Blocco intestinale: occlusione intestinale

Un blocco intestinale è una condizione in cui viene impedito all’intestino il normale passaggio del contenuto intestinale.

Cosa significa blocco intestinale? Si tratta di una situazione di emergenza che può essere trattata chirurgicamente o con trattamenti di tipo diverso. Il blocco intestinale può essere un problema piuttosto fastidioso e doloroso. Un blocco intestinale a causa di fattori quali ad esempio cibo non digerito o feci molli, può inibire il corretto funzionamento dell’intestino e causare movimenti intestinali poco frequenti, ma dolorosi; l’ostruzione dovuta invece ad infiammazioni, tumori o alla presenza di malattie, sono casi più gravi che richiedono pertanto un più attento controllo medico.

Blocco intestinale: occlusione intestinale

Blocco intestinale

Sintomi caratterizzanti del blocco intestinale

Il blocco intestinale può manifestarsi secondo diversi livelli di intensità e modalità: è possibile che si tratti di un’ostruzione del piccolo intestino o può altrimenti essere un’ostruzione che coinvolga il grande intestino. In base, dunque, al modo in cui si manifesta il problema, i sintomi possono variare tra: stitichezza, dolori addominali, vomito, diarrea, distensione addominale, senso di pienezza addominale, sensibilità accentuata verso forti odori e molti altri. Ulteriori complicazioni potrebbero sorgere insieme a questi sintomi in quanto il vomito, ad esempio, può portare ad una disidratazione oltre che a problemi di alterazione elettrolitica, mentre una distensione addominale potrebbe essere accompagnata da problemi nella respirazione , dato l’aumento della pressione sul diaframma.

In particolare trai sintomi legati ad un’ostruzione del piccolo intestino, possono rientrare dolori che si manifestano sotto forma di crampi, associati inoltre a vomito e stitichezza. Nel caso si tratti invece un blocco intestinale del grande intestino, si avverte, in genere, del dolore accompagnato da spasmi nella parte inferiore del ventre. Questi dolori possono durare per periodi di tempo piuttosto lunghi. Oltre i classici sintomi è possibile che si sviluppi una costipazione prima del rigetto.

Nel caso in cui  si avvertano sintomi di questo genere è bene provvedere ed effettuare delle visite mediche. In particolare è consigliato contattare il medico in caso di persistente distensione addominale od in generale in caso di presenza di uno qualunque dei sintomi tipici di ostruzione.

Possibili cause che favoriscono l'occlusione intestinale

Le cause caratteristiche di un blocco intestinale, variano secondo il livello di ostruzione.

Trai fattori che causano l’ostruzione intestinale rientrano:

  • Volvolo: torsione di un’ansa dell’intestino.
  • Neoplasie: crescita abnorme dei tessuti.
  • Ernie.
  • Malattia di Crohn: è una malattia di tipo infiammatoria dell’intestino.
  • Atresia intestinale: si ha in caso di restringimento o assenza di una parte dell’intestino.
  • Presenza di corpi estranei.
  • Carcinoide.
  • Sindrome dell'arteria mesenterica: si tratta di una condizione piuttosto pericolosa per la vita. È causata dalla compressione del duodeno, generata a partire dall’aorta addominale e dall’arteria mesenterica superiore.

Cause che portano invece all’ostruzione dell’intestino crasso sono:

  • Stipsi.
  • Volvolo del colon: in particolare sigma, cieco, colon trasverso.
  • Atresia del colon: si tratta di una condizione in cui vi è una riduzione o addirittura assenza di una parte del colon.
  • Neoplasia.
  • Endometriosi: condizione in cui le cellule che rivestono la cavità uterina, si presentano anche in altre parti del corpo.
  • Ernie.
  • Malattie infiammatorie intestinali.
  • Fecaloma: accumulo di feci all’interno del colon.
  • Pseudo ostruzione intestinale: è la difficoltà che ‘intestino incontra nel contrarsi e spingere il cibo attraverso il tratto gastrointestinale.

Diagnosi del blocco intestinale

Il blocco intestinale viene diagnosticato effettuando una serie di esami del sangue, Tac, ecografie, colonscopie, laparoscopia ed infine anche con l’attenta osservazione di radiografie dell’addome. Nel caso in cui i test rivelino la presenza di massa sospetta, è necessario procedere con ulteriori controlli e con una biopsia necessaria a determinare la reale natura della massa rilevata.

Trattamento di cura per il blocco intestinale

La presenza di un problema di blocco intestinale richiede spesso un trattamento chirurgico. Non sempre però è necessario giungere a queste situazioni: alcune volte il blocco intestinale può scomparire spontaneamente. Un’ostruzione del piccolo intestino può tra le altre cose causare gravi complicazioni, se non trattata adeguatamente. Trattamenti relativi all’ostruzione del piccolo intestino prevedono un inserimento di un tubo flessibile, che viene fatto passare attraverso il naso sino a farlo giungere allo stomaco. Il trattamento aiuta l’intestino a dilatarsi e decomprimersi, offrendo così sollievo dai sintomi. Oltre ciò, una flebo viene eseguita per somministrare liquidi. Infine viene inserito un catetere collegato alla vescica per drenare l’urina. Nel caso in cui il paziente avverta dolori molto forti, è possibile che vengano somministrate delle dosi di antidolorifici.
La maggior parte dei pazienti, inseguito all’esecuzione di un trattamento di questo tipo riesce a risolvere o almeno migliorare le condizioni del blocco intestinale.

Un blocco intestinale che viene sottovalutato per molto tempo, può causare inoltre un malassorbimento di vitamine e minerali, essenziali nel combattere infezioni batteriche ed altri problemi.
Tuttavia, non tutti i casi di blocco intestinale sono risolvibili mediante questi trattamenti. Alcuni casi di blocco intestinale sono causa di problemi di natura differente, quali il cancro: in queste situazioni l’unica possibile scelta è quella di eseguire un intervento chirurgico.

Rimedi naturali per il blocco intestinale

A seguire alcuni rimedi per il blocco intestinale ma si consiglia una visita di accertamento presso un medico competente che possa affermare che si tratti.

Dieta in caso di blocco intestinale

La modifica della propria dieta può aiutare a promuovere il regolare movimento intestinale e quindi garantire un sano sistema digestivo. A tal proposito, dal momento che il blocco intestinale comporta il più delle volte problemi di stitichezza, si consiglia di regolare la propria alimentazione con un maggiore apporto di fibre, molto efficaci per stimolare la contrazione muscolare nell’intestino e l’espulsione di feci. Si consiglia pertanto di aggiungere molta frutta (soprattutto frutta secca) e verdura alla propria dieta. Cereali integrali quali: crusca e grano intero, possono allo stesso modo, contribuire a promuovere il movimento intestinale.
Si raccomanda inoltre di bere molta acqua durante il giorno, poiché questa facilita il passaggio delle feci attraverso il corpo.

Un aumento di fibre nella vostra dieta può ad esempio essere realizzato, mangiando a colazione una banana assieme ad una tazza di crusca di uva passa e latte. Per merenda consumate invece un quarto di tazza di albicocche secche. Durante il pranzo, mangiate un panino di grano intero e consumate una razione abbondante di verdure o in alternativa potete optare per un piatto di chili con insalata e completare con un piatto di frutta mista per dessert. Accompagnate tutti i pasti bevendo molta acqua.

Evitate cibi elaborati, raffinati e grassi. Mangiate la carne con moderazione poiché ha un basso contenuto di fibre.

Prognosi

La prognosi varia di solito in base alla causa alla base dell’ostruzione. I paziente con ostruzione intestinale causata da ragioni diverse dal cancro, in genere riescono ad ottenere risultati positivi al termine della terapia. Nei casi in cui invece, l’ostruzione sia dovuta ad un cancro, si procede con ulteriori controlli e test per la verifica del grado di coinvolgimento e diffusione del resto del sistema. se il tumore si è diffuso, il paziente può essere sottoposto a trattamenti di radioterapia o chemioterapia

Possibili complicazioni dell'occlusione intestinale

A causa del blocco intestinale potrebbero sorgere ulteriori problemi di diversa natura. Complicazioni che possono insorgere a causa di un blocco intestinale sono ad esempio:

  • Ittero.
  • Infezioni di diverso tipo.
  • Peritonite: infezione che coinvolge la cavità addominale.
  • Sviluppo del buco dell’intestino.
  • Squilibri elettrolitici.
  • Blocco dei vasi sanguigni a livello intestinale: il problema può oltretutto portare all’insorgere di infezioni e cancrena.

Blocco intestinale ed occlusione

In realtà, la prevenzione a questo tipo di problema è legata alla causa che vi è alla base. Mentre alcune cause non possono essere evitate, altre possono essere trattate in maniera adeguata al fine di ridurre o comunque contrastare il rischio di incorrere in un problema di blocco intestinale. È possibile ridurre l’insorgere di probabili problemi legati a blocchi intestinale anche apportando delle piccole modifiche al proprio stile di vita: fare molto esercizio fisico e ridurre il più possibile le ore trascorse in uno stato sedentario. È importante non ignorare mai eventuali segnali di movimenti intestinali.

Diagnosi sintomi cause e cura per il blocco intestinale.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo blocco intestinale: occlusione intestinale

Grazie per le informazioni date per il blocco intestinale

complimenti per il contributo che mi avete dato leggendo il vostro articolo,visto che sono purtroppo in un periodo confusionale dovuto ad una subocclisione intestinale

Utili suggerimenti sul blocco intestinale

grazie per gli utili suggerimenti ho fatto tutti gli accertamenti ma il blocco ritorna.

Spiegazioni chiare su occlusione intestinale

Spiegazioni molto chiare e complete

Blocco intestinale spiegato in modo chiaro e semplice

molto semplice da capire e soprattutto chiarificante

Per riconoscere il blocco intestinale devo per forza andare dal medico ?

Fatto molto bene.Alcuni sintomi ce l'ho,ma non so come faccio a capire se quello é davvero un blocco intestinale.Devo obbligatoriamente andare dal medico???

Il blocco intestinale può essere sottovalutato dal medico ?

E' forse il medico che a volte non capisce la diagnosi e a volte sottovalutata?

Ho perso mio padre per un blocco intestinale sottovalutato...

Purtroppo per un blocco intestinale,sottovalutato dai medici, mio padre dopo aver subito 2 interventi con resezione intestinale ed esportazione della milza è deceduto dopo 40 giorni di agonia in un ospedale della provincia di Cosenza. Da aggiungere che il decesso di mio padre è stato una dei casi di mala sanità in quanto la ferita post operatoria non è stata medicata per oltre 16 giorni provocando così una grave infezione che ha coinvolto altri organi provocandogli il decesso.

Attenzione alle fibre: a me hanno causato il blocco intestinale

attenzione alle fibre: aumento di fibre nella dieta senza un adeguato apporto di liquidi a me hanno causato il blocco intestinale.

Il blocco intestinale

Grazie per la chiarezza con la quale e' stato descritto " il blocco intestinale."

Utile lettura sull'occlusione intestinale

Utili tutti i casi letti e le soluzioni ora speriamo tramite consigli di poter risolvere il problema. grazie

Blocco intestinale e alito pesante

il problema per ora è di mia mamma che è allettata causa ictus da tre anni e mezzo e il problema della stitichezza ce l'ha da sempre e le mie paure sono queste di un occlusione intestinale perchè anche praticandole cristeri non riesce a defecare del tutto e ho notato da qualche giorno che ha l'alito molto pesante ...speriamo bene

Una dieta povera di fibre per trattare una occlusione intestinale da ischemia intestinale

A mio padre, 86 anni,che ha avuto un'occlusione intestinale causata da ischemia intestinale, per evitare l'operazione hanno invece prescritto una dieta povera di fibre.

Grazie , spiegazioni molto chiare e complete

Occlusione intestinale e operazione di urgenza

grazie per le informazione ricevute io sono stato operato di una neoplasia al colon e tutto bene e andato l'intervento. ma dopo due anni quasi ho avuto un occlusione intestinale e ho dovuto operarmi d'urgenza e ringraziando dio sono ancora vivo

Lascia il tuo commento: