Colesterolo alto cosa comporta

Il colesterolo alto comporta una maggiore predisposizione alle malattie cardiache, il colesterolo alto è un problema sempre più comune nelle società occidentali, e può causare gravi danni all’organismo. Abbassare il livello del colesterolo è un passo importante per condurre una vita migliore. Il colesterolo è una specie di sostanza simile a cera prodotta dal corpo ed essenziale per il normale funzionamento dell’organismo. Il colesterolo è conosciuto come lipide, e forma parte della membrana esterna di tutte le cellule del corpo, aiuta ad isolare le fibre dei nervi e a produrre ormoni, I “messaggeri” chimici dell’organismo.

Colesterolo alto cosa comporta

Colesterolo alto cosa comporta

Contrariamente a quanto si crede comunemente, solo circa il 20% del colesterolo del corpo si assume col cibo. Tutto il resto è prodotto dal fegato. Dopo un pasto, il colesterolo assunto con la dieta è assorbito dall’intestino ed immagazzinato nel fegato. Il fegato regola i livelli di colesterolo nel sangue, e può rilasciare colesterolo quando necessario. Sebbene una certa quantità di colesterolo sia necessaria al nostro organismo per funzionare correttamente, una quantità ecccessiva può causare problemi di salute e diventare un serio guaio.

La confusione può sorgere per il fatto che il colesterolo esiste in più di un’unica forma all’interno del flusso sanguigno. Poiché il colesterolo è un lipide e non si dissolve nel sangue, esso è trasportato in giro, attaccato a proteine di un tipo o di un altro.

Questi sono i tipi di colesterolo:

  • uno dei tipi di colesterolo del sangue è chiamato LDL o lipoproteina a bassa densità, ed è anche conosciuto come “colesterolo cattivo”: suoi livelli elevati sono associati con un aumentato rischio di malattie alle coronarie; la lipoproteina LDL deposita il colesterolo nelle pareti arteriose, causando un ispessimento ed un indurimento delle arterie, insieme ad una formazione di placche che gradualmente restringono il vaso sanguigno, impedendo il flusso del sangue;
  • l’altra principale forma di colesterolo nel sangue è l’HDL o lipoproteina ad alta densità, anche conosciuto come “colesterolo buono”, che aiuta a prevenire le placche delle arterie, che si formano quando il colesterolo viene estratto dalle cellule, incluse quelle delle pareti delle arterie, trasportandolo indietro fino al fegato, dove può essere riciclato oppure smaltito;
  • la terza maggiore componente lipidica del sangue è la collezione di trigliceridi, grassi acidi che anch’essi non si sciolgono nel sangue. I trigliceridi possono essere combinati dal fegato con proteine per formare VDL, ovvero lipoproteine a densità molto bassa.

Il colesterolo alto cosa provoca?

Quando i medici parlano di livelli di colesterolo di solito si riferiscono alla concentrazione totale di colesterolo, sia LDL sia HDL, un computo che fornisce una stima generica del rischio di sviluppare malattie delle arterie e del cuore. Più alto è questo numero, più alto è il rischio. Il colesterolo del sangue è misurato in unità chiamate millimoli per litro (di sangue), spesso abbreviato in mmol/L. Non sono tutti d’accordo su quale dovrebbe essere il livello ottimale di colesterolo, ma c’è consenso universale sul fatto che più basso è e meglio è.

Tuttavia la situazione è leggermente complicata dal fatto che non è solo l’ammontare complessivo del colesterolo ad essere importante, ma lo è di più l’ammontare relativo del colesterolo HDL e del colesterolo LDL.
Troppo LDL ha un effetto decisamente negativo sul rischio di malattie, così come ne ha uno altrettanto negativo un livello troppo basso di HDL. Alcune società di esperti raccomandano un livello di colesterolo totale inferiore ai 4 mmol/L, ed un livello di colesterolo LDL inferiore ai 2 mmol/L.

Un altro modo per calcolare il fattore di rischio, che è considerato più accurato da alcuni, è quello di confrontare il livello di colesterolo totale con la percentuale di colesterolo HDL, ovvero individuare il rapporto aritmetico colesterolo totale/colesterolo HDL. In pratica si ottiene una certa cifra dividendo il colesterolo totale per il colesterolo HDL.

Un rapporto piuttosto alto indica un maggior rischio di attacchi di cuore, mentre un rapporto abbastanza basso indica un rischio più basso. Un alto livello di colesterolo totale ed uno basso di colesterolo HDL fanno incrementare il rapporto, e questo è alquanto indesiderabile, mentre alti livelli di colesterolo HDL e bassi livelli di colesterolo totale fanno diminuire il rapporto, e questo è altamente desiderabile.

Nel mondo, i più alti livelli di colesterolo sono registrati nel Regno Unito, ma anche in Italia le cifre medie nella popolazione tendono ad innalzarsi.

Esiste il forte sospetto che gli stili di vita siano un fattore determinante nell’aumento o nella diminuzione dei livelli di colesterolo, altrettanto importante della presenza di grassi altamente saturi nella dieta, della mancanza di esercizio e di altri fattori che contribuiscono all’incremento dei livelli.

Mentre le cifre sul colesterolo sono importanti, e danno un’indicazione precisa del rischio, un medico potrà tenere in considerazione anche altri fattori, relativi ad un caso determinato.

Tra questi vanno inclusi:

  • età;
  • sesso;
  • tradizione familiare di malattie cardiache;
  • fumo;
  • pressione sanguigna alta;
  • diabete.

Risulta evidente, pertanto, che per abbassare il colesterolo alto è indispensabile non solo seguire una dieta bilanciata ed attenta, ma anche modificare i propri stili di vita e rinunciare a vizi come il fumo, evitando allo stesso tempo un’esistenza troppo sedentaria.

Il colesterolo alto comporta una maggiore predisposizione all'insorgenza di malattie cardiache.

Colesterolo - Ridurre il colesterolo

Lascia il tuo commento: