Autismo: sintomi cause cure

L’autismo è una patologia più diffusa di quanto si possa pensare e quindi un approfondimento interamente dedicato al tema può rivelarsi estremamente utile.

Autismo che cosa è? Quali sono i sintomi principali e le cure? Lo Spettro del Disturbo Autistico (ASD), è un insieme di disturbi che prendono vita dall'infanzia e che possono perdurare anche da adulti. I sintomi che la ASD provoca sono diversi e per comodità schematica sono divisi in tre gruppi:

  • difficoltà ad interagire con le persone, la capacità di non comprendere e manifestare sentimenti;
  • difficoltà nella parola, incapacità di allacciare una conversazione in maniera adeguata;
  • utilizzo di movimenti fisici che sono insoliti per le persone normale ma che fanno parte del loro modo di essere ed una loro repentina interruzione può essere causa di turbamenti.
Autismo

Autismo


Le cure?

Anche se una cura specifica per la ASD non esiste, sono stati immessi sul mercato dei farmaci che possono controllare la sintomatologia appena elencata.

Tipologie dello Spettro del Disturbo Autistico.

Quando si parla di autismo non ci può certo generalizzare perché esistono diversi tipi di ASD che prendono un nome preciso a seconda della gravità e che colpisce più i bambini che le bambine:

Autismo classico

I bambini con questa patologia hanno problemi di inserimento sociale, problemi legati al linguaggio ed hanno anche problemi di ritardo mentale.

Sindrome di Asperger

I bambini colpiti da questa forma di autismo hanno meno difficoltà ad interagire rispetto ai bambini colpiti da autismo classico, riescono a parlare tranquillamente anche se la comprensione non è al 100% in quanto ad esempio non riescono a capire le battute umoristiche.

I bambini colpiti da questa sindrome, hanno un'intelligenza molto superiore alla media, sviluppata per particolari settori come la logica, la matematica, l'informatica e la musica.

Autismo atipico

È quel tipo di autismo che comprende tutti quei bambini che hanno problemi di minore entità rispetto all'autismo classico, e non hanno l'intelligenza superiore alla media come quelli colpiti dalla sindrome di Asperger.

È aumentata la percentuale di casi si ASD?

Negli ultimi decenni i casi di bambini con questa patologia sono aumentati, ma questo non significa che sia un problema i crescita, anzi la professionalità dei medici specializzati nel settore è alta ed ha permesso di riconoscere immediatamente questa patologia. Prima semplicisticamente si ghettizzava un bambino con difficoltà di apprendimento, come un bimbo difficile o troppo timido adesso invece con le moderne tecniche di approccio al problema, tante situazioni prima troppo complicate adesso sono diventate anche semplici da trattare.

Alcune teorie mediche ritengono che l'aumento dei casi diagnosticato di ASD siano dovuti agli effetti collaterali dei vaccini somministrati obbligatoriamente ai bambini ed in particolare:

  • il vaccino contro rosolia, morbillo ed orecchioni;
  • un conservante utilizzato in alcuni vaccini che contiene mercurio.

Nonostante tutta una serie di ricerche eseguite sul campo, nessuna delle due teorie ha avuto riscontri positivi, per cui si può dire che tra i vaccini e la ASD non esiste alcune legame.


Prospettive di guarigione dall'autismo

Le prospettive di guarigione dipendono ovviamente dall'entità della patologia, che si può presentare con sintomi che vanno dai lievi ai gravi. Pertanto bambini che hanno sintomi lievi, con un'intelligenza superiore alla media, è quasi certo che potranno avere una vita normale, lavorare e mettere su famiglia.

Quelli più sfortunati con un 'intelligenza non troppo sviluppata, avranno bisogno di avere una presenza durante la loro esistenza, in quanto incapaci di vivere autonomamente. Tutto questo ovviamente non impedisce loro di vivere bene e senza problemi fisici.


Quali sono i sintomi della ASD?

I sintomi di questa patologia sono fondamentali da individuare nel bambino ed è proprio il genitore che deve accorgersi dell'esistenza di un problema sin dai primi mesi di vita del bimbo. Primi segnali della ASD periodo tra i 6 ed i 18 mesi. Sebbene sia una patologia particolare, manifesta dei sintomi che non lasciano addito a confusione ed in particolare:

  • se ad un bimbo si chiede di prestare attenzione verso un determinato oggetto, il bambino lo guarda; nel caso di un bambino con autismo, lo sguardo non si rivolgerà all'oggetto indicato;
  • il bambino non manifesta espressioni quando lo si guarda;
  • il bambino non risponde alle domande che gli vengono poste;
  • il bambino non riconosce la voce dei genitori ma reagisce ai suoni;
  • il bambino non compie nessun gesto per attirare l'attenzione dei genitori;
  • il bambino non compie gesti come puntare un dito.

Segnali della ASD nel periodo prima dell'età scolare.

Col passare del tempo i sintomi della ASD si fanno sempre più evidenti, soprattutto per quanto riguarda il linguaggio e la socializzazione coi coetanei.

Il linguaggio

I bambini affetti da autismo classico e atipico, possono avere un ritardo nell'uso della parola, oppure non riuscire proprio a profferire parola, mentre i bambini colpiti da sindrome di Asperger non hanno problemi nel parlare ma le problematiche emergono in altro modo e precisamente hanno una parlata molto veloce e monotonica.

Il gioco

Il bambino affetto da autismo dimostra poco interesse verso i giocattoli e quando lo manifesta, gioca in modo ripetitivo ad esempio giocando con una macchinina, potrebbe concentrarsi a far girare le ruote, invece di spingerla sul pavimento, oppure invece di usare le costruzioni per creare qualcosa, le allinea per dimensione e colore.

Socializzazione

Il problema della socializzazione è un tema delicato, nella maggior parte dei casi il bambino è poco propenso a socializzare con i coetanei né tanto meno a partecipare a giochi di gruppo.

Ci può essere un tentativo di avvicinamento di un bambino autistico verso un altro, solo che le sue reazioni sono imprevedibili, potrebbe improvvisamente abbracciarlo, oppure picchiarlo, senza motivo alcuno.

Atteggiamenti.

Una delle caratteristiche dei bambini affetti da ASD sono i comportamenti ripetitivi a livello fisico ed in particolare:

  • accarezzarsi in continuazione le dita di una mano,con l'altra;
  • applaudire;
  • dondolarsi;
  • annusare;
  • leccare.

Malgrado non abbiano una totale percezione di tutto ciò che li circonda sono abitudinari, per cui ci possono essere dei bambini che vogliono seguire un programma alla tv ad un'ora ben precisa, oppure hanno un dvd preferito che devono vedere dall'inizio alla fine, titoli di coda compresi.

Interrompere questa routine, potrebbe creare dei traumi al bambini che potrebbe reagire in maniera molto violenta, come sbattere la testa al muro oppure farsi del male con dei morsi.

Sono insensibili al dolore, tant'è che in molti casi i genitori si sono accorti della presenza di lividi ed escoriazioni, ma il bambino sembra non risentire del dolore.

Vivono in un mondo tutto loro e tutto ciò che sconvolge il loro equilibrio porta al cambiamento di umore, come ad esempio utilizzare un aspirapolvere, oppure accendere improvvisamente delle luci intense.

Anche per i cibi i bambini affetti da ASD presentano dei problemi, che sono legati più alla consistenza che al sapore del cibo, per cui potrebbero avere avversione per cibi troppo molli oppure per cibi che necessitano di una masticazione importante.

Sintomi in età scolare.

Nei bambini che hanno avuto alla nascita la diagnosi di ASD lieve, possono col tempo ottenere grandi risultati nella frequentazione e socializzazione con bimbi normali, cosa che non succede nei casi di bambini che hanno una ASD grave, che può portare a reazioni molto forti da parte di questi bambini.

Linguaggio

I bambini con autismo non specificato, hanno la probabilità di migliorare notevolmente il loro linguaggio, ma possono rimanere altre caratteristiche come ad esempio:

  • parlare in terza persona;
  • ripetere frasi sentite alla radio oppure alla tv;
  • la tonalità nel parlare è sempre uguale;
  • sono in grado di sostenere una conversazione purchè si tratti di argomenti di loro interesse.

I bambini più grandi con la sindrome di Asperger, manifestano col tempo i problemi che hanno col linguaggio come ad esempio:

  • rivolgersi a parlare con qualcuno che non c'è,piuttosto che allacciare una conversazione con un altro bambino;
  • non essere in grado di distinguere in contesto in cui si trova e trovarsi a parlare in maniera formale a casa, ed assolutamente informale con degli estranei;
  • malgrado sia in grado di sostenere una conversazione non è però in grado di cogliere l'umorismo o altro.

Socializzazione scolastica

I ragazzi affetti da ASD hanno purtroppo difficoltà a relazionarsi coi coetanei perché non sono in grado di capire come potersi amalgamare a loro e questa difficoltà si manifesta in diversi modi.

Ad esempio non riescono a capire la differenza di comportamento da tenere davanti ad un professore con quello che si deve avere coi compagni, potrebbe avere interessi completamente diversi da quelli che hanno i coetanei e trovano assolutamente normale invadere lo spazio degli altri e si agitano e reagiscono violentemente se qualcuno viola il loro.

Ovviamente questi comportamenti rendono praticamente impossibile qualsiasi forma di socializzazione coi coetanei, mentre potrebbe capitare che possano legare con persone più piccole o più grandi.

Modi di fare

Il bambino affetto da ASD ha la vita improntata a dei ritmi ben cadenzati, una vita monotona e di solito dedica tutte le sue energie ad una materia o attività che ha a che fare con i numeri, oppure la raccolta di figurine che viene seguita con molto più interesse rispetto ad un bambino normale, oppure ancora hanno una predisposizione naturale a materie non esattamente di interesse infantile come la memorizzazione degli orari dei treni, o di vecchi libri.

I bambini con la sindrome di Asperger sono imbattibili nelle materie che hanno a che fare con la logica, con le date, ma non riescono a percepire l'astratto come può essere la religione.


Quali sono le cause dello spettro autistico

Sono state raggruppate in due classi le cause imputabili al disturbo ASD:

  • Spettro del Disturbo Autistico Primario, dove non c'è una vera e propria causa medica;
  • Spettro del Disturbo Autistico Secondario, dove si pensa possa esserci una causa medica che causa la patologia;

da studi fatti è risultato che il 90% dei casi di ASD sono primari, mentre solo il 10% secondari.

ASD Primario

Gli studiosi in materia hanno evidenziato 4 cause di ASD P rimario:

  • mutazioni genetiche;
  • possibile esposizione del feto durante la gravidanza a fattori chimici o ambientali che possono portare a formazione di ASD;
  • una madre che è in passato è stata afflitta da ASD e poi curata, può influenzare col pensiero il feto per la paura che possa nascere con la medesima patologia;
  • problemi di natura neurologica possono portare a favorire lo sviluppo di sintomi di ASD.

Mutazioni genetiche

Si parla anche nel contesto di ASD di familiarità, per cui se una coppia genera un figlio con la patologia è molto probabile che un altro figlio possa avere il medesimo problema.

Fattori legati all'ambiente

Molti studiosi ritengono che i problemi legati allo sviluppo di ASD,siano dovute non ai geni bensì a fattori ambientali, come ad esempio:

  • la mamma contrae durante la gravidanza un'infezione come ad esempio la rosolia;
  • la mamma fumatrice, che potrebbe anche correre il rischio di avere una gravidanza precoce ;
  • il papà avanti negli anni;
  • inquinamento dell'atmosfera;
  • pesticidi.

Fattori psicologici

Molti ricercatori ritengono che le problematiche psicologiche che portano allo sviluppo di ASD siano basate su un principio conosciuto come Teoria della Mente (TOM).

La TOM altro non è che riuscire a vedere ciò che ci circonda, estraniandosi completamente, e vedere con gli occhi di un' altra persona, riuscendo a capire anche le emozioni e le sensazioni degli altri.

Pertanto i bambini normali riusciranno ad avere percezione di quello che vedono e sentono gli altri intorno ai 4 anni, mentre i bambini affetti dalla patologia non potranno cogliere queste sottigliezze che è poi causa dei loro problemi legati alla socializzazione.

Fattori neurologici

Gli studiosi che si sono occupati dei fattori neurologici come causa scatenante del ASD, hanno concentrato i loro sudi sull'amigdala, che riunisce sotto di se:

  • la corteccia cerebrale che è quella parte del cervello che si occupa di elaborare tutte quelle nozioni che poi portano ad annusare ed ascoltare, ha anche il gravoso compito di assolvere ad una delle più importanti azioni del cervello che è l'uso della parola;
  • sistema limbico che regola le emozioni: anche in questo contesto l'amigdala assolve al compito di trasmettere le emozioni che realmente uno prova in un determinato istante; studi eseguiti su immagini di cervelli afflitti da ADS, hanno dimostrato che i contatti tra amigdala e sistema limbico sono compromessi, avendo ad esempio reazioni spropositate di fronte ad un episodio banale; probabilmente questo è uno dei motivi che porta questi bambini a compiere le sempre stesse azioni e gli stessi movimenti per evitare di creare un disequilibrio nel loro mondo.

Restando sempre in campo neurologico, gli studiosi hanno confrontato i neuroni specchio, di recente scoperta precisamente nel 1990, di un bambino normale con uno affetto da ASD ed hanno riscontrato attraverso le immagini di risonanze magnetiche non hanno la medesima dinamica.

Il neurone specchio è stato considerato come un mezzo che ci consente di emulare le azioni di un nostro simile, come ad esempio un bambino che sorride al sorriso della mamma, e riuscire col passare degli anni a coinvolgere organi più importanti come il cervello che ci consente di apprendere e di imparare dagli altri ed arrivare ad uno sviluppo mentale e fisico generale.

Dallo studio di questi nuovi neuroni e dalla diversità di reazioni tra un bambino sano ed uno affetto da ASD, gli scienziati hanno stabilito che questi neuroni siano responsabili delle difficoltà di apprendimento dei bambini autistici.


ASD Secondario

Ci sono alcune patologie che è noto essere causa dei sintomi della ASD, ed in particolare:

  • una patologia chiamata dell' X fragile, che colpisce un bambino ogni 3600 ed una bambina ogni 6000, ed è caratterizzata da un insolito sviluppo del viso, le orecchie si allungano e le articolazioni molto flessibili;
  • una patologia chiamata sclerosi tuberosa, che è una malattia genetica che provoca la crescita di tumori benigni in qualsiasi parte del corpo;
  • una patologia chiamata sindrome di Rett, anch'essa una malattia genetica che colpisce in prevalenza le bambine e determina problemi nel movimento e rallentamento dello sviluppo.

Come viene diagnosticato lo Spettro del Disturbo Autistico (ASD)?

Diciamo che nella maggior parte dei casi sono i genitori che si accorgono che qualcosa non va nel comportamento del loro bambino verso i 2 anni di età, anche se poi chi è colpito in maniera lieve dalla patologia, arriva in età adulta senza che nessuno si accorga dell'esistenza del problema.

La diagnosi nei bambini

Se un genitore ravvisa un comportamento strano nel figlio, dovrebbe per prima cosa rivolgersi al proprio medico si famiglia che eseguirà dei semplici test verbali, per verificare o meno la presenza della patologia.

Una delle domande potrebbe riguardare l'interesse per il gioco nel bambino in esame, se riesce a socializzare e giocare con altri bambini, ovviamente si tratta di una serie di domande generiche che però daranno al medico importanti informazioni per indirizzare il bambino verso lo specialista adatto, ed in particolare:

  • uno psicologo;
  • uno psichiatra;
  • un pediatra.

Di regola davanti ad una problematica del genere, che è sempre di difficile gestione, il bambino nella maggioranza dei casi viene seguito da una equipe che è formata da tutti e tre questi specialisti che avranno bisogno dell'aiuto dei genitori relativamente a:

  • stato di salute del bambino ed informazioni dalla scuola frequentata;
  • la storia del bambino da parte dei genitori;
  • il comportamento del bambino inserito nel gioco insieme ad altri coetanei e verificare la sua modalità di interazione;
  • esami fisici, comprese le analisi del sangue per verificare la presenza di patologie che sono conosciute essere causa della sindrome.

Dopo aver eseguito tutti questi test, gli specialisti saranno in grado di confermare o escludere la presenza della patologia e dovranno sostenere i genitori in questo lungo percorso di cure.

È normale che i genitori nello scoprire che il proprio figlio è affetto da una simile malattia abbiano delle reazioni forti, più che altro dettate dalla paura che il proprio figlio non sia in grado di vivere una vita normale ma fortunatamente la ricerca ha fatto passi da gigante ed offre a questi bambini delle cure affinché possano avere uno sviluppo ed una crescita quanto più possibile normale.

La diagnosi di ASD negli adulti

Ci sono persone che crescono con questo disturbo senza che nessuno mai l'abbia loro diagnosticato ma c'è la possibilità in ogni caso di avere una diagnosi. C'è da considerare che persone che avvertono la presenza di problemi, possano avere timore di farsi controllare e poi scoprire di avere questo disturbo, perché temono di essere etichettati come malati.

Avere però una diagnosi certa,come la sindrome di Asperger, può portare dei vantaggi a chi ne soffre ed alle famiglie perché fa si che queste persone possano essere aiutati e supportati sia da medicine che da specialisti e anche dal datore di lavoro che cercherà di renderlo meno pesante, fornendo ad esempio delle indicazioni scritte e specifiche.

Una volta diagnosticato la sindrome, chi ne è colpito potrà frequentare dei gruppi di sostegno ed entrare in contatto con persone con i medesimi problemi e difficoltà e confrontarsi.


Qual'è il trattamento dell' ASD?

Attualmente non c'è una terapia farmacologica per l'autismo, bensì tutta una serie di programmi che sono diversi e soggettivi, legati ovviamente ai problemi.

Nel caso specifico dei bambini ci sono dei programmi fissi che vengono seguiti, ed in particolare:

  • il bambino dev'essere necessariamente coinvolto in attività per almeno 25 ore alla settimana per tutto l'anno;
  • il bambino dev'essere inserito in una classe con pochi alunni e deve avere un maestro di sostegno che gli consenta di avere un rapporto diretto sia con il maestro che con i compagni di classe;
  • questo programma coinvolge anche i genitori che devono partecipare alle lezioni, per imparare il comportamento da tenere col proprio bambino;
  • la convivenza con i coetanei consente di arrivare più facilmente ad uno sviluppo normale;
  • i genitori devono apprendere che la vita del bambino, a causa della sindrome, è legata a delle azioni ripetitive e fisse che devono essere seguite tutti i giorni in maniera rigorosa, facendo al tempo stesso scoprire cose nuove, come ad esempio visitare luoghi diversi e conoscere nuove persone;
  • cercare di coinvolgere il bambino nella comunicazione verbale e sollecitarlo;
  • farlo interagire coi coetanei per consentirgli di imparare a come rispondere agli stimoli esterni;
  • far sviluppare la fantasia, coinvolgendolo in giochi immaginari;
  • dedicarsi ovviamente anche all'educazione scolastica in senso stretto per apprendere le materie di base;
  • fare apprezzamenti su un comportamento corretto e invitare ad non compiere azioni non giuste.

Un metodo che viene seguito relativamente al comportamento è quello che prende il nome di ABA, Analisi Applicata del Comportamento dove la B sta per behaviour che significa comportamento, che è un tipo di programma che viene svolto a casa dietro prescrizione di specialisti:

  • dal supervisore del programma;
  • dal gruppo di tre specialisti che si alternano con il bambino.

Il compito di questi specialisti è di portare il bambino all'interazione rendendolo parte attiva nel gioco, come ad esempio insegnargli a battere le mani ed una volta che il bambino ha appreso questo gesto, lodarlo e premiarlo per esserci riuscito.

Ci vorrà tempo ma questo permetterà al bambino di avere uno sviluppo quasi normale.

Insegnamento

Una delle tecniche che hanno riscosso importanti risultati è quella dell'apprendimento visivo poiché i bambini affetti da questa sindrome ricevono stimoli maggiori con la sollecitazione visiva e lo specialista utilizzerà giochi e racconti per:

  • stuzzicarlo all'ascolto;
  • fargli prestare attenzione ai gesti;
  • cercare di trasmettere emozioni col racconto;
  • coinvolgerlo in racconti fantastici lontani dalla realtà.


Terapia farmacologica per l'autismo

Come già detto in precedenza non esiste una terapia farmacologica specifica per questa sindrome, a ci sono dei farmaci che possono intervenire su alcuni problemi come ad esempio:

  • i comportamenti ripetitivi;
  • i comportamenti che portano a gesti di autolesionismo.

Uno dei farmaci a cui si fa ricorso in questi casi è l'inibitore della ricaptazione della serotonina, che è un antidepressivo e che va ad incidere sulla serotonina che è quella sostanza che regola comportamento e umore.

I farmaci più prescritti sono la Fluoexitina e la Paroxetina.

Ci sono dei casi in cui dei bambini con la sindrome e che assumono questi farmaci abbiano improvvisamente un aumento di serotonina, che può causare dei problemi che possono essere sia leggeri, come ad esempio:

  • senso di forte agitazione;
  • contrazione a livello muscolare;
  • forte sudorazione con brividi;
  • problemi intestinali come la diarrea,

in presenza anche di uno solo di questi sintomi, bisogna immediatamente sospendere il farmaco;

sintomi gravi:

  • febbre alta;
  • attacchi epilettici;
  • alterazione del battito cardiaco;
  • stato di incoscenza,

in presenza anche di uno solo di questi sintomi bisogna immediatamente andare in ospedale.

Medicina Alternativa e Complementare (CAM).

Oltre alla terapia farmacologica, gli studiosi hanno appurato che la maggior parte dei genitori ha fatto uso di quella che viene chiamata CAM, e che ha portato e dei leggeri miglioramenti nel comportamento dei loro bambini.

Alcuni esempi di CAM hanno a che fare con l'alimentazione ed in particolare:

  • seguono una dieta senza glutine;
  • utilizzano gli integratori di vitamine;
  • usano farmaci anti micotici;
  • usano farmaci per eliminare i metalli come il mercurio (terapia chelante) dall'organismo.

Nessun medico però è in grado di stabilire che questo tipo di alimentazione sia corretto ed anzi mettono in evidenza anche la sua pericolosità soprattutto per quanto concerne la terapia chelante che può provocare:

  • febbre alta;
  • cefalea;
  • vomito e nausea;
  • problemi renali;
  • problemi al fegato.

Le terapie alternative non devono prendere il sopravvento su quelle che sono le terapie decennali seguite dai professionisti e modificare l'alimentazione in questi bambini potrebbe essere molto pericoloso fino anche a portare alla morte.

I tipi di autismo, cause, sintomi e possibili rimedi.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo autismo: sintomi cause cure

Salve, ho un cugino di 5 anni affetto da autismo; volevo possibilmente sapere se tae patologia possa essere anche provocata da un'eccessiva quantità di farmaci contenenti mercurio o altri metalli pesanti - Grazie

Autismo

molto interessante per avere affrontato il problema a 360°

Alimentazione e autismo

Mia figlia ha tratto giovamento dalla semplice dieta senza glutine e caseina, abbiamo risolto la diarrea cronica e le dermatiti continue. In alcuni casi l'applicazione della dieta può davvero fare la differenza, perchè non esistono bambini uguali uno all'altro con questo disturbo.

Autismo nei bambini e le sofferenze derivanti con gli altri bambini

Su TF2 ho seguito un interessante documentario nel quale si poteva osservare come i bambini possano essere crudeli nei confronti dei loro compagni affetti da questa sindrome. Non si potrebbe, nelle scuole, "curare" i bambini "normali" con un metodo che pare dia buoni risultati con i bambini affetti dalla sindrome, ossia la cura della ricompensa? Premiare i bambini che dimostrano buone disponibilità per gli affetti da sindrome?. Talvolta c'è da pensare che gli istitutori siano molto distratti e non si accorgano di quali sofferenze possano patire gli affetti dalla sindrome.

Come posso aiutare una ragazza che forse soffre di autismo ?

Grazie! Quanto ho letto mi ha permesso di conoscere di più l'autismo. Ancora non so di preciso come posso comportarmi con una ragazza che forse ha questa sindrome. Difficile anche fare domande ai genitori in sua presenza, ma anche in sua assenza se è affetta da questa sindrome. Vorrei essere d'aiuto, ma come?

Sintomi dell'autismo

il mio bimbo di 4 anni ha alcuni dei sintomi descritti sopra, solo che alla prima visita è risultato negativo, ma a questo punto dovrò riportalo per approfondire la cosa! :'(

Autismo

Avete descritto tutto con molta chiarezza. Complimenti.

L'autismo è un problema difficile

mia figlia a dei tratti di autismo con ritardo pisico motorio e vi dico vivere con un problema cosi è molto difficile

Autismo e la confusione che vi è attorno

mio figlio ha la diagnosi di disturbo pervasivo dello sviluppo,sta per compiere 10 anni,è un bimbo meraviglioso. Abbiamo e continueremo a sperare di trovare una linea guida che sia la vera e unica per aiutarlo,perchè c'è troppa confusione e ciarlatani che si riempono le tasche sulla patologia dei nostri figli!!!!! anni di dieta,integratori e...alti e bassi continui e repentini perchè ...perchè fa parte di questo maledetto mostro autismo...un in bocca al lupo a tutti i genitori per questo arduo compito!!!!

Utile guida per chi deve affrontare la patologia dell'autismo

Affrontare questa patologia è molto difficile, anche perchè è ancora un mistero per molti.
Senza dover ricorrere a libroni incomprensili, trovo in queste pagine un manuale utile e chiaro per chi, per la prima volta, si trova a dover fronteggiare questo "SPAURACCHIO".
Grazie

si è vero l'autismo è un vero mostro imbattibile, io stessa l'ho combattuto per anni ma alla fine ne esco sconfitta.... soluzione ultima ho dovuto a malincuore ricoverare mio figlio in una struttura riabilitativa non riuscendo più a gestirlo. mi sento ormai fallita, ho provato di tutto, ma peggiorava sempre di più. ora sto male per la sua assenza ma spero solo che migliori al più presto per il suo bene...

Lascia il tuo commento: