Capelli bianchi tinta

Coprire i capelli bianchi con la tinta è una buona scelta? Chiunque, raggiunta una certa età inizierà a vedere trai propri capelli i primi fili bianchi. Talvolta questo rappresenta un grande problema, per le molte persone che non riescono a convivere con il nuovo look, ma fortunatamente al giorno d’oggi esistono così tante tecniche di colorazione dei capelli che coprire i capelli più chiari non rappresenta più un problema.

Capelli bianchi tinta

Capelli bianchi tinta

La prima cosa da fare è trovare il giusto colore per i propri capelli e dopo aver fatto ciò bisogna decidere per quanto tempo il colore deve durare: se ad esempio si desidera colorare i capelli soltanto per una determinata occasione o semplicemente perché si vuole cambiare il colore per qualche breve periodo, è possibile optare per una colorazione temporanea. Prodotti di questo genere sono basati su una formula a base acida, progettata per rivestire solo il capello e non penetrare nel suo fusto così da permettere l’eliminazione della colorazione dopo qualche lavaggio dei capelli. Nel caso in cui invece desideriate una colorazione semipermanente, dovrete scegliere un’altra tipologia di prodotti che grazie alle piccole molecole che li costituiscono, riescono a far penetrare gli agenti coloranti nel fusto del capello. Colorazioni di questo tipo sono in genere fatte per accentuare la profondità del colore naturale dei propri capelli o per renderlo di una tonalità più scura, per tale ragione è di solito effettuata su capelli chiari. Tuttavia, anche questi prodotti non garantiscono una colorazione permanente, ma è senza dubbio un effetto di più lunga durata rispetto alle colorazioni temporanee, perciò se siete alla ricerca di una soluzione che duri nel tempo puntate la vostra attenzione su un prodotto di questo tipo. Questi ultimi sono le soluzioni ideali per coprire i capelli grigi o bianchi. Trattamenti semipermanenti utilizzano delle creme di colore che si applicano sui capelli e che mantengono la loro efficacia per alcuni mesi al massimo, all’incirca dalle 4 alle 8 settimane. La durata varia anche in base alle volte in cui i capelli vengono lavati ed in base all’aggressività dello shampoo utilizzato. Se intendete utilizzare un prodotto che vi garantisca l’effetto per un periodo di tempo relativamente breve, dopo aver selezionato il colore adatto per voi e definito l’intervallo di tempo durante il quale l’effetto del colore permarrà, bisogna che passiate alla decisione del tipo di colorazione da adottare ovvero se una colorazione naturale o chimica. Prima di scegliere per l’una o l’altra tipologia è necessario conoscere i pro ed i contro di entrambe le scelte.

I coloranti naturali permettono una tinta temporanea dei capelli. Alcuni prodotti naturali che è possibile utilizzare come coloranti sono: succo di mirtilli, thè ed henné. Al lato opposto vi sono invece gli agenti chimici di colorazione dei capelli che possono essere acquistati in confezioni fai da te e che è possibile trovare dal vostro parrucchiere o in negozi specializzati. A differenza dei coloranti naturali, questi sono meno delicati sulla pelle e sui capelli e nonostante la maggiore aggressività di questi prodotti, la durata dell’effetto non è poi così tanto differente.

La cosa più importante riguarda come detto la decisione del prodotto da utilizzare. La ragione per cui è necessario porre attenzione su questa scelta è dovuta al fatto che molte delle colorazioni chimiche che è possibile acquistare, contengono ingredienti che spesso possono influenzare il risultato finale della colorazione a causa dei processi chimici che gli stessi capelli subiscono durante la fase di colorazione. Oltre ciò è bene fare attenzione alla durata della colorazione, al fine di evitare spiacevoli sorprese future. Scegliere una colorazione temporanea o semipermanente in base al tempo durante il quale si desidera mantenere il colore. Nel caso in cui venga scelta una colorazione semipermanente e al termine delle settimane durante le quali il colore mantiene la propria tonalità, si volesse far durare il nuovo colore ancora per altro tempo, provvedete ad applicare nuovamente lo stesso tipo di colorazione sui vostri capelli, prima che sia troppo evidente il colore naturale dei vostri capelli. Questo tipo di colorazione è tra le migliori per la copertura dei capelli grigi, ma occorre fare molta attenzione a non esagerare con un loro utilizzo data la grande quantità di perossido presente in essi, elemento che danneggia la salute e la struttura dei capelli.

Utilizzando solo erbe naturali e spezie si arreca meno danno alla salute dei propri capelli ed allo stesso tempo si riescono a nascondere i fili bianchi. Scegliendo questa alternativa è bene assicurarsi di non prendere in considerazione erbe che abbiano effetti negativi sul sistema nervoso dell’uomo, che non provochino aumenti di pressione sanguigna o che stimolino il corpo promuovendo convulsioni, nervosismo o attacchi di panico. Porre ancora più attenzione su soggetti epilettici, elettro-sensibili o con sensibilità agli stimolanti e sugli anziani. Tutto ciò che viene applicato sul cuoio capelluto viene poi assorbito dalla pelle. Ricercare quindi gli effetti che hanno sul corpo le spezie e le erbe, prima di utilizzarle. Per andare più sul sicuro scegliete camomilla, salvia, curcuma e cannella. Procuratevi quindi questi ingredienti in polvere e procedete nella preparazione dell’impacco da applicare come tintura sui vostri capelli. In una pentola d’acqua riempita con circa un litro di acqua fredda, aggiungete mezza tazza di salvia e tre bustine di thè ed altre tre di camomilla. Fate bollire il liquido per 30 minuti e trascorsa questa mezz’ora, lasciate riposare il liquido per circa due ore, in modo da farlo raffreddare. Filtratelo e quindi applicatelo sui capelli. Lavate i capelli con quest’acqua e lasciateli che si asciughino da soli per diverse ore. Trascorso il tempo necessario sciacquate con acqua ben pulita ed asciugate come di consueto fate. I risultati saranno soddisfacenti e diversi in base al colore dei capelli: se si parte da dei capelli bianchi si otterrà un effetto biondo cenere, se invece i capelli sono grigi diventeranno biondo scuro con alcuni riflessi color oro; se invece l’impacco è applicato su dei capelli castani, questi diventeranno più scuri. I colori si mescolano creando un effetto naturale. È possibile, se si desidera, aggiungere al liquido preparato anche della curcuma o della cannella, ma non esagerate con la quantità di curcuma in quanto crea un giallo artificiale sui capelli bianchi. Il colore più naturale possibile è ottenuto dalla salvia combinata alla camomilla; è tra l’altro possibile variare la composizione dell’impacco per ottenere delle graduazioni diverse di colorazioni. Procedendo con colorazioni frequenti di questo tipo si riesce a scurire notevolmente i propri capelli.

Alcuni esperti erboristi consigliano l’utilizzo della salvia non solo su capelli bianchi, ma anche su capelli castani, in modo da rafforzarne il colore naturale.

Si ricorda che benché questi rimedi siano molto efficaci, così come garantito dalle molte persone che hanno provato personalmente, sono delle tecniche eseguite a partire da una base di elementi naturali che non provocano alcun effetto collaterale o reazione avversa sui capelli, purché vi siate prima assicurati di non avere alcuna allergia verso queste.

Non solo quando iniziano a comparire i primi capelli bianchi, ma anche molti anni prima, in maggior numero le donne iniziano a colorare i propri capelli. Alcune di loro iniziano a fare le prime colorazioni già da adolescenti, altre attendono invece di notare i primi capelli grigi. Non importa quando si decida di colorare i capelli, la cosa fondamentale è che prima di procedere con la colorazione bisogna essere a conoscenza di tutti gli elementi importanti e dei prodotti utilizzati in modo da non rovinare i propri capelli.

Suggerimenti sulla tinta e altri metodi per coprire i capelli bianchi.

Capelli: bellezza capelli

Lascia il tuo commento: