Cefalea omeopatia

Cefalea e omeopatia: Circa il novanta per cento delle cefalee sono causate da tensione e stress, e più in particolare le cause sono la tensione che si viene a creare al collo e alla schiena, dovuti a loro volta ad un irrigidimento dei muscoli del collo e della schiena, e tutto ciò provoca la cefalea.

Omeopatia e rimedi omeopatici per la cefalea: Queste cefalee da tensione possono essere causate da qualsiasi tipo di stress, dal compimento di uno sforzo eccessivo, stare in ambienti troppo freddi o troppo caldi, dormire troppo o troppo poco, non assumere una postura corretta quando si cammina, quando si siede, o si alzano pesi, mangiare troppo o troppo poco. E talvolta si pensa che ci si possa nascondere dietro una cefalea, per poter dire al nostro capo che non riusciamo a finire quel lavoro, o per dirgli che non siamo per niente in grado di lavorare quella mattina, o per dire a nostro marito che deve andare lui a fare la spesa, perché noi proprio non ce la facciamo, tuttavia se i nostri denti sono così serrati, se il collo è così rigido, e se i nostri occhi sono così stanche che non riusciamo a focalizzare bene o a leggere una frase scritta con caratteri cubitali, allora la nostra cefalea non è di certo una scusa, ma anzi essa ci impedisce di svolgere le nostre mansioni quotidiane, tanto che l’unica cosa che saremmo davvero in  grado di fare sarebbe quella di stendersi su di un letto e riposarsi un po’. Ma c’è da dire, che a volte la cefalea è così intensa e dolorosa che forse anche con la testa a appoggiata sul cuscino e gli occhi chiusi, il dolore ed il fastidio restano lì dove sono, e quindi l’unico modo per trovare sollievo è assumere un farmaco antidolorifico, o un anti-infiammatorio, come ad esempio l’aspirina, e tempo mezz’ora massimo un’ora, la cefalea sarà solo un brutto ricordo.

cefalea omeopatia

Omeopatia e cefalea


Omeopatia e cefalea

Tuttavia, noi potremmo appartenere a quella categoria di persone che ha assunto una posizione non favorevole nei confronti dei farmaci, e che quindi per una banale cefalea rifiutiamo di assumere farmaci, poiché sebbene questi siano abbastanza efficaci in tempi brevissimi, la loro assunzione comporta comunque il rischio che si verifichino degli effetti collaterali, sia a breve che a lungo termine, ed è per questo che da anni ormai, esistono i farmaci omeopatici, i quali forniscono un’alternativa sicura ai farmaci formati da sostanze chimiche, poiché questi sono formati esclusivamente da sostanze naturali che vengono estratte dalle piante e dalle erbe curative. E ci sono alcune prove scientifiche che mostrano l’efficacia e la sicurezza dell’omeopatia, tanto che alcuni medici la considerano una modalità elettiva per curare i disturbi che affliggono il nostro organismo. 


Rimedi omeopatici per la cefalea

Qui di seguito riportiamo i rimedi omeopatici più efficaci per trattare la cefalea:

  • La bryonia alba, detta anche vite bianca, è una pianta erbacea facente parte della famiglia delle Cucurbitaceae, che risulta essere molto utile quando una persona soffre di una cefalea così intensa che un qualsiasi movimento della testa provoca delle fitte dolorosissime alla testa, anche il solo spostamento dello sguardo da un punto all’altro provoca dolore, in più questi tipi di dolore si verificano tipicamente nella parte anteriore della testa e si estendono all’intera sfera cranica, e di solito compare a metà mattinata e dura fino a fine giornata, e questo tipo di cefalea tende ad essere accompagnata all’indigestione e alla stitichezza;
  • La nux vomica , che può essere utilizzata contro quelle cefalee che sono associate all’aver mangiato troppo, all’aver bevuto troppo alcool, all’aver esagerato con il consumo di caffè, e ad un ambiente di lavoro stressante, questo tipo cefalea di solito è peggiore al mattino quando ci si sveglia, e può dipendere anche da una forte esposizione al vento ed al freddo, e può aumentare se ci si espone ad una forte fonte luminosa o di rumore. Ma si può trovare sollievo anche nello stare chiusi in una camera calda, applicando borse di acqua calda sulla fronte, stando seduti tranquillamente. E questo tipo di cefalea è spesso associata ad irritabilità e a costipazione;
  • La pulsatilla, che viene utilizzata per quelle persone che soffrono di una cefalea estremamente variabile, che può insorgere quando si passa improvvisamente da un ambiente caldo ad uno freddo e viceversa, o anche quando abbiamo mangiato troppi cibi ricchi di grassi, ma questo rimedio è utile anche per quelle donne che soffrono di cefalea quando il loro ciclo mestruale è quasi terminato;
  • La belladonna, che è particolarmente utile per quelle cefalee che producono dei dolori lancinanti ed intensi nelle tempie, e che peggiorano quando ci si espone a luci troppo forti, a rumori assordanti, quando si compiono movimenti bruschi, i capelli della persona interessata sono molto propensi ad elettrizzarsi, inoltre si possono verificare anche durante le mestruazioni o durante la menopausa. In genere queste persone soffrono di questa cefalea nel pomeriggio, o addirittura durante la notte, e i loro dolori tendono a placarsi stando seduti o sdraiati in una camera buia e silenziosa, o anche applicando degli impacchi di acqua fredda sulla testa o esercitando una pressione decisa sulla testa, e tipicamente questa persona ha il colorito del viso acceso, le pupille dilatate e le mani ed i piedi freddissimi.

Cefalea e omeopatia

Ciò su cui si basa l’omeopatia, non è tanto curare il malessere del fisico, ma tenere conto anche del fatto che se stiamo male o abbiamo un disturbo, è perché qualche equilibrio presente nel nostro organismo è stato sconvolto, e mentre gli omeopati sono molto propensi a combinare i trattamenti tradizionali con quelli omeopatici per una migliore soluzione al problema, la comunità medica sta diventando sempre più consapevole che nella cura di una malattia, è importante curarne la componente emotiva, per fare questo quindi si deve attuare una valutazione olistica della persona, cioè il medico nello scegliere il trattamento più adatto per curare quella patologia, deve considerare l’aspetto sociale, psicologico e fisiologico dell’uomo o della donna che ha di fronte, e questo è proprio l’approccio che segue la medicina omeopatica.

Infatti, sebbene l’omeopatia sia un rimedio sicuro a qualsiasi problema, è importante ricordare che questi rimedi non sono così selettivi come i farmaci convenzionali, e quindi se si decide di provare ad affidarsi alla medicina omeopatica come opzione di trattamento senza consultare il medico, dobbiamo scegliere ovviamente un rimedio che sia idoneo ai nostri sintomi derivanti dalla cefalea, ed è molto semplice riuscire a capire quali dose assumere del farmaco perché i dosaggi sono tranquillamente scritti sulle confezioni, tuttavia, nel momento in cui non si riscontra alcun miglioramento entro un tempo ragionevole, allora potrebbe essere necessario interrompere l’uso del farmaco, scegliendone un altro, e questo succede non perché la medicina omeopatica sia poco efficace, ma perché il dolore e la fisiologia di ogni persona è unica nel suo genere, e quindi se anche un rimedio funziona per molte persone, ciò non vuol dire che funziona per tutte, poiché ci possono essere individui su cui ha più effetto, individui su cui ha poco effetto, individui su cui non ha nessun effetto, sebbene la patologia sia la stessa.

Ecco perché sebbene, i rimedi omeopatici non abbiano effetti collaterali, è bene che nel momento in cui decidiamo di assumerne uno, mettiamo al corrente il nostro medico di famiglia, o ancora meglio gli chiediamo consiglio, magari potrebbe essere un esperto in omeopatia e consigliarci per il meglio.

Cefalea e consigli del tutto omeopatici.

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: