Cicatrici lasciate dai brufoli

I brufoli possono lasciare cicatrici, ed è risaputo, poi, non ci sono dubbi che brufoli e foruncoli non siano una sciagura perché non hanno ovviamente la stessa gravità di altre patologie: eppure, non si può negare che questi possano creare problemi relazionali. Il classico esempio è quello di chi si sveglia e guardandosi allo specchio scorge un terribile brufolo sul naso o in un altro punto strategico: subito arriva il panico e la situazione peggiora se sono in programma nei giorni immediatamente successivi appuntamenti galanti o impegni pubblici.

Cicatrici lasciate dai brufoli

Cicatrici lasciate dai brufoli

I film ci hanno raccontato storie tragicomiche di spose costrette a rivedere tutti i preparativi per le nozze dopo aver scoperto orribili bubboni sulla propria faccia: per fortuna, certi scherzi del destino avvengono con frequenza molto minore nella realtà. Tuttavia, il disagio può essere reale soprattutto perché il volto è la parte del corpo che non possiamo celare con abiti, indumenti o coperture: quindi, se sono presenti elementi antiestetici siamo purtroppo costretti a mostrarli. Non è un semplice capriccio, ma può avere anche conseguenze fastidiose sul lavoro: immaginate una hostess sempre chiamata a rispondere alle domande con un viso solare e luminoso che si trova in imbarazzo nel dover mostrare in bella visto un brutto brufolo o foruncolo che deturpa l’immagine del volto.

Ecco, perché è importante sapere quello che bisogna fare e soprattutto quello che bisogna evitare per ovviare al problema in tempi rapidi e senza creare complicazioni che possono rendere ancora più tenaci brufoli, punti neri e foruncoli:

Cosa fare per evitare cicatrici e brufoli?

  • Igiene personale: La prima soluzione è quella di mantenere il viso sempre pulito e terso. Per fare questo possiamo affidarci ad un rimedio naturale e facile da eseguire. Ogni mattina applichiamo sul viso una soluzione composta da due cucchiai di latte e due cucchiaini di miele e massaggiamo sull’intera superficie del volto e del collo. Con questo accorgimento, evitiamo il rischio della formazione di nuovi brufoli poiché se il nostro viso non è pulito aumentano le possibilità che si generino quelle infezioni che sono alla base della formazione di brufoli;
  • Conoscere il problema: I brufoli sono causati da un batterio chiamato Propionibacterium Acnes. Solitamente è innocuo e non crea complicazioni ma quando entra in contatto con i follicoli può reagire con il sebo dando luogo a queste assolutamente antiestetiche escrescenze. L’infezione infatti provoca gonfiore come reazione naturale ed ecco che il nostro viso inizia ad accogliere ospiti non graditi. Per risolvere il problema, bisogna quindi combattere l’infezione interna e non limitarsi a preoccuparsi dell’aspetto esterno
  • Non schiacciare i brufoli: Per molti è il rimedio più semplice ed efficace, ma in realtà è una pratica sconsigliata da qualunque medico per almeno due ragioni. Innanzi tutto si tratta di una finta soluzione che non combatte l’origine del problema – ovvero l’infezione – ma si interessa solamente alla sua manifestazione esterna. Ecco perché il rischio è semmai che l’infezione si estenda e quel brufolo isolato inizi a trovare la compagni di tanti “colleghi” con un risultato disastroso per l’aspetto del nostro volto. In secondo luogo, schiacciare i brufoli può regalarci delle orribili cicatrici, i cui tempi di assorbimento possono essere anche piuttosto lunghi. Quindi, ricordarsi che a volte la fretta è cattiva consigliera: non prendiamo iniziative personali se non sappiamo la natura del fenomeno
  • Rivolgersi ad un medico: Non c’è nessun motivo per vergognarsi nel chiedere un consulto ad un medico o un dermatologo. La competenza di quest’ultimo, intanto, ci rassicurerà sulla natura del nostro disturbo e ci indicherà quale trattamento è più indicato. Infatti, ogni farmacia prevede una vasta gamma di prodotti ma è l’entità del problema a richiedere una crema o un gel specifico e soltanto il medico può individuare con esattezza ciò che è meglio per noi.
  • Germi di grano: quando il danno ormai è stato fatto e sul nostro volto hanno fatto capolini delle fastidiose cicatrici, bisogna preoccuparsi di trovare rapidamente un rimedio. Per fortuna, non è difficile risolvere la situazione e riavere un viso immacolato. Uno dei prodotti naturali più efficaci in tal senso è rappresentato dai germi di grano che si possono facilmente trovare nei negozi specializzati. E’ importante assumerli in modo regolare e per più giorni facendo sì che agiscano nel modo più completo.

Cicatrici lasciate da brufoli ed acne

Non piacciono a nessuno, ma non vi è alcun motivo di fare drammi perché le soluzioni non mancano e sono assolutamente agevoli. Ecco alcuni piccoli suggerimenti: in alcuni casi si tratta di prodotti di acquistare in farmacia, in altre circostanza si tratta di rimedi che si possono tranquillamente preparare in casa.

L’importante è seguirli con costanza e non esitare a chiedere la supervisione del medico qualora si ravvisasse qualcosa di anomalo:

  • Vitamina E: la vitamina E è una fantastica alleata per la nostra pelle e va assunta nelle dosi giuste ogni giorno. L’olio di vitamina E con la relativa essenza può essere facilmente reperita in ogni farmacia: poi è necessaria applicare l’unguento sulla pelle con molta cura e ripetere l’operazione più volte;
  • Olio di rosa canina: si può trovare sempre in farmacia o nei negozi specializzata ed è assolutamente una fonte preziosa di benessere grazie all’alta concentrazione di acido linoleico. E’ questo il principio attivo che favorisce la rigenerazione della nostra pelle creando giovamento in modo particolare a quelle zone che sono state soggette ad una cicatrice;
  • Succo di limone: E’ uno dei rimedi della nonna ma funziona sempre. Basta spremere qualche goccia di succo di limone e massaggiare con attenzione la zona interessata. Se necessario bisogna procedere nuovamente per aumentare l’effetto benefico di questo agrume;
  • Trattamenti medici: nei casi più gravi è inevitabile la visita ad uno specialista che ha a disposizione trattamenti particolari e molto utili. Sarà il dermatologo a scegliere la cura più adeguata con gli strumenti più opportuni alle esigenze del singolo caso. La terapia intensa della luce pulsante è particolarmente indicata per far sparire il rossore che circonda la cicatrice facendo tornare il colore naturale della pelle. L’utilizzo del laser prevede nei casi più gravi un riempimento di materiale organico che consenta di nascondere il piccolo solco creato dalla cicatrice. Ovviamente, sia per  la terapia a luce pulsante sia per il laser è necessario che la cura venga effettuata da un medico specializzato: ciò, tuttavia, non deve preoccupare perché si tratta di metodologie assolutamente sicure e prive di rischi per la nostra pelle.

Considerazioni sulle cicatrici dei brufoli

Quindi, se vedete comparire sul vostro volto degli ospiti indesiderati come brufoli, foruncoli o se volete eliminare quelle fastidiose cicatrici, è importante che manteniate il buon senso necessario per trovare una soluzione all’altezza. Scegliete tra i prodotti presenti sul commercio e i rimedi naturali ciò che è più indicato per il vostro caso e non abbiate timore a consultare un medico che sappia indirizzarvi sulla strada da seguire. E come ultimo promemoria, tenete sempre presente che non si tratta di un fenomeno isolato che ha colpito solo voi ma di una situazione assolutamente comune a milioni di persone e che può essere tranquillamente superata senza lasciare traccia sul nostro volto.

Ecco cosa fare per le cicatrici lasciate dai brufoli.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo cicatrici lasciate dai brufoli

Rimedio con il limone per le cicatrici da brufoli

La ricetta del limone funziona

Lascia il tuo commento: