Cibi contro il colesterolo

Conoscere i cibi contro il colesterolo è la prima mossa per cercare di arginare il problema, poichè avere alti livelli di colesterolocattivo” (LDL) nel sangue è uno dei fattori di rischio per le malattie cardiache.Quindi è indispensabile abbassare il colesterolo LDL per ridurre nuovamente il rischio. Il colesterolo è una sorta di grasso presente nel sangue, e serve alle cellule e a produrre certi ormoni. Tuttavia un eccesso di colesterolo nel sangue può occludere le arterie, formando un ateroma. Come risultato di questa ostruzione le arterie si restringono e si induriscono, un processo noto come arteriosclerosi.

Cibi contro il colesterolo

Cibi contro il colesterolo

Se si blocca un’arteria che porta sangue ai muscoli del cuore si può avere un attacco di cuore, se se ne blocca una che porta sangue al cervello si può avere un ictus. Il colesterolo è prodotto dal fegato: l’organismo produce tutto il colesterolo di cui ha bisogno per le proprie funzioni, tuttavia talvolta si verifica un eccesso di colesterolo nel sangue, come risultato di problemi ereditari o di una dieta troppo ricca di grassi saturi o di cibi poco sani.

Alcuni cibi come le uova, il fegato e i crostacei contengono colesterolo, ma il loro contenuto non influisce particolarmente sul livello di colesterolo nel sangue. Vanno comunque assunti con moderazione, all’interno di una dieta bilanciata.

Esistono due tipi di colesterolo:

  • colesterolo HDL (lipoproteinaad alta densità);
  • colesterolo LDL (lipoproteina a bassa densità).

Il colesterolo HDL è detto colesterolo buono perché trascina via i depositi di colesterolo nelle arterie fino al fegato, dove è dissolto o espulso. Attività fisica ed esercizio possono incrementare i livelli di HDL, che protegge dalle malattie cardiache.

Il colesterolo LDL viaggia in tutto il corpo, ed è noto come colesterolo cattivo perché ostruisce le arterie, facendole restringere, con conseguente riduzione dell’apporto di sangue al cuore o al cervello. I cibi ricchi di grassi saturi aumentano i livelli di LDL.

I grassi:

  • grassi poliinsaturi e monoinsaturi: aiutano a ridurre il livello di LDL; si trovano negli oli puri vegetali e nelle margarine derivate da questi oli, oltre che in molta frutta secca e in pesci come sardine, sgombro, trota e salmone;
  • i grassi saturi aumentano il livello di colesterolo LDL e il rischio di malattie cardiache; si trovano in cibi come burro, margarina dura, lardo, crema, formaggio, carni grasse, dolci, biscotti e cioccolata;
  • ancora più pericolosi sono i grassi trans isomeri, presenti nei cibi contrassegnati dalla parola “idrogenato”.

Se un membro della famiglia ha il colesterolo alto o ha avuto malattie cardiache o ictus, è molto importate chiedere al medico delle analisi specifiche. se il risultato supera le 5 mmol/l o se il medico è preoccupato per il livello di LDL e HDL, è opportuno eseguire altri test.

Se si hanno già avuto problemi cardiaci è bene tenere il livello al di sotto delle 2.6 mmol/l.

I livelli ottimali di colesterolo sono:

Come abbassare il colesterolo:

  • iniziare una dieta sana e ridurre il peso in eccesso;
  • mangiare pesce due volte a settimana;
  • mangiare più frutta e verdura;
  • mangiare più cereali e pane integrali;
  • scegliere carni magre;
  • togliere il grasso alla carne e la pelle del pollo;
  • eliminare l’olio in eccesso dai cibi cotti;.
  • mangiare prodotti caseari a basso contenuto di grassi;
  • scegliere condimenti a base di olio d’oliva o di girasole;
  • usare sistemi di cottura a basso contenuto di grassi, eliminando la frittura.

Esistono anche cibi con ingredienti in grado di bloccare l’assorbimento di colesterolo: essi vanno inseriti all’interno di una dieta varia e bilanciata, ma sono piuttosto costosi. Tali cibi ora sono disponibili anche per bambini sotto i cinque anni o per madri incinte o in fase di allattamento.

Se le analisi del sangue mostrano livelli troppo bassi di colesterolo HDL occorre:

  • aumentare l’attività fisica;
  • ridurre il peso;
  • smettere di fumare;
  • assumere farmaci prescritti dal medico.

I trigliceridi sono un altro tipo di grasso del sangue: un loro livello eccessivo influisce sulle possibilità di sviluppare malattie cardiache. I trigliceridi si alzano soprattutto se:

  • si è sovrappeso;
  • si beve troppo alcool;
  • si mangia troppo zucchero;
  • si fa vita sedentaria.

Per ridurre i livelli di trigliceridi occorre gli stessi consigli dati per ridurre il colesterolo LDL, in particolare mangiare pesce, ricco di grassi acidi omega-3. Se si beve alcool non prendere più di un drink al giorno o eliminarlo del tutto. Inoltre ridurre i cibi zuccherati o mangiare alimenti a basso contenuto glicemico o sugar-free; sostituire allo zucchero dei dolcificanti.

Altri fattori di rischio per le malattie cardiache:

  • pressione alta;
  • fumo;
  • peso in eccesso;
  • diabete;
  • vita sedentaria;
  • stress incontrollabile;
  • storia familiare;
  • età.

In generale conviene:

  • mangiare più frutta, verdura, cereali integrali;
  • mangiare meno cibi grassi;
  • mangiare pesce due volte a setimana;
  • smettere di fumare;
  • avere un peso ottimale;
  • aumentare l’attività fisica quotidiana;
  • bere meno alcool;
  • rilassarsi, ritagliarsi del tempo per sé;
  • controllare pressione e colesterolo regolarmente.

Per concludere, la scelta dei cibi che consumiamo è fondamentale per abbassare il colesterolo LDL, ma non basta: occorre anche mantenersi sotto costante controllo medico.

Il potere dei supercibi: cibi contro il colesterolo

I supercibi sono ricchi di sostanze nutrienti e possono aiutare a ridurre il colesterolo.
Tutti i cibi sono in grado di fornire energia al nostro corpo, ma i cosiddetti "supercibi" hanno il valore aggiunto di aiutare la protezione contro le malattie legate al colesterolo.

Ecco alcuni dei migliori supercibi e i consigli su come inserire questi alimenti nella vostra dieta.

Avena

La regina dei supercibi è l’avena. I cereali integrali dell’avena contribuiscono ad abbassare il colesterolo grazie alla loro fibra solubile. Gli studi dimostrano che gli individui con colesterolo alto (oltre 200 mg / dl) che mangiano una ciotola di farina d'avena al giorno abbassano il loro colesterolo in media dall’8% al 23%.

  • Come scegliere il prodotto.

Non è più necessario affidarsi a preparazioni che contemplano una cottura lenta per ottenere una farina d'avena più nutriente. Infatti, oggi abbiamo l’occasione di usufruire di ottime preparazioni istantanee. Pur essendo istantanee esse garantiscono sia un’ottima dose di nutrimento sia una facile reperibilità presso il vostro negozio di alimentari di fiducia. Assicurati di comprare preparati che come ingrediente principale abbiano i fiocchi d’avena.

  • Modalità di preparazione.

Cospargete la vostra farina d'avena con mezzo cucchiaino di cannella per dare una spinta nutritiva in più. La cannella, infatti, abbassa i livelli medi di glucosio nel sangue e riduce il rischio di contrarre malattie che causino infiammazioni.

Legumi (fagioli, lenticchie e ceci)

I legumi sono un'ottima fonte di fibra da servire come un ottimo sostituto della carne in molti piatti.

  • Come scegliere il prodotto.

Se ti è gradita la comodità dei fagioli e dei legumi in scatola, ma non ami l'aggiunta di sale (o hai necessità di ridurre il sodio, secondo il consiglio del medico), puoi facilmente ridurre la quantità di sale semplicemente sciacquando sotto l'acqua corrente l'alimento in un colino che fa filtrare l'acqua, lasciando intatti i legumi.

  • Modalità di preparazione.

I fagioli, le lenticchie e gli altri legumi sono un modo fantastico per aggiungere fibra ad ogni pasto e dare un gusto in più a zuppe, minestroni e insalate. È possibile aggiungere un ¼  di cucchiaino di paprika per un ulteriore dose di ingredienti nutritivi, con la caratteristica di insaporire con il loro gusto piccante.

Avocado

L'avocado è un supercibo poiché è foriero di un colesterolo "buono". Non lasciate infatti che i grammi di grassi totali dell'avocado vi spaventino. Il grasso che si trova nell'avocado è per lo più un tipo di grasso "buono". Le ricerche mostrano che il consumo regolare di avocado può aiutare a ridurre il colesterolo totale e ad aumentare il livello di colesterolo HDL (il cosiddetto colesterolo "buono").

  • Come scegliere il prodotto

Bisogna acquistare un avocado maturo o non maturo? La risposta è diversa a seconda del tipo di avocado. Per l'avocado hass, o meglio conosciuto come avocado argentino, è importante che l'avocado sia nero e leggermente morbido. Questi dovrebbero essere consumati immediatamente dopo l'acquisto. Se l'avocado si presenta morbido alla nostra più leggera pressione, sarà probabilmente già diventato troppo maturo prima di arrivare sulla nostra tavola. Per l'avocado fuerte è meglio acquistare il maggior numero di avocado possibile e attendere diversi giorni per la sua maturazione prima di mangiarli. Se siete di fretta potrete accelerare il processo di maturazione infilando l'avocado in un sacchetto di carta a temperatura ambiente.

  • Modalità di preparazione.

L’avocado e  il guacamole sono un'ottima combinazione per creare un pasto completo.

SALMONE

Il salmone è un supercibo dato che è un'ottima fonte di grassi omega-3, un tipo di grasso che aiuta a migliorare il nostro rapporto con il colesterolo.

  • Come scegliere il prodotto.

Sono migliori i salmoni selvatici o di allevamento? Sia i salmoni selvatici che di allevamento contengono una certa quantità di omega-3 che fanno bene al cuore.

  • Modalità di preparazione.

Cuocere due porzioni di salmone per la cena e conservarne metà per una deliziosa insalata per il pranzo del giorno successivo. Sperimentate con mostarde piccanti e mandorle affettate da aggiunger come delizioso condimento.

NOCI

Le noci sono un supercibo dato che contengono acidi grassi omega-3.

  • Come scegliere il prodotto.

Assicurarsi di trovare noci senza sale così da riuscire a evitare il sodio.

  • Modalità di preparazione.

Noci possono essere facilmente riscaldate al forno (350 gradi, a 8 minuti), al forno a microonde (5 minuti a medio-alta), nella padella o in una terrina di terracotta (da 3 a 5 minuti a fuoco medio-alto con leggero strato di olio d'oliva). Qualunque sia il metodo scelto, dovete controllare e mescolate spesso.

Grazie ai “supercibi” sopraelencati avrete meno problemi a scegliere quello che fa per voi. Mangiare con gusto, anche avendo il colesterolo, si può!

I cibi contro il colesterolo sono i nostri migliori alleati.

Colesterolo - Ridurre il colesterolo

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo cibi contro il colesterolo

Grazie per i consigli per abbassare trigliceridi e colesterolo

Per tenere a bada il colestrerolo ed i trigliceridi cerchero' di seguire scrupolosamente i vostri suggerimenti. Grazie di cuore.

Cibi utili contro il colesterolo

Grazie mille per l'utile consiglio. Sono certo che da domani sarò molto più attento nello sciegliere il giusto alimento da consumare.
Spero che molta gente legga quest'articolo, e come me ne tragga vantaggio per la propria vita. Complimenti e grazie ancora

Grazie per l'informazione! Ne farò tesoro

Lascia il tuo commento: