Capelli danneggiati

Coapelli danneggiati cosa fare? Se i capelli risultano danneggiati, pima di disperare è bene sentire il proprio consulente di fiducia il quale facilmente troverà la soluzione e vari rimedi analizzando le possibili cause.

I capelli danneggiati possono essere frutto di utilizzo errato di phon, piastra, esposizione al sole, pernanente, tinta, meches e molti altri prodotti non impiegati opportunamente. I capelli danneggiati possono essere problematiche comuni ed inerente anche esclusivamente semplici fenomeni come la secchezza o l’effetto crespo. Infatti, esistono problemi più consistenti, come ad esempio il danneggiamento del fusto capillare, una condizione che interessando in profondità la struttura del capello, è molto difficile da trattare adeguatamente.

Capelli danneggiati

Capelli danneggiati

I capelli danneggiati sono un problema da non sottovalutare

Tra le cause principali dei capelli danneggiati c'è sicuramente una condizione di stress legata a un abuso di trattamenti effettuati sulla chioma, soprattutto a causa di acidi stiranti, permanenti e tinture aggressive. Questi prodotti vanno usati con una grande cautela, e, soprattutto, da esperti del settore, poiché si tratta in ogni caso di agenti chimici, che, se tenuti in posa per tempi prolungati o se applicati erroneamente, possono compromettere seriamente la salute dei capelli. Anche l’utilizzo troppo frequente di phon ad alte temperature, ferri arricciatori e piastre possono letteralmente bruciare i capelli. Quando il capello viene danneggiato dal contatto con strumenti a temperature troppo elevate, c’è ben poco da fare, perché maschere e olii ristrutturanti potranno agire in maniera molto limitata e superficiale.

La parola d’ordine per evitare il danneggiamento della chioma è innanzitutto prevenire. Quando notiamo che i capelli stanno diventando troppo secchi, dobbiamo effettuare immediatamente dei trattamenti che riescano a nutrirli in profondità, limitando il rischio di danni più seri. Questi prodotti vanno applicati con costanza, anche per diverse settimane per poter ottenere dei risultati evidenti. Se invece il danno è troppo esteso, l’unica soluzione potrebbe essere quella di tagliare i capelli; per evitare di arrivare al punto di dover ricorrere a tagli molto corti, bisogna spuntare i capelli possibilmente ogni mese, per rimuovere le doppie punte ed eventuali parti danneggiate.

Capelli danneggiati, cosa fare?

  • Se il problema è la tintura: la maggior parte delle tinture per i capelli di ultima generazione rappresenta più un problema per il cuoio capelluto. Oggi, infatti, non tutte presentano sostanze chimiche aggressive, come l’ammoniaca, per cui anche chi ha i capelli danneggiati o deboli può ugualmente tingerli. Il problema si verifica quando dopo lo shampoo, la chioma si asciuga quasi all’istante; ciò indica che i prodotti chimici contenuti nella tintura, hanno reso i capelli estremamente porosi. I prodotti ideali per chi vuole evitare che la chioma si danneggi, sono dei coloranti arricchiti con creme idratanti, oppure delle tinture semi-permanenti, che durano meno di quelle normali, ma non indeboliscono il fusto capillare.
  • Se il problema è la messa in piega: la messa in piega non è generalmente un problema, ma può diventarlo se si utilizzano le spazzole o gli attrezzi sbagliati, che possono strappare o tirare i capelli. Per valutare lo stato di salute della nostra chioma, possiamo metterci di spalle ad una lampada e osservarci allo specchio; se lungo la chioma si intravedono capelli sottili che spuntano trasversalmente sulle lunghezze e sull’attaccatura, si tratta di capelli spezzati. Per evitare questo problema, basta utilizzare le spazzole adatte, con setole lisce e morbide, evitando quelle in plastica con delle piccole sfere all’estremità. Inoltre, è opportuno evitare di spazzolare i capelli bagnati, ma aspettare che si allontani un po’ di umidità prima di iniziare con la messa in piega. Un altro accorgimento, quando si asciugano i capelli, è di prelevare volta per volta piccole ciocche, e asciugarle dall’inizio fino alle estremità.
  • Se il problema sono le acconciature: piastre e ferri arricciacapelli possono danneggiare la cuticola esterna del capello, che così rilascia all’esterno le sostanze nutrienti contenute al suo interno. Per valutare se il capello ha subito dei danni in seguito all’uso frequente di questi attrezzi, provate ad arricciare un capello attorno al dito, quindi immergetelo in un bicchier d’acqua; se non torna liscio, vuol dire che ha perso elasticità. Per evitare di incorrere in questo problema, è opportuno evitare di utilizzare strumenti di oltre 5 anni, preferite le moderne piastre in ceramica, e prima di asciugare i capelli, utilizzate spray o sieri a base di dimeticone, che crea una barriera protettiva per i capelli.

Per quanto riguarda i prodotti per i capelli nutrienti, come balsami e maschere, ecco quattro cose che dovreste sapere:

  • Controllate gli ingredienti: raramente questi prodotti possono riparare immediatamente i capelli danneggiati, ma possono contribuire a rinforzarli e prevenire che il danno si estenda.
  • Provateli a secco: questi prodotti possono rivelarsi ancora più efficaci se applicati sulle punte dei capelli asciutti, prima dello shampoo, per poi ripetere di nuovo l’applicazione dopo il lavaggio.
  • Effettuate una maschera: almeno una volta alla settimana i capelli andrebbero aiutati con una maschera idratante che nutrono in profondità i capelli, soprattutto se in formulazioni oleose.

Un altro problema per i capelli può essere rappresentato dal mare. L’acqua e il sole possono diventare nemici per la chioma.

Ecco cosa fare:

  • Spray anti-UV: in commercio si trovano molti prodotti specifici per una giornata al mare, che aiutano a proteggere dai raggi UV. Il sole, infatti, può seccare i capelli, e i raggi UV possono diventare pericolosi, non solo per la pelle, ma anche per il cuoio capelluto e la chioma.
  • Creme waterproof: prima di immergervi in acqua, inumidite i capelli ed effettuate un impacco con una crema resistente all’acqua, che li protegga dall’azione del sale o, in piscina, del cloro.
  • L’asciugamani giusto: al mare, ma anche a casa, preferite gli asciugamani in microfibra per tamponare i capelli qualche minuto prima di asciugarli.

Capelli danneggiati cause

Il primo passo per risolvere ogni problema consiste nell’identificare quali sono le cause alla base di esso. Per quanto riguarda i capelli danneggiati, bisogna riflettere su tutte le abitudini, i prodotti, o gli strumenti utilizzati in precedenza, che possano aver causato problemi alla chioma.

Tra le cause principali troviamo:

  • Trattamenti chimici: la causa più comune dei capelli danneggiati sono sicuramente i trattamenti che vengono effettuati su di essi. Permanenti, stiranti, tinture e decoloranti possono contribuire al danneggiamento dei capelli, poiché spesso vanno a rompere le cuticole esterne protettive del fusto capillare, compromettendone l’integrità.
  • Cause meccaniche: spazzolare troppo spesso e con le spazzole sbagliate i capelli può danneggiarli seriamente. Anche il sale o il cloro dopo una nuotata, il sudore o gli accessori per capelli possono diventare un problema.
  • Raggi solari: il sole non agisce negativamente sui capelli sani, ma se sono presenti lesioni a livello del fusto, i raggi UV penetreranno al suo interno, danneggiandoli.
  • Piastre e arricciacapelli: questi strumenti raggiungono temperature elevate, che, a stretto contatto con le ciocche di capelli, possono seriamente comprometterne la salute.
  • Farmaci: alcuni farmaci, come i chemioterapici utilizzati per la cura del cancro, alcune sostanze per contrastare l’acne come l’isoretinoina, o il litio, utilizzato per il trattamento del disturbo bipolare, o le anfetamine, spesso prescritte per ridurre il senso di fame, possono danneggiare i capelli. per questo, se avete notato un cambiamento nella struttura della chioma in seguito all’assunzione di uno di questi prodotti, non esitate a parlarne con il vostro medico. Se possibile infatti, lo specialista sarà in grado di sostituire il farmaco che stanno assumendo con qualcosa di uguale efficacia, ma che non si ripercuota sulla salute dei capelli.

Capelli danneggiati rimedi

Tutte le donne vorrebbero una chioma sana, forte e luminosa come quella pubblicizzata sulle confezioni di molti prodotti per capelli. Nella realtà, però, i capelli sono spesso secchi, danneggiati, sfibrati a causa di molti fattori, come disturbi alla tiroide, dieta non equilibrata, inquinamento, sole e abuso di prodotti chimici. Infatti, le cause più comuni di questa problematica  sono da ricercare proprio nello shampoo, spesso troppo aggressivo o usato troppo frequentemente, oppure nei prodotti che si utilizzano per le permanenti o le tinture, o ancora piastre e ferri arricciacapelli. Anche l’esposizione prolungata ai raggi solari o al vento può danneggiare la chioma.
Prima di spendere una fortuna in trattamenti disponibili in farmacia o nei saloni di bellezza provate con alcuni rimedi casalinghi economici e pratici.

Esistono infatti molti rimedi casalinghi che si possono attuare, anche se non saranno mai efficaci quanto quelli disponibili in farmacia, soprattutto se il danno è esteso.

  • Maionese: applicate della maionese sui capelli prima di ansare a dormire, e avvolgete la chioma in un panno. Risciacquate al mattino. L’odore non è dei migliori, ma noterete l’ottimo risultato. La maionese è infatti la soluzione ideale per il trattamento dei capelli secchi; è realizzata infatti con aceto, uova e olio, tre ingredienti estremamente idratanti, che favoriscono la salute dei capelli. Se non riuscite a tenere l’impacco tutta la notte, potete in alternativa applicarlo per circa venti minuti, e quindi lavare poi i capelli con lo shampoo normale.
  • Uova e miele: mescolate un uovo con del miele e applicate sui capelli; lasciate agire per dieci minuti, quindi procedete con lo shampoo.
  • Albume d’uovo: aprite delicatamente un uovo, lasciando cadere solo l’albume in una ciotola, e gettate il resto. Mescolate l’albume con un po’ d’acqua e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo. Sciacquate i capelli con acqua calda e applicate il composto. Massaggiate per qualche minuto e risciacquate con acqua fredda.  
  • Aceto di mele: l’aceto di mele è un ottimo detergente e purificante per il cuoio capelluto, ma conferisce anche lucentezza ai capelli, aiuta ad equilibrare il pH, e previene la formazione di irritazioni e forfora. Mescolate mezzo bicchiere di aceto di mele con mezzo bicchiere di acqua fredda. Dopo lo shampoo e l’applicazione del balsamo, risciacquate i capelli con questa miscela dalle radici alle punte, lasciando agire per qualche minuto, quindi risciacquate con acqua fredda. Se i capelli sono particolarmente secchi, si può prolungare il tempo di posa per qualche minuto in più.
  • Birra: la birra è realizzata con malto e luppolo, che contengono una quantità elevata di proteine, essenziali per la salute dei capelli. la birra ammorbidisce e purifica i capelli, ripristina livelli equilibrati di pH, e rende la chioma luminosa ed elastica. Questo rimedio casalingo viene spesso utilizzato da Catherine Zeta Jones, che idrata i suoi capelli con birra e miele.
  • Avocado e banane: l’avocado è ricco di vitamine A, B, D ed E, nutrienti, acidi grassi essenziali, aminoacidi e potassio. Ha proprietà umettanti ed idratanti, che favoriscono il nutrimento del cuoio capelluto, stimolano l’attività dei follicoli piliferi, e conferiscono ai capelli una consistenza setosa e un aspetto luminoso. L’avocado è il trattamento ideale per tutti i tipi di capelli, ma soprattutto per quelli particolarmente secchi. Le banane, invece, sono ricche di potassio, carboidrati, vitamine e oli naturali che rendono i capelli morbidi e proteggono la loro naturale elasticità. Usando le banane come trattamento per i capelli, si può prevenire la rottura delle fibre capillari, e la formazione delle doppie punte. Viene inoltre controllata la comparsa della forfora, e i capelli diventano luminosi. Per realizzare una maschera fai-da-te, si può mescolare mezza banana e un quarto di avocado con un cucchiaio di yogurt bianco. Frullate tutto in un mixer, e applicate sui capelli, dalle radici fino alle punte, lasciando agire per almeno 20 minuti, e quindi risciacquate con acqua fredda e procedete con lo shampoo.
  • Olio d’oliva: l’olio d’oliva è ricco di vitamine A, E e K e contiene un’elevata quantità di antiossidanti e squalene, un idratante naturale. È un ottimo districante per i capelli, e aiuta a controllare la secchezza della chioma e la comparsa della forfora. Inoltre, conferisce il giusto livello di idratazione ai capelli e al cuoio capelluto, e stimola l’elasticità dei capelli. l’olio extravergine d’oliva è l’ideale da applicare sulla chioma, poiché offre più benefici alla pelle rispetto agli altri tipi di olio, che vengono sottoposti a ulteriori lavorazioni. Un buon trattamento a base di olio d’oliva consiste nel mescolare due cucchiai di olio extravergine d’oliva con un quarto di cetriolo sbucciato e un uovo, fino ad ottenere un composto omogeneo, da applicare sulla chioma e lasciar agire per almeno 15 minuti. Quindi risciacquare bene e procedere con lo shampoo e il balsamo.

Capelli danneggiati da phon, tinta e permanente

Prima di intraprendere qualsiasi trattamento specifico, bisogna comprendere esattamente quale sia il problema dei vostri capelli, e quali siano le motivazioni alla base di esso.

I capelli secchi sono una condizione molto comune, causata da condizioni climatiche, come sole e vento, e da abitudini errate che vengono spesse messe in pratica.

Ecco alcuni accorgimenti da seguire per trattare i capelli secchi:

  • Utilizzate shampoo delicati, a pH basso, e applicate prodotti oleosi dopo aver lavato i capelli, per ripristinare la giusta idratazione della chioma.
  • Eliminate l’abitudine di asciugare i capelli con il phon a contatto ravvicinato con i capelli e a temperature troppo elevate, così come piastre e arricciacapelli vecchi e deteriorati. Preferite invece gli strumenti in ceramica, che protegge i capelli dal contatto con le elevate temperature.
  • Usate trattamenti specifici, come le maschere o gli olii idratanti, almeno una volta alla settimana, per cercare di riparare il danno.
  • Per quanto riguarda invece i capelli danneggiati dall’uso di tinture permanenti, ecco alcuni consigli per ripristinare la salute della chioma:
  • Utilizzate shampoo e maschere specifici per i capelli colorati, che non aggrediscono i capelli trattati, e prolungano la permanenza del colore
  • Applicate prodotti protettivi quando andate in spiaggia o in piscina, e cercate di lavare i capelli con acqua naturale imbottigliata prima di immergervi in acqua
  • Un’altra causa del danneggiamento dei capelli potrebbe essere la permanente. Essa consiste nell’applicazione di prodotti chimici per mutare la forma del capello, da liscia a riccia e viceversa. Per poter prevenire i danni alla chioma, basta seguire alcuni accorgimenti:
  • Utilizzate prodotti specifici per i capelli trattati, che sono più delicati e non ostacolano l’azione degli agenti chimici.
  • Applicare maschere e balsami estremamente nutrienti, poiché una volta effettuata la permanente, i capelli risultano più porosi, quindi possono reagire in maniera differente ai vari prodotti applicati
  • Asciugate i capelli con un diffusore, dopo aver applicato prodotti volumizzanti o gel sulle punte, che proteggono i capelli dal contatto col calore del phon
  • Spuntate i capelli almeno ogni sei settimane, per mantenere intatta la permanente, e stimolare la crescita dei capelli

Considerazione finele sui capelli danneggiati

In conclusione, i fusti dei nostri capelli  si allungano fino a sette millimetri a settimana. La parte più vecchia e maggiormente esposta alle aggressioni esterne è quella delle punte. Spesso non sono solo gli agenti atmosferici o lo stress a causarne l'indebolimento, ma anche i numerosi trattamenti chimici a cui sottoponiamo la nostra capigliatura nel corso della nostra vita. Infatti, permanenti, tinture non adeguate, prodotti troppo aggressivi rischiano di causare un serio danneggiamento del fusto del capello. Spesso, la classica "spuntatina" alle cosiddette doppie punte non basta. Quando il problema è diventato più consistente, occorre considerare dei veri e propri trattamenti che siano in grado di fornire delle giuste sostanze al fusto del nostro capello, in modo da rinforzarlo, idratarlo e proteggerlo a partire dalla struttura, e non quindi semplicemente agendo in superficie.

Consigli e rimedi utili ed efficaci in caso di capelli danneggiati.

Capelli: bellezza capelli

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo capelli danneggiati

Capelli danneggiati

grazie per questo articolo mi è stato molto utile

Consigli ottimi per chi ha capelli danneggiati

Grazie per i consigli sono davveri ottimi......

Preziosi consigli per trattare i capelli danneggiati

grazie per i consigli, sono veramente preziosi...

Consigli per capelli danneggiati

Grazie per i consigli ne sperimenterò sicuramente qualcuno.

Ricette per i capelli danneggiati

proverò sicuramente qualche ricetta...

Articolo sui capelli danneggiati

tutto è giusto, ma non usate oli minerali petrolati e paraffina e dimethicone, perchè fanno MALISSIMO ai capelli! :)

Capelli danneggiati e olio di argan

Consigliatissimi i prodotti quelli a base di olio di argan... e a chi usa la piastra come me, usatela bene, regolate bene la temperatura e usate piastra di ceramica e tormalina... rispettano maggiormente i nostri capelli... io ne uso da qualche anno una della karmin e non ho mai avuto problemi... Ho comprato anche un trattamento favoloso un kit all' Olio di Argan di Pro-Naturals ,Ragazze...I MIEI CAPELLI SONO FANTASTICI !!! CONSIGLIATISSIMO! XXXXX 5 STELLE!

Consigli utili su come trattare i capelli danneggiati

Grazie i vostri consigli mi sono stati utilissimi e veramente soddisfacenti.

Risposte utili sui capelli danneggiati

Da molto tempo cerco delle risposte serie come quelle fornite da te. In seguito ad una brutta esperienza dovuta ad una tintura realizzata a casa seguiro' certamente i tuoi consigli. Grazie di cuore.

Capelli danneggiati e consigli per idratare i capelli danneggiati

Grazie per questi consigli. Mi rendo conto che i miei capelli sono spezzati da quando ho usato Splendor al cocco, che al posto di idratarli mi ha seccato i capelli. Io fin da piccola ho avuto bei capelli, e oggi per evitare ogni possibile danno mi sn tagliata 4 cm dal mio parrucchiere. Prossimamente proverò a idratarli con l'olio di Oliva

Capelli danneggiati dai parrucchieri

Ho i capelli fini e difficili da pettinare e sostenere. Un paio di settimane fa mi sono recato presso un negozio Jean Louis David di Varese-Iper e oltre al taglio ho chiesto all'operatore informazioni circa un trattamento di sostegno alla radice che era descritto in un opuscolo Jean Louis David. Mi ha convinto ad effettuarlo nonostante avessi chiesto informazioni circa l'opportunità di porre l'acido sui capelli fini. Ebbene...hanno lavorato la mia testa in tre (pareva che si spalleggiassero l'impegno)...epilogo...ho i capelli completamente bruciati e spezzati. Mi ritrovo la parte superiore della testa con dei vuoti incredibili nei quali ci sono capelli a spazzolina (cortissimi/spezzati). Un disastro totale per colpa di ragazzini che non solo sono incompetenti ma che non hanno neppure voglia di lavorare. Ho scritto alla azienda Jean Louis David ma non mi hanno mai risposto. La dice lunga sulla professionalità e serietà del marchio.

Capelli danneggiati e consigli utili a riguardo

Ho i capelli danneggiati da colpi di sole e sono arrabbiata perchè ci sono parucchieri che sanno benissimo di fare danni e continuano a farli.
grazie per i consigli utili che ho trovato in questo forum. spero di poterli risistemare. grazieee !!

Lascia il tuo commento: