Come pomparsi i muscoli

Pomparsi i muscoli è una frase utilizzata nel fitness, ed è necessario chiarire cosa s’intende per pompare e poi adattare questo concetto all’oggetto di riferimento i muscoli

Come pompare i muscoli? Pomparsi i muscoli assume un significato univoco, almeno, per quanto riguarda l’utilizzo che viene fatto di tale termine nel gergo palestra, ovvero normalmente il sistema cardiocircolatorio (cuore + letto vascolare: arterie maggiori, arterie minori, arteriole, capillari) è assimilato ad un circuito idraulico laddove il cuore è la “pompa” cioè il motore che eieta (spinge) il sangue nel sistema stesso per irrorare i diversi tessuti ed organi al fine di soddisfare le loro esigenze metaboliche.

Come pomparsi i muscoli

Come pomparsi i muscoli

Nel nostro caso, quello del bodybuilding e fitness, pompare i muscoli significa indirizzare una cospicua quota del sangue circolante (gittata cardiaca) nei muscoli interessati.

La gittata cardiaca rappresenta la quantità totale di sangue che il cuore riesce ad eietare in un minuto.

La gittata cardiaca è il prodotto che gittata sistolica per la frequenza cardiaca.

La gittata sistolica è la quantità di sangue eietata dal ventricolo sinistro per ogni battito cardiaco.

Invece la frequenza cardiaca è data dal numero dei battiti che il cuore compie in un minuto.

Ma l’irrorazione periferica di sangue è anche funzione delle resistenze vascolari periferiche.

Pertanto, l’irrorazione sanguigna ottimale per donare ai muscoli quell’aspetto “POMPATO” in corso d’allenamento si può conquistare:

1) Raggiungendo il miglior rapporto tra frequenza cardiaca (battiti al minuto) e gittata sistolica (quantità di sangue pompata ad ogni singolo battito)

2) Diminuendo le resistenze vascolari periferiche.

Si discuterà in un altro articolo con quali mezzi allenanti è possibile migliorare tali due aspetti.

Invece, in questa sede il discorso darà per scontato il possedimento di tali caratteristiche funzionali vantaggiose e si prenderà in esame quali caratteristiche tecniche deve possedere l’allenamento per mettere in condizione l’apparato cardiovascolare di convogliare una buona fetta della gittata cardiaca nel muscolo che ci interessa “POMPARE”.

Punto 1

Innanzitutto il range di movimento deve essere completo.

Molti pseudo atleti fanno movimenti esecutivi parziali poiché raggiungono il “PUMP” prima.

E’ vero. Ma il pump non raggiunge l’optimum.

Un range di movimento non completo recluterà solo le fibre responsabili per l’escursione di movimento ridotta e non altre fibre che per l’appunto non risulta chiamate in azione da range di movimento abbreviati.

Pertanto mezzo movimento = mezzo reclutamento.

Invece, col movimento completo i tempi di raggiungimento del pompaggio muscolare aumentano, ma poiché il numero di fibre chiamate in causa è superiore, conseguentemente anche una quantità maggiore di sangue sarà richiamata in situ per soddisfare le esigenze metaboliche di più unità funzionali contrattili in azione: “ I SARCOMERI”.

Punto 2

Limitare i tempi di recupero tra le serie entro il minuto.

Tempi di recupero lunghi danno il tempo per ossigenazioni tissutali ottimali non creando la necessità di reclutare ingenti quantità di sangue nelle serie successive.
Inoltre, tempi brevi di recupero non consentono il repapeurarsi dei fosfageni altamente energetici di riserva (ATP) con la conseguenza che il combustibile metabolico (nel bodybuilding ovviamente) d’elezione usato per l’esercizio fisico è il glucosio.

La conseguenza dell’utilizzo di glucosio ai fini energetici è la formazione di acido lattico, da qui ne conseguono fenomeni che tendono ad abbassare il PH ematico e quindi la necessità del corpo di provvedere con sistemi tampone.

Tutte le reazioni che seguono per tamponare tali alterazioni metaboliche indotte dall’allenamento intervallato nelle serie da brevi pause può essere soddisfatto solo grazie ad un apporto suppletivo di sangue!

Punto 3

Idratarsi in modo adeguato!

Il sangue non è nient’altro che parte corpuscolata (globuli bianchi, globuli rossi, piastrine) + siero (ACQUA).

E’ ovvio che se siete disidratati o nel meno peggio delle ipotesi non siete ben idratati anche la volemia (volume del sangue) sarà sfavorita e l’optimum del pompaggio…IMPOSSIBILE.

Punto 4

Supplementi a base di ossido nitrico.

Vi sono in commercio numerosi integratori per migliorare la performance sportiva in modo naturale.

Tra quelli degni di maggior nota vi sono gli stimolatori della produzione di ossido nitrico.

L’ossido nitrico è responsabile attraverso una serie di passaggi biochimici di fa rilasciare la muscolatura liscia dei vasi, e quindi aumentare il lume del vaso stesso consentendo un maggior passaggio di sangue nell’unità di tempo.

Come pompare i muscoli

Esercizi palestra allenamento fitness

Lascia il tuo commento: