Apnea notturna: sintomi cause cure e rimedi

L'apnea notturna è una fastidiosa problematica che colpisce senza distinzione uomini donne e bambini.


L’apnea notturna Che cos’è e cosa fare?

L’apnea notturna è un disturbo del sonno abbastanza grave che si verifica quando la respirazione di una persona si interrompe durante il sonno, e questo disturbo, se non trattato, può portare una persona a smettere di respirare anche centinaia di volte durante il sonno, e ciò significa che durante la notte, il cervello e il resto del corpo non riescono ad ottenere abbastanza ossigeno.

apnea notturna

Apnea notturna cosa fare


Esistono due tipi di apnea nel sonno:

  • Apnea ostruttiva del sonno, detta anche OSA, che è la più comune delle due forme, ed è causata da un blocco delle vie aeree, che di solito si verifica quando il tessuto molle nella parte posteriore della trachea si abbassa durante il sonno;
  • Apnea centrale del sonno, che è caratterizzata dall’incapacità del cervello di segnalare ai muscoli di respirare a causa di un’instabilità nel centro del controllo respiratorio. 


L’apnea notturna può colpire chiunque a qualsiasi età, anche i bambini, ed esistono per questa patologia alcuni fattori di rischio, quali:

  • Il sesso maschile;
  • L’obesità;
  • Un’età superiore ai 40 anni;
  • Avere un collo di grandi dimensioni;
  • Avere le tonsille di grandi dimensioni o un osso mascellare piccolo;
  • Avere nell’anamnesi familiare storie pregresse di apnea notturna;
  • Reflusso gastroesofageo;
  • Ostruzione nasale a causa di un setto deviato, allergie, sinusite.


E se non trattata, l’apnea notturna porta diverse conseguenze un numero crescente di problemi di salute, tra cui:

Ed ancora, se non trattata, l’apnea nel sonno può essere responsabile di uno scarso rendimento nelle attività quotidiane, come ad esempio sul posto di lavoro, può provocare anche scarsa capacità di guidare l’automobile, e maggiormente nei bambini e negli adolescenti, uno scarso rendimento scolastico.

  • Svegliarsi di notte con un forte mal di gola o con la gola secca;
  • L’individuo può russare molto pesante;
  • Di tanto in tanto ci si può svegliare con una sensazione di soffocamento, o boccheggianti;
  • Sonnolenza o mancanza di energia durante il giorno;
  • Sonnolenza durante la guida;
  • Mal di testa al mattino;
  • Sonno agitato;
  • Frequente dimenticanza, cambiamenti d’umore;


L’apnea notturna nei bambini:

La sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno, è un problema che si può riscontrare comunemente nei bambini, e viene riconosciuta sempre più frequentemente essere la causa di problemi di attenzione durante il giorno, e problemi comportamentali. Tuttavia, a differenza degli adulti, i bambini che soffrono di questa sindrome sono difficili da riconoscere e da diagnosticare, infatti anche se il sintomo più evidente è il russare, bisogna tenere conto che circa il 10-20 per cento dei bambini normali russano regolarmente.


Tuttavia, nei bambini, è possibile osservare altri sintomi, e questi sono:

  • Ritardo di crescita, valutabile attraverso anomale perdite di peso, o un aumento di peso scarso, non conforme all’età di sviluppo del bambino;
  • Abitudine del bambino a respirare con la bocca piuttosto che con il naso;
  • Problemi di tonsille e adenoidi;
  • Problemi di sonno e sonno agitato;
  • Eccessiva sonnolenza diurna;
  • Problemi cognitivi e comportamentali, compresi i problemi di attenzione, iperattività e comportamento aggressivo.

Di solito, la diagnosi di sindrome di apnea ostruttiva del sonno nei bambini, viene fatta sulla base di sintomi caratteristici e sulle prove di ipertrofia adenotonsillare (cioè tonsille e adenoidi grandi), e la respirazioni effettuata tramite la bocca, ed in più questi bambini vengono visitati da uno specialista otorinolaringoiatra pediatrico, e se necessario, ulteriori test come la polisonnografia, cioè uno studio del sonno pediatrico, può essere effettuato per valutare meglio la situazione.

Sebbene la maggior parte dei bambini che soffrono di apnea notturna non sono in sovrappeso, quando la situazione è l’inverso, è probabile che l’obesità possa contribuire ai sintomi dell’apnea notturna, e quindi la perdita di peso in questi casi è importante. Inoltre, se ci sono altre patologie concomitanti, in particolare le allergie, queste devono essere trattate, in modo da capire quali sono i sintomi dell’apnea da trattare. E nei casi più gravi, il principale trattamento consigliato per i bambini, è un intervento chirurgico che prevede l’asportazione delle tonsille e delle adenoidi.


Cure e rimedi per l’apnea notturna

L’apnea ostruttiva del sonno, può essere trattata con dei rimedi domestici se si hanno dei disturbi lievi, come una frequenza di interruzione del respiro con meno di cinque episodi di apnea all’ora, e le iniziative che si possono prendere sono:

  • Perdere peso, in quanto molte persone che soffrono di apnea notturna sono in sovrappeso, ed alcuni studi hanno dimostrato che la perdita di peso riduce il numero di interruzioni del respiro che si verificano in un’ora;
  • Limitare l’uso di alcool di farmaci, in quanto bere quantità eccessive di alcool o l’assunzione di alcuni farmaci come sonnifero e sedativi prima di dormire, possono peggiorare i sintomi;
  • Cercare di dormire di più, poiché episodi di apnea possono essere più frequenti quando non si dorme a sufficienza;
  • Dormire su di un fianco, può aiutare a ridurre la lieve apnea del sonno;
  • Potete anche provare l’utilizzo di un cuscino cervicale, che può essere in grado di mantenere la vostra testa in una posizione che riduce l’apnea del sonno;
  • Modificare le posizioni in cui si dorme per promuovere una respirazione regolare;
  • Smetterei fumare, poiché il fumo può aumentare il gonfiore delle vie aeree superiori, che può peggiorare sia l’apnea e sia il russare;
  • Potete utilizzare una macchina, che eroga un continuo flusso di aria nelle narici attraverso un mascherina che si adagia sula naso e sulla bocca durante il sonno, e che aiuta a mantenere aperte le vie respiratorie in modo che la respirazione non viene interrotta, e molti esperti considerano questo macchinario, il più efficace trattamento per l’apnea notturna.


Apnea notturna grave e intervento chirurgico:

Se invece l’apnea notturna è molto marcata e grave, magari a causa di un setto nasale deviato, le tonsille notevolmente grandi, o un osso mascellare inferiore molto piccolo, la chirurgia può essere necessaria per correggere questi disturbi respiratori del sonno, e ci sono alcune procedure che sono più frequentemente eseguite come:

  • La rinoplastica, che corregge le ostruzioni nasali, come ad esempio il setto nasale deviato;
  • L’uvulo-palato-laringoplastica, ovvero una procedura che rimuove il tessuto molle dalla parte posteriore della gola, aumentando così la larghezza delle vie aeree;
  • Un avanzamento mascellare e mandibolare effettuato per via chirurgica, che ha l’obiettivo di correggere alcune anomalie facciali o ostruzioni della gola che contribuiscono all’apnea notturna.


Interventi di chirurgia alternativi per l'apnea notturna:

Ci sono poi altre procedure di chirurgia mini-invasive, come ad esempio l’impianto pilastro palatale, che è stata progettata per ridurre ed irrigidire i tessuti molli del palato molle, tuttavia queste procedure hanno dato ottimi risultati nel trattamento del russare, ma la loro efficacia a lungo termine nel trattamento dell’apnea notturna non è stato ancora dimostrato.


L'apnea notturna non deve essere trascurata:

E non pensate che l’apnea sia una patologia di poca importanza, in quanto anche se può non sembrare, essa influenza il nostro rendimento e le nostre attività in una giornata, e soprattutto nei bambini, questa può provocare disturbi dell’apprendimento e disturbi comportamentali, che prima vengono individuati e meglio sarà per l’individuo che ne soffre.

Informazioni importanti riguardati l'apnea notturna.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo apnea notturna: sintomi cause cure e rimedi

Apnea notturna

Durante l'episodio d'apnea è possibile pur stando in dormiveglia avere la sensazione di essere immobilizati e non riuscire a muoversi,ed è quì che maggiormente ci sente soffocare sensazione che si risolve non appena si riesce a svegliare,però poi per un certo tempo rimane un forte senso di fame d'aria tanto esporsi al più presto a una finestra o balcone per una decina di minuti.Tutto cio rimane anche una sensazione di paura a riprendere sonno.Spero di aver reso l'idea di quanto mi accade.grazie per l'attenzione cordiali saluti

Apnea notturna e problemi di insonnia

ottimo articolo credo di aver individuato il mio problema di insonnia con risvegli continui ,i sintomi rispecchiano in parte ora si vedrà grazie.

Tenete presente che nella maggior parte dei casi in cui andate in debito di ossigeno e' dovuto da un'ansia inconscia che vi scatura tutto un sistema nervoso , fino a credere in certi casi che state vicino a qualcosa di grave. Fate un gran respiro e cercate assolutamente di pensare ad altro, staccate completamente il cervello dal corpo, e vedrete che riuscite a superare lo stato d'ansia.

Purtroppo è tutto vero è necessario l'uso della macchinetta per le apnee notturne

è tutto vero ciò che ha scritto Caianiello Salvatore soffro di apnee notturne e mi succede esattamente quello che lui ha elencato

Lascia il tuo commento: