Anti brufoli: trattamenti e rimedi

I cosidetti anti brufoli sono creme, trattamenti o anche semplici rimedi fai da te, anti brufoli è un termine che sentiamo dire spesso da moltissimi giovani in particolar modo, in quanto maggiormente colpiti dall’acne, una malattia infiammatoria della pelle, che colpisce soprattutto le zone del viso, del collo, del torace e della schiena (in particolar modo la parte superiore). Questo vuol dire combattere e prevenire i brufoli, causati da una interazione tra gli ormoni, i batteri che si trovano comunemente sulla pelle ed il sebo prodotto dalle ghiandole sebacee.

Anti brufoli: trattamenti e rimedi

Anti brufoli

Predisposizione ai brufoli

i fattori predisponenti non sono ancora stati individuati con precisione, tuttavia il processo principale, che porta alla comparsa di brufoli, consiste in una produzione eccessiva di sebo, causata dall’influenza degli ormoni prodotti in gran quantità dalle ghiandole surrenali, in cui i batteri trovano il luogo adatto per riprodursi; il sintomo principale di questa patologia è la comparsa di brufoli, di punti neri, di pustole (vale a dire brufoli contenenti anche pus) e, talvolta, di cisti, le quali possono anche lasciare cicatrici: esistono circa docidi tipi diversi di acne perciò i sintomi variano da una forma all’altra; l’acne si sviluppa, generalmente, durante la pubertà, tuttavia, molte volte, si manifesta anche in età adulta, soprattutto nel periodo premestruale o quando si intraprende o si interrompe un trattamento con contraccettivi orali, in quanto una delle cause principali dalle quali l’acne dipende è proprio il cambiamento dei livelli ormonali; il trattamento contro l’acne dipende dalla gravità del problema: i casi più lievi possono essere alleviati, semplicemente, lavando il viso con un sapone delicato o con prodotti contenenti il perossido di benzoile; i casi più gravi possono richiedere, ad esempio, un trattamento per via orale con antibiotici (come la tetraciclina) oppure ormoni (come i contraccettivi orali).

Le cause dell’acne

In alcune persone i brufoli si manifestano in forme peggiori rispetto ad altri, perché le ghiandole sebacee risultano più sensibili agli ormoni maschili, sensibilità che, molto probabilmente, è un fattore ereditario.
In ogni modo, le principali cause che, generalmente, favoriscono lo sviluppo dei brufoli sono:

  • i cambiamenti nei livelli degli ormoni
  • l’iperattività delle ghiandole sebacee
  • l’accumulo di cellule della pelle morte nei follicoli piliferi
  • la presenza di batteri all’interno dei pori
  • qualsiasi tipo di irritazione della pelle
  • l’assunzione di steroidi
  • l’uso di contraccettivi orali (anche se molto spesso si verifica la condizione contraria, vale a dire che molte donne hanno risolto il problema dell’acne proprio grazie alla pillola anticoncezionale)
  • l’esposizione a livelli elevati di cloro o composti di questo elemento

Altri fattori possono essere ricollegati all’insorgenza dei brufoli, perciò, andrebbero ricordate le seguenti indicazioni:

  • tutto ciò che stimola la crescita delle cellule della pelle, come anche i ripetuti lavaggi, può contribuire a ostruire i follicoli piliferi, favorendo la comparsa di acne e brufoli: si consiglia, semplicemente, di lavare la pelle, una o due volte al giorno e non di più, con un sapone neutro e di asciugare delicatamente
  • il clima caldo e l’umidità inducono le cellule della pelle a gonfiarsi, con conseguente probabilità che i canali vengano ostruiti: evitare, quindi, i trattamenti che sottopongono la pelle ad eccessivo calore o ad umidità
  • uno dei fattori predisponenti è lo stress, perciò occore cercare di evitare qualsiasi condizione di stress fisico o psicologico
  • toccare i brufoli può provocare la diffusione dell’infezione, inoltre la pressione esercitata con le dita tende a spingere le sostanze che ostruiscono i follicoli ancora più in profondità, oltre ad introdurre altre sostanze presenti, inevitabilmente, sulle mani: bisogna evitare, dunque, di eliminare i brufoli con le mani ed aspettare, invece, che guariscano da soli
  • l’esposizione ai raggi solari contribuisce a peggiorare l’infiammazione della pelle, perciò si consiglia di ridurla il più possibile
  • l’applicazione di creme indicate per la pelle grassa, nella maggior parte dei casi, peggiora la situazione
  • le abitudini alimentari sbagliate, come ad esempio orari irregolari, cibi poco sani, eccesso di alimenti ricchi di amido, zuccheri e grassi, favoriscono lo sviluppo di acne; si consiglia di adottare una dieta sana ed equilibrata, ricca di vitamine e minerali
  • la costipazione cronica può essere una delle tante cause di acne: infatti, se l’intestino non svolge correttamente le sue funzioni ed i rifiuti non vengono eliminati velocemente, le sostanze tossiche rimangono in circolo, saturando il sangue, e l’organismo reagisce per eliminare questi rifiuti, sviluppando diverse patologie della pelle, tra le quali, appunto, l’acne
  • tutte le abitudini poco igieniche indeboliscono la pelle, rendendola più soggetta alle infiammazioni e allo sviluppo di malattie
  • gli usi eccessivi di te, caffè, alcol e tabacco possono contribuire all’insorgenza dei brufoli.

Non si direbbe ma coprire i brufoli con una crema a base di acqua non aggrava la situazione, perciò in caso di necessità si può applicare un po’ di questo tipo di crema sulla zona interessata da brufoli.

I trattamenti anti brufoli

Le forme più gravi possono essere trattate con il retin-A, un composto derivato dalla vitamina A, presente in molte creme: applicare la crema ogni notte, per circa tre settimane, risulta, nella maggior parte dei casi, un rimedio efficace, i cui effetti durano a lungo, tuttavia occorre tenere sotto controllo gli effetti di questo trattamento poiché ai considerabili benefici potrebbero corrispondere una serie di gravi effetti collaterali, tra i quali, ad esempio, c’è il rischio di anomalie al feto, durante la gravidanza.
Generalmente, tutti i sintomi dei brufoli possono essere risolti o, almeno, migliorati: i rimedi per i brufoli dalle forme lievi a quelle moderate sono, generalmente, prodotti farmaceutici che possono essere acquistati senza prescrizione medica, tuttavia le indicazioni vanno seguite attentamente e scrupolosamente; per quanto riguarda la forma più persistente, risulta necessario consultare il proprio medico, in particolar modo per le forme più gravi può rivelarsi indispensabile il parere di un dermatologo: i trattamenti che vengono prescritti di solito possono durare anche più di sei settimane, perciò bisogna aspettare con pazienza, tuttavia se dopo due mesi non si nota alcun miglioramento, occorre consultare di nuovo il medico.

I rimedi naturali anti brufoli

I rimedi naturali sono, a volte, il modo più intelligente di affrontare alcuni tipi di brufoli, infatti questo tipo di trattamento funziona perché agisce sulle cause che sono alla base dello sviluppo dei brufoli; molto spesso, le persone che hanno problemi di brufoli provano diversi prodotti, senza riuscire ad ottenere alcun effetto realmente positivo, mentre tenendo sotto controllo la salute della propria pelle si possono ottenere risultati davvero soddisfacenti.

Ottenere i risultati sperati attraverso i rimedi naturali, significa avere la pazienza di indagare quali sono le reali cause che hanno portato allo sviluppo dei brufoli ed agire soprattutto su di esse, eliminando il problema alla radice, evitando di intervenire solo sui sintomi (come accade molte volte); i principali argomenti che vanno affrontati sono i seguenti:

  • i farmaci: molti farmaci, indicati per il trattamento contro i brufoli, sono studiati solamente per nascondere i sintomi, quindi gli effetti durano poco, in quanto persistono le cause
  • i prodotti: molti prodotti che vengono usati quotidianamente, ad esempio per la cura personale, possono peggiorare la condizione dei brufoli e bisogna saper scegliere con attenzione, eliminando tutti quei prodotti che possono contenere le sostanze chimiche potenzialmente nocive
  • gli ormoni: una delle cause principali che determinano lo sviluppo dei brufoli è, appunto, una produzione eccessiva di sebo, perciò, invece di eliminare il grasso che si accumula sulla pelle, occorre, piuttosto, capire perché le ghiandole sebacee producono così tanto sebo ed agire in modo naturale sugli ormoni che stimolano queste ghiandole
  • la salute: dalla salute dell’organismo in generale dipende anche la salute della pelle, perciò bisogna purificarsi ed eliminare le tossine ed i rifiuti in circolo, ad esempio, nel sangue, nell’apparato digerente, nel fegato e nei reni

Una volta individuate le cause, si può procedere con i rimedi naturali che possono essere preparati in casa con grande facilità e disponibilità; tra questi ricordiamo:

  • l’aloe vera: questa sostanza può essere ingerita, ma, volendo, il succo può anche essere applicato direttamente sulle zone della pelle afflitta da brufoli
  • l’acqua di rose: si può preparare una maschera con acqua di rose e pasta di sandalo, da applicare sul viso per circa trenta minuti e, in seguito, risciacquare
  • la polpa di cetriolo: si consiglia di applicare sul viso e lasciare in posa circa 30 minuti, prima di risciacquare; questo trattamento rigenera la pelle e previene lo sviluppo di brufoli
  • l’aglio fresco: bisogna strofinare l’aglio direttamente sulle zone colpite da brufoli; questo rimedio può dare cattivo odore alla pelle, tuttavia le proprietà antisettiche dell’aglio asciugheranno i brufoli in maniera efficace
  • i semi di cumino: la pasta ricavata da questi semi può essere applicata sulla pelle per circa un’ora e, successivamente, risciacquata
  • le foglie dell’albero Neem (un albero tipico dell’India): si può preparare una pasta a base di acqua e di foglie di Neem ridotte in polvere, da applicare sulla pelle
  • l’olio di lavanda: si consiglia di applicarlo direttamente sulle zone presenti i brufoli
  • l’aceto: si può preparare un impasto miscelando l’aceto con i semi di cumino tritati e poi si può applicare direttamente sulla zona colpita da brufoli
  • la buccia d’arancia: si consiglia di preparare una miscela con poca acqua e buccia d’arancia, da applicare sulle aree cutanee con i brufoli
  • la farina d’avena: la farina d’avena cotta può essere applicata sulla pelle per circa quindici minuti ed, in seguito, risciacquata
  • l’avocado: si consiglia di lavare il viso con una miscela di polpa di avocado e di acqua
  • il rosmarino e l’ortica: un bagno tiepido con rosmarino e ortica può aiutare a ridurre la gravità dei brufoli
  • gli albumi d’uovo: si può applicare sul viso l’albume d’uovo per almeno 15 o 20 minuti
  • le foglie di alloro: si possono applicare sulle zone interessate da brufoli le foglie di alloro, dopo averle, precedentemente, sbollentate in acqua e lasciate raffreddare
  • la lavanda: gli impacchi di lavanda sono molti utili per alleviare l’infiammazione causata dai brufoli
  • la frutta e la verdura: mescolando le mele sbucciate e mezzo cetriolo con un cucchiaio di yogurt e miele si otterrà un impasto che può essere applicato sulla pelle per circa 20 minuti e risciacquato con acqua tiepida; ciò contribuirà a ridurre le cicatrici lasciate dai brufoli
  • il succo di limone e la melagrana fresca: una miscela di succo di limone e melagrana in polvere può essere applicata su punti neri e brufoli per ridurne l’entità
  • il fieno greco: una pasta ricavata miscelando foglie fresche di fieno greco ed acqua può essere applicata sulla pelle, tenuta in posa durante la notte e risciacquata, la mattina seguente, con acqua tiepida

Conclusioni finali sui trattamenti anti brufoli

In conclusione, i brufoli sono una patologia molto comune, le cui cause possono essere le più svariate, come lo sono i possibili rimedi; mentre nelle forme più gravi si richiede, necessariamente, il parere di un medico, per quanto riguarda le forme lievi si può scegliere tra due opzioni: ricorrere all’assunzione di medicine e altri prodotti dai risultati non sempre positivi o individuare le cause e cercare di lavorarci sopra. Le persone che scelgono la seconda strada dovranno, sicuramente, fare uno sforzo maggiore nella ricerca delle cause e nella scelta del rimedio fai da te da preparare in casa, ma avranno risultati soddisfacenti e, soprattutto, a lungo termine, poiché non avranno soltanto nascosto i sintomi per un po’ di tempo, ma avranno, una volta per tutte, eliminato le cause.

Conisgli e opinioni sui vari trattamenti e rimedi anti brufoli conosciuti.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo anti brufoli: trattamenti e rimedi

Trattamenti anti brufoli ottimi

sei bravissimo!! i brufoli mi sono andati via subito e ora ho anche un ragazzo!!!!! :)))))

Il limone è un ottimo rimedio antibrufoli

il limone funziona davvero, ma mai metterlo quando sì è al sole farebbe rimanere le cicatrici scure ,metterlo solo la sera al buio. veramente efficente, spacialmente su le guance !

Ottimi rimedi e trattamenti per i brufoli

Grazie mille . Mi serviva proprio!!!!!

Lascia il tuo commento: