Apparato genitale maschile: Apparato genitale femminile

Apparato genitale maschile ed apparato genitale femminile.

L'apparato genitale maschile e l'apparato genitale femminile è inutile sottolinearlo ma svolgono una funzione importantissima, l'apparato genitale di ciascun individuo è determinato dal patrimonio cromosomico della cellula maschile che feconda l'uovo.I due elementi (spermatozoo e cellula uovo) si incontrano e si uniscono in modo particolare nell'ambito dell'apparato genitale femminile, il quale consente l'annidamento e l'accrescimento dell'uovo fecondato finchè divenga embrione, poi feto e quindi prodotto terminale del concepimento.

Apparato genitale maschile: Apparato genitale femminile

apparato genitale

L'embrione che si sviluppa da una cellula germinale (uovo) quando questa è stata fecondata da un elemento germinale maschile che porta con sè un cromosoma X, nel corso dell'evoluzione embrionale darà origine ad una femmina.

Quando la cellula germinale maschile, fecondante l'uovo contiene un cromosoma Y la caratteristica dell'embrione sarà maschio.

L'organo di importanza fondamentale dell'apparato riproduttivo sia esso uomo o donna, sono le gonadi, cioè le ovaie per la donna ed i testicoli per l'uomo.

Queste gonadi hanno una doppia funzione: nell'individuo a maturità sessuale raggiunta producono cellule germinali femminili e maschili ed ormoni sia maschili che femminili.

Questo avviene sia nell'ovaia che nel testicolo.

Sono quindi ghiandole ormonicamente bisessuali anche se in percentuale diversa.

L'apparato genitale femminile è costituito da utero, trombe uterine e vagina.

Le ovaie si presentano come due grosse mandorle di colore rosso che sono poste ai lati dell'utero.

L'utero è un organo cavo che è in grado di estendersi quando in essa si insedia il prodotto del concepimento.

Esso comunica con l'esterno mediante il canale cervicale e la vagina.

Nell'utero si può distinguere un fondo, un corpo ed un collo dell'utero.
Le tube uterine si staccano dai due lati del fondo uterino.

Esse servono a coinvogliare nella cavità uterina l'uovo che si libera dal follicolo ovarico.

La vagina è un organo pari che fa comunicare l'utero con l'esterno.

L'orifizio vaginale si presenta come una fessura che nella vergine viene ristretta da una particolare membrana detta imene.

In pratica è formata da un insieme di struttura anatomiche che comprendono: grandi e piccole labbra, organi erettili (clitoride), il meato uretrale (che appartiene più propriamente all'apparato urinario) ed il vestibolo della vagina.

L'apparato genitale maschile è costituito dai testicoli, che sono situati in un sacco denominato scroto.

Dalle vie spermatiche in parte intratesticolari ed in parte disposte a formare un groviglio di condotti che costituiscono l'epididimo, cui fa seguito il condotto deferente, il quale è munito di una ghiandola sacciforme detta "vescichetta seminale" e sbocca infine nel canale iaculatore.

I testicoli hanno forma di ovoidi e presentano alla superficie una formazione detta epididimo da cui si diparte il funicolo spermatico (condotto deferente, vasi e nervi).

Se sezioniamo in due parti il testicolo appare formato da una serie di spicchi nei cui spazi si addensano i tubulu seminiferi.

Gli spermatozoi contenuti nel testicolo arrivano alla vescichetta seminale dove si mescolano con un veicolo liquido prodotto in gran parte dalle stesse vescichette ed in parte dalla prostata.

Il pene ha una particolare funzione mentre sotto uno stimolo erotico adeguato lo fa aumentare di volume e lo pone in posizione eretta per consente l'atto sessuale.

Questa particolare formazione è detta corpo cavernoso ed è formata da tre cordoni cilindrici che al momento dell'atto sessuale si riempono sangue.

Spermatozoo e uovo: le cellule germinali mature vengono chiamate gameti e si identificano nell'uovo (gamete femminile) e nello spermatozoo (gamete maschile).

Lo spermatozoo risulta costituito da tre parti: il capo (contiene il nucleo), il collo e la coda.

Lo spermatozoo è dotato di notevole mobilità derivatagli dalla coda, per mezzo della quale è in grado di risalite le vie genitali femminili fino a raggiungere il gamete femminile.

L'uovo maturo ha un diametro di 200 mycron, ha forma sferica ed è privo di mobilità.

Nell'ovaio si riperiscono numerosissimi follicoli cofori che nella loro formazione centrale contengono una cellula epiteliale più voluminosa della cellula uovo.

Quando a partire dalla pubertà un follicolo scoppia.

La cellula uovo diventa libera e viene assorbita dalla tuba (o tromba) che la sospinge verso la cavità uterina.

Se nel suo decorso la cellula uovo non incontra lo spermatozoo fecondato, nell'utero degenera e viene espulsa.

E' chiaro che la maturazione dei follicoli ha inizio con la pubertà e prosegue in forma ciclica fino alla menopausa.

Durante la fase che precede e segna l'arrivo delle cellula uovo nell'utero si riscontra a carico della mucosa uterina delle modificazioni che servono a porre l'utero stesso in condizioni di accogliere l'uovo fecondato.

Se ciò non avviene le condizioni predette regrediscono e si verificano le mestruazioni, che rappresentato l'espressione della mancata fecondazione.

Apparato genitale maschile e femminile...

Corpo umano anatomia organi

Lascia il tuo commento: