Come curare la parodontite

Come si cura la parodontite? Studi sostengono l'efficacia del trattamento attivo combinato con un rigido programma di mantenimento per pazienti affetti da parodontite, in uno studio, per esempio, le persone incostanti nella cura delle loro gengive dopo il trattamento avevano circa sei volte il rischio di perdere i denti rispetto a quelle che erano molto attente. Alcuni dentisti hanno riportato una percentuale di successo dell' 85 % quando trattamento professionale e buon mantenimento domestico venivano combinati.

Come curare la parodontite

Parodontite cura

I trattamenti aiutano i non fumatori più dei fumatori, in particolare quando le tasche sono profonde e persistenti. Alcuni studi sostengono che il trattamento parodontale nelle persone con il diabete di tipo 2 aiuta ad aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Se il trattamento aiuti a ridurre altri rischi di salute, inclusi gli infarti e ictus, non lo sappiamo.

Scopi della cura

Una volta che la parodontite è stata identificata, gli scopi del trattamento sono:

  • Arrestare e controllare il progredire del disturbo
  • Lasciare i tessuti gengivali in uno stato facilmente mantenibile
  • Se possibile, ripristinare le strutture di sostegno che includono ossa, tessuto gengivale e legamenti

Fasi del trattamento

per ottenere questi obiettivi, ci sono approcci differenti:

  • Pulizia iniziale, disincrostazione e raschiamento
  • Chirurgia, se necessaria a ridurre le tasche profonde che rimangono sotto la gengiva dopo sessioni estensive di pulizia
  • antibiotici topici od orali a basso dosaggio
  • mantenimento

Dopo che il trattamento attivo è stato completato e la bocca si trova in un relativo stato di salute, il paziente dovrebbe avere una pulizia regolare che duri dai 45 minuti ad un ora, all'incirca ogni tre mesi. Questi dovrebbero essere fatti dall'igienista dentale, il parodontologo o il dentista e la cura di igiene deve sicuramente continuare anche a casa.

Antibiotici prima del trattamento

Nei casi in cui l'individuo abbia un prolasso della valvola mitrale o una storia di malattie cardiache reumatiche, è necessario un pretrattamento con un antibiotico appropriato prima di un qualsiasi lavoro dentale, inclusa la pulizia. Questo è necessario per prevenire la possibilità di endocarditi batteriche pericolose per la vita.
Pulizia profonda: disincrostazione e raschiamento.

Per curare la parodontite si utilizzano disincrostazione, lucidatura e a volte raschiamento. Di solito vengono fatti in serie di tre o quattro visite a distanza di circa una settimana. (i pazienti dovrebbero chiedere ai loro dentisti riguardo al gas ossido nitroso, che è utile per molti pazienti e potrebbe ridurre le visite ad una sola.). L'igienista dentale o il professionista in genere utilizza sia gli strumenti ad ultrasuoni che quelli manuali per rimuovere il calcolo.

  • Il calcolo sopra la gengiva si vede facilmente. Il dentista in genere trova i calcoli sotto la gengiva sondando attentamente con uno strumento.
  • L'igienista o dentista dovrebbe utilizzare uno strumento ad ultrasuoni per la rimozione dei calcoli più accessibili. Questo dispositivo simile ad una sonda vibra ad una gamma di frequenze più alta di quella udibile dall'orecchio umano. Alcune persone con una bassa sopportazione delle sonde ad ultrasuoni dovrebbero richiedere l'ossido nitroso.
  • Uno spray di acqua è utilizzato con gli ultrasuoni per prevenire il surriscaldamento e per rimuovere i detriti che si staccano.
  • Il professionista dentale raschia la placca da sopra e sotto la linea della gengiva. Quando la sonda viene a contatto con il calcolo, elimina la frattura dal dente piuttosto efficientemente.
  • L'igienista o il dentista in seguito lisceranno le macchie ruvide sopra il dente. Lisciare la superficie aiuta a rimuovere i batteri che si accumulano lì, inoltre aiuta il ricollegamento della gengiva.
  • La lucidatura è la procedura finale nella quale si utilizza una coppa di gomma con una pasta abrasiva per rimuovere la placca e le macchie sulla corona del dente. Si produce una superficie liscia temporaneamente più difficile da aderire per la placca.
  • Dopo la procedura di pulizia, il dentista controllerà le profondità delle tasche attorno al dente dopo che il processo di pulitura è stato completato. La necessità di ulteriori trattamenti è determinata dai risultati di queste sessioni iniziali:
  • Se i processi di pulitura hanno ridotto l'infiammazione si necessitano solo dei controlli
  • Se si presenta un ascesso di rilevanza potrebbe essere necessaria la chirurgia.

Infine, l'igienista o il professionista dovrebbero offrire istruzioni complete riguardo alla cura domestica per assicurare la rimozione batterica quotidiana. Questo include un uso appropriato dello spazzolino da denti, dentifricio, risciacqui della bocca e filo interdentale. La cura domestica può effettivamente eliminare la placca sopra le gengive e ridurla fino a due mm sotto le gengive.

Raschiamento gengivale

Il raschiamento gengivale rimuove i soffici tessuti che rivestono le tasche parodontali per eliminare completamente i batteri e i tessuti malati. Può essere utilizzata assieme alla disincrostazione e alla lucidatura, ma ottiene una pulizia più profonda e più completa.

Chirurgia per la cura della parodontite

La chirurgia permette l'accesso per una pulizia profonda alla superficie delle radici, rimozione di tessuti malati e riposizionamento e sagomatura delle ossa, gengive e tessuti di supporto dei denti. Le procedure chirurgiche variano a seconda della diagnosi individuale e delle necessità del paziente.

La procedura base è conosciuta come un raschiamento a falda aperta. Implica le seguenti fasi:

  • il dentista solleva le gengive via dal dente e dall'osso circostante
  • le superfici rovinate sono pulite e raschiate per rimuovere i depositi
  • il tessuto gengivale è riposto in modo di minimizzare le tasche profonde
  • il parodontologo può anche contornare l'osso rimanente e tentare di rigenerare le ossa perse e l'attaccatura gengivale attraverso innesti di ossa e rigenerazione dei tessuti.

Si sta discutendo se questa procedura è più effettiva nel prevenire il progredire della malattia rispetto alle terapie non chirurgiche, come antibiotici a breve termine o gel antibiotici.

Alcuni studi riportano che nonostante il trattamento chirurgico riduca la profondità delle tasche più delle terapie non chirurgiche per almeno un anno dopo la procedura, i benefici provenienti dalla chirurgia non persistono oltre ai 5 anni, a parte nel caso di tasche molto profonde.

Dolore post operazione e disagio

Il dolore post operazione è in genere gestito facilmente medicinali come l'ibuprofene. Se il disagio è forte, vanno prescritti analgesici più forti. Alcuni pazienti sperimentano sensibilità alle temperature calde o fredde dall'esplosione delle radici. Questi problemi si possono risolvere con trattamenti topici o nei casi più gravi con restaurazione dentale.

Tecniche e materiali per riparare il tessuto gengivale e le ossa

Rigenerazione guidata del tessuto

una tecnica più avanzata, chiamata rigenerazione guidata dei tessuti, è utilizzata per stimolare le ossa e la crescita del tessuto gengivale:

  • Come prima cosa, le superfici delle radici e delle ossa rovinate sono ripulite meticolosamente. Prevenire la contaminazione batterica è molto importante. Più vi sono residui batterici, più è probabile che il trattamento non funzioni.
  • Un particolare tipo di tessuto viene cucito attorno il dente per coprire il cratere lasciato dall'osso dopo la pulizia. È sia assorbibile che non assorbibile.
  • La gengiva viene cucita sopra il tessuto. Questo previene che il tessuto gengivale cresca attorno al difetto dell'osso e permette all'osso e all'attaccamento alla radice di rigenerarsi.
  • Dopo 4-6 settimane, il tessuto non assorbibile deve essere rimosso utilizzando una procedura chirurgica minore. La membrana assorbibile può essere lasciata dentro.
  • Innesto osseo. In alcuni casi di grave perdita di osso, la chirurgia potrebbe tentare di incoraggiare la ricrescita e riparazione del tessuto osseo che è andato perso attraverso il processo di malattia. Questo implica l'innesto osseo
  • il chirurgo posiziona materiale di innesto entro l'imperfezione
  • il materiale può essere sia osso dello stesso paziente o una sostanza chiamata osso allotrapiantato decalcificato con asciugatura a freddo che è ricevuto da un donatore
  • questo materiale in seguito stimola la crescita di nuovo osso nella zona

Derivati della proteina matrice dello smalto.

L'amelogenina è in derivato di una proteina maggiore nella struttura dello smalto che aiuta a stimolare la crescita del tessuto gengivale. Un gel contenente amelogenina viene applicato durante la chirurgia e forma una copertura sopra le radici del dente. Il gel stesso si dissolve dopo due giorni, lasciandosi dietro la sostanza attiva. Studi riportano che è sicuro e può ridurre significativamente gli effetti della parodontite.

Cosmetici e cure di innesti gengivali

Le tecniche di innesto gengivale possono essere anche molto utili per migliorare l'aspetto delle gengive aggiungendo un supporto al dente. Durante questa procedura, il parodontologo prende tessuti di gengive dal palato o da un altro donatore per coprire la radice esposta per uniformare la linea della gengiva e ridurre la sensibilità.

Altre procedure sono disponibili a migliorare l'aspetto delle gengive e  dei denti. la linea delle gengive può essere scolpita per migliorare le irregolarità o le gengive in eccesso e per coprire le radici esposte quando la gengiva recede.

Innesti

I parodontologi sostengono di stare ottenendo grandi successi con gli innesti di denti in pazienti che hanno perso denti a causa della parodontite. Il costo medio per un singolo impianto è elevato e richiede 5- 7 mesi per il completamento.

Come si cura la parodontite? Per la cura della parodontite esistono diversi trattamenti di cura.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo come curare la parodontite

Curare la parodontite

molto interessante e completo, mi piace l'articolo

Lascia il tuo commento: