Asparago officinale

Asparagus officinalis ovvero la radice di Asparago anche se ricca di proprietà curative si utilizza raramente da sola, viene associata, per lo più, ad altre piante offinali dotate di attività diuretica come la Solidago, l'Ortosiphon, l'Uva ursina ecc.

Infatti rientra nella formulazione dello Sciroppo delle cinque radici (uno sciroppo dotato di proprietà sedative a livello cardiaco e ad azione diuretica).

Nome comune: Asparago
Francese: Asperge
Inglese: Asparagus
Famiglia: Liliaceae

Parte utilizzata: rizoma e radici

Asparago officinale

Asparagus officinalis

Costituenti principali Asparagus officinalis:

  • fructani.
  • saponosidi sferoidali (sarsapogenina).
  • aminoacidi: asparagina (0,04%), arginino.
  • acidi glicolico e glicerico.
  • flavonoidi (rutina) in maggiore quantità nelle parti verdi.
  • sali di Potassio (1,3-1,6%) e Fosforo (0,5-1%)

Attività principali Asparagus officinalis: azione diuretica

Impiego terapeutico: cistite, litiasi, forme reumatiche

Utilizzo medico Asparagus officinalis:

La radice ed il rizoma sono considerati suscettibili di favorire l'eliminazione renale di acqua e sarebbero i saponosidi a conferire alla droga proprietà diuretiche e depurative .

Le saponine, infatti determinano un'azione irritante a livello dell'epitelio renale con aumento della
secrezione urinaria.

Contribuisce a tale proprietà anche l'aumentata irrorazione dell'epitelio renale (Flavonoidi).

Curiosità Asparagus officinalis:

  • Gli asparagi possono servire per cercare di espellere un oggetto appuntito ingoiato inavvertitamente (spina ecc.). Occorre far mangiare una cospicua porzione di asparagi: le fibre, non digeribili, andranno ad avvolgere il corpo estraneoconsentendone spesso l'espulsione.
  • Plinio riteneva l'Asparago dotato di attività afrodisiaca.

Asparago officinale...

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: