Benefici del peperoncino

I benefici del peperoncino sono tantissimi, dalle piante di capsicum nasce un frutto piccante che viene coltivato in tutto il mondo: il peperoncino. Le prime coltivazioni risalgono a più di 6000 anni fa in Sudamerica, dove gli indiani del Messico e del Perù lo utilizzavano come spezia per i loro alimenti. Fu Cristoforo Colombo che ne importò in Europa i primi esemplari, e da allora il peperoncino cominciò a diffondersi in tutto il continente europeo, in Africa e in Asia.

Benefici del peperoncino

Benefici del peperoncino

Perchè il peperoncino è piccante?

La piccantezza del peperoncino è dovuta all’alcaloide capsaicina, che insieme ad altre sostanze naturali determina il grado di sensazioni prodotte dalle diverse varietà. La capsaicina se consumata in eccesso provoca dolore e infiammazioni, ed è l’ingrediente principale nello spray al pepe, utilizzato come strumento di difesa “non letale”.

Il senso di bruciore non è dato da un aumento di calore all’interno della bocca, bensì da termo recettori all’interno della bocca e dello stomaco che, reagendo con la capsaicina, inviano messaggi al cervello che danno la sensazione di “andare a fuoco”. Il sistema di misurazione del grado di piccantezza del peperoncino avviene tramite la scala di Scoville (dal nome dell’ideatore del test che ne stabilisce il grado, Wilbur Scoville), che indica la quantità di capsaicina equivalente contenuta.

Il peperoncino viene consumato cotto o crudo e si utilizza anche come spezia per aromatizzare o come ingrediente di salse. Alcune varietà sono indicate per un consumo immediato perché i frutti hanno una breve durata, altre dopo essere macinate o essiccate aumentano il loro grado di piccantezza. La maggior parte di capscaicina è contenuta all’interno della placenta e non nei semi come si crede comunemente, e il livello di piccantezza non varia solo in base alla tipologia ma anche secondo il livello di maturazione del frutto: più il frutto è maturo più è piccante.

E’ un frutto alla portata di tutti, in quanto la coltivazione del peperoncino può essere fatta anche sui balconi di casa, quando il clima è caldo e provvedendo ad utilizzare molta acqua durante la coltivazione.

Benefici del peperoncino:

  • E’ un vasodilatatore e stimola la circolazione sanguigna
  • Previene patologie cardiovascolari
  • E’ un anti-infiammatorio
  • Previene il cancro alla prostata e allo stomaco
  • Riduce il dolore
  • E’ un antiossidante
  • Ha virtù afrodisiache

La capsaicina contenuta nel peperoncino stimola la circolazione del sangue, ha effetti vasodilatatori, favorisce la secrezione di enzimi digestivi, inibisce la proliferazione di cellule tumorali e dà sollievo al dolore come un anestetico ma senza gli stessi effetti paralizzanti. Inoltre le vitamine presenti nel peperoncino (vitamine A, C, E, K, P) hanno effetti antiossidanti, favoriscono la coagulazione del sangue esercitando azioni cicatrizzanti, rafforzano il sistema immunitario, prevengono malattie da raffreddamento e hanno azioni di vasodilatazioni periferica che conferiscono al peperoncino proprietà afrodisiache, note e presunte.

In conclusione i benefici dei peperoncini sono numerosi, anche se non tutti confermati, e questi frutti delle piante di Capsicum (della famiglia delle Solanaceae come le piante del tabacco, delle melanzane e dei pomodori) sono sempre al centro di numerosi studi in atto per certificarne le effettive proprietà benefiche.

I benefici che si possono trarre dal consumo di peperonciono sono moltissimi.

Salute alimentazione

Lascia il tuo commento: