Camomilla Romana

Camomilla romana, quali proprietà e benefici possiede? La Camomilla Romana è una pianta nota per la sua proprietà amaro-tonico, stimola l'appetito e migliora la digestione e per quanto riguarda l'aroma il suo olio essenziale viene impiegato in liquoreria e in profumeria.

Camomilla Romana

Camomilla Romana

La pianta di camomilla romana:

Nome comune: Camomilla romana
Francese: Camomille romaine
Inglese: Roman camomille
Famiglia: Asteraceae
Parte utilizzata: fiori

 

Costituenti principali della camomilla romana:

  • olio essenziale (0,4-1,5%): esteri acido angelico (85%), metacrilico, tiglico, isobutirrico, e alcoli alifatici; (e p*-pinene, (i-cariofillene, 1,8-cineolo, camazulene (tracce)...
  • 0,6% lattoni sesquiterpenici (sostanze amare): germacranolidi (nobilina, 3-epinobìlina)
  • polifenoli: acido caffeico e derivati; flavonoidi (apigenina, luteolina), cumarine e derivati catechici

Attività principali della camomilla romana:

antiflogistica; antispasmodica (> emmenagoga); carminativa

Proprietà benefiche della camomilla romana per:

  • dismenorrea;
  • difficoltà digestive;
  • congiuntiviti (uso esterno)

Effetti benefici della camomilla romana:

La Camomilla romana presenta azione farmacodinamica, anche se meno marcata, ed indicazioni analoghe a quelle della Matricaria recutita L. (antiflogistica, antispasmodica, carminativa). Se ne differenzia, però, per una più spiccata attività amarotonica ed emmenagoga. È un utile spasmolitico nella dismenorrea. La Camomilla romana può essere utilizzata, nella dispepsia e nel meteorismo, come spasmolitico, quindi, degli stati spastici del sistema gastrointestinale (flavonoidi). Grazie all'azione antibatterica e sfiammante viene utilizzata in soluzione per il lavaggio di ferite (infuso al 3%) e come collutorio. L'acqua distillata di Camomilla romana viene consigliata per bagni oculari e lozioni palpebrali o cutanee in genere (ibidem).

Olio essenziale di camomilla romana:

L'olio di Camomilla romana, preparato scaldando a b. m. per qualche ora 10-40 g di capolini in 100 g di olio, serve per frizioni contro i dolori articolari, le nevralgie e colite. È molto probabile che all'azione antiinfiammatoria della pianta, data la scarsa presenza di azulene e l'assenza di bisabololo nell'olio essenziale, contribuiscano i flavonoidi e i germacranolidi.

Curiosità sulla camomilla romana:

  • Il nome deriva dal greco antos- fiore.

Tossicità ed effetti secondari (controindicazioni) della camomilla romana:

La letteratura non segnala effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale. Si ricorda infatti che solo in soggetti predisposti, per somministrazioni prolungate e posologie elevate, la pianta può determinare disturbi gastrici da iperacidità (principi amari).

Forme farmaceutiche e posologia della camomilla romana:

Infuso: infondere, per 10 minuti, 2-3 g di fiori in una tazza d'acqua calda, filtrare e bere tre-quattro tazze al dì.
Anthemis nobilis T.M. 30 gocce due-tre volte al dì.

Camomilla Romana e le sue proprietà curative utili per apportare benessere all'organismo.

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo camomilla Romana

Camomilla Romana

Ho letto con particolare interesse tutte le proprietà della camomilla romana, vi ringrazio per le informazioni utili e chiare.

Lascia il tuo commento: