Integratori alimentari per i capelli bianchi?

Utlizzare gli integratori alimentari per contrastare  la comparsa dei capelli bianchi può essere un buon trattamento coadiuvante. Non tutti hanno il fascino di Sean Connery o di George Clooney e vedono tristemente i propri capelli imbiancarsi chiedendosi se ci sia la possibilità di trovare una soluzione per ritrovare la capigliatura corvina di un tempo.

Integratori alimentari per i capelli bianchi?

Integratori capelli bianchi

La prima considerazione da fare è che non si tratta di una malattia: è un processo del tutto naturale che semmai si può presentare in alcuni soggetti in anticipo rispetto alla media. Quindi, il consiglio iniziale è di non farsi prendere dal panico ma valutare con calma la situazione per cercare il rimedio più adatto al proprio caso. Non è facile individuare la via più efficace perché le ragioni che possono provocare il progressivo passaggio al grigio dei nostri capelli sono davvero numerose. Ma è bene fare uno sforzo ed un esame ad hoc: prima si capisce l’origine del fenomeno, prima si può iniziare una cura con la fiducia di chi sa dover intervenire. E’ bene capire se all’invecchiamento dei capelli corrisponde un indebolimento; nella maggior parte dei casi si tratta soltanto di un’accelerazione di un’azione comune a tutti. Ogni bulbo capillare contiene melanina che garantisce il pigmento naturale della nostra chioma: biondo, rosso, castano e moro seguendo un’infinità di tonalità e sfumature. Con il passare del tempo, la melanina inizia ad avere maggiori difficoltà ad offrire la pigmentazione necessaria e il ricambio cellulare si fa molto meno intenso. Il risultato è il comparire sempre più diffuso di capelli bianchi o grigi. Come detto, nessuno è eternamente immune da questo processo: semplicemente in alcuni si avverte prima o in maniera più intensa rispetto ad altri.

Cause dell’incanutimento

Genetiche: E’ la ragione più ovvia; se vostri dei molti familiari sono accomunati dall’avere i capelli bianchi anche in età non avanzata, allora è probabile che anche a voi tocchi lo stesso destino. In tal caso, cercate di essere tempestivi ed iniziate un trattamento specifico appena iniziata a notare la comparsi di ciuffi candidi.

Mancanza di vitamine: E’ uno dei problemi più diffusi e per fortuna più facili da risolvere. Se non assumiamo una quantità adeguata di vitamine, soprattutto quella B12, possiamo favorire il processo di incanutimento dei capelli. Chiaramente, la risposta più valida consiste nel ristabilire l’equilibrio integrando con un’alimentazione adeguata o con prodotti sintetici

Stress: Soprattutto quando si notano capelli bianchi in soggetti molto giovani, a volte addirittura studenti, la causa potrebbe risiedere nello stress. La tensione nervosa ha molteplici aspetti negativi per il nostro organismo: quello di carattere tricologico non è certamente il più grave ma può essere un indicatore di una situazione di disagio

Fumo: Ovviamente sui pacchetti di sigarette tra i tanti moniti non compare quello che avverte sul fatto che il fumo possa favorire la comparsa di capelli bianchi poiché le conseguenze del tabagismo spesso sono estremamente più gravi. Semmai, per le persone fumatori, potrebbe rivelarsi un incentivo ulteriore a smettere per salvaguardare la brillantezza della propria chioma

Integratori e vitamine che possono aiutare

Ormai le case cosmetiche offrono una gamma pressoché infinita di prodotti per tingere i capelli tali da risultare specifici per ogni caso e per ogni colore. Ma per chi non volesse divenire schiavo della tintura, vi è la possibilità di seguire strade alternative ingerendo vitamine ed elementi che possano bilanciare eventuali carenze. La distinzione più rilevante nel trattamento dei capelli bianchi consiste nella diramazione tra prodotti sintetici e prodotti naturali. La finalità è la medesima: fornire all’organismo quelle vitamine la cui carenza può provocare un precoce incanutimento e che devono quindi essere assolutamente integrate per ripristinare l’equilibrio. Tuttavia, spesso alcuni luoghi comuni rischiano di fornire un’immagine distorta della realtà e vanno spazzati via per evitare di commettere errori di valutazione tanto gravi da pregiudicare la buona riuscita della cura. Innanzi tutto, va sottolineato come non necessariamente i prodotti sintetici siano da considerare peggiori: sono certificati e testati, quindi è illogico avere preclusioni a priori. Per ogni singola vitamina si può scegliere la soluzione più indicata decidendo caso per caso per optare per il rimedio naturale o per quello sintetico.

Ecco una lista di vitamine ed elementi che servono per nutrire i capelli e rallentare il processo d’invecchiamento:

  • Betacarotene: Il betacarotene viene assimilato dal nostro organismo per produrre vitamina A. Le fonti naturali sono contenute principalmente nella frutta e nei vegetali: chi volesse scegliere questa via, può farlo senza controindicazioni. Ma anche coloro che non prevedono dosi sufficienti di questi alimenti nella propria dieta, possono avere una comoda soluzione nei prodotti sintetici che non comportano controindicazioni;
  • Vitamina B: Per la salute dei capelli la vitamina più importante è la B12: la carenza di essa porta all’impoverimento del bulbo e spesso ad una anticipata chioma bianca. Anche la vitamina B9 con l’acido folico è particolarmente utile per la salute della nostra testa e va preservata con cura. La vitamina B6 può essere assunta mangiando alimenti ricchi fibre come cereali o il riso integrale.
  • Rame: Sembra incredibile eppure numerosi ed attendibili studi confermano come questo elemento preso in piccole dose possa rafforzare la nostra capigliatura ritardando il passaggio ad una chioma brizzolata. Il consiglio evidentemente è di non esagerare perché il rame oltre una certa soglia rischia di essere tossico con conseguenze anche rilevanti: ovviamente non vale la pena di mettere a repentaglio la propria salute per un motivo meramente estetico;
  • Selenio: Si tratta di un minerale particolarmente studiato dai tricologi che hanno notato come spesso colore che presentano una chioma ricca di capelli grigi senza che via una spiegazione ereditaria, hanno valori di selenio molto bassi. Come detto per il rame, anche il selenio è un elemento che va utilizzato con cautela e stando sempre attenti a non superare determinati valori. Per questo è bene chiederea anche l’ausilio di un medico per somministrare il dosaggio più corretto per ogni singolo caso;
  • Vitamina E: La vitamina E ha notevoli proprietà come antiossidante e può essere facilmente trovata nei cibi. E’ contenuta in molta frutta e verdura ed inoltre è particolarmente ricca nella soia: che può essere assunta nella versione più semplice ma anche in surrogati o derivati come il latte di soia o la farina di soia. Si può scegliere anche l’opzione sintetica e assumere capsule di vitamina E che possono rivelarsi utili anche per altri disturbi
  • Frutta e verdura: Sono gli alimenti più ricchi di vitamine e, pertanto, sono sempre consigliati. Non è detto che riescano ad arrestare l’imbiancare dei capelli ma certamente non comportano controindicazioni.

Quindi, quando guardandovi allo specchio, vi accorgete che la vostra pettinatura sta assumendo tonalità indesiderate con l’avvento di zone tinte di bianco, è importante mantenere la lucidità e seguire passi precisi. Il primo è quello di fissare un appuntamento con un esperto: anche se può apparire banale, è necessario rivolgersi a medici e professionisti del settore evitando ciarlatani che promettono risultati prodigiosi nell’immediatezza. Talvolta, l’analisi del capello può servire per svelare eventuali carenze vitaminiche che possono avere conseguenze più gravi: ecco perché è bene valutare le cause del problema. Quindi si può concordare un trattamento teso ad integrare eventuali mancanze senza però mai eccedere nel tentativo di arginare il processo. E’ bene ricordarsi come molti divi dello spettacolo hanno tratto giovamento dall’avere una capigliatura brizzolata: non è detto che il cambiamento di colore sia inevitabilmente uno svantaggio.

Alcune tipologie di integratori alimentari che possono essere utili per i capelli bianchi.

Integratori alimentari

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo integratori alimentari per i capelli bianchi?

Vi ringrazio per i consigli sulle integrazioni alimentari

Ho letto con attenzione i vostri consigli, ho riscontrato miei errori di comportamento alimentare, dati anche dal fatto che allatto il mio bambino e sicuramente tutte le vitamine sono portate via dal mio organismo per il latte.
Cercherò di avere più cura nell'assumerle e Vi ringrazio vivamente.

Mi sono comparsi i primi capelli bianchi da quando avevo 15 anni

Salve,sono una ragazza di 22 anni e mi sono spuntati i capelli bianchi gia' dall'eta' di 15 anni. Andai da un dermatologo appena vidi due tre capelli bianchi e mi disse semplicemente che la causa puo' essere una carenza di melanina.ora,sono passati molti anni e non ho mai fatto degli accertamenti.come mi devo comportare?

Lascia il tuo commento: