Anoressia nervosa

Se soffrite di anoressia nervosa, parlatene senza timore con i vostri cari, i quali vi aiuteranno senza dubbio a guarire e vi sosterranno.

Cos'è l'anoressia nervosa? Le cause dell'anoressia nervosa non sono conosciute: i fattori biologici, sociali e psicologici giocano tutti il loro ruolo. Con anoressia nervosa si intende un disordine alimentare che colpisce principalmente ragazze o donne, anche se ragazzi e uomini possono soffrirne. Normalmente il problema inizia in età adolescienziale. E' difficile stimare quanto la malattia sia comune, ma ricerche statistiche suggeriscono che fino all'1% delle studentesse del liceo e dell'università soffrono di anoressia nervosa. Si pensa che tuttavia il problema abbia una portata più ampia.

Anoressia nervosa

Anoressia nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • il peso della persona si mantiene almeno al 15% al di sotto rispetto al peso ideale
  • è una perdita di peso autoindotta tramite evitamento dei cibi grassi, in concomitanza si può abusare di esercizio fisico, lassativi, diuretici o tramite vomito;
  • chi ne soffre ha una forte e spropositata paura di prendere peso, con grande preoccupazioni riguardo alla forma fisica ed alla taglia;
  • chi ne soffre si inventa regole su quanto e che tipo di cibo mangiare, ed alla attività fisica necessaria in relazione al cibo ingerito;
  • la perdita di peso può comportare disturbi ormonali, spesso le donne anoressiche non hanno il ciclo per lunghi periodi ti tempo.

Perché alcune persone si ammalano di anoressia?

Le cause dell'anoressia non sono note, per il suo manifestarsi concorrono fattori sia biologici che sociali.

Il disturbo si può incontrare principalmente nei paesi sviluppati ed è più diffusa tra donne con professioni particolari, quali modelle e ballerine.

La pubertà, lutti familiari ed altri eventi stressanti sono considerati potenziali cause scatenanti dell'anoressia.

Altre cause possono essere ricondotte a pressioni del gruppo sociale di riferimento (come le canzonature in età scolastica sull'aspetto fisico) od una non realistica visione di quale dovrebbe essere il proprio peso ideale.

Quali sono i sintomi ed i segnali dell'anoressia?

  • perdita di peso di almeno il 15% rispetto al peso ideale per l'età e la struttura della persona;
  • interruzione del ciclo o ritardi dello sviluppo nella pubertà;
  • perdita di peso autoindotta nelle modalità descritte precedentemente o con malattie “cercate” appositamente per lo scopo;
  • costante e forte paura di aumentare di peso, anche quando il peso della persona è notevolmente inferiore alla media;
  • le persone colpite si possono sentire gonfie anche dopo aver ingerito piccole quantità di cibo;
  • perdita di interessi nella vita sociale;
  • qualche paziente può avere anche altre malattie associate, come la bulimia.

Quanto può durare l'anoressia?

Prima la malattia viene riconosciuta e curata, più sono le possibilità di guarigione. In ogni caso l'anoressia può durare mesi od anche anni, e possono volerci molti altri anni prima che il peso ideale sia di nuovo raggiunto.

La gravità dell'anoressia:

  • le persone che non ricevono cure possono cronicizzare il disturbo, o anche morire;
  • lunghi periodi senza una adeguata assunzione di cibo, possono causare osteopporosi e danneggiare il cuore, il fegato, i reni ed il cervello;
  • l'anoressia può impedire lo sviluppo in giovane età causando disturbi dell'attenzione;
  • le persone colpite da anoressia nervosa possono anche soffrire di disturbi mentali come la depressione, aumentando il rischio di suicidio.

Come si cura l'anoressia?

I trattamenti possono variare dipendentemente dalle circostane individuali. Non esiste un singolo trattamento che abbia una efficacia provata in tutti i casi. Obiettivi delle cure tuttavia sono:

  • ripristinare un peso corporeo salutare;
  • ripristinare un salutare rapporto con il cibo;
  • trattare ogni complicazione fisica legata al disagio psicologico;
  • reindirizzare i pensieri e le sensazioni ed i comportamenti associati al cibo ed all'aspetto fisico;
  • garantire l'appoggio del gruppo familiare.

In alcuni casi può rivelarsi necessario un trattamento farmacologico, specialmente in presenza di forte depressione o seri sintomi di comportamenti compulsivi.

Affidarsi al proprio medico di base può essere utile, anche se in qualche caso il trattamento psicologico o psichiatrico specifico può essere necessario.

Quando la perdita di peso diventa grave (oltre il 20/25% al di sotto del peso forma) il ricovero ospedaliero diventa necessario.

La cura include un trattamento psicologico individuale, una terapia familiare, ed un trattamento con antidepressivi.

Come può aiutarsi una persona che soffre di anoressia?

L'anoressia nervosa è potenzialmente un disturbo che può accompagnare una persona per tuta la vita, e dovrebbe essere affrontato il prima possibile.

Chi ne soffre dovrebbe cercare aiuto, od essere incoraggiato a farlo.

Esistono gruppi di auto-aiuto in cui confrontare le proprie esperienze con quelle di altre persone che soffrono di disturbi alimentari.

 

L'anoressia è un disturbo da cui si può guarire, e da non sottovalutare mai.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo anoressia nervosa

Anoressia nervosa

non fate errori di non mangiare per piacere....... a chi ti ama piaci come sei..... fidati di me che e' dura uscirne.....!!!!!!

Lascia il tuo commento: