Listerine colluttorio

Il colluttorio listerine è un ottimo supporto alla corretta igiene dentale, ed inoltre il listerine è un colluttorio molto conosciuto ed apprezzato non sono in Italia ma canche all'estero, prodotto dalla multinazionale Johnson & Johnson S.p.A con sede a Pomezia nella provincia di Roma. La principale ragione per la quale l'uso del collutorio è largamente condiviso è quella di rinfrescare l'alito e il respiro. Può essere utilizzato oltre allo spazzolino da denti e al filo interdentale, tuttavia non è un prodotto che sostituisce interamente l'uso degli altri due elementi necessari per la cura dell'igiene orale.

Listerine colluttorio

Listerine colluttorio

La principale funzione del colluttorio è quella antisettica

La maggioranza dei collutori oggi presenti sul mercato sono antisettici, cioè formati da ingredienti che sono oli quali il fenolo o timolo. Le proprietà antisettiche consentono pertanto di eliminare tutti quei batteri che causano i cattivi odori, batteri che quindi si sviluppano per esempio dopo un pasto, dopo una sigaretta o anche dopo le ore notturne di sonno.

Il colluttorio aiuta a proteggere per qualche ora i propri denti dall'attacco dei batteri

Gli effetti del collutorio rendono possibile una protezione che dura nel tempo, specificamente per diverse ore o comunque sia fino a quando non si beve o mangia qualcosa. Oltre ad agenti antisettici i collutori contengono l'alcol che aiuta a sua volta il “lavoro” degli antisettici, anche se questo particolare ingrediente determina una secchezza delle fauci sviluppando in alcuni casi problemi orali come l'alito cattivo. Se ne deduce quindi che un uso di collutori contenenti anche l'alcol è si utile per una corretta igiene della bocca, ma se usati frequentemente possono causare l'inconveniente sopracitato, inoltre è indispensabile sapere che i collutori in formato spray possono amplificare questa problematica, pertanto è consigliabile sentire prima il parere di uno specialista.

Tipologie di collutori

I collutori al fluoro, oltre che essere utilizzati per rinfrescare l'alito, sono importanti nella prevenzione delle carie e per dare un adeguato contributo di fluoro allo smalto dei denti rendendoli più resistenti alle carie. Questi tipi di collutori hanno anche proprietà anti batteriche ovviamente. Un'altra tipologia di collutori sono quelli utili al contrasto delle malattie gengivali.Contengono ingredienti antisettici che riducono sensibilmente i batteri nocivi che causano le malattie delle gengive. Esistono poi i collutori antiplacca i quali presentano ingredienti quali i salicilati che aiutano a rimuovere la placca dai denti.

Oltre al colluttorio per una corretta igiene orale

La migliore forma di cura della propria igiene orale è l'uso dello spazzolino da denti.
Gli spazzolini da denti elettrici sono il metodo più semplice e più veloce per mantenere i denti puliti e igienizzati ed in generale ciò avviene con un facile processo che implica l'uso di una crema dentale, o meglio conosciuta come dentifricio. La scelta di un buon dentifricio è la prima cosa da fare, è importante infatti sapere che tutti i dentifrici sbiancanti non devono essere utilizzati troppo a lungo in quanto in essi sono contenute delle particelle che possono raschiare i denti ed inoltre possono causare l'indebolimento degli stessi. La metodica da intraprendere durante l'uso dello spazzolino non è poi così conosciuta, tuttavia il corretto utilizzo prevede un movimento rotatorio dello spazzolino sui denti.

Un secondo passo da affrontare è quello di usare del filo interdentale, una pratica meno comune tra gli individui.

E' come un filo, e viene passato delicatamente tra i denti in modo tale da eliminare il cibo che si stabilisce tra i denti dopo aver mangiato. In 6 mesi infatti il cibo coinvolto, col contributo della saliva, può indurirsi rendendo di fatto l'ausilio del filo interdentale inutile, rendendo perciò indispensabile l'intervento di un dentista.
Oltre a questi due passi importanti per una corretta igiene orale, non bisogna dimenticarsi del collutorio, un'altra arma sicura ed efficacie contro germi e batteri della bocca.
I collutori rendono l'igiene orale, con lo spazzolino e il filo interdentale, più profonda ed allo stesso tempo efficacie in quanto agiscono rallentando di fatto la crescita dei batteri e contemporaneamente uccidendoli.
In ultimo sono possibili degli aiuti per l'igiene orale che consistono in massaggi gengivali e dispositivi di irrigazione orale. Un massaggio gengivale comunque può essere effettuato con lo spazzolino da denti mentre per quanto riguarda i dispositivi di irrigazione orale ne esistono di diversi tipi. I più semplici metodi consistono nell'utilizzo di un rubinetto d'acqua il quale può rivelarsi utile per irrigare tra e intorno i denti, tuttavia un getto intermittente d'acqua si rivela altrettanto utile a questa funzione.
Pertanto il seguire questi semplici passi, i quali dovrebbero essere comuni per mantenere una corretta igiene orale, rendono un grado di salute della bocca altamente apprezzato.

La storia del collutorio Listerine

I prodotti della Listerine hanno una storia che risale ad oltre 130 anni fa, la sua nascita infatti risale al 1879 e i primi prodotti di questa famosa azienda aveano un originale color ambrato, ideati dal dottor Joseph Lawrence e Jordan Wheat Lambert.
Inizialmente però non era stato progettato come un collutorio, bensì era un disinfettante che si usava durante le procedure chirurgiche.
Il loro nuovo prodotto Listerine dunque, divenne famoso e molto apprezzato dopo che il medico inglese Sir Joseph Lister aveva eseguito un intervento chirurgico con l'ausilio di questo prodotto nel 1865, quando poi nel 1879 venne denominato appunto Listerine.
Di li a poco, Jordan Wheat Lambert costituì la società Lambert per produrre e successivamente commercializzare i prodotti Listerine per la comunità medica.
Ben presto però si scoprì che il suo uso poteva rivelarsi importante nell'uccidere i batteri insiti comunemente in bocca, quindi come un antisettico multiuso. Così nel 1895 la società Lambert sviluppò la vendita di Listerine disinfettante commercializzandola ai dentisti che ne potevano giovare grazie alla sua azione di antisettico orale. Già nel 1914 la formula di Listerine era largamente conosciuta e popolare tanto che divenne uno dei prodotti di prima prescrizione nelle farmacie, creando di fatto una vera e propria categoria, quella dei collutori.
Negli anni avvenire altri collutori di altre marche comparirono in commercio. Il figlio di Lambert, Gerard, divenne il successore della società del padre ed assunta la nuova carica volle enfatizzare i prodotti Listerine con campagne pubblicitarie che raccomandavano l'uso di Listerine collutorio agli americani che soffrivano di alitosi.
Nei successivi 60-70 anni i prodotti Listerine continuarono la loro scalata come combattenti dell'alito cattivo, sino a quando nel 1983 vennero introdotti nel mercato, vista la crescita esponenziale della domanda e della concorrenza, prodotti Listerine collutorio anti placca.
Successivamente nel 1987 il collutorio Listerine divenne il primo collutorio senza prescrizione guadagnandosi il sigillo di accettazione dell'American Dental Association.
Infine, nel 1992, la comparsa di Listerine Cool Mint trovò nuova linfa con una nuova generazione di utenti, grazie alle sue proprietà che ne permettevano la neutralizzazione dei germi e il sapore di menta fresca, un prodotto che si dimostrò molto apprezzato sopratutto dai giovani.

I benefici e le proprietà benefiche del collutorio Listerine

Il collutorio Listerine è disponibile in una variegata formulazione di sapori, vi sono variazioni di menta, al sapore di agrumi, includendo ingredienti per il trattamento del tartaro e per lo sbiancamento dei denti.
La sperimentazione dei collutori Listerine ha portato a risultati strabilianti in quanto i suoi benefici si rendono tutt'oggi altamente qualificabili, è efficacie nell'uccidere i batteri orali, riduce lo sviluppo e l'accumulo della placca e aiuta a prevenire la gengivite. Non vi è dubbio, perciò, che Listerine è uno dei prodotti migliori per la cura dell'igiene orale. I benefici di questo collutorio sono riscontrabili nei suoi principi attivi che sono il timolo, l'eucaliptolo, il metil salicilate e il mentolo. La cosa particolare da notare è che a differenza di tutti gli altri collutori, quelli della Listerine sono largamente sicuri e funzionali pur non contenendo sostanze chimiche come il biossido di cloro e il cetilpiridinio.

L'alcol nei prodotti Listerine

Nel 2005, inoltre, sono comparsi sul mercato i collutori spray Listerine, un prodotto che quindi ha il vantaggio di essere portato ovunque si vuole grazie al suo formato esiguo, tuttavia questo prodotto detiene una particolarità che ha i suoi vantaggi cosi come alcuni svantaggi. La presenza dell'alcol nei collutori Listerine è un elemento necessario in quanto viene aggiunto per sciogliere gli altri ingredienti e per facilitare il trattamento della placca dentale penetrando quindi sui denti, tuttavia la concentrazione dell'alcol inattivo è solitamente molto bassa tale da non provocare ripercussione sui tessuti della bocca.

Purtroppo il prodotto spray del collutorio Listerine contiene anche esso una certa concentrazione di alcol. L'alcol per sua natura può creare una certa secchezza delle fauci nei casi di uso di determinati collutori, quindi in assenza di saliva nella bocca, principale difesa naturale contro la crescita dei batteri che causano l'alito cattivo, si potrebbe sviluppare l'alito cattivo. Per via di questa lieve complicanza, molti raccomandano l'uso di collutori che non contengano alcol nemmeno in minima quantità, così da evitare appunto un effetto di essiccazione orale.
In ogni caso, Listerine si è dimostrato e si dimostra tutt'ora un valido aiuto per la cura dell'igiene orale, i suoi benefici rendono l'alito fresco e la bocca igienizzata contribuendo allo stesso tempo con la prevenzione e l'azione nel tempo.

Come usare il Listerine collutorio

La maggioranza dei collutori vengono usati dopo lo spazzolino da denti e il filo interdentale.
Il collutorio viene aggiunto alla fase conclusiva della pulizia orale in quanto se venisse adoperato prima, lo spazzolino eliminerebbe tutti gli ingredienti del collutorio applicato in precedenza.
Prima di capire come si usa il collutorio Listerine, o comunque sia la maggioranza dei collutori, è indispensabile conoscere ciò che accade all'interno della bocca.
Durante il sonno,per esempio, la saliva agisce con minor efficacia, dando così la possibilità ai batteri di sviluppare la placca, batteri che in alcuni casi possono anche dar vita alle malattie della gengiva. I collutori per questo si rendono utili, grazie ai loro principi attivi, nell'uccidere i batteri impedendo che si instaurino nei denti.

Scegliere il miglior collutorio

La scelta del miglior collutorio, poi, è di estrema importanza, tutti vengono commercializzati come antisettici, tuttavia è consigliabile considerare e constatare la presenza del fluoro che aiuta l'indurimento della superficie esterna dei denti, la presenza di un agente antiplacca che scioglie e stacca appunto la placca e la presenza di agenti anti macchia che determinano l'eliminazione di macchie ostinate come quelle del catrame del tabacco.
Il Listerine collutorio è certamente uno di quei prodotti che comprende largamente gli elementi sopracitati, tuttavia è ora buona cosa sapere come si deve usare per dare la possibilità a quegli agenti ed a molto altri contenuti in Listerine di curare e trattare l'igiene orale.

Modo d'uso del collutorio Listerine

Sarà pertanto sufficiente assumere una quantità specificamente menzionata sul prodotto di Listerine collutorio in bocca, effettuando poi risciacqui e gargarsmi per un minimo di 30 secondi fino ad un massimo di un minuto, espellendo poi la quantità assunta senza ingerirla.
Si consiglia anche di non mangiare entro la mezzora successiva all'uso del collutorio.
Infine i dentisti e gli igienisti dentali consigliano di utilizzare collutori al fluoro del tipo Listerine, almeno una volta al giorno, anche se un uso più incisivo non va escluso.

Listerine collutorio anche come sbiancante

Nella vasta gamma di cui dispone la Listerine, esiste il collutorio sbiancante denominato Listerine Whitening pre-Brush, un prodotto studiato appositamente per sbiancare i denti e per la pre pulizia dei denti prima della spazzolatura.
Questo collutorio si fissa l'obbiettivo di aiutare ad uccidere i germi con l'ausilio poi di un agente schiumogeno che penetra nei denti. Il sapore è di menta e gli ingredienti contenuti in questo prodotto sono molti, per l'esattezza sono otto e di seguito verranno citati.
Ecco quindi l'alcol, che aggiunto in questa formula può creare si l'essiccazione ma può anche aiutare a pulire il tessuto orale e uccidere i germi della bocca.
Il perossido di idrogeno poi, fornisce le proprietà schiumogene utili durante il risciacquo. E' un agente antisettico che fornisce ausilio nel combattere i microrganismi, ossigenando le macchie e le imperfezioni sulla superficie del dente e successivamente sbiancando lo stesso.
E' presente poi il Poloxamer 407, utilizzato per creare emulsioni, aiutando gli ingredienti del collutorio a dissolversi l'uno con l'altro.
Col Sodium Lauryl Sulfate invece si crea un zona liscia sulla superficie del dente, è un agente tensioattivo che aiuta lo sporco a scivolare via meglio, raddoppiando l'azione di pulizia del collutorio.
Il sodio citrato poi controlla il pH, assicurando che si mantenga acido o alcalino ed inoltre ha la responsabilità di essere un elemento conservante per il gusto del collutorio stesso.
E' insito in questo collutorio della Listerine anche la Saccarina sodica, un agente aromatizzante e dolcificante che rende il collutorio più dolce. É interessante sapere che la Saccarina sodica è circa 300 volte più dolce dello zucchero naturale.
Infine vi è il Sucralosio, un altro agente dolcificante, un elemento addirittura 600 volte più dolce dello zucchero naturale che viene aggiunto a questo particolare collutorio della Listerine per mantenere un sapore non troppo aspro del prodotto.

I sapori e le tipologie di Listerine Collutorio

Grazie al suo impegno nella cura dell'igiene orale la Listerine produce i collutori seguendo quelle che sono anche le richieste dell'utenza.
Perciò per mantenere un sorriso più sano senza preoccuparsi di assumere un prodotto magari sgradevole al gusto, vi sono diverse tipologie di sapori per il collutorio Listerine, specifici poi per i diversi usi.
Quindi ci sono il Cool Mint Listerine collutorio antisettico, l'originale collutorio antisettico Listerine, il FreshBurst Listerine collutorio antisettico, il Morbido Listerine collutorio antisettico, il collutorio Listerine Citrus Advance antisettico con protezione per il tartaro, il collutorio Listerine Anticavity, il collutorio Listerine Total Care menta fresca Anticavity, il collutorio Listerine Total Care Icy Mint Anticavity ed infine il Listerine Total Care Anticavity Cinnamint.
Come è possibile notare la varietà dei collutori è assai elevata, ma non bisogna dimenticare che anche per l'igiene orale dei bambini la Listerine ha sviluppato degli appositi collutori i quali sono il Listerine Smart Rinse al fluoruro Anticavity e il Listerine Agent Cool Blue collutorio.
Dagli adulti ai bambini la protezione è totale.

Effetti collaterali di Listerine collutorio

Il collutorio Listerine, presenta un unico effetto collaterale.
In realtà, come già detto, a causa della presenza dell'alcol, i collutori della Listerine tendono a creare una sensazione di bruciore in bocca. Questo a causa anche degli oli essenziali che hanno la responsabilità di combattere i batteri attivi della bocca. Tuttavia una soluzione a questa problematica c'è, grazie a formulazioni meno intense già presenti sul mercato.
Tornando a parlare dell'alcol presente nei collutori, cosi come in quelli della Listerine, è presente principalmente come solvente e ha il compito di mantenere gli ingredienti in soluzione, purtroppo però ha la facoltà di asciugare la bocca generando lo sviluppo di possibili alitosi.

Collutorio Listerine senza alcol

La possibilità di mantenere una igiene orale senza l'ausilio dell'alcol c'è, e Listerine ha sviluppato un nuovo formato denominato Zero Listerine che appunto non contiene alcol.
In ogni caso gli oli essenziali sono ancora presenti in questo particolare collutorio e sono rappresentati nella lista degli ingredienti con il termine di “sapori”. Piuttosto la concentrazione di questi oli è stata ben diminuita rispetto ad un collutorio Listerine tradizionale perciò, la possibilità di non provare più sensazioni di bruciore è ora significativa sia grazie all'assenza di alcol sia anche alla minor concentrazione di oli essenziali.

Composizione collutorio listerine

I principi attivi che vengono menzionati sui prodotti della Listerine sono il mentolo, il timolo, il salicilato di metile e l'eucaliptolo.
L'etanolo, invece, è presente nei collutori Listerine in concentrazioni pari al 21,6% nei prodotti aromatizzati mentre è del 26,9% nei collutori Listerine tradizionali.
Passando in rassegna gli ingredienti sopra menzionati sappiamo che il timolo è un agente antisettico, il salicilato di metile è invece un detergente mentre il mentolo è un anestetico locale.
L'etanolo pertanto ha la responsabilità di sciogliere i principi attivi presenti nel collutrio.
La Food and Drug Administration ha tuttavia confermato che i principi attivi dei collutori Listerine sono classificati come elementi sicuri ed efficaci nel combattere la placca e la gengivite, quindi si dimostrano avere un'azione anti placca e anti gengivite.
L'efficacia che si presta di avere il collutorio Listerine, nella sua varietà di tipologie, è dovuta principalmente alle proprietà del liquido Listerine, tuttavia è largamente inefficace nel rimuovere fisicamente lo sviluppo della placca quando esso non viene accompagnato all'uso parallelo dello spazzolino da denti e del filo interdentale.

Considerazioni finali sul listerine colluttorio

L'importanza di non considerare il collutorio in generale come un unico elemento che sostituisce lo spazzolino e il filo interdentale è assai rilevante. Una corretta igiene orale difatti prevede un uso parallelo di tutti gli strumenti disponibili e reperibili facilmente sul mercato mondiale.
Tuttavia, nei casi ove sia seguita una adeguata igiene orale, quindi abitudinaria, ma problemi come per esempio l'alito cattivo persistono, è raccomandabile fissare un consulto con uno specialista in quanto vi potrebbero essere in atto malattie orali che i comuni elementi non riescono a trattare.
Infine, nei casi di gravidanza, è consigliabile il parere di un medico in modo da capire quale sia il miglio collutorio da utilizzare.

Informazioni ed approfondimenti dedicati al colluttorio listerine.

Naturale benessere

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo listerine colluttorio

Il listerine è ottimo

Trovo il colluttorio listerine davvero ottimo.

Lascia il tuo commento: