Il bassotto: un cane simpatico

Il Bassotto, detto anche Bassotto tedesco (più precisamente Dachshund, dalla lingua madre) è un cane di piccola/media taglia proveniente dalla Germania, ma allevato da secoli anche nei territori Britannici ed in buona parte degli Stati Uniti e dell’Europa. 

Il Bassotto è un cane unico nel suo genere, viste soprattutto le dimensioni del suo corpo, maggiormente sviluppato in lunghezza che in altezza, e dotato di piccole zampe che nel complesso donano al cane un aspetto particolarmente simpatico. Ad oggi sono riconosciute 9 specie di Bassotto che si dividono rispettivamente in 3 gruppi, in base soprattutto a determinati loro aspetti fisici come la taglia, la lunghezza ed il tipo di pelo, e sono: Standard, Nano e Kaninchen (detto anche “Toy”). Sebbene con il trascorrere del tempo il Bassotto abbia spesso rivestito ruoli divertenti, talvolta deriso scherzosamente vista la sua strana forma bassa ed allungata, non bisogna dimenticare di quanto questo animale abbia rappresentato per la Germania e per la caccia al tasso, visto com’è  dotato di un forte spirito da segugio combinato al carattere di un Terrier, destrezza nell’inseguimento e fierezza in presenza dell’uomo, per cui nutre un profondo rispetto.

Storia ed origini del Bassotto: il Bassotto “tedesco” nella storia

Anche se in tempi più moderni le origini del Bassotto cosiddetto “tedesco” vengano attribuiti appunto alla Germania, in realtà esistono alcuni reperti storici che affermano di come già nell’antico Egitto ci fossero dei cani molto simili al bassotto; ad ogni modo, più recentemente attorno al XV secolo quando cominciò ad essere allevato nei territori tedeschi con lo scopo di avere un fedele amico ed un fedele compagno per la caccia alla volpe. E’ infatti proprio la caratteristica forma del Bassotto ( Dachshund ) che gli permette di rincorrere le prede come i tassi, i conigli, le volpi, cervi feriti ecc. sotto la fitta boscaglia e di infilarsi nelle tane per affrontarli, e permettere al padrone di catturarli. Questo suo ruolo ed i suoi successi nella caccia fecero del Bassotto un simbolo per tutto il popolo tedesco, a tal punto che le Olimpiadi estive di Monaco di Baviera nel 1972 ebbero come mascotte un pupazzo di Bassotto vivacemente colorato, conosciuto con il nome di Waldi.

Precedentemente, durante la Prima Guerra Mondiale, il Bassotto  subì un crollo di popolarità nei paesi in guerra contro la Germania come gli Stati Uniti e l’Inghilterra, dove assunse un’immagine troppo legata ai rivali che stavano combattendo, suscitando malcontento nei suoi confronti da parte della popolazione di tali Pesi. Pensiero popolare ed episodi storici a parte, il Bassotto ha comunque svolto nel corso della storia un ruolo da protagonista in diverse situazioni, considerando quanto fosse presente in praticamente tutte le Corti Reali d’Europa, sia come fedele animale da compagnia che come eccellente cane da caccia per i tassi, ma anche di molti altre prede anche molto più grandi di lui.


I diversi tipi di Bassotto in base alla taglia: caratteristiche fisiche del bassotto

Il Bassotto viene da secoli allevato secondo i gusti e le esigenze in tre diverse specie che si differenziano tra loro prettamente per determinate caratteristiche fisiche come la taglia od il tipo di manto/pelo, ma che comunque mantengono la peculiarità comune di avere un corpo lungo, solido ed affusolato, con un collo teso e muscoloso, che tiene in posizione naturalmente eretta, se non quando deve seguire una pista. La testa del Bassotto presenta anch’essa una forma allungata che parte dal largo cranio, per terminare nel tartufo particolarmente sviluppato, impareggiabile nel fiutare la preda. Le orecchie di questo cane sono caratteristicamente lunghe ed adagiate lungo la testa, dai quali spiccano due grandi occhi vispi e vigili. La prima cosa che si può notare in qualsiasi tipo di Bassotto Tedesco è la sproporzione tra la lunghezza del suo tronco e l’altezza dei suoi arti (senz’ombra di dubbio caratteristici della razza), ma nonostante ciò la sua andatura non ne risente minimamente, muovendo il corpo con fare grazioso, ma scattante ed energico. 

I tre gruppi principali della classificazione ufficiale del Bassotto, dentro al quale sono presenti le 9 specie totali, sono rispettivamente:

  • Bassotto Standard: il primo Dachshund, detto anche Teckel, è il Bassotto originariamente utilizzato per la caccia, in quanto è il più grande di taglia della sua razza, potendo arrivare ad un peso ideale di 9-10 kg. Il Bassotto Standard può avere pelo corto, duro o lungo, con diverse colorazioni.
  • Bassotto Nano: è la versione “mini” del Bassotto Standard, ed il suo peso ideale si aggira attorno ai 5-6 kg, anche se tende a prendere facilmente peso; dal carattere particolarmente amabile, questo fedele cane si dimostra anche particolarmente longevo riuscendo a vivere fino ad oltre 16 anni. Anch’esso può avere tre diversi tipi di pelo e molteplici tonalità.
  • Bassotto Kaninchen: letteralmente “da conigli”, è la versione più piccola del Bassotto tedesco, conosciuto anche con l’aggettivo “Toy”, in Inglese. Molto amato per le sue minute dimensioni è un ottimo animale da compagnia, grazioso e giocherellone, e può avere pelo lungo, corto o duro in vari colori in base all’incrocio effettuato.


Differenze dei vari tipi di Bassotto in base alla lunghezza del pelo ed al colore

Secondo l’Associazione Cinologica Internazionale la razza del Bassotto si suddivide in diverse specie non solo per la stazza dell’esemplare, ma anche per la tipologia di pelo, caratteristiche che possono andare dalla lunghezza alla colorazione, come spiegato di seguito:

  • Bassotto a pelo corto: caratterizzati da un manto liscio e lucente, fitto e ben attaccato alla cute, dotato di sottopelo su tutto il corpo, leggermente meno folto nella zona della coda. Le colorazioni del Bassotto a pelo corto, possono essere di tre tipi, Unicolore, Bicolore o tipo Arlecchino.
  • Bassotto a pelo duro: il manto del Bassotto a pelo duro ricopre praticamente tutto il corpo fatta eccezione per le orecchie e la zona attorno agli occhi; folto e ben aderente alla pelle, questo cane mostra anche un fitto sottopelo ed è caratterizzato da una barba ben pronunciata, così come una coda più pelosa rispetto alla specie a pelo corto. Il colore caratteristico del Bassotto a pelo duro e ruvido si avvicina alla tonalità marrone scuro e sfumature cinghiale.
  • Bassotto a pelo lungo: vestito da un  manto liscio, morbido e brillante, il Bassotto a pelo corto presenta le caratteristiche ideali per gli amanti della bellezza e del fascino, anche per i propri amici a quattro zampe. Il pelo di questa specie si allunga nelle orecchie, nella parte bassa del collo e del ventre, così come nelle zampe e nella coda, dove forma una sorta di frangia. I colori del Bassotto a pelo lungo vanno dal monocolore fino alla tonalità arlecchino.

Colori tipici del bassotto

Il colore del Bassotto è uno dei fattori ai quali la gente sembra più attenta e pretenziosa, vista anche la varietà di tonalità che questa razza canina sembra poter assumere con facilità. In generale esistono tre tipologie elencate che differenziano le varie specie di Bassotto, rispettivamente a pelo corto e lungo:

Monocolore: I Bassotti unicolori presentano quasi sempre un manto fulvo, con tonalità che possono andare dal giallo al nero, od avere anche la presenza di piccole macchie bianche che possono cambiare con la crescita dell’esemplare. 

Bicolore: i Bassotti bicolori presentano un colore di base solitamente scuro come il marrone cupo o lo stesso nero, con segni evidenti di tonalità che vanno dalla ruggine al giallo, solitamente nel muso, orecchie, zampe, ventre o coda.  Queste macchie e segni appaiano rade e sconnesse tra loro, senza un segno preciso e non è possibile controllarne lo sviluppo.

Arlecchino: i Bassotti di tipo arlecchino sono diventati davvero molto popolari e ricercati negli ultimi anni, e vengono chiamati anche “striati” o esemplari “tigrati”. Sebbene anche l’arlecchino abbia come colore di base un manto prettamente scuro, il pelo è ampiamente macchiato di striature e macchie non troppo grosse su praticamente tutto il corpo, con lo scopo che non è possibile distinguere quale tra i diversi colori prevalga. I segni sono solitamente di colori come il fulvo, il giallo o il marrone chiaro, e spesso anche bianco candido.


Carattere, educazione ed addestramento del Bassotto: come educare e addestrare il Bassotto

Essendo nato per la caccia con un carattere molto particolare, il Bassotto tedesco è un cane davvero intraprendente e predisposto a seguire spesso il suo istinto, agendo con irruenza, agitazione e molta, molta fermezza in ciò che fa. In poche parole, non è proprio semplicissimo addestrare od educare un Bassotto come molti altri cani da compagnia, anche se rimane comunque un cane eccezionalmente fedele al proprio padrone per cui si getterebbe senza la minima esitazione in qualsiasi pericolo. Se per la caccia è abbastanza facile insegnare il comando “VAI” al proprio Bassotto per rincorrere una qualsiasi preda, che tende a rincorrere anche nella più fitta boscaglia senza nessuna traccia di paura, leggermente diversa potrebbe essere la situazione se si desiderasse insegnare il comando di ritorno al proprio cane, per il quale è fondamentale impiegare la tecnica cosiddetta “a premio”. La tecnica a premio consiste appunto nel dare una ricompensa al cane una volta eseguito il comando, che può essere un bocconcino di cibo, un biscottino o qualsiasi cosa che possa stuzzicare il suo interesse; con il cibo non c’è mai stato nessun problema!  

Come per le altre specie di cane, sarà sicuramente molto più facile educare o addestrare il vostro Bassotto se cominciate quando è ancora un cucciolo, in quanto dispone di una capacità di apprendimento superiore rispetto all’età adulta, dove si è già abituato a determinati modi comportamentali ed atteggiamenti, difficili da sostituire dopo essere cresciuto. Ecco perché una buona pratica sarebbe quella di dedicare almeno 15-20 minuti al giorno al proprio cucciolo di Bassotto, facendo delle vere e proprie “sessioni” di addestramento specifico per i comandi che desiderate fargli memorizzare e per le esigenze educative di cui necessitate. Non demordete se non notate i segni sperati in poco tempo, le tre parole d’ordine per chi desidera educare a dovere il proprio amico Bassotto sono : dedizione, fermezza e pazienza! Senza però dimenticare l’amore che provate per il vostro fantastico cane e che il vostro rapporto deve durare una vita intera, motivo per cui non è assolutamente necessario accelerare le cose e pretendere il massimo da lui fin da subito.


Alimentazione del Bassotto: cosa mangia e cosa non mangia il Bassotto tedesco

I Bassotti sembrano avere da sempre una predisposizione alimentare molto varia, che li porta spesso a preferire ed esigere lo stesso cibo che mangia il suo padrone: in realtà sarebbe bene far mantenere al proprio cane un regime dietetico basato solo su crocchette, biscotti o altre forme di cibo secco, assicurandosi che siano di qualità e non contengano composti nocivi per la sua salute. Tenete d’occhio i cambiamenti d’appetito, di peso o alcuni segni come l’istinto di grattarsi che può avere il vostro Bassotto, così da monitorare costantemente cosa mangia e capire cosa invece non dovrebbe mangiare per il suo bene. Cercate di dare da mangiare al vostro amico ad orari fissi ogni giorno, così da imporli delle regole ben precise che lui sicuramente memorizzerà imparando a rispettarle; per quanto riguarda le quantità di cibo che dovrete dare ogni giorno al vostro Bassotto, ciò rimane strettamente legato ad alcuni fattori come l’età, il peso e lo stato di salute del cane, per questo vi consigliamo di chiedere consiglio al vostro veterinario di fiducia per stabilire un piano alimentare correttamente equilibrato per le esigenze del vostro amico a quattro zampe.  

Ad ogni modo, se decidete di provvedere voi stessi alla preparazione dei pasti giornalieri del vostro cane non dimenticate che dovrete rispettare accuratamente alcune regole base per garantirvi che il fabbisogno nutrizionale del vostro Bassotto venga rispettato, non facendo mai mancare nella ciotola alimenti con: proteine (essenziali per fornire energia all’organismo e placare il senso di fame), grassi (indispensabili per la costruzione delle membrane cellulari, fungendo come dei veri e propri “serbatori” di riserva per il corpo dell’animale), vitamine (per il mantenimento della salute e delle difese immunitarie).

Essendo più unico che raro, conoscere le caratteristiche del Bassotto tedesco ed il suo modo di comportarsi diventa importantissimo se vi state accingendo a far entrare nella vostra vita questo eccezionale cane segugio, ottimo anche come fedele animale da compagnia.

Il cane bassotto è un cane bello e particolare

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: