Colesterolo alto come abbassarlo

Colesterolo alto e come abbassarlo facendo molta attenzione a scegliere gli alimenti giusti nella propria dieta, si possono ridurre significativamente le possibilità di avere il colesterolo alto e, quindi, di sviluppare l’arteriosclerosi, l’ostruzione delle arterie che causa malattie cardiache e colpi apoplettici. Se il processo di ostruzione è già iniziato, con questi alimenti si può comunque rallentare.

Colesterolo alto come abbassarlo

Colesterolo alto abbassarlo

Con alcune attente modifiche al proprio stile di vita si può persino interrompere o invertire il restringimento delle arterie. Se quel che si è detto è molto importante per tutti quelli a rischio di malattie cardiache, lo è anche di più per chi ha avuto un attacco di cuore e/o è stato sottoposto a procedura d’urgenza per riattivare la  normalecircolazione del sangue, come angioplastica, chirurgia per bypass o della carotide. Seguendo alcuni consigli preventivi ci si può proteggere dalla restenosi, cioè un nuovo restringimento delle arterie.

Consigli per gestire il colesterolo

  • Comprendere i risultati del test del colesterolo: il medico può prescrivere dei test per il colesterolo, sia come parte di un check-up standard, sia per il sospetto di rischio di sviluppo di malattie cardiache. Ma è importante anche saper interpretare personalmente i risultati dello screening, informandosi in Rete o presso il proprio medico;
  • consentire al proprio cuore una dieta corretta è un modo efficacissimo per ridurre o persino eliminare alcuni fattori di rischio. Adottare una dieta adatta alla salute cardiaca può aiutare a ridurre il livello di colesterolo cattivo (LDL) o di colesterolo totale, a ridurre la pressione sanguigna, ad abbassare la glicemia e a ridurre il peso corporeo. Mentre e diete più comuni dicono ciò che non si può mangiare ( e di solito si tratta dei propri piatti preferiti!), la più efficace strategia nutrizionale aiuta a focalizzare ciò che si può mangiare. Infatti, la ricerca sugli attacchi di cuore ha dimostrato che aggiungere dei cibi salva-cuore è altrettanto importante che eliminarne altri.

Strategie nutrizionali per ridurre il colesterolo ed abbassare il rischio di malattie cardiache:

  • mangiare più verdure, frutta, cereali integrali e legumi. Questi ottimi cibi possono costituire una delle principali strategie per combattere le malattie cardiache. L’aumento di fibre nella dieta aiuta ad abbassare il LDL;
  • scegliere con attenzione le calorie derivate da grassi. Gli obiettivi sono vari: limitare la quantità di grassi; mangiare una quantità minima di grassi saturi e acidi insaturi (ad esempio i grassi del burro, dei condimenti da insalata, dei dolci e dei dessert); usare per lo più grassi monoinsaturi (ad esempio quelli delle olive e dell’olio di arachidi); usare come opzione nella dieta stanoli e steroli, per abbassare il livello di colesterolo cattivo (LDL);
  • mangiare una gran varietà (ma sempre nella giusta quantità) di cibi proteici: i cibi proteici che si consumano comunemente (carne, prodotti caseari) sono tra i maggiori colpevoli nell’aumento di rischio di attacchi di cuore. Si può ridurre questo fattore di rischio bilanciando le risorse di proteine animali, ittiche e vegetali. Sostituire le proteine animali con quelle della soia dovrebbe ridurre il livello di colesterolo cattivo, il che abbassa il rischio di malattie cardiache. Un alto consumo di acidi grassi Omega-3 riduce il rischio di malattie cardiache, com’è stato dimostrato.
  • limitare il consumo di colesterolo: il coletserolo presente in una dieta può aumentarne il livello nel sangue, specialmente nelle persone già esposte ad alto rischio. Limitare il colesterolo nella dieta è un beneficio in più, perché allo stesso tempo si elimineranno i grassi saturi, dal momento che le due cose si trovano spesso contemporaneamente negli stessi cibi. Il rinnovo energetico dovrebbe derivare dal consumo di carboidrati complessi (pasta e pane integrali, riso scuro o grezzo) e da una limitata quantità di carboidrati semplici (bibite, zucchero, dolci). Se si ha il colesterolo alto, questi carboidrati semplici peggiorano la situazione ed aumentano il rischio di malattie cardiache;
  • nutrirsi con regolarità: saltare i pasti spesso induce fenomeni di sovralimentazione. Per alcuni, consumare 5-6 minipasti può aiutare a tenere sotto controllo la glicemia e a regolare il metabolismo. Questo approccio potrebbe però non essere efficace per coloro che sono tentati di mangiare più del necessario ogni volta che sono esposti alla tentazione del cibo: per costoro un approccio più appropriato potrebbe essere quello di tre pasti bilanciati al giorno.

Altre strategie per la salute del cuore

  • ridurre il consumo di sale, per mantenere sotto controllo la pressione del sangue;
  • esercizio: il corpo umano è programamto per essere attivo; l’esercizio rafforza i muscoli, migliora la circolazione sanguigna, riduce la pressione alta, aumenta il colesterolo buono (HDL) e aiuta a controllare la glicemia e il peso corporeo;
  • idratarsi: l’acqua è il principio della vita. Una buona idratazione fa sentire più vigorosi e aiuta a mangiare meno: si dovrebbero bere da 1 a 2 litri di acqua al giorno, tranne durante determinate terapie;
  • godere di ogni boccone: la dieta deve essere un miglioramento della propria condizione, non uno stato di privazione. quando ciò che si mangia dà piacere, si è più positivi nei confronti della vita, il che aiuta a sentirsi meglio e ad essere meno intemperanti.

In conclusione, non solo la scelta degli alimenti, ma anche quella degli stili di vita può aiutare a prevenire il colesterolo alto. Inoltre, se si è esposti a particolari fattori di rischio, occorre mantenersi sotto costante check-up.

Consigli sul colesterolo alto e come abbassarlo.

Colesterolo - Ridurre il colesterolo

Lascia il tuo commento: