Colite neonati: Colite bambini

La colite può manifestarsi anche nei neonati e nei bambini e non è facile affrontare il pianto di un bimbo, fortunatamente nella maggior parte dei casi le coliche durano raramente più di pochi mesi. Circa il 10 – 15% dei neonati soffre di coliche. Non è ben conosciuta quale sia la causa di questi disturbi; pur essendoci molteplici teorie, i medici non sono d'accordo ne sulle cause specifiche, ne sui provvedimenti da usare.

Colite neonati

Colite bambini

La colite nei bambini

La colica è più una cosa che i bimbi fanno, piuttosto che un vero e proprio disturbo. È una normalissima parte dello sviluppo del neonato, anche se per i genitori non è facile conviverci. La teoria più appoggiata è che l'intestino dei neonati abbia troppo lavoro, in grado di causare loro dei crampi.

Qualche medico riconduce il fatto che i movimenti intestinali dei neonati siano lenti.. ciò produrrebbe del gonfiore che – espandendo l'intestino – causerebbe dolore.

Altri fanno risalire il disturbo ad una ingestione del cibo troppo veloce, od in eccessiva quantità, senza poter espellere l'aria con dei ruttini.

C'è anche chi trova delle connessioni con il meteo, o chi fa risalire il disturbo al fatto che le madri bevano molto latte vaccino.

Come faccio a sapere se il mio bimbo ha una colite?

Ci sono molteplici segnali:

  • le coliche possono cominciare da due a quattro settimane dopo la nascita e possono durare fino a tre mesi;
  • il bimbo piange forte, per due o tre ore, e di solito senza poter essere confortato;
  • spesso il pianto avviene grossomodo allo stesso orario, di solito nel tardo pomeriggio e normalmente una o due volte al giorno;
  • mal di pancia;
  • alcuni bimbi piegano le gambe, stringono i pugni e si mettono ad piangere mimando un problema di mal di pancia;
  • in alcuni bimbi si può notare un forte brontolio di stomaco, e una copiosa flatulenza.

Attenzione: il vostro bimbo può stare male non solo a causa di una colica.

Se il vostro bimbo piange tutto il tempo (e non solo per due o tre ore) e non sembra poter essere calmato, consultate un medico prima di pensare che possa essere una colica. Altre condizioni possono spingere il bimbo a piangere (stomaco ritorto, problemi ai testicoli e altri dolori).

Per ogni dubbio rivolgetevi sempre al vostro pediatra.

Per alcuni medici, l'alimentazione della madre può influire come causa sulla comparsa di coliche: alcuni cibi possono causare la produzione di gas e causare coliche oppure peggiorarle. Tra questi si possono includere:

  • succo d'arancia;
  • verdure, in particolar modo cipolle e cavoli;
  • frutta come mele e prugne;
  • cibo piccante o molto speziato;
  • prodotti contenenti caffeina, come caffé, the, cioccolato.

Per capire se il problema possa dipendere dall'alimentazione della mamma, è opportuno fare degli esperimenti: provare a togliere i cibi sopra elencati o qualche altro. L'importante è far passare almeno due giorni tra i cambi di alimentazione. In questo modo si può notare meglio cosa può dar fastidio al bimbo.

Consigli per la colite nei bambini

Non ci sono consigli infallibili per la colite nei bimbi, proprio perché non è un problema ben conosciuto.

Tuttavia ci sono molte cose che i genitori possono fare:

  • molti bimbi si calmano quando sono dondolati nella culla o nella loro sedia a dondolo;
  • altri bimbi si sentono meglio se cullati a pancia in giù: il vostro calore ed il movimento possono aiutare molto;
  • altri bimbi si sentono meglio se avvolti in modo fermo in una coperta;
  • massaggiare gentilmente l'intestino con movimenti da sinistra a destra: questo aiuta la digestione e l'espulsione dei gas intestinali;
  • molti bambini possono essere tranquillizzati ascoltando musica o suoni ripetitivi.. meglio ancora cantare la ninna nanna: calmerà anche il genitore.

Inoltre può essere d'aiuto:

  • fate bere il latte più lentamente; se usate il biberon usate un ciuccio più piccolo;
  • fate fare ruttini più spesso al vostro bimbo;
  • se è abbastanza grande, fate sedere ben diritto il vostro bimbo mentre mangia;
  • se usate latte in polvere provate con una marca od una formulazione diversa.

Fate dei tentativi anche voi.

E se avete bisogno di aiuto chiedete al vostro medico.

Come vivere meglio, quando il vostro bimbo ha la colite?

Quando il bimbo soffre di coliche, la vita casalinga viene scombussolata. Quando il bimbo piange per ore senza poter essere calmato, la faccenda si fa decisamente stressante. Per i genitori che non hanno mai avuto figli, in particolare, può essere uno shock scoprire con disappunto il fatto che il vostro bimbo non si sia rivelato quella gioia immensa che si aspettava. Delle volte ci si può anche sentire colpevoli – senza che sia vero – dei problemi del bambino. È facile a dirsi, ma è bene ricordare che il periodo delle coliche dura solo pochi mesi. Tali disturbi non porteranno complicazioni allo sviluppo del bimbo. Infatti i bimbi che soffrono di coliche... sono ben stimolati a crescere! Durante questo periodo è bene che i partner si prendano cura l'un l'altro alternando i periodi con cui stanno con il bambino, garantendo ad entrambi una adeguata quantità di sonno. Potrebbe essere necessario anche chiamare un amico od un famigliare come rinforzo: è bene chiedere aiuto per tempo, prima di perdere le speranze. Chiedete ai vostri parenti che hanno già avuto figlio, od ai vostri genitori, od agli amici od al medico, se necessario. In ogni caso ricordate: la colite è solo una cosa passeggera.

Informazioni sulla colite dei neonati e dei bambini

Malattie

Lascia il tuo commento: