Come si cura l'epatite

Come si cura l'epatite? Per curare l'epatite, (la nota patologia che riguarda il fegato) esistono numerore tecniche, terapie e trattamenti che vengono ovviamente scelte dal professionista dopo attenta diagnosi dei sintomi, in base al tipo di epatite che riguarda il suo assistito, il quale può essere afflitto da una delle cinque varie forme conosciute di epatite (epatite a,b,c,d,e).

Come si cura l'epatite

Come si cura l'epatite?

Ogni terapia e trattamento per la cura della epatite:

Epatite A (HAV)

Diagnosi:

un test screening del sangue che riveli la presenza di anticorpi contro la HAV nel siero conferma la diagnosi di un’infezione acuta da epatite A;

Sintomi:

i sintomi di questo ceppo virale includono nausea, vomito e diarrea. Una volta contratta l’infezione ed essere guariti, gli anticorpi contro il virus assicurano una protezione sufficiente da eventuali future infezioni da HAV. Naturalmente, da quel momento uno screening del sangue darà sempre esito positivo per la HAV.

Trattamento: fortunatamente, il 99% delle persone colpite da questo virus guariscono senza aver bisogno di alcun trattamento.

Epatite B (HBV)

Diagnosi:

un’infezione acuta da HBV è diagnosticata per mezzo di un’analisi del sangue che rilevi la presenza dell’antigene superficiale dell’epatite B e l’anticorpo contro il suo antigene profondo. Questi anticorpi si sviluppano nel sangue nei primi stadi dell’infezione, quando compaiono i sintomi. La presenza dell’anticorpo dell’antigene superficiale compare dopo che l’infezione ha cessato di essere attiva e serve come indicatore di immuità. Altri anticorpi si sviluppano di conseguenza ad altre condizioni specifiche relative alla malattia, ad esempio il fatto che essa sia diventata cronica.

Trattamento (previa vaccinazione contro epatite A):

  • non esistono trattamenti per l’epatite B acuta;
  • per l’epatite B cronica sono disponibili due trattamenti approvati dalle autorità scientifiche. Circa il 35% dei pazienti curati con interferone per 4-6 mesi mostrano una risposta a lungo termine. Questa terapia però presenta molti effetti collaterali, in particolare sintomi simili a quelli dell’influenza e indebolimento del midollo osseo. La risposta alla somministrazione orale di lamivudina per almeno un anno è più lenta ma presenta meno controindicazioni.

Epatite C (HCV):

Diagnosi:

in questo caso, un test specifico deve poter attestare la presenza di anticorpi del virus nel sangue. Se il primo è positivo ne va eseguito un altro, per confermare la diagnosi; a quel punto andrebbero misurati gli enzimi del fegato tramite un altro test. In circa il 30% dei pazienti non si riscontrano anticorpi nelle prime quattro settimane di infezione, ma in casi più rari i tempi di sviluppo degli anticorpi sono ancora più lunghi;

più dell’80% delle infezioni da HCV diventano croniche, cioè il livello di enzimi nel fegato rimane elevato per sei o più mesi dopo la fase iniziale acuta. Una biopsia del fegato può identificare il tipo e il grado di danno inflitto al fegato dagli enzimi. La malattia può progredire gradualmente lungo un periodo di 10-40 anni.

Trattamento:

  • sono utilizzati tre tipi di interferone, somministrati tramite iniezione e con gli effetti collaterali già visti sopra;
  • oppure è impiegata una combinazione di interferone e ribavirina: quest’ultima può provocare una grave e improvvisa anemia e danni al nascituro;
  • il 50-60% dei pazienti rispondono subito al trattamento, ma solo il 10-40% guarisce. Con il trattamento combinato il virus scompare nel 47% dei casi, dopo 6 mesi di terapia. Il trapianto è necessario nella fase terminale della malattia, ma non assicura che il virus non si ripresenti più. Chiunque abbia l’epatite C dovrebbe essere vaccinato contro la A e la B e non bere alccol, mantenendo altresì una dieta bilanciata e facendo esercizio.

Epatite D (HDV)

È strettamente legata all’epatite B, pertanto la vaccinazione contro quest’ultima salvaguarda anche dalla D. Una piccola percentuale di pazienti trova giovamento in un trattamento a base di interferone alfa-2b.

Epatite E (HEV)

Il test è riservato a persone che hanno viaggiato in Paesi in via di sviluppo. Non esiste attualmente alcun tipo di cura efficace.

Terapia e trattamento per la cura della epatite.

Malattie

Lascia il tuo commento: