Collirio antibiotico

Collirio antibioticoIn base agli studi svolti ed alle prove cliniche sempre in continuo aggiornamento, il 64% dei soggetti affetti da congiuntivite batterica acuta riescono a migliorare questo disturbo senza agire con farmaci: il problema migliora spontaneamente e pertanto non necessita alcuna terapia antibiotica specifica per la cura degli occhi ed allo stesso modo non necessitano gocce oculari. Solo in alcuni casi potrebbe essere necessaria una terapia antibiotica batterica, ma ciò avviene nei casi persistenti di congiuntivite ed in questi casi la terapia prevede in genere l’uso di gocce oculari.

collirio antibiotico

Collirio antibiotico

Collirio antibiotico

Il collirio è uno dei farmaci con il quale si combatte l’infezione ed inoltre viene spesso fatto utilizzare al fine di eliminare il problema alla radice e quindi per la prevenzione della salute degli occhi. A seconda dell’intensità del problema e dello stato degli occhi è possibile utilizzare una diversa soluzione di queste gocce. Il collirio classificato come un antibiotico può essere reperito nelle farmacie, sotto prescrizione medica. È importante consultare il medico prima di fare uso del farmaco anche perché data la delicatezza degli occhi, ogni problema deve essere adeguatamente trattato. Quando sorge un problema agli occhi le soluzioni per risolverlo sono davvero tantissime ed ognuna di queste deve essere adottata opportunamente a seconda di determinati fattori.


Tra i più comuni rimedi troviamo:

  • Gocce battericide: così come è facile intuire dallo stesso nome, queste gocce uccidono i batteri che minacciano la salute degli occhi. Alcuni antibiotici quali ad esempio la penicillina o altrimenti la tetraciclina, non riescono a penetrare bene nella cornea ovvero nello strato esterno dell’occhio, e sono pertanto utilizzati meno frequentemente rispetto al collirio antibiotico. In genere vengono più comunemente utilizzate le gocce oftalmiche battericide che comprendono l’aminoglycosides e risultano efficaci contro i batteri di tipo gram-negativi come il cosiddetto Pseudomonas. Tale batterio è noto per la sua capacità nel contaminare gli occhi mediante prodotti che vengono direttamente applicati sugli occhi o nella zona circostante: ciò accade con l’uso di mascara o lenti a contatto. Le gocce oftalmiche battericide comprendono inoltre amikacina, gentamicina, neomicina ed infine tobramicina. Altri antibiotici che hanno la stessa funzione delle gocce battericide sono ad esempio il ciprofloxacina, eritromicina, gatifloxacin, monofloxacin ed ocufloxacin.
  • Gocce batteriostatiche: il collirio batteriostatico a differenza di quello precedentemente menzionato non riesce ad uccidere i batteri, ma si limita semplicemente ad impedire a questi ultimi di moltiplicarsi. Tali gocce comprendono sulfaonamidi, noti sotto i nomi commerciali: AK-sulf, Sulamyd, Bleph 10 e Gantrisin.
  • Combinazione di gocce: alcune soluzioni sono ottenute dalla combinazione di gocce antibiotiche ed altri tipi di farmaco come gli steroidi. L’unione dei due riesce a rendere ancora più efficace l’azione del trattamento occhi. Alcuni esempi di prodotti in cui è presente una combinazione gocce di questo tipo sono:
  • Maxitrol: ottenuto dalla combinazione di desametasone (ovvero uno steroide), neomicina e polimixina b che sono due antibiotici.
  • Tobradex: nel dettaglio è ottenuto dalla combinazione di tobramicina che è la parte antibiotica e desametasone e cortisporin che è in altre parole una combinazione di idrocortisone (è uno steroide) ed antibiotici neomicina, bacitracine e polimixina b.


Uso del collirio antibiotico:

Il collirio è utilizzato per trattare infezioni agli occhi.

Come si utilizza il collirio antibiotico:

Per trarne il massimo beneficio è necessario utilizzare con costanza il prodotto, per tutto il tempo necessario, così come prescritto dal medico. D’altra parte l’arresto precoce dell’uso del farmaco porta ad una serie di danni: non riesce a fermare l’infezione e per di più porta con molta più probabilità il verificarsi di una nuova infezione. Per applicare il prodotto inclinate leggermente la testa all’indietro e dirigete lo sguardo verso l’alto. Cercate di tenere l’occhio il più aperto possibile, aiutatevi portando la palpebra verso il basso in modo da permettere alle gocce di espandersi in ogni parte del vostro occhio e riuscire allo stesso tempo a penetrargli all’interno. Avendo adesso assunto la corretta posizione, potete iniziare a mettere le gocce portando il contagocce proprio sopra il vostro occhio ed iniziando dunque a far scendere il corretto numero di gocce. Fatto ciò guardate verso il basso e chiudete delicatamente gli occhi per 1 o 2 minuti circa. Ponete un dito in corrispondenza dell’angolo dell’occhio più vicino al naso ed applicategli una leggera pressione. In questo modo il farmaco riuscirà a cospargersi in modo più uniforme nell’occhio ed allo stesso tempo si eviterà una fuoriuscita dello stesso. Nel momento successivo all’applicazione del collirio evitate di strofinare gli occhi e di chiuderli ripetutamente. Non sciacquate il contagocce. Prima dell’uso è necessario agitare bene la soluzione. Lavare bene le mani prima di applicare il collirio. Al fine di evitare una contaminazione fate attenzione a non toccare gli occhi con la stessa punta del contagocce ed evitate allo stesso modo il contatto degli occhi con altri tipi di superfici. Nel caso in cui si utilizza oltre questo anche un altro tipo di collirio, non applicateli mai consecutivamente, ma attendete almeno 5 minuti prima di applicare l’altro farmaco.

Effetti indesiderati del collirio antibiotico:

Dopo l’applicazione del collirio antibiotico gli occhi possono reagire pungendo per qualche tempo, per uno o due minuti al massimo, ma solo le prime volte che viene applicato. Se il bruciore dovesse persistere o peggiorare, informate immediatamente il medico. Nel caso in cui si presenti uno qualsiasi di questi problemi o qualche grave effetto collaterale, agite repentinamente avvertendo un medico. Se si utilizza un tipo di collirio con cloramfenicolo avvisate immediatamente un medico nel caso in cui si dovessero presentare problemi di: 

Reazioni allergiche a questo genere di farmaci sono improbabili, ma nel caso in cui dovessero comunque presentarsi provvedete a contattare un medico. Tali improbabili reazioni allergiche si potrebbero presentare con sintomi di: eruzioni cutanee, prurito, gonfiore soprattutto nella zona circostante gli occhi, sensazioni di vertigini o persino problemi nella respirazione. Come detto fare attenzione nel caso in cui si dovesse verificare uno di questi problemi e nel caso provvedete dunque a contattare immediatamente un medico o un farmacista.

Precauzioni d’uso del collirio antibiotico: 

Prima di intraprendere una qualunque terapia per gli occhi consultate un medico per la cura migliore da seguire. Nei casi più gravi di problemi agli occhi potrebbe essere necessario ricorrere ad interventi chirurgici. È raccomandato evitare l’utilizzo di lenti a contatto. Immediatamente dopo l’applicazione delle gocce di collirio, la vista potrebbe risultare temporaneamente offuscata o instabile. Evitare pertanto di guidare o per lo meno fare molta attenzione nella guida poiché viene a mancare una visione perfettamente chiara. In caso di gravidanza è bene evitare l’uso di questo farmaco a meno che dovesse essere effettivamente necessario. In questo caso necessita una maggiore attenzione nello studio del caso del paziente, in modo da evitarne l’uso se possibile. Per quanto riguarda l’allattamento non sono invece del tutto chiare le eventuali conseguenze, ma ad ogni modo è bene non abusare del farmaco poiché in parte andrebbe effettivamente a finire nel latte materno e quindi verrebbe assunto dal bambino.

Gli occhi sono degli organi molto sensibili e pertanto devono essere trattati con cura specialmente nel caso in cui si riscontrano problemi. Le possibili soluzione messe a disposizione dalla medicina al giorno d’oggi sono numerose, ma in qualunque caso è necessario prima di tutto scegliere il rimedio giusto con molta attenzione al fine di non provocare l’effetto esattamente contrario e quindi aumentare la complessità del problema, anziché giungere alla sua risoluzione.

Informaziono utili in merito al collirio antibiotico e ai suoi utilizzi.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo collirio antibiotico

Collirio antibiotico per trattare la congiuntivite

ho sofferto di congiuntivite e l'uso di un collirio antibiotico mi è stato di molto aiuto. in pochi giorni ho risolto il problema e tornare subito a lavoro.

Lascia il tuo commento: