Brufoli e punti neri

Brufoli e punti neri sono comuni inestetismi della pelle, le varie forme di brufoli di solito appaiono nella fase pre-adolesceziale ed in quella adolescenziale, quando cioè i giovani attraversano il momento della pubertà, anche se in molti casi anche persone adulte possono ancora ritrovarsi a dover combattere saltuariamente con punti neri e brufoli, dal momento che si tratta di una patologia infiammatoria delle ghiandole sebacee, che a sua volta si manifesta appunto con la comparsa di punti neri, brufoli e cisti che di solito si concentrano nelle aree del viso, del collo, della schiena e del petto.

Brufoli e punti neri

Brufoli e punti neri

Brufoli e punti neri

Data la loro origine, i brufoli e i punti neri tendono a manifestarsi soprattutto in quelle persone che hanno una pelle tendente al grasso: se generalmente il fenomeno si manifesta in maniera più evidente durante il periodo della pubertà, è perché in quegli anni si è in piena tempesta ormonale e l’organismo è in una fase di cambiamento; per la stessa ragione, l’acne può colpire anche le donne nel periodo in cui compaiono le mestruazioni.

Le cause

La comparsa di brufoli e punti neri è causata da un eccesso di produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee, che si trovano in tutto il corpo tranne che nelle palme delle mani e nelle piante dei piedi ma che si concentrano per lo più nella zona cuoio capelluto, del viso, della schiena e del torace.
Quando i pori cutanei si ostruiscono e il sebo non può più raggiungere la superficie dell’epidermide, i batteri presenti sulla superficie della pelle iniziano ad entrare nella ghiandola ostruita per nutrirsi di sebo: questa intrusione fa scattare il sistema immunitario, che attraverso i globuli bianchi presenti nel sangue attacca i batteri causando arrossamento e gonfiore.

Inizialmente, dunque, si forma una piccola pustola, nota col nome medico di comedone. Tale comedone può presentarsi in due forme:

  • come un punto nero se la sua parte superiore diventa nero per via dell’esposizione all'aria.
  • come comedone chiuso se la sua apertura è così piccola da non essere visibile o è assente del tutto.

Entrambe queste lesioni cutanee sono responsabili dell’insorgenza di pus, brufoli, macchie scure o cicatrici. Può inoltre accadere che un comedone, nell’ingrandirsi, faccia pressione sulle ghiandole sebacee circostanti  provocando una infiammazione consistente conosciuta col nome di cisti; in alcuni casi, poi,  le cisti possono non andarsene del tutto dopo l’avvenuta guarigione e determinare il formarsi di un nodulo duro e sotto la pelle.

Una buona prevenzione è alla base della cura per brufoli e punti neri

Sebbene non la determino direttamente, alcuni fatti incidono sull’effettiva comparsa di brufoli e punti neri in quelle persone che già soffrano di acne.

Fra queste, le principali sono:

  • il calore
  • l'umidità
  •  alcuni oli applicato sulla pelle
  • lo stress.

Ciò che si mangia e si beve, poi, può in qualche modo aggravare una patologia preesistente; per ridurre il rischio che insorgano punti neri o brufoli si può quindi provare a limitare il consumo di zuccheri e cibi grassi ed evitare quegli alimenti che abbiano un alto carico glicemico come:

  • Banane
  • Patate
  • Latte di mucca.

Quattro sono i trattamenti principali nella lotta contro brufoli e punti neri:

  • Esfoliare la pelle
  • Pulizia e idratazione
  • Ricorso a farmaci
  • Chirurgia estetica

Esfoliare la pelle significa eliminarne lo strato più superficiale, quello che contiene il sebo e le cellule morte che a loro volta ostruiscono i pori: a questo scopo, esistono numerosi prodotti in forma di liquidi, gel, lozioni o creme, che vengono in genere applicati alla mattina ed alla sera. Il risultato può variare da un miglioramento discreto ed appena percettibile a un successo davvero sorprendente, allo stesso modo questo tipo di trattamento può comportare rossore, secchezza e desquamazione a vari livelli. Gli effetti indesiderati, in particolare, variano da soggetto a soggetto, perciò se l’esfoliante dovrebbe risultare troppo aggressivo è opportuno ridurne la frequenza dell’uso.

E’ poi importante lavare il viso due volte al giorno con acqua e sapone, soprattutto se si ha una pelle grassa, concentrandosi con particolare attenzione nella zona della fronte e intorno al naso. Detergere la pelle, infatti, serve a rimuovere il sebo in eccesso, le cellule morte della pelle e la sporcizia accumulata sulla pelle durante il giorno ed inoltre aiuta a uccidere i batteri, che possono nidificare all’interno delle ghiandole sebacee. Non bisogna però trascurare il fatto che l’uso di detergenti, soprattutto quando accompagnati da prodotti  esfolianti, può seccare notevolmente la pelle, ed è perciò molto importante usare anche una crema idratante ad hoc.

Nei casi più gravi, invece, ci si può rivolgere a un buon dermatologo, che potrebbe valutare l’opportunità di prescrivere degli antibiotici: uno dei trattamenti classici in questo caso è a base di tetraciclina, che viene anche utilizzata nella cura di altre patologie come l'uretrite aspecifica. In alternativa, il medico potrà consigliare l’uso di anti-infiammatori. Uno dei medicinali soggetti a prescrizione più potente è l’isotretinoina, che viene usata soprattutto in presenza di acne nodulare, cistica o pustolosa. La isotretinoina è un farmaco per uso interno, che perciò non influisce direttamente su macchie o cicatrici. Il prodotto è però noto per poter causare significativi effetti collaterali e viene perciò usato solo in casi di una certa rilevanza.

Se poi, nonostante tutti gli sforzi per rimuovere i punti neri e brufoli non dovessero avere l’esito desiderato e questi dovessero continuare a riproporsi saltuariamente, l’unica cosa da fare rimane quella di  rimuoverli con strumenti speciali progettati per questo scopo: stiamo parlando dell’estrattore di comedoni che, se utilizzato correttamente, è in grado di rimuove anche un’acne grave senza lasciare cicatrici o imperfezioni attraverso una procedura piuttosto semplice:

  • La pelle viene ammorbidita con un prodotto leggermente alcalino, il che permette di ammorbidire il sebo indurito
  • Si pulisce accuratamente il viso con un latte detergente leggero, non grasso e libero da oli
  • Se necessario pulire nuovamente la pelle con un detergente leggermente schiumoso, adatto per la pelle eccessivamente grassa
  • Estrarre il comedone

Per quest’ultima operazione si utilizza un piccolo strumento di metallo, a forma circolare, che viene posizionato sul comedone e spinge verso il basso la cute circostante, facendo si che tutto ciò che ostruisce il poro venga automaticamente espulso. La stessa tecnica può essere utilizzata per i filamenti sebacei, mentre per i comedoni chiusi il poro deve essere dilatato con uno strumento sterile monouso prima dell'estrazione.

Altre procedure usate in chirurgia estetica sono:

  • La dermoabrasione: procedura che consiste di rimuovere gli strati superficiali della pelle per ridurre le cicatrici dei brufoli e che viene eseguita nei mesi invernali in quanto serve evitare un’eccessiva esposizione al sole.
  • Il laser: viene utilizzato per ridurre le cicatrici e le irregolarità della pelle eliminandone gli strati superiori attraverso l’uso di una luce laser. Non tutti possono però ricorrere a questo tipo di procedura: in particolare, si corre il rischio d’incappare in problemi di pigmentazione se si ha la pelle particolarmente scura.

Considerazione finale su brufoli e punti neri

A chiusura del discorso, è importante precisare che spremere un brufolo è la cosa peggiore che si possa fare oltre al fatto di ricorrere a trattamenti errati: il rischio, in questo caso, è che possano derivarne cicatrici da brufoli e che si formano appunto quando le ferite cercano di rimarginarsi comportando un eccesso di collagene a concentrarsi in alcune zone della cute.

Suggerimenti utili per conoscere cause consigli contro brufoli e punti neri.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo brufoli e punti neri

La pulizia del viso aiuta ad eliminare i brufoli ?

e la pulizia del viso?? si traggono vantaggi da essa?? .-.

Lascia il tuo commento: