Pelle con brufoli: cosa fare

Avere la pelle con i brufoli è un problema piuttosto diffuso, tanto da essere considerato un fenomeno compreso nella grande vastità che interessano il corpo e l’organismo umano nel momento in cui si trasforma da bambino fino a diventare adulto, ma anche da adulto potrebbero essere ancora presenti i brufoli e sapere questo purtroppo non ci rende più facile accettare l’idea di avere un bel brufolone sul viso, anzi, visti i progressi che la medicina ha fatto negli ultimi tempi, si è sempre alla ricerca del modo migliore per poter mettere fine al nostro calvario.

Pelle con brufoli: cosa fare

Pelle con i brufoli

Bé, perché diciamoci la verità, guardarci allo specchio al mattino e vedere tutti quei punti rossi o bianchi salutarci in modo così allegramente vistoso non è di certo piacevole, anzi a dirla tutta è proprio sgradevole.

Ma perché i brufoli sono così fastidiosi e perché a volte non riusciamo a liberarci di loro tanto facilmente? Ma soprattutto cos’è l’acne e perché si presentano i brufoli?

L’acne comprende quei fenomeni che vedono appunto la comparsa di punti bianchi, punti neri, brufoli, e pustole, queste ultime si presentano piene di pus.

Ma quali sono le cause dei brufoli?

Innanzitutto dobbiamo sapere che la nostra pelle è coperta da piccoli fori, chiamati pori della pelle o pori cutanei. Questi pori contengono gli sbocchi delle ghiandole sebacee, che appunto producono il sebo e lo riversano in questi pori. Il sebo è un olio che ha il compito di mantenere il corretto grado di umidità sui capelli, sui peli e sulla pelle, e fino a che queste ghiandole producono la giusta quantità di sebo, il problema non sussiste e tutto va bene. Ma, nel momento in cui, un poro viene intasato da sebo in eccesso, dalle cellule morte della pelle e dai batteri, questo poro così intasato potrebbe essere fonte di acne.

E si possono verificare quattro evenienze:

  • Se un poro viene ostruito, si chiude e sporge dalla pelle, ed è chiamato punto bianco;
  • Se un poro si intasa, ma non si chiude e rimane aperto, la superficie superiore può diventare buia e si formano i punti neri;
  • Quando invece qualche volta, le pareti del poro si rompono, il sebo, i batteri e le cellule morte della pelle possono arrivare in profondità nella pelle, provocando una piccola infezione che prende il nome di brufolo;
  • Ma se questi batteri, le cellule morte e il sebo, arrivano ancora più in profondità si possono creare delle infezioni più gravi che prendono il nome di cisti.

Quindi i brufoli sono causati dai batteri e dalle cellule morte che fluiscono nei nostri pori della pelle, una mossa preventiva può essere quella di lavare il nostro viso con un sapone detergente e delicato, con ph neutro per non alterare il tasso di umidità della pelle e seccare eccessivamente. Perciò bagnate il sapone con acqua tiepida e poi applicatelo sul viso con la punta delle dita e delicatamente compiete dei movimenti circolari in modo da massaggiare la pelle, e soprattutto non strofinate la pelle e non utilizzate nessun tipo di panno o tampone. Risciacquate infine il viso con acqua tiepida e asciugatelo con un asciugamano di cotone morbido, e ancora una volta, non strofinate l’asciugamano sul viso. E dopo il lavaggio, quando la pelle è ancora umida, utilizzate un qualsiasi prodotto detergente. Mentre invece, assolutamente non utilizzate prodotti astringenti quotidianamente, perché essi seccano in modo quasi estremo la pelle

Prodotti e lozioni contro i brufoli

Per fortuna molte lozioni e creme sono in vendita presso le farmacie per aiutare a combattere i brufoli. Quelle più comuni sono a base di perossido di benzoil o di acido salicilico, in quanto il primo è in grado di uccider ei batteri che hanno causato l’acne ed è in grado anche di ridurre il gonfiore prodotto dai brufoli, mentre invece l’acido salicilico secca la pelle aiutandola a sbarazzarsi dei brufoli. Tuttavia, quando si utilizza un prodotto per l’acne, assicuratevi di seguire le indicazioni correttamente, e non utilizzatelo più di quanto è indicato nel foglietto illustrativo, anzi una mossa saggia e astuta da fare, è provarne un pochino sulla pelle e aspettare, per accertarsi di non essere allergici al prodotto. E non rinunciate al trattamento, anche se il giorno dopo l’applicazione del prodotto non vedete risultati, perché l’acne richiede settimane o mesi per poter guarire completamente.

Oltre ai brufoli in generale, esiste un altro tipo di acne più particolare, quella che spesso è conosciuta come acne stagionale, ed è una condizione in cui la pelle ha un’allergia o una sensibilità particolare ai cambiamenti delle stagioni, con conseguenze per la pelle come brufoli ed arrossamento. Ed anche in coloro che hanno normalmente pochi rapporti con i brufoli se la loro pelle è sensibile ai cambiamenti di stagione, in tali periodi si potrebbe manifestare. L’acne stagionale però, può anche derivare dallo stress di alcuni eventi, come matrimoni, balli, feste, lauree e riunioni.

Ma quali sono i sintomi dell’acne stagionale? Questi sono:

  • Le chiazze di arrossamento;
  • Le desquamazioni;
  • Gli eczemi;
  • La pelle ruvida;
  • I brufoli;
  • La secchezza;
  • Le eruzioni cutanee;
  • E qualche volta anche prurito.

E il problema più grande, è che utilizzare dei detergenti per pulire profondamente il viso e i pori della pelle, non allevia o migliora la situazione, ma potrebbe addirittura aggravare il problema.

Cause dei brufoli stagionali

Solitamente, il momento dell’anno più florido per ritrovarsi con dei brufoli stagionali è quello che si trova a cavallo tra il mese di settembre e di ottobre, e cioè quando l’estate se ne va per lasciare il posto all’autunno, e quindi, nel periodo in cui l’umidità nell’aria diminuisce, il che significa che una delle cause maggiori di questo tipo di brufoli è l’aria secca, che sulle pelli sensibili può avere un effetto negativo. Fortunatamente, anche per l’acne stagionale, esistono alcuni trattamenti utili per migliorare un po’ le nostre condizioni, di fatto i trattamenti usati per l’acne in generale, non sono indicati per curare anche quella stagionale, e questo perché è stato notato che quei metodi erano poco efficaci o addirittura non scaturivano nessun effetto o reazione sulla pelle. Uno dei modi per curare questo problema, è innanzitutto attraverso la pulizia, utilizzando però un detergente molto delicato, in modo da non rischiare di irritare ulteriormente la pelle, come potrebbe accadere utilizzando un detergente ad azione profonda, che di solito sono consigliati per l’acne in generale. Una cosa molto utile da fare, è poi utilizzare una crema idratante, in quanto se la causa scatenante dei brufoli è l’aria secca, i prodotti più indicati per proteggere la pelle sono proprio quelli idratanti. Un’altra soluzione può essere quella di avere uno o più umidificatori in casa, e questo provvedimento è molto utile perché quando l’aria è secca, vuol dire che in essa c’è poca umidità, per cui riportando l’umidità nell’aria a livelli normali, diamo alla nostra pelle un po’ di sollievo.

Ultimo consiglio in caso di pelle invasa dai brufoli

Inoltre, un ulteriore vantaggio dell’umidificatore si ha per la respirazione, in quanto permette di mantenere i passaggi delle vie aeree sempre umidi, impendendo loro di seccarsi. Tuttavia, prima di attuare qualsiasi misura di prevenzione o di cura, è bene farsi visitare da un medico, in quanto prima di applicare qualsiasi trattamento, dobbiamo essere sicuri su quale tipo di acne dobbiamo agire, e quindi se siamo affetti da quella stagionale o da quella generica, o ancora, se la responsabile dei nostri disagi sia una delle tante malattie della pelle. E solo una figura specializzata, come il medico dermatologo, può fornirci tali informazioni nel modo più dettagliato possibile.

Informazioni utili in caso di pelle con la presenza di brufoli.

Bellezza corpo: uomo donna

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo pelle con brufoli: cosa fare

Il mio consiglio per chi ha la pelle con i brufoli è di lavare la pelle con il sapone di Marsiglia

Ciao a tutti! Ho trovato molto utili tutti i consigli nei confronti dei brufoli, e ringrazio tutti quelli che hanno partecipato a scrivere gli articoli, però ho notato che manca un consiglio, molto pratico e molto poco dispendioso: io ho una pelle affetta da acne che di estate tende a peggiorare ed una pelle mista tendente al grasso. Ho provato un trattamento del genere: prima mi lavo con un sapone specifico per pelli miste/grasse, ed a seguire con il sapone di Marsiglia (tipo anche Sole, quello che si trova al supermercato). Questo sapone ha un'effetto seccante e dopo due tre giorni la condizione è molto migliorata. In aggiunta la sera prima di andare a dormire uso una crema molto idratante per evitare che la pelle si secchi, ed i risultati si vedono!!!

La pelle con i brufoli

Io sono molto affetta di questa malattia. Ho provato le creme di tutti i tipi. Ho trovato anche miglioramenti in alcuni, dopo di che non più di tanto perché ritornavano di nuovo a venire fuori. Bene ecco vi dico cosa ho capito che devo fare per sbarazzarmi. Ho cominciato a non mangiare i salumi, dolci e fritto, raramente, perché ho fatto caso che ogni volta che consumavo questi alimenti mi venivano fuori i brufoli. Poi ho cominciato a non usare le creme, ma al mattino quando mi lavo il viso uso sapone, di solito uso alla Bardana si trova in Erboristeria, è purificante, costa sui 5 euro, e un sapone normale, esso secca la pelle un può che aiuta a far scomparire i brufoli, poi durante il giorno se serve mi lavo un altra volta, altrimenti prima di andare a letto, meglio 2 volte al giorno, poi se e grave anche 3, perché si rischia di seccare troppo la pelle. E specialmente per le ragazze giovani,io ho 24 anni,e ho cominciato a non usare i fard,e tutti tipi di cosmetici che nascondano i brufoli, aiutano solo a aumentare la malattia, fate a meno, e vedrete che il vostro viso sarà più pulito,bello e sano.Grazie.

Lascia il tuo commento: