Annessite: annessite cronica e annessite acuta

L’annessite è una malattia infiammatoria pelvica che colpisce milioni di donne in tutto il mondo

Quanto è diffusa l'annessite? Le statistiche dimostrano che quattro donne su cinque sessualmente attive sono colpite da questo disturbo a un certo punto della loro vita. L'infezione diventa cronica in oltre il 60 per cento dei casi. L’annessite agisce sulle ovaie e le tube di Falloppio. I suoi sintomi non sono specifici e sono simili a quelli di altre malattie come l'appendicite, la cervicite e infezioni del tratto urinario.

annessite acuta e cronica

Annessite cause cure e rimedi


Annessite Cause:

  • Infezioni
  • Esposizione al freddo

Infezioni che possono generare l'annessite:

  • La causa principale dell’annessite può essere un'infezione che è trasmessa durante il rapporto non protetto, e in questo caso dovete seguire il trattamento sia voi sia i vostri partner. Altre cause sono le infezioni vaginali (vaginite) o dell'utero che si diffondo alle tube di Falloppio.
  • Infezioni addominali: l’infezione all’appendicite può diffondersi attraverso il legamento che collega l’appendice alle ovaie, con conseguente annessite, che è secondaria all’appendicite (questa infezione è unilaterale).
  • Altre infezioni addominali, che possono essere trasmesse agli organi genitali, provocando infezioni secondarie.

Anche l'esposizione al freddo può causare la annessite:

L'esposizione al freddo o l’alternanza caldo-freddo, stare sedute sulle superfici fredde (cemento, scale, ecc.) può favorire la comparsa dell’annessite.


Sintomi della annessite:

Se soffrite di annessite, potreste notare:

  • Dolore forte al basso ventre
  • Febbre
  • Nausea e vomito
  • Stanchezza
  • Sanguinamento dopo un rapporto sessuale. 

A seconda del decorso della malattia, il dolore è costante o intermittente. Alcune donne non presentano sintomi

Altri sintomi della annessite:

  • dolore alla parte bassa della schiena
  • Disturbi mestruali
  • Mal di testa
  • Minzione frequente
  • Sanguinamento uterino anomalo
  • Malessere
  • Dolore durante gli esami pelvici


Annessite Acuta o cronica?

Il quadro clinico e il corso dell’annessite dipenderà ovviamente dall'agente e dalla reattività dell'organismo. Così, l’annessite causata da stafilococco, streptococco, gonococco è acuta o cronica, per la clamidia e l’annessite tubercolare, il corso è tipicamente cronico.


Annessite acuta:

L’annessite acuta è caratterizzata da forti dolori all'addome e all’osso sacro. In alcuni casi, il dolore può essere accompagnato da distensione addominale, nausea, vomito, feci ritardate. Alla palpazione rivela un forte dolore nella parte bassa dell’addome, a volte con gravi sintomi di protezione muscolare. La temperatura corporea può aumentare a 39 ° C. Nel sangue si riscontra la leucocitosi, spostamento a sinistra della formula leucocitaria, aumento della VES. La complicazione più grave è il processo di transizione nel peritoneo pelvico con lo sviluppo di un ascesso pelvico peritoneo nel cavo recto-uterino (spazio Douglas). Nel caso di un’ostruzione, maggiore è la possibilità che si rompa il tubo uterino, accompagnato da infiltrazioni di pus nella cavità addominale e dallo sviluppo della peritonite purulenta. Nei casi non complicati di effetti acuti, la durata è di 7 - 10 giorni, poi il dolore scompare a poco a poco, la temperatura corporea e la conta ematica tornano alla normalità.


Annessite cronica:

L’annessite cronica si sviluppa in modo indipendente o è il risultato di quella acuta. In questo caso avvertite dolore addominale e nella zona inguinale, che si estende all’osso sacro e al retto, di solito causati dalla formazione di aderenze intorno alle tube di Falloppio e le ovaie. Le aderenze nelle tube di Falloppio possono portare a una lacerazione e alla sterilità. Nell’annessite cronica generalmente il ciclo mestruale è insolito, con un’emorragia abbondante e prolungata. Spesso, l'unico segno della malattia è la sterilità. L’annessite cronica si verifica con remissioni e ricadute, che sono dovuti all'attivazione delle infezioni dormienti sotto l'influenza di spossatezza, ipotermia e altri fattori aspecifici.


Fattori di rischio annessite:

  • mestruazioni
  • Chirurgia
  • Biopsia endometriale, rimozione dell’IUD o interruzione della gravidanza.

La più alta incidenza di questa malattia è registrata in donne di età compresa tra i 16 ei 25 anni, e per coloro che sono in età fertile, la percentuale è dell'11%. Gli esperti sostengono che l'insorgenza precoce dei fattori sessuali favorisca la comparsa dell’annessite. Il 20% delle persone colpite richiede il ricovero in ospedale.

Mestruazioni:

Il periodo del ciclo mestruale è quello ottimale per i batteri responsabili della comparsa dell’annessite. Poiché la cervice è aperta, il rischio d’infezione per i tubi e le ovaie aumenta in quest’arco di tempo.

Fertilità:

L’annessite può influenzare la fertilità. La spiegazione è molto semplice: le uova rilasciate non possono entrare in contatto con lo sperma perché le tube sono bloccate. Circa il 20% dei casi d’infertilità sono causati dall’annessite. Le donne che sono colpite da un singolo episodio di annessite, subiscono una diminuzione della possibilità di diventare madri del 10%, mentre tre episodi portano a una diminuzione del 40-60%. Queste percentuali dipendono dalla gravità della malattia. Potreste confondere facilmente l’annessite con l'appendicite, per cui è indispensabile che consultiate uno specialista per determinare esattamente che cosa è.


Diagnosi annessite

I test di laboratorio sono i modi più semplici per rilevare l’annessite. Dato che è causata da batteri che possono essere trasmessi attraverso il contatto sessuale, è bene che si sottoponga alle analisi anche i vostri partner. Inoltre, utilizzate sempre il preservativo per evitare qualsiasi rischio. 


Trattamento per a cura della annessite:

Gli episodi acuti gravi dell’annessite cronica vanno curati in ospedale. In caso di annessite, ecco qual è il trattamento:

  • Dovete stare a letto
  • Seguire una dieta leggera
  • Ghiaccio sulla parte inferiore dell'addome
  • Antibiotici
  • Sulfamidici
  • Analgesici. 

Eliminando gli eventi acuti potete poi seguire la terapia fisica (ultrasuoni, irradiazione con ultrasuoni, elettroforesi, diatermia, bagni di paraffina). Nell’annessite cronica, così come alla fine del periodo dell’acuta (non prima di quattro settimane) la cura indicata è di andare alle terme di fango e villaggi con idrogeno solforato e radon nell’acqua. In caso di annessite specifica da tubercolosi, il trattamento è eseguito in una clinica o in ospedale.

Rimedi naturali contro l'annessite:

Ecco alcuni prodotti naturali che possono esservi utili in caso di annessite:

  • salice bianco
  • Oenothera
  • Camomilla, poligono, foglie di ortica, corteccia di quercia.

Salice bianco:

L’estratto di salice bianco (aspirina naturale) è utile come:

  • Antidolorifico
  • Febbrifugo
  • Anti-infiammatorio e
  • Stimolante del sistema immunitario.

Oenothera

L’olio di questa pianta contribuisce a far sparire i sintomi sgradevoli durante le mestruazioni.

Camomilla, poligono, foglie di ortica, corteccia di quercia:

  • Fate un infuso con queste erbe: frantumate e mescolatele, poi versatene due cucchiai da tavola in un litro di acqua bollente e riscaldatela fino all'ebollizione, poi fate bollire a fuoco basso per dieci minuti in una pentola con il coperchio chiuso, versate il composto in un thermos e lasciatelo in infusione tutta la notte.
  • Bevete la tisana ogni giorno mezz'ora prima di un pasto (100-150 grammi). Se non vi piace così, aggiungete marmellata, miele o zucchero. La durata del trattamento è di tre o quattro mesi, poi fate una pausa per una mezza o due settimane e continuate la cura.

Complicazioni annessite:

  • Purtroppo la complicazione peggiore e più comune dell’annessite come avete letto, è la sterilità. Per rimanere incinte, durante l'ovulazione l'ovulo deve essere fecondato da uno spermatozoo e questo avviene nelle tube di Falloppio. Se avete l’annessite, le tube di Falloppio si restringono ed è possibile che l’ovulo non sia rilasciato, e per questo motivo è possibile che non restiate incinte.
  • Se non trattata, l'annessite provoca dei disturbi nel ciclo mestruale e dolore cronico. Aumenta inoltre il rischio di una gravidanza ectopica.

Prevenzione contro l'annessite

  • Evitate il contatto sessuale fino a quando non sia certo che siete guarite
  • Fate fare le analisi anche ai vostri partner e seguire il trattamento 
  • Utilizzate l’assorbente al posto di tamponi interni
  • Praticate l’igiene intima da davanti a dietro
  • Durante questo periodo, evitate di utilizzare salviette cosmetiche o intime
  • Indossate abiti larghi
  • Se seguite un trattamento antibiotico, non mangiate latticini per almeno due ore dopo la somministrazione

Ultima considerazione sulla annessite:

Concludendo, l’annessite è un disturbo che può diventare pericoloso se non curato, visto il rischio di diventare sterili. Seguite il trattamento consigliato dal medico e convincete anche i vostri partner a controllare che non soffrano dell’annessite.

Informazioni sulla cura e le cause della annessite

Malattie

Lascia il tuo commento: