Celidonia

La Celidonia è una pianta nota in erboristeria per svariate proprietà benefiche ed alcuni trattamenti a base di celidonia comprendono la cura di calli, vesciche, verruche ed altre condizione di salute della pelle.

La celidonia è una pianta caratteristica della famiglia del papavero, che si trova più o meno in tutto il mondo dato che le sue colture sono presenti in Europa (in particolar modo in Olanda), Nord America ed Asia, impiegata in tutte le regioni del pianeta per diversi scopi, che vanno dal semplice utilizzo alimentare ad il vero e proprio uso medico grazie alle sue notevoli e benefiche proprietà.

Celidonia

Celidonia

La celidonia è una erba perenne con fusti ben ramificati che crescono fino ai 2 metri d’altezza rigonfiandosi in corrispondenza dei nodi dove le foglie appaiono lisce dalla forma allungata, i cui fiori (che si rivelano tra aprile e settembre) sono caratterizzati da un colore giallo brillante e se danneggiati emanano un odore acre e sgradevole all’olfatto.

In passato una delle credenze popolari era dovuta dal fatto che l’olio estratto dalla celidonia potesse migliorare la vista, ecco perché fino a non moltissimo tempo fa gli erboristi creavano con i suoi composti un collirio, pratica che è stata però persa di vista con le innovative strategie per tale scopo, proposte anche dalla medicina omeopatica e da numerosi altri composti naturali. 

Le proprietà della celidonia

Gli erboristi tradizionali impiegavano la celidonia anche per trattare numerosi problemi fisici, come l’ittero ed i disturbi al fegato, mentre come vedremo in seguito la celidonia ritrova una delle sue favolose qualità per trattare inestetismi della pelle come le verruche o i calli: nel corso della storia, infatti, la celidonia veniva impiegata per preparare un favoloso unguento che applicato sulla pelle permetteva la guarigione di vesciche, ustioni e altre condizioni compromettenti la salute cutanea.

La celidonia contiene infatti diversi alcaloidi, pigmenti, caroteni, oli essenziali ed enzimi proteolitici che nel loro insieme combinano varie proprietà benefiche per tutto l’organismo, alleviandone i sintomi derivati da disturbi fisici ed aumentando il suo benessere generale.

La celidonia per le verruche

Uno dei trattamenti che vede l’alto impiego della celidonia ancora al giorno d’oggi è quello per rimuovere le verruche in maniera totalmente naturale, dato che non serve altro che applicare la linfa estratta dal gambo tagliato sulla zona colpita dalla verruca, coprendo la zona con una benda; compiendo questa semplice azione quotidiana la verruca se ne andrà in pochi giorni, senza portare effetti collaterali a patto però che il soggetto non sia affetto da qualche particolare forma di allergia nei confronti della pianta di celidonia.

Le radici e le sommità fiorite di quest’erba officinale vengono utilizzati anche per preparare un unguento per ammorbidire i calli e promuovere la salute generale di tutta l’epidermide, curando i vari inestetismi che compromettono il suo aspetto.

Gli effetti collaterali della celidonia

L’utilizzo delle parti fresche della celidonia può causare disturbi allo stomaco, mentre in alcuni casi sono stati registrati problemi alla cute dopo l’applicazione topica dei suoi estratti, portando sintomi come prurito o lieve irritazione.

Ad ogni modo l’uso della celidonia è sconsigliato alle donne in gravidanza o ai bambini sotto i dodici anni, ma anche gli adulti dovrebbero prestare enorme attenzione alle dosi previste dal medico a riguardo dell’assunzione degli estratti della celidonia officinale.

Succo di celidonia

Contro le verruche si può utilizzare il succo, spremendo la pianta fresca di celidonia. Applicarlo sulle zone da curare, più volte al giorno, ponendo attenzione a non utilizzare il succo su cute sana perché ha un'azione corrosiva, meglio quindi proteggere la pelle con una crema grassa.

Infuso di celidonia

Versare 1/4 litro di acqua bollente su un cucchiaio di pianta essiccata, lasciare in infusione 10 minuti e poi filtrare. Bere 2 o 3 tazze al giorno.

Pomata di celidonia

In caso di verruche ecco una ricetta di Hildegard von Bingen: scaldare a bagnomaria 50 g di grasso di maiale e 10 ml di celidonia. Applicare 1-2 volte al giorno sulle parti interessate.

Celidonia in omeopatia

Il rimedio omeopatico preparato con la celidonia viene utilizzato per curare disturbi a intestino, stomaco, fegato, cistifellea, gotta e reumatismi.

Informazioni sulla nota pianta medicinale chiamata celidonia.

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: