Applicare il fondotinta: stendere il fondotinta

Come applicare il fondotinta? La base del trucco è in assoluto la parte più lunga e difficile da eseguire nel lavoro del truccatore. Qualche settimana fa, durante un lavoro di make-up per una sposa, un papà emozionato e un po' euforico davanti ai preparativi della figlia amata, mi ha apostrofato con una domanda "Ma la sposa non dovrebbe essere il più naturale possibile e quindi senza trucco? Che bisogno c'è di fare prove su prove per il trucco e impiegare un'ora solo per questo il giorno del matrimonio?"

Applicare il fondotinta: stendere il fondotinta

Applicare il fondotinta

Ho sorriso e non ho detto niente. Ho aspettato invece che vedesse il risultato.

Purtroppo il tempo è molto impietoso nei confronti della bellezza. Come ho sentito dire da uno scrittore "la giovinezza e la bellezza sono cose che si restituiscono". A questo si aggiungono sempre più spesso imperfezioni della pelle dovute a macchie di varia natura, ormonali o a causa di esposizione ai raggi solari e all'inquinamento, che anche su pelli giovani rendono lontano il risultato di perfezione che emerge da foto di qualche anno prima, quando tanti inconvenienti estetici non c'erano.

Non è giusto farne una malattia, fa parte del gioco ed è anche naturale, è il nostro corpo che cambia. Ma per quanto il tempo sia un dio potente cerchiamo di fare in modo che esso a possa rovinare della bellezza soprattutto interiore. Migliorare il nostro aspetto, soprattutto nelle occasioni importanti della vita, può farci bene sia all'umore che ai nostri rapporti interpersonali.

Vengono ritoccate anche le super top-model.

Non pensiate che le veneri della bellezza siano dispensate dall'obbligo di sedute lunghissime con i signori del Make-Up Artist. Potete vedere i vari modi di accostamento e collaborazione di un buon truccatore con un buon fotografo nel sito web di Vanessa Zan Photlolab. Un altro buon modello di trucco lo troverete sempre nel web grazie alle foto di un'artista del make-up come Dolly Lamour artista, modella, ballerina e make up artist ovvero truccatrice, molto valida e capace nel valorizzare la bellezza soprattutto nel sano gusto retrò anni 30 - 40.

Possiamo permetterci di non utilizzare il rossetto e il mascara, ma per eliminare i difetti della pelle dobbiamo “ripulire” il viso dalle imperfezioni e dai segni di stanchezza se vogliamo migliorare il nostro aspetto, soprattutto dopo gli anta. Ma non basta scegliere solo il colore giusto, adatto a noi, dobbiamo tenere conto di tanti piccoli particolari che possono rovinare o migliorare il nostro make-up o trucco più o meno professionale.

A cosa serve il fondotinta?

Se vi chiedessi a cosa serve il fondotinta che cosa mi rispondereste? Se la vostra risposta è dare colore al viso probabilmente non avete ancora bisogno di un trucco correttivo e di ringiovanimento perché magari siete delle teen-ager o giovani donne o uomini con una pelle luminosa e compatta.

Esiste solo il fondotinta?

No, possiamo dividere il trucco in due grandi parti:

  • Trucco per il mondo dello spettacolo (cinema, televisione, fotografia e teatro);
  • Trucco per la vita “normale” o all'aria aperta.

Il trucco per la vita “normale” può essere sia professionale che non. Mentre invece il trucco per lo spettacolo dovrebbe comportare sempre uso di prodotti e truccatori professionali e professionisti. Il trucco professionale per il teatro, il cinema, la fotografia e la televisione. Viene eseguito con prodotti differenti da quelli di uso comune. Sono prodotti che hanno una capacità di “coprire” molto superiore rispetto al nostro più comune fondotinta quotidiano e sono creati appositamente con diverse finalità.

Il trucco professionale per il mondo dello spettacolo può essere diviso ancora in altrettanti sottogruppi in base alla finalità del trucco stesso. Quindi il trucco per:

  • il teatro
  • il cinema
  • la televisione
  • la fotografia.

Una cosa che inoltre va tenuta in considerazione sono le luci che potrebbero rovinare o esaltare il nostro lavoro. Il lavoro del truccatore dovrà essere a sua volta diverso ed adeguarsi alle luci che saranno usate.

Questo è un mestiere difficile che richiede un'alta professionalità e corsi appositi professionali che andrebbero sempre aggiornati e adeguati alle nuove tecniche, per dare gli strumenti indispensabili a questo lavoro sempre molto affascinante e artistico come i mestieri a cui si accompagna.

Se siete interessati ad un serio corso vi ricordo di cercarne uno che spieghi prima di tutto l'effetto della luce artificiale sul viso, che è la base della base di quello che bisogna conoscere per ritenersi professionisti seri, e poi cercare di specializzare le proprie capacità con vari corsi che possono andare dai corsi per:

  • visagista
  • trucco sposa
  • trucco nelle varie epoche (ormai sempre più attuale per l'amore verso la corrente vintage)
  • trucco per fotografie e sfilate
  • trucco teatrale
  • creazione di posticci in lattice (nasi, orecchie, cicatrici, ecc.) e in capelli (barbe, baffi, parrucche) camouflage

Un lavoro a parte poi si può fare per specializzarsi per le ciglia:

  • dalle Extencion ciglia,
  • ai ciuffetti di ciglia
  • colorazioni e permanente per ciglia.

Ancora sarebbe bene specializzarsi per artisti truccatori a tutto tondo:

  • trucco permanente
  • tatuaggi cosmetici
  • Body painting (molto affascinante e una scuola molto valida da non perdere per veri pittori della pelle e del make up)

Ad ogni settore dello spettacolo il suo prodotto di make- up base. Anche lo storico negozio di Firenze “Filitruchi” organizza validissimi corsi professionali a vari livelli per insegnare i trucchi di un'arte antica e affascinante del travestimento e della trasformazione nel mondo dello spettacolo, e non solo del make-up.

In generale possiamo fare un riassunto dei vari prodotti utilizzati dicendo che principalmente nel teatro viene utilizzata come base coprente per il trucco base estetico principalmente il “cerone” : è una base molto grassa rispetto agli altri pancro-film, pan-cake o aquacolor che invece risultano delle basi più compatte da stendere con la spugnetta o con il pennello, per alcuno di questi prodotti anche dopo aver bagnato il prodotto che tende così a sciogliersi.

Il cerone

Come detto, consente delle ottime possibilità di copertura delle imperfezioni. Mi è stato molto utile personalmente dopo aver fatto un tatuaggio importante su un polso e che mi avrebbe complicato la vita lavorativa perché non sempre copribile con i vestiti in scena.

Così avendo conosciuto la capacità di copertura di un buon cerone soprattutto quelli prodotti dalle ditte Indio di Roma e l'internazionale Kryolan con sede in Germania, il mio polso torna intonso in dieci minuti di trucco.
Il cerone si stende molto bene con l'uso di spugnette solitamente fatte in schiuma di lattice, ma non mancano gli artisti che nel make-up artist amano possedere il colore e plasmarlo con le proprie mani.

Cosa molto piacevole con l'uso di un materiale estremamente gestibile come il cerone, soprattutto se la nostra scelta è andata sulla qualità e professionalità storica di prodotti della ditta Kryolan, o per i fortunati che posseggono i rari cilindretti di cerone della ditta Indio, una ditta di Roma che da qualche anno è sparita dal commercio, e i prodotti sono diventati quasi introvabili... purtroppo.

Sarebbe bene che se anche non siete dei truccatori professionisti e dovete procedere ad un trucco teatrale vi procuriate non solo un colore pelle per voi, ma una tavolozza con varie colorazioni per la pelle, che vadano dai toni più scuri e marroni sino ai più chiari avorio, con un occhio di riguardo verso il giallo e il rosa.

In questo modo potrete truccare voi stessi in qualsiasi momento dell'anno, dalla tintarella più estiva fino ai mesi invernali dove il pallore la fa da padrone sui nostri visini.

Un discorso a parte andrebbe fatto per ceroni di colore non pelle dal nero al blu o verde, che non rientrano nel trucco correttivo e di bellezza.

Trucco base correttivo e di bellezza

Bisogna stendere il cerone dopo aver applicato il correttore per le zone del viso che necessitano di essere corrette, generalmente le occhiaie e zone che si incavano e più scure o con antiestetici segni, macchie, sfoghi, brufolini ecc.

Si stende come detto o con le dita o con la spugnetta che non necessita di essere bagnata prima, anche se molti usano bagnare sempre le spugnette prima dell'uso. Sarebbe sempre bene stendere una base idratante prima del make-up, anche perché se la pelle risultasse troppo secca ci sarebbe la tendenza da parte della pelle di assorbire troppo il colore e il prodotto, costringendoci a continui ritocchi.

Ma in genere questo dipende dal tipo di pelle, esistono anche persone che avendo una pelle con una tendenza ad essere particolarmente grassa non amano il cerone e lo sostituiscono con l'aquacolor o pan-cake, molto meno coprente e per questo in teatro vanno messi più strati di trucco, lasciando asciugare tra uno strato e l'altro.

Se la necessità di copertura deve essere maggiore rispetto al cerone in teatro esistono dei veri e propri trucchi fortissimi, come ad esempio il prodotto che porta il nome di “copribarba”, e il nome la dice lunga sui suoi effetti coprenti, è in grado di cancellare qualsiasi tipo di segno, cicatrici, barba e ciglia comprese, appunto.

Sopra questo strato molto forte si può mettere ancora sopra il cerone del colore desiderato. In seguito alla stesura del prodotto bisogna poi impermeabilizzare sempre il trucco con l'uso della cipria se trasparente e in polvere il risultato è sempre migliore.

Personalmente amo moltissimo l'uso della cipria in polvere trasparente che svolge perfettamente questo lavoro valorizzando il risultato voluto dal truccatore, senza influire con altri colori che potrebbero cambiare il lavoro creato con i colori già stesi.

Per zone come il collo e il corpo esistono anche dei comodissimi fissatori spray per il trucco che sarebbe sempre meglio utilizzare dopo un importante strato di cipria in polvere trasparente, in questo modo il trucco rimarrà sulla pelle e non aumenterà il lavoro di lavanderia per i costumi e permetterà di non dover ritoccare il trucco. 

Lo strucco dei prodotti teatrali viene eseguito con il solito latte detergente e tonico per quanto riguarda cerone, aquacolor, cake, pancro film e così via, ma esistono anche altri struccanti molto validi che sostituiscono latte e tonico.

Mentre invece prodotti come copribarba vengono via meglio con l'uso della “corposa” crema struccante, che va proprio spalmata sopra la pelle asciutta e poi rimuovere il tutto con l'uso di cotone imbevuto di latte detergente. Dopo pulire ulteriormente la pelle con latte e tonico. Per quanto riguarda lo strucco degli occhi sarebbe meglio utilizzare un prodotto apposito per questo, quelli che sono composti da una parte oleosa e una liquida sono secondo me i migliori e i più funzionali a rimuovere anche il più forte trucco waterproof per occhi.

Trucco correttivo per il cinema, la fotografia e la televisione.

La gamma di prodotti Kryolan per la base del trucco è estremamente ampia, dai più comuni ceroni paint stick tv, ai già nominati acquacolor o pan cake, sino ad arrivare a versioni molto simili ai fondotinta normalmente in commercio: in stick cremoso, al fondo fluido, sino alle polveri e ai fondotinta compatti: Ultra Cream powder in polvere, e infine il fondo compatto che può essere applicato sia a secco con un effetto cremoso e cipria insieme, ideale per creare sfumature e colorazioni, mentre invece con spugnetta umida ha un effetto coprente molto più intenso, senza dimenticare il più classico Cake che sempre ha bisogno di essere diluito, ma ha il vantaggio di essere molto stabile e non ha bisogno di essere impermeabilizzato con la cipria o lo spray fissante, ma viene “lucidato” passando un panno asciutto, e questo lo rende molto appetibile per il make-up di collo e corpo, viene struccato molto facilmente anche solo con acqua e sapone.

La scelta del prodotto da utilizzare dipenderà dal tipo di luci del set, soprattutto se il lavoro viene effettuato alla luce naturale o artificiale, dal tipo di ripresa che è necessaria, dalla necessità di copertura del maquillage e dall'effetto finale che si vuole avere.

In genere un trucco per i primi piani ha una tecnica differente da un trucco per riprese da lontano, per ovvi motivi. Come truccarsi nel mondo “spettacolare” della vita “normale” di tutti i giorni. La gamma di prodotti anche nel settore che definiamo non professionale sono numerosi come per il trucco professionale.

I prodotti più usati per il trucco

Potremmo fare un elenco generale tra i prodotti che più sono usati:

  • il classico fondotinta fluido o quasi liquido
  • il classico fondotinta in crema generalmente in tubetto
  • fondotinta cremoso e compatto in stick
  • in polvere compatta
  • in polvere volatile
  • il nuovo e tanto di moda fondotinta minerale

a questo elenco sarebbe doveroso inserire anche le tanto conosciute e usate

  • creme colorate
  • i nuovi, o antichi, pigmenti naturali da mischiare alle proprie creme da giorno per creare il nostro fondotinta come vogliamo noi. Bellissimi su Lush.it o nei negozi Lush se avete un negozio della ditta inglese nella vostra città.

Tante opzioni tra cui scegliere

Quindi prodotti che vanno dallo stato liquido, sino alla crema e all'estremo della polvere. Sarebbe meglio non affidarsi al primo prodotto che troviamo, magari comprato su una bancarella di un mercatino e con una marca sconosciuta.

La cosa che io uso dire è che possiamo risparmiare su altre cose come una matita, ma sul fondotinta ci dobbiamo permettere di spendere un po' di più per avere un buon rapporto qualità prezzo, e non avere problemi in seguito.

Come scegliere il fondo giusto ad ognuno di noi

In genere chi ha una pelle secca preferisce un fondotinta in crema, soprattutto nei mesi invernali, che può essere usato anche senza la base della crema prima del trucco, per chi se lo può permettere.

In commercio esistono anche dei buoni fondi con una protezione dai raggi solari anche molto alta per difenderci dai raggi nocivi del sole.

Chi non ama la materia corposa del fondo in crema può optare per un fondo liquido più leggero, oppure per chi in inverno usa fondotinta cremosi, può essere una comoda opzione sostitutiva nei mesi estivi al fondo in crema, che fa' sicuramente sudare meno dell'opzione più grassa e cremosa.

I fondotinta in polvere vanno sicuramente bene per l'estate per tutti e in genere non richiedono l'uso della cipria finale.

Il fondo offerto dai “pigmenti concentrati” di Lush da mischiare alla propria crema idratante ha sicuramente un vantaggio enorme, quello che ogni giorno possiamo creare un fondo diverso, in base alla quantità usata e ai colori usati che possono essere anche mischiati tra di loro e darci la possibilità di seguire i cambiamenti del colore della nostra pelle durante tutto l'anno.

Non solo, ma possiamo decidere un giorno di preferire un fondo più rosato e il giorno dopo più olivastro, creando ogni giorno un look diverso senza avere a disposizione tanti prodotti differenti, ma semplicemente mixando le 4 colorazioni in base al nostro estro e ai nostri desideri.

Due colorazioni sono create per pelli con sottotono rosato e due per pelli dal sottotono dorato o giallo.
Cosa non trascurabile quello che vi metterete in viso saranno prodotti a base di olio di di soja, crusca, riso e petali di rosa per vere e gentili coccole di bellezza. Non trascurabile il fatto che la ditta Inglese Lush ha tutte le certificazioni “no cruelty” sui suoi prodotti non testati su animali e ideali per chi ha sposato la causa dei vegetariani e vegani, a dimostrazione che vivere a pieno una vita nel mondo moderno è possibile senza inquinare l'ambiente, nel pieno rispetto del nostro pianeta e senza torture immani e uccisioni inutili su animaletti innocenti usati come cavie nei nostri laboratori della ricerca cosmetica: veri e propri macelli su animali vivi.

Come si mette il fondotinta liquido

Se la nostra scelta è caduta sopra un fondotinta in crema o fluido dovremo seguire delle semplici regole per valorizzare al massimo il risultato del make-up.

Innanzitutto:

  • prima di truccare il viso non trascurare che la pelle deve essere pulita e idratata
  • mettere il correttore nelle zone da correggere

Come volete procedere a stendere il fondo? Con le dita o con la spugnetta?

Opzione con le dita

  • Mettere una piccola parte di prodotto sul dorso della mano sinistra (per le mancine la destra)
  • con le dita delle mano destra prendere un po' di questo prodotto e cominciando dalle zone centrali del viso stendere il prodotto con movimenti che vanno verso l'esterno del viso. Fate attenzione che questi movimenti non siano mai dall'alto verso il basso ma sempre dal basso verso l'alto.
  • Quando la quantità di prodotto è stata stesa con una mano potete plasmare ancora il prodotto con entrambe le mani per sfumare sulle guance il fondo. Partendo dall'attaccatura del naso stendete il prodotto andando verso le orecchie, lo stesso partendo dal lato delle labbra e andando verso le orecchie. Movimenti che abbiano una circolarità e sempre verso l'alto.
  • Anche nella zona laterale dell'occhio stendiamo il fondo con un massaggio che vada verso l'attaccatura dei capelli e idem per la zona delle sopracciglia.
  • La zona del naso o zona T è il punto da cui parte e si spande il colore, ma cerchiamo di avere anche qui dei movimenti circolari verso l'alto.
  • La zona del contorno occhi sarebbe meglio non mettere troppo colore come per il resto del viso, ma sfumare il fondo in modo da avere quello che nell'arte dei parrucchieri verrebbe chiamato un degradè, uno sfumare naturale, dal più scuro delle guance fino al più chiaro dove è stato steso il correttore (nella zona dove tendono a formarsi borse e occhiaie).
  • Arrivare sempre a mettere il fondo sino all'attaccatura dei capelli, in seguito dovremo rimuovere l'eccesso dai capelli con una salvietta asciutta se abbiamo esagerato. Questo è uno dei motivi per cui sarebbe sempre bene procedere al maquillage prima dell'acconciatura.
  • Il fondo si dovrebbe mettere anche sul collo, ma non tutti amano “sporcare” questa zona.
  • Niente di grave l'importante è comunque sfumare se non vogliamo l'effetto maschera da mimo.
  • Ricordiamoci comunque che soprattutto in una zona come il collo i movimenti vanno sempre fatti dal basso verso il mento.

Opzione con la spugnetta

  • mettere una piccola quantità di prodotto sul dorso della mano sinistra e poi prelevare mano mano che stendiamo il prodotto sul viso con la spugnetta
  • oppure mettere un tot di prodotto sulla spugnetta, mettere un puntino di prodotto su naso, fronte, guance e mento
  • il resto della stesura andrebbe fatta così come ho descritto per la stesura con le dita, i principi sono identici, solo che al posto delle dita abbiamo a disposizione una spugnetta
  • in genere io preferisco quelle di lattice di forma rotonda rispetto a quelle triangolari o rettangolari, ma ognuno ha delle preferenze e una manualità che si costruisce con la pratica e con le abitudini.
  • L'unica cosa che si può aggiungere è che una volta steso il prodotto si può poi tamponare con la spugnetta stessa per uniformare il tutto.
  • Le spugnette andrebbero lavate e tenute pulite, si possono riutilizzare per parecchio tempo, non sono usa e getta come vedo fare spesso da signorine viziate che non hanno voglia di lavare la loro spugnetta...
  • Se la utilizzate giornalmente fate in modo di averne più di una a disposizione o almeno lavarla una volta a settimana
  • se avete più fondi che utilizzate spesso, ogni fondo deve avere la sua spugnetta a meno che non usiate la tecnica di mischiare più colori tra loro, in quel caso è ovvio che una basta.

Ultimi ritocchi per completare la base:

Stesa la base si passa a coprire con la cipria in polvere e trasparente se vi piace, o colorata o compatta, come voi volete. Con un pennellone da cipria o con spugnetta in velluto da cipria questa seconda opzione è valida soprattutto nel caso di cipria compatta. Dopo aver steso la cipria per evitare l'effetto maschera o grumoso del trucco si può prendere il pennellone da cipria (che non è il piumino da cipria, ma un pennello grosso e con setole lunghe e morbide) passarlo sul palmo della mano per appiattirlo da un lato e così passarlo sul viso sempre con movimenti verso l'alto in un'unica passata, come per levigare la pelle.

Ho visto truccatori che però facevano questa operazione sempre con il pennello steso da un lato ma semplicemente tamponando il viso con movimenti che vanno a premere ma non a sfumare o spalmare.

Fondotinta in crema effetto Mat

Potrebbe essere però che il nostro fondo in crema è di quelli che viene definito ad effetto “mat”. In questo caso stendere assolutamente della crema idratante prima per ottenere un miglior risultato nella stesura del prodotto.

Per quanto molte persone lo preferiscano ha però degli inconvenienti:

  • prima di tutto si asciuga molto in fretta e dobbiamo fare molto in fretta a stenderlo per bene, altrimenti fa il viso a macchie
  • dobbiamo avere una certa bravura a stendere il fondo tende a fare righe e a non essere uniforme altrimenti
  • dopo non dobbiamo mettere la cipria perché il fondo con effetto mat è fondotinta e cipria insieme, quindi ci risparmia un passaggio
  • però in suo favore c'è da dire che è molto amato da chi ha una pelle tendente ad essere grassa o mista

Come si stende il fondotinta compatto

Fondotinta compatti in stick

Possiamo stendere direttamente dallo stick una parte di prodotto sul viso, un po' sulle guance sul mento e sulla fronte, come per quello liquido oppure direttamente sulla spugnetta e mano mano stendere sul viso sempre con movimenti che vanno dal basso verso l'alto. Sarebbe meglio piuttosto che con movimenti circolari come per andare a spennellare, fare invece un effetto a tocchetti. Nessuno ci vieta anche qui di usare le dita invece della spugnetta. Ricordiamoci di tocchettare con i polpastrelli soprattutto la zona vicino al contorno occhi.

Dopo aver steso la base sempre procedere alla stesura della cipria come sopra già detto precedentemente. Dopo la stesura della cipria con una spugnetta di velluto per la cipria: dare il tocco per levigare con dei colpetti tamponando il trucco con la spugnetta.

Fondo compatto in polvere

Se state pensando di usare questo fondo senza una crema idratante di base state facendo un grosso errore. Affinché questo tipo trucco si fissi è necessaria prima di tutto la crema base per il trucco. In questo caso vi consiglio di lasciar perdere le dita e munirvi di un bel pennello morbido e un po' piatto, oppure chiamiamolo pennello per fondotinta, i ferri del mestiere sono basilari.

Nel momento che prendete il prodotto con il pennello fate sempre attenzione a rimuovere l'eccesso sbattendo leggermente il pennello sopra il contenitore stesso, oppure come ho visto fare da esperti del maquillage prendere un poco di prodotto con il pennello e mettere lo strato in eccesso nel palmo dell'altra mano messo a coppa, e man mano prendere il prodotto che è necessario dal palmo della mano.

Questo può sembrare una zozzeria per sporcarsi durante il make-up, e invece è un modo per scaldare il prodotto che non passerà direttamente dal contenitore alla pelle, ma dal calore della mano al nostro viso. Quello che rimane sulla mano può essere spalmato sotto il mento o ripulito con una salvietta direttamente. Questo tipo di prodotto generalmente non ha bisogno di ulteriori passaggi della cipria.

La cosa che possiamo fare per fissare il fondo è tamponare il viso con lo stesso pennello usato per stendere il fondotinta in polvere. Pettinare le setole del pennello da un lato sulla mano e poi tamponare il viso. In questo modo rimuoviamo eccessi e levighiamo il fondotinta.

Per un risultato che ha del miracoloso

Molte ditte di cosmesi e make-up professionale o no, hanno creato dei prodotti da utilizzare sia prima che dopo il maquillage. Sono dei fluidi preparatori della pelle in modo tale che il trucco venga meglio fissato, la pelle risulti più luminosa e con meno imperfezioni, e magari con un effetto perlato e brillante. Personalmente gli ho provati e sono rimasta soddisfatta, sia su di me che su altre persone che ho truccato.

Sicuramente la Kryolan ha inserito questo prodotto nel proprio catalogo e anche altre ditte meno professionali, come ad esempio la Lancòme, a cui da proprio il nome di “Miracle” al prodotto. Può essere steso dopo la crema idratante o dopo aver ultimato il make-up come tocco finale, per chi vuole strafare sia prima che dopo e viene inoltre assicurata una maggiore durata del trucco.

Oltre a prodotti, che migliorano le prestazioni del maquillage, esistono anche dei prodotti specifici per zone problematiche, come ad esempio la fatidica “zona T” sono prodotti che possono essere stesi anche più volte durante la giornata in questa zona tendente ad essere lucida. Oltre al solito gesto di incipriare il naso per ritocco si può passare un goccio di questo prodotto per donare più compattezza alla pelle e un aspetto più fresco.

Esistono anche dei gel studiati per pelli stanche, prodotti da usare dopo serate “brave” per evitare di arrivare agli appuntamenti con borse inguardabili sotto gli occhi. Sono dei gel leggeri che danno un effetto rinvigorente e rinfrescante come dei cubetti di ghiaccio o come le classiche fettine di cetriolo, per questa zona delicatissima. Sono da applicare subito dopo la pulizia del viso magari con acqua fredda. Un amico gel da tenere sempre nel beauty-case e in borsetta per le emergenze.

 

 

A cura di
Alessandra Leo

Bellezza corpo: uomo donna

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo applicare il fondotinta: stendere il fondotinta

L'ho trovato utile e interessante.

Applicare il fondotinta

Veramente curato come articolo! complimenti

Lascia il tuo commento: