sono le cause dell'angiodema?

Le cause dello sviluppo di questo problema non sono conosciute, anche se si può verificare un caso su 50.000 possono sviluppare un angioedema ereditato dai genitori ed in questo caso specifico parliamo di angioedema ereditario.

In questi casi particolari le persone che hanno ereditato il problema, può essere innescato semplicemente da situazioni di stress oppure da piccole operazioni, come un intervento dal dentista.

Esternamente la parte colpita non presenta alterazioni, a parte il gonfiore, mentre la parte interessata è quella interna dove si va a depositare il liquido che va a formare l'angioedema.

Angioedema : sintomi diagnosi cura

Angioedema

In diversi casi, come quello dell'orticaria, l'angioedema provoca prurito e di conseguenza la parte viene arrossata a causa del grattare.

Come si forma un angioedema?

In alcuni casi la formazione di un angioedema è dovuta ad una reazione allergica, legata ad esempio alla puntura di un insetto, oppure per contatto con sostanze chimiche, piante ed alcuni cibi.

Questo angioedema in particolare prende il nome di angioedema acuto allergico.

Ci sono poi altre cause accertate di formazione di angioedema dovute a situazioni stressanti, problemi epatici, disfunzioni tiroidee, da carenze di minerali e vitamine.

Quali sono i sintomi dell'angioedema?

Il gonfiore;

Una delle caratteristiche dell'angioedema è il gonfiore sottocutaneo, che si sviluppa appunto nei tessuti interni mentre la pelle esternamente non subisce alterazioni di alcun tipo.

Le parti del corpo maggiormente interessate sono piedi, mani, lingua e genitali, spesso il gonfiore si manifesta anche intorno agli occhi ed alle labbra, mentre i casi più gravi vedono coinvolta la gola e l'intestino.

Prima del gonfiore vero e proprio si avverte nella parte di pelle, che poi si gonfierà, una formicolio che poi sfocerà nell'angioedema.

Oltre al gonfiore sono presenti altri sintomi:

  • sensazione di bruciore e dolore nelle parti interessate;
  • se l'angioedema colpisce l'intestino, si accuseranno problemi di gonfiore spesso accompagnati da vomito e diarrea;
  • se l'angioedema colpisce la gola, ci possono essere dei problemi di respirazione;
  • congiuntivite.

Da cosa è provocato l'angioedema (cause)?

In generale non è accertata una causa scatenante dell'angioedema, mentre alcuni angioedemi hanno una causa ben precisa, e cioè:

  • angioedema acuto allergico;
  • angioedema non allergico;
  • angioedema che non ha una causa specifica;
  • angioedema provocato da un tumore oppure da una malattia autoimmune;
  • angioedema ereditario.

Angioedema acuto allergico

È l'angioedema che è causato da una sostanza chiamato allergene, che provoca una serie di reazioni a catena, orticaria compresa.

Le principali sostanze note come allergeni sono:

  • crostacei e la frutta secca;
  • il materiale in lattice con cui sono fatti i guanti;
  • punture di insetti;
  • peli di animali;
  • alcuni farmaci come ad esempio la penicillina.

Nel momento in cui l'allergene entra nell'organismo, al suo interno si scatena una vera e propria lotta perché l'organismo deve contrastare la sostanza che lo danneggia e reagisce provocando:

  • una sovrapproduzione di istamina;
  • l'istamina determina la formazione di piccoli vasi sanguigni sottocutanei che rilasceranno del liquido;
  • questo liquido si condenserà ed emergerà piano piano verso l'esterno formando un bozzo.

La reazione allergica di solito compare entro 2 ore dall'esposizione all'allergene.

Angioedema non allergico:

La formazione di un angioedema può essere causata anche dall'assunzione di un farmaco:

  • è il caso di farmaci per trattare la pressione alta;
  • l'aspirina e l'ibuprofene possono causare la formazione di angioedemi;
  • farmaci a base di codeina e la fragola, possono provocare la formazione di un angioedema rilascando l'istamina senza però provocare la forte reazione immunitaria.

Angioedema ereditario:

È una forma di angioedema molto rara causata dalla carenza di una proteina chiamata C1- inibitore che impedisce al sistema immunitario di funzionare regolarmente e di conseguenza i vasi sanguigni, che sono direttamente interessati, provocano la fuoriuscita di liquido che va a formare l'edema.

Altre cause che provocano l'angioedema:

  • passare da una temperatura calda ad una molto fredda;
  • esercizio fisico importante;
  • infezioni;
  • disfunzioni tiroidee;
  • situazioni stressanti;
  • alcune tipologie di malattie a carico del sistema immunitario come i linfomi.

Come viene diagnosticato un angioedema allergico?

In presenza di angioedemi il medico di famiglia inizierà a richiedere tutta una serie di informazioni per cercare di arrivare a capire quale sia esattamente la causa scatenante dell'angioedema.

All'occorrenza si potrebbe far redigere una sorta di diario dove sono annotate tutte le sostanze con le quali il paziente entra in contatto, siano essi cibi che farmaci o integratori vitaminici.

Spesso vengono fatti anche delle prove allergiche ed esami del sangue per verificare in maniera approfondita quale possa essere la causa scatenante.

Diagnosi di angioedema ereditario:

Se in famiglia è presente un caso di angioedema, il medico di solito consiglia di far eseguire un esame specifico del sangue a tutti i componenti della famiglia per verificare i livelli della proteina C1 inibitore.

Come si cura l'angioedema?

Di solito il gonfiore legato all'angioedema sparisce da solo dopo qualche giorno o addirittura dopo qualche ora.

Per fare in modo che il gonfiore sparisca velocemente si possono assumere delle compresse di antistaminico, che possono essere comprate in farmacia senza che sia necessaria la prescrizione medica.

Nel caso in cui il gonfiore non dovesse diminuire, è meglio rivolgersi al proprio medico di famiglia che, una volta fatta la diagnosi, potrebbe prescrivere dei corticosteroidi visto che gli antistaminici non hanno sortito effetti.

Come si cura l'angioedema ereditario?

Nel momento in cui si dovesse verificare un attacco di angioedema ereditario, l'unica terapia possibile è quella di somministrare una dose di proteina C1 inibitore che è carente nel paziente colpito dall'attacco, oppure potrebbe essere utilizzato un farmaco di nuova generazione, che è un antagonista della brachidina, studiato appositamente per chi soffre di questa importante patologia.

Come si curano i casi gravi di angioedema?

Uno dei casi più gravi di angioedema è quando questo colpisce la laringe e bisogna rivolgersi quanto prima ad un pronto soccorso per ricevere le prime cure.

In situazioni di pericolo, il paziente potrebbe essere intubato oppure addirittura subire una tracheotomia, che è un foro alla base della gola, per consentire al paziente di respirare.

I casi più gravi invece prevedono addirittura la somministrazione di adrenalina, quando però si temono reazioni allergiche molto forti o addirittura shock anafilattico.

Si può prevenire un angioedema?

La prima cosa da fare è cercare di evitare quelle sostanze o quegli alimenti che in passato hanno portato alla formazione di un angioedema.

Nel caso in cui la reazione sia stata particolarmente forte, il paziente colpito dovrebbe avere sempre con sé un'iniezione di adrenalina da utilizzare ovviamente solo in caso di bisogno.

Informazioni dedicate all'angiodema...

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo angioedema : sintomi diagnosi cura

Vorrei un aiuto sul problema dell'angiodema. Ho 43 anni e da 2 anni soffro di questo problema mi gonfio le labbra 2 volte la gola e tutto questo succede nelle prime ore del mattino o notte tarda. Ho fatto tutti gli esami allergici e i risultati sono negativi. In questi anni ho avuto dei problemi di molto stress e ne ho tutt'ora. Potrebbe essere lo stress a causare questo fenomeno? Nessuno mi sa dire come curare il caso anche perché mi stressa vedermi così: vado a letto in una maniera e mi sveglio in un altra e nessuno mi dice cosa mi succede, attendo risposta urgentemente, grazie.

il mio e' un caso di angioedema la volti per il quale nessuno e' stato in grado di trovare le cause scatenanti. la cosa che mi lascia perplessa che nel mio caso la manifestazionetende a non rientrare e purtroppo sono costretta a farmi del cortisone x ritornare ada una situazione di normalita'

Angioedema

stesso problema....ormai ci convivo da tanto tempo solo che negli ultimi 5 mesi mi sta succedendo spesso e ogni volta tra ospedali e guardia medica devo ricorrere al cortisone. Ultimo episodio sabato.... mangiavo dei cereali alla fragola, ha iniziato a gonfiarsi il labbro inferiore..... così non mangerò più neanche quei cereali... poi i crostacei mi fanno male e non li mangio più, le merendine, la penicillina, l aspirina, alcuni tipi di antibiotici ecc.. e ancora non ho capito bene a quale altra sostanza. Inizio ad essere stanca...

Spero di riuscire a curare gli angioedemi

ciao claudia io è da 10 anni che ho queli tuoi sintomi in più formicolio alla gola e lingua e l'ultimo episodio è da una settimana che dura e non mi è ancora passato; continuo a prendere antistaminici e cortisone abbinati.
...ora ho prenotato una visita al centro angioedemi.
Spero in qualcosa di posivo x' non ce la faccio più.....
Antonella

Dal 2009 soffro di angioedema

Inizialmente erano episodi isolati che interessavano caviglie, mani, polsi e labbra. Da un paio di anni, forse a causa di una serie di cambiamenti nella mia vita, si sono drasticamente intensificati e sono anche più intensi e persistenti. Ho fatto una serie di visite specialistiche: allergologo, otorinolaringoiatra, reumatologo e per ultimo un professore che studia, tra le altre cose, l'angioedema ereditario. Non ho risolto nulla. Ho preso per più di un anno kestine lio ogni sera e nalcrom prima di ogni pasto. Ho fatto anche una dieta a basso contenuto di nichel. Ma appena ho lasciato la cura tutto e' ritornato come prima. Ad ogni crisi sono costretta a prendere bentelan due compresse da un milligrammo oppure, se persistente, una fiala da 4 mg.

I miei fenomeni di angioedema

Salve ho 40 anni ho fenomeni da angioedema da tre mesi negli ultimi due non posso interrompere gli antistaminici..i test allergenici da alimenti sono risultati negativi ora mi attende un visita dal dermatologo ma leggendo i vostri commenti non credo sia risolutiva..

Angioedema... allergia da curare con dieta priva di istamina

Caio ho 20 anni soffro anch'io come voi di questa allergia da ben 5 anni.... ho provato tutte le prove allergiche ma non sono mai riuscito a trovare il vero motivo di tale fenomeno, sono stato anche 1 anno senza avere gonfiori e pensavo davvero che questa " malattia" mi avesse abbandonato ma non è stato così ora non so più che fare l'unica cosa che posso fare è riprendere la dieta priva di istamina purtoppo saremo destinati a questa vita e la cosa non mi rende per niente felice...

Ho 50 anni e soffro da 3 anni di angioedema

Ho fatto tante analisi e test per allergia e intolleranze alimentari e sono risultata solo allergica all'epitelio del cane e del gatto (non ne possiedo e li evito) quindi non possono essere la causa .IL C1 inibitore non e' alterato quindi non si capisce niente. Sono in cura in un centro ospedaliero ma dopo un anno di vari antistaminici non hanno capito la causa quindi sono solo tentativi. Mi succede sempre più spesso e prendo parecchio cortisone,l'ultima volta stamattina...ogni sera vado a dormire con il pensiero di come mi sveglierò.....

Primo attacco di angiodema e vari accorgimenti

salve a tutti ho 52 anni. il primo attacco di angiodema mi è apparso nel 2006, con ponfi pruriginosi su gambe , natiche , pancia , schiena con rigonfiamenti labbra e occhi, mille visite specialistiche ma tutto negativo , sono stato ricoverato al Maugeri di Pavia anche li tutto negativo ma anche durante la degenza attacchi di prurito e gonfiori, I medici non sapevano da cosa potesse essere causato, solo dopo due mesi e tenendo il diario giornaliero dei cibi mi sono accorto che era (forse) dovuto al caffè (7 /8 al dì) quindi ho sospeso il caffè per un anno e poi terapia d'urto ho assunto un caffè senza alcun problema, adesso dopo 7 anni sono di nuovo con il problema , ho eliminato il caffè da qualche giorno ma sempre presenti ponfi e rigonfiamento mani (occhi e labbra niente) con dolori al palmo e dita.

Angioedema e ricerca di soluzioni stabili

Leggere i commenti sopra scritti è sconfortante in quanto sembra estremamente difficile trovare soluzioni stabili....Ho avuto il primo episodio di orticaria 2 mesi fa quasi sicuramente dovuta a parafenildiammina contenuta nei coloranti per capelli.......ho evitato tale colorante ma appena ieri ho avuto un 2 episodio un po' piu' intenso con gonfiore a livello delle palpebre.....visita al P.S. con relativa puntura di cortisone per contrastare il gonfiore....ora devo fare il solito percorso di indagine totale....sarei ben felice di leggere qualche commento di persone che sono riuscite a trovare una soluzione definitiva e con quale metodo.

Lascia il tuo commento: