Botulino: cause sintomi cure

Quali sono le cause i sintomi e le cure più effiaci per il botulino? Il botulino è una rara infezione, ma potenzialmente fatale causata da delle tossine (veleni) prodotte da un batterio chiamato Clostridium botulinum.Il termine botulino deriva dal latino botulus (salsiccia) in quanto la sua descrizione fu associata inizialmente al consumo di salsicce caserecce. In realtà oggi si sa che il Clostridium botulinum è da associare soprattutto al consumo di alimenti di origine vegetale. Le tossine sopraelencate sono le più potenti conosciute dalla scienza attuale. Esse attaccano il sistema nervoso (i nervi, il cervello ed il midollo spinale) e causano debolezza e successiva paralisi. Se questa malattia non è curata, la paralisi si diffonderà nei polmoni e causerà un’ insufficienza respiratoria seguita da una morte.

Botulino: cause sintomi cure

Botulino


Le principali forme di botulino si possono riassumere in:

1. Alimentare

Il cibo è contaminato dalla tossina botulinica in quanto è mal inscatolato o conservato

2. Infantile

Il C. botulinum è presente nel tratto intestinale di un certo numero di neonati.

Generalmente questo tipo di malattia colpisce i bambini al di sotto dei 12 mesi: trascorso questo termine il loro sistema immunitario è più forte.

3. Da ferita

Quando una ferita si infetta da spore di botulismo, poi produce tossine.

Ciò si verifica in genere quando il tessuto è danneggiato attraverso iniezioni di eroina contaminata o quando si è sniffata della cocaina infettata.


Sintomi e trattamento del botulino

I sintomi del botulismo alimentare solitamente iniziano con:

  • nausea (sensazione di debolezza)
  • vomito
  • diarrea seguita da costipazione (stitichezza)

Comparsa dei sintomi nel botulismo alimentare

In genere ci vogliono dalle 12 alle 36 ore dopo aver mangiato il cibo contaminato prima che si manifestino i sintomi più gravi. Tuttavia a volte si manifestano rapidamente nel giro di 6 ore o entro 8 giorni dalla indigestione della tossina.

I sintomi che si manifestano sono:

  • difficoltà visiva
  • difficoltà nell’esprimersi (biascicamento delle parole)
  • bocca asciutta
  • disfagia (non si riesce a deglutire)
  • debolezza facciale.

Se mangiate (o bevute) una discreta quantità del batterio menzionato, potreste non avere i sintomi precoci e sviluppare immediatamente i sintomi neurologici. Molto pericoloso è il blocco dei muscoli respiratori: potreste dover subire una ventilazione meccanica. Il trattamento della tossina botulinica avviene con la somministrazione di un’antitossina nelle prime ore dalla comparsa dei sintomi, però il recupero è lento (anche diversi mesi). In 1 o 2 casi su 20, il botulismo potrebbe risultare fatale per la persona ammalatasi a causa del sopraccitato batterio.

Il botulino è contagioso?

Questa malattia non è contagiosa e non può diffondersi attraverso il contatto interpersonale.

I sintomi da botulismo infantile

I sintomi da botulismo infantile sono solitamente stitichezza che può durare giorni. Dopo questi il bambino avrà una difficoltà nel succhiare, nel piangere, nel deglutire. Presenterà anche una ridotta efficienza muscolare. Si sentirà stanco. Vedrà male.

Tra le varie cause troviamo il miele e lo sciroppo di mais che sono noti per aver causato il suddetto tipo di botulismo.

I sintomi da botulismo da ferita

I sintomi da botulismo da lesione hanno tra i 4 ed i 14 giorni di tempo per manifestarsi. Essi partono dai nervi cranici (nervi che connettono il cervello alla colonna cerebrale) prima che si diffondano per il resto del corpo a causa delle tossine botuliniche. I sintomi da botulismo da ferita sono gli stessi di quello alimentare, solamente che possono richiedere un tempo maggiore per svilupparsi. Come la tossina si diffonde nel corpo della persona colpita dal batterio sopra menzionato, avvertirà un senso di debolezza che partirà dalla parte superiore del suo corpo ed arriverà agli arti inferiori con conseguente paralisi. Se la tossina non sarà fronteggiata tempestivamente colpirà gli organi legati all’apparato respiratorio, provocando una grave insufficienza respiratoria. Tale soggetto rischia perfino una rapida morte. Vi ricordo che perfino una febbre elevata può essere un sintomo riconducibile a questa malattia.


Dove si trova il botulino

Il botulino vive

  • nel suolo
  • nella polvere
  • nei prodotti agricoli come il miele fagioli mais.

Esso produce delle spore che di per sé non sono nocive, a meno che si inseriscono nel corpo umano e producono delle tossine.

Altre cause del suddetto microrganismo

  • sbagliata iniezione di botox
  • inalazione della tossina quando è sotto forma gassosa (nel caso di una contaminazione ambientale provocata da possibili terroristi)
  • acqua avvelenata (bioterrorismo).

Test che escludono sintomi compatibili con altre patologie.

Provare il botulismo è difficilissimo: solitamente i test tentano di escludere altre condizioni che presentano sintomi simili.
Sto parlando di quelli inerenti all’esclusione della sindrome di Guillain-Barrè (malattia che riguarda la rete dei nervi che riguardano i movimenti del corpo) o per vedere se una persona ha subito un infarto (i cui dolori colpiscono gli arti del nostro busto). O anche se c’è stato un avvelenamento da monossido di carbonio o un’ intossicazione dopo aver mangiato dei di frutti di mare.

Altri test che si potrebbero dover fare

  • una risonanza magnetica (MRI) per vedere la parte interna del corpo dell’ammalato
  • una tomografia computerizzata (CT) per vedere sezioni o strati del corpo del paziente: sfrutta i raggi x
  • una puntura lombare per estrarre del liquido cerebrospinale.

Altre conferme possono avvenire tramite:

  • un’identificazione della tossina nel siero o nelle feci dell’ammalato con test immunologici
  • esaminando i tessuti lesionati
  • facendo un test sul cibo che è rimasto.

Se sospettate di avere il botulismo avvisate subito il vostro medico, il quale vi potrà dare delle antitossine già prima che la diagnosi sia confermata ed avviserà il Ministero della salute.

Il trattamento da botulismo alimentare e da ferita richiede un immediato ricovero ospedaliero.

Qua verranno somministrati al paziente liquidi e sostanze nutritive con una flebo. Ricordatevi che una certa tempestività nel rivolgersi ad un medico vi potrebbe salvare la vita.

Prevenzione del botulismo

Quando una persona prepara delle conserve in casa deve sempre sterilizzare i vasetti, i barattoli tramite una loro bollitura di almeno 10 minuti. Se quando apre le conserve vede che presentano un leggero rigonfiamento, non deve esitare a buttarle. Stesso discorso qualora esse emanano un profumo nauseante.

Cause sintomi e cure del botulino

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo botulino: cause sintomi cure

Il botulino

encomiabile apporto informativo di internet...grazie

Grazie per il servizio informativo che date per il botulino

Si ringrazia tutto lo staff che ha scritto tutte queste notizie relative al botulino, servono per portare a conoscenza di molte persone che fanno vari tipi di composte, e preparati in vasetti direttamente in casa, per prevenire i vari rischi che si corrono non rispettando le dovute precauzioni. Grazie di cuore un'ottimo servizio informativo Bravi.

Iniezioni di botulino per l'iperidrosi

Il 4 luglio ho effettuato delle iniezioni di botulino per combattere l'iperidrosi.dopo una settimana ho iniziato ad avere disturbi della vista,seri problemi di deglutizione e problemi a parlare,la bocca perennemente secca e una spossatezza generale.al pronto soccorso in cui mi sono recata hanno effettuato tutti gli esami meurologici escludendo altre patologie. I medici continuano a dirmi che l'intossicazione da iniezioni è una cosa rarissima,che non esiste un'esame per diagnosticarla e che,se di intossicazione trattasi,non esiste una cura e che dovrò smaltire da me il medicinale. Dopo venti giorni mi ritrovo sempre stanca,ho difficoltà a deglutire e mi sento disidratata. In più ho letto che potrebbero volerci degli anni per venirne fuori. Ora sono scoraggiata e ho paura.

Lascia il tuo commento: