Capelli bianchi cosa mangiare

Chi ha i capelli bianchi cosa si consiglia di mangiare per curarli? Come la natura impone, il passare del tempo lascia dei segni incancellabili sulle persone, segni visibili e inconfondibili, come ad esempio le rughe, che segnalano il processo d’invecchiamento al quale il corpo umano è sottoposto e al quale non può sottrarsi. Il segnale forse più evidente del passaggio del tempo è l’imbiancarsi dei capelli.

Capelli bianchi cosa mangiare

Capelli bianchi cosa mangiare

Questo avviene perché col il tempo i follicoli del capello smettono di produrre melanina, sostanza presente nel corpo e dal quale dipende il colore della pelle, nonché della peluria che ricopre lo stesso e proprio per questo motivo, molte persone non accettano di avere i capelli bianchi e cercano di porvi rimedio con tinture e tagli particolari che aiutino a mascherare il candore dei capelli.

Oltre all’invecchiamento e quindi alla graduale diminuzione della produzione di melanina, ci sono altre cause che provocano l’imbiancarsi del capello e sono:

  • Condizioni mediche: eventuali assunzioni di medicinali particolari possono provocare questo fenomeno
  • Genetica: ovvero una predisposizione genetica
  • Mancanza di vitamine: alcune delle quali regolano proprio la produzione della melanina
  • Una dieta carente di alcuni e determinati nutrienti: questa condizione ha come conseguenza la scarsa assunzione di alcune vitamine idonee al mantenimento del corpo umano giovane e forte

Come si evince dall’elenco di alcune delle cause tra le più importanti troviamo la dieta e quindi quello che mangiamo, fattore determinante che incide in maniera profonda sull’invecchiamento del corpo e sulla crescita dei capelli bianchi; infatti molte persona ignorano le potenzialità curative di una buona dieta, non solo per la cura dei capelli, me per la salute generale dell’intero corpo.

Ma allora cosa mangiare per evitare i capelli bianchi?

Una buona alimentazione aiuta la salute e rallenta l’invecchiamento del corpo e facendoci sentire molto più attivi e meno vecchi. Quando si parla di dieta intendiamo una vera e propria alimentazione equilibrata, sana che prevede di mangiare di tutto, evitando fritti ed altri alimenti che non sono propriamente salutari per il nostro corpo come ad esempio quei cibi ricchi di colesterolo e grassi saturi assolutamente da evitare.

Curare il proprio programma dietetico alimentare favorisce anche il rallentamento del processo di incanutimento dei capelli, che è ritenuto da molte persone antiestetico ed assolutamente da contrastare. 

Come fare e cosa mangiare?

Molto semplice:

  • Mangiare cibi ricchi di vitamina B: il complesso delle vitamine del gruppo B è alla base della risoluzione del problema dell’incanutimento soprattutto se precoce. Le vitamine B6 e B12 aiutano la produzione dei globuli rossi del sangue, i quali sono il mezzo utilizzato per trasportare ossigeno e nutrimento per tutto il corpo e quindi anche fino al cuoio capelluto; si capisce quindi l’importanza che rivestono per mantenere il capello del suo colore naturale. Un cibo sicuramente ricco di vitamina B6 è il riso integrale.
  • Mangiare cibi ricchi di rame: questo è essenziale per la produzione di melanina e si capisce che quindi un’eventuale carenza di rame possa influenzare tale processo e di conseguenza anche favorire l’imbiancamento del capello. Ecco perché si consiglia di mangiare cibi ricchi di rame seppur non in quantità smodate, come ad esempio il fegato, semi di girasole, lenticchie, arachidi e mandorle. Soprattutto le mandorle che contengono grosse quantità di rame, sono facili da reperire e molto più gustose rispetto ad altri cibi come funghi o ostriche.
  • Aggiungere alla dieta anche cibi ricchi di selenio: questo infatti gioca un ruolo importante per quanto riguarda l’imbiancamento del capello, essendo la principale risorsa per la produzione di ormoni che combattono i radicali liberi, principale causa del problema dell’invecchiamento della pelle e soprattutto dei capelli. Proprio per questa sua proprietà, esso è alla base di molti prodotti anti-età e anticaduta dei capelli, ed è bene, quindi, assumere pietanze che possano fornirci il selenio necessario per contrastare i radicali liberi. Un cibo sicuramente ricco di questo elemento è il pesce, soprattutto il salmone del quale si consiglia di consumare almeno 200 grammi per due volte a settimana, in modo tale da garantire il giusto apporto di selenio al corpo e combattere i radicali liberi contrastando l’imbiancamento dei capelli.
  • Assumere cibi ricchi di vitamine antiossidanti: mangiare cibi che contengono vitamina A, C e E le quali agiscono sul processo di invecchiamento, che causa il problema della formazione dei capelli bianchi, e inoltre come per il selenio, anche queste vitamine contrastano i radicali liberi mantenendo il capello giovane più a lungo.

I cibi consigliati sono: i legumi, le verdure a foglia verde, la frutta in genere, pomodori, patate. E’ consigliato bere un bicchiere di spremuta di arancia la mattina in quanto questo frutto contiene grandi quantità di vitamina C, l’antiossidante per eccellenza che rafforza il sistema immunitario e combatte i radicali liberi rallentando il processo di invecchiamento.

Spesso si ricorre a trattamenti per capelli costosi e che comunque, per la maggior parte, contengono sostanze chimiche che non sono propriamente indicate per la salute generale del nostro corpo e che quindi sarebbe meglio evitare.

La natura ci mette a disposizione tutto il necessario per combattere i segni del tempo, compresi i capelli bianchi e, se ci pensiamo anche a costi praticamente molto mini. Una spremuta di arancia ogni mattina costa molto meno di un trattamento anti-caduta o anti-età da fare in qualche centro estetico; inoltre siamo sicuri di quello che ingeriamo o che ci spalmiamo sulla cute, affermando di essere assolutamente certi che sono del tutto naturali e verificati direttamente dai sottoscritti interessati e senza aggiunta di sostanze tossiche che potrebbero addirittura causare allergie.

Il mangiare sano è sempre la migliore soluzione, qualsiasi sia il nostro problema. Ricorrere a sostanze chimiche è una scelta da fare in extremis e quando non si hanno altre soluzioni ed in ogni caso sempre dopo un consulto medico. In conclusione una buona dieta ed il giusto mix di cibi e vitamine, assimilate costantemente, possono ritardare il processo di invecchiamento del nostro organismo e permetterci di sfoggiare una capigliatura giovane e senza capelli bianchi molto più a lungo.

Suggerimenti utili per sapere cosa mangiare per i capelli bianchi.

Capelli: bellezza capelli

Lascia il tuo commento: