Brufoli grandi

I brufoli possono essere di varie dimensioni quindi anche grandi,  ed uno dei più diffusi luoghi comuni da sfatare è l'idea che i brufoli possano comparire esclusivamente nel corso dell'adolescenza. Il fatto che molti adolescenti soffrano di acne è dovuto al fatto che proprio a partire da quella fase della vita l'attività ormonale si intensifica. Sarebbe dunque l'azione degli ormoni uno dei principali fattori legati alla comparsa dei brufoli e non l'età in sé, convinzione completamente priva di fondamento. L'acne è infatti una malattia cutanea che può presentarsi anche un verso i trent’anni e oltre, soprattutto a causa di fattori interni e ormonali.

Brufoli grandi

Brufoli grandi

Tuttavia, se una normale routine di detersione e cura della pelle viene adottata precocemente, è possibile evitare che una semplice situazione di pelle con lievi imperfezioni, possa trasformarsi in un più serio problema di acne. Si ricorda infatti che i brufoli non sono altro che un meccanismo fisiologico che l'organismo mette in atto per difendersi dai batteri. Quando il sebo, la sostanza oleosa che normalmente lubrifica e protegge la cute e il cuoio capelluto, viene prodotto in quantità eccessiva, si accumula nei canali specifici che collegano la ghiandola sebacea con l’esterno, i quali si ostruiscono. In questo caso, i batteri possono attaccare più facilmente la cute, che diventa rossa, gonfia e talvolta dolorante. La reazione naturale dell’organismo è quella di stimolare la risposta immunitaria, inviando milioni di globuli bianchi per combattere l’infezione. Il risultato più visibile di questo processo è la comparsa del brufolo.

In realtà sono molteplici i fattori legati alla comparsa dei brufoli, e questi non sono unicamente la conseguenza di una detersione insufficiente o errata. Le sue cause sono piuttosto da ricercarsi "internamente", ovvero in una dieta alimentare poco salutare e in una cattiva regolazione ormonale. Un gran numero di donne riscontra la comparsa di brufoli doloranti verso la fine del ciclo mestruale, una fase caratterizzata da una più intensa produzione ormonale. Per mantenere una pelle pulita e priva di imperfezioni, molte donne hanno la buona abitudine di integrare nella dieta diversi elementi, come l’olio di enotera, che favorisce proprio il mantenimento dell’equilibrio ormonale.

Tra i principali imputati della comparsa dei brufoli vi è dunque il consumo di cibi troppo grassi o troppo zuccherati, che andrebbero invece sostituiti da frutta e verdura fresche soprattutto in caso di problemi cutanei più seri.
Tra gli accorgimenti per mantenere la pelle pulita, si cita inoltre, soprattutto una buona e regolare detersione. È importante rimuovere completamente il trucco prima di andare a dormire, e utilizzare un detergente delicato, e mai il comune sapone. Dopo aver lavato il viso, è consigliabile applicare un buon tonico e una crema idratante specifica, che lascino la pelle pulita, ma al contempo ben idratata, senza aggiungere ulteriori sostanze oleose ad una situazione dermatologica già compromessa. Nelle zone interessate da imperfezioni (solitamente ci si riferisce alla cosiddetta “zona T” , ovvero fronte, naso e mento) si può usare un gel antisettico, ma solo quando sono realmente presenti i brufoli, o sono in formazione e mai a scopo preventivo. Un utilizzo spropositato di questo tipo di prodotti può infatti seccare la pelle in maniera eccessiva, aggravando eventuali problemi cutanei. I prodotti ideali sono quelli a base di nocciola, in quanto l'estratto ottenuto da questa pianta è noto per le sue proprietà astringenti.

Un altro consiglio è quello di evitare assolutamente di rimuovere i brufoli strizzandoli, per evitare che il materiale contenuto in uno di essi, si sparga nella zona circostante, dando origine a nuove piccole infezioni, e soprattutto per evitare il rischio che si formino cicatrici permanenti sul viso. Se proprio è necessario, utilizzare dei fazzolettini tra le dita ed effettuare una leggera pressione, evitando di utilizzare le unghie.
Un'altra problematica fastidiosa è quella legata alla comparsa delle cosiddette "bolle". Si tratta di un tipo particolare di brufoli, di dimensioni più grandi del comune. In un primo momento si sente la pelle tirare nella zona interessata, e dopo due o tre giorni, compare il brufolo. Una bolla è dunque definibile come un’area infiammata, solitamente a livello di un bulbo pilifero, che può essere causata da condizione fisiche come il diabete o da gravi dermatiti. Compare come una protuberanza rossa dolorosa che si riempie di pus e il dolore aumenta nel corso delle ventiquattrore successive. I trattamenti per le bolle sono di varia natura. Alcune scompaiono da sole, in maniera spontanea e altre invece permangono fino a peggiorare.

Cosa fare quindi per prevenire e migliorare la situazione della nostra epidermide in caso di brufoli e bolle?

Accorgimenti per prevenire ed eliminare le bolle:

  • Impacchi di acqua o ghiaccio. La cosa migliore da fare è detergere frequentemente la zona ed effettuare degli impacchi di acqua calda ogni mezz’ora, che stimoleranno la circolazione a livello locale, richiamando i globuli bianchi verso la parte più esterna, la cosiddetta “testa” del brufolo. In alternativa, per lenire il dolore e il rossore, si può invece applicare del ghiaccio ogni mezz’ora, da tenere per circa due minuti.
  • Aspirina. Un altro accorgimento per far scomparire le bolle, è di sminuzzare una o due pastiglie di aspirina, e applicarle sul punto interessato, oppure adoperare del semplice dentifricio, da tenere tutta la notte e lavar via al mattino con acqua tiepida.
  • Pomate specifiche. Esistono in commercio anche prodotti specifici da utilizzare ad uso topico sulla bolla, come delle pomate a base di benzoil perossido, che asciuga la zona e ne riduce l’ampiezza.
  •  Alcool. Si può applicare anche dell’alcol che aiuta a ridurre l’infiammazione e il rossore.
  • Succo di limone. Un altro rimedio casalingo è utilizzare del succo di limone, la cui acidità aiuta a combattere l’infezione.
  • Una dieta povera di grassi. Per evitare la formazione delle bolle, è importante assumere alimenti salutari e pochi cibi grassi, che aumentano la quantità di sebo prodotto.
  • Bere acqua. È importante bere molta acqua, che aiuta ad eliminare le tossine attraverso i reni, anziché mediante i pori.
  • Una buona pulizia. Detergere adeguatamente la pelle con prodotti specifici, due volte al giorno, sia al mattino che la sera prima di andare a dormire.

Considerazioni finali in merito ai brufoli grandi

In conclusione, la maggior parte delle imperfezioni cutanee, brufoli o bolle, dipende da fattori principalmente ormonali e tali dolorosi inestetismi possono comparire in qualunque momento della nostra vita, specialmente se caratterizzato da stress o uno stile alimentare scorretto. Una detersione della pelle accurata e regolare che rimuova ogni traccia di trucco e che si avvalga di prodotti specifici e delicati può aiutarci a prevenire la loro comparsa, in quanto questa buona abitudine mantiene l'epidermide ben idratata e i pori liberi dalle impurità, diminuendo così il rischio di infezioni. I brufoli non sono altro che un meccanismo messo in atto dal nostro sistema immunitario e pertanto è semplice intuire che alla sua base vi possano essere delle cause "interne", legate al funzionamento generale del nostro organismo. Un brufolo è solo la "punta dell'iceberg", il segnale o campanello d'allarme che qualcosa a livello organico o ormonale non si trova nel giusto equilibrio.
Una dieta ricca di grassi o zuccheri può sicuramente alterare la normale condizione della nostra epidermide e uno squilibrio ormonale, accanto allo stress può notevolmente influire sulla comparsa di problemi dermatologici.
Un buon consiglio è sempre quello di abbinare all'uso di buoni prodotti detergenti e cosmetici, un regime alimentare ricco di sali minerali e vitamine e uno stile di vita più salutare, ricordandosi che prendersi cura di sé stessi, ritagliandosi degli spazi da dedicare alle attività che ci rilassano e stimolano è una chiave per la serenità e il benessere psicofisico della nostra Persona.

I brufoli grandi è inutile dirlo sono un bruttissimo inestetismo.

Malattie

Lascia il tuo commento: