Come si fa a dimagrire?

Come si fa a dimagrire velocemente la pancia e fianchi? Dimagrire velocemente non è un problema difficile da risolvere, l'importante è prendere coscenza che dimagrire in fretta è relativo, ed è maggiormente opportuno concentrarsi nella qualità del dimagrimento più che sulla tempistica.

Come si fa a dimagrire velocemente la pancia e i fianchi già dalla prima settimana è un pensiero che fanno quasi tutte le persone interessate a dimagrire in fretta ma in modo sano e naturale. Per scoprire come fare a dimagrire velocemente é inizialmente utile fare alcune premesse a proposito delle distinte qualità degli individui, in termini di caratteristiche morfologiche e tipologie genetiche. Quando generalmente la gente parla in termini di magrezza, si stanno descrivendo individui definiti “Ectomorfi” : si tratta di caratteristiche fisiche che possono essere enumerate con arti lunghi aspetto leggero e morfologia piuttosto scheletrica, con una percentuale di grasso corporeo molto bassa e muscoli poco sviluppati e molto lunghi.

Come si fa a dimagrire?

Come si fa a dimagrire

Gli Ectomorfi appariranno quindi come corpi sottili e delicati e mostreranno difficoltà ad acquisire peso e muscolatura.Per fare degli esempi, modelle, ballerine, giocatori di basket possono essere identificati in questa tipologia.

Gli individui Ectomorfi avranno generalmente le seguenti caratteristiche:

  • Magrezza
  • articolazioni sottili e ossute
  • braccia e gambe lunghe
  • fisico lineare
  • spalle piccole
  • muscoli poco sviluppati
  • gabbie toraciche e fianchi piccoli
  • percentuale di grasso corporeo molto bassa
  • il loro metabolismo si permette di mangiare molto senza ingrassare
  • iperattivi
  • difficoltà allo sviluppo muscolare

I Mesomorfi sono invece quegli individui fortunati, normalmente caratterizzati da corpi atletici, forti, compatti, con un'eccellente postura. Normalmente le loro spalle sono più larghe dei loro fianchi e le donne tendono ad avere un corpo bello e armonioso. Questo tipo di individui nascono con la predisposizione per divenire atleti e tendono sviluppare una eccellente massa muscolare senza particolare esercizio. Generalmente sono descritti come corpi “medi”. Normalmente questo tipo di individui si trovano fra i atleti del pattinaggio artistico, i tennisti e i body builders.

Le caratteristiche che descrivono l'individuo di natura mesomorfa sono:

  • corpi asciutti
  • muscolatura sviluppata
  • particolarmente forti
  • articolazioni rossa di medie dimensioni
  • normalmente le spalle sono più larghe dei fianchi
  • spalle larghe squadrate
  • metabolismo efficiente
  • capacità di sviluppare muscoli naturale e facile
  • rapida risposta all'esercizio fisico

Terza categoria, é quella degli individui di tipo Endomorfo

Naturalmente caratterizzati da bei lineamenti soffici curvilinei rotondi, essi hanno metabolismo davvero difficile, tendente a rallentare in direzione dell'anabolismo. Questa caratteristica, che normalmente porterebbe vantaggio agli atleti permettendogli uno sviluppo muscolare e della potenza particolari, nel caso delle caratteristiche endomorfe rappresenta invece un particolare problema. Caratteristica peculiare di questo tipo di individui è, d'altro canto, la tendenza a sviluppare i talenti artistici. Famosi cantanti e attrici rientrano in questa tipologia somatica.

Avremo quindi delle caratteristiche quali:

  • corpi soffici e rotondi
  • ossa e articolazioni di grosse dimensioni
  • normalmente spalle piccole e sproporzionate rispetto ai fianchi
  • arti corti
  • un difficilmente controllato livello di grasso corporeo (spesso tendente al sovrappeso)
  • sagoma del corpo che richiama quella della pera
  • difficoltà a perdere peso
  • metabolismo lento
  • tendenza alla fatica e alla stanchezza e alla sonnolenza

Premessa fondamentale (che potremmo definire abbastanza realistica) per il raggiungimento di una forma perfetta, è quella che si tenga in considerazione la caratteristica fisica dell'individuo al fine di potere definire il migliore processo (attività fisica è o alimentazione) per il raggiungimento della forma fisica ideale.

Detto questo i fattori del dimagrimento possono essere riassunti considerando:

La necessità dell'identificazione della tipologia fisica, alla quale possa essere attribuito un modello realistico. Per questo scopo la tecnologia e gli algoritmi matematici provvedono sufficiente supporto per tale determinazione. Il trucco è quello di mantenere un costante controllo della percentuale di grasso corporeo, della proporzione, quindi, tra massa grassa e massa magra e la sua distribuzione. Tutto questo cercando di assicurarvi di mantenere un livello di grasso corporeo che non raggiunga i valori critici, in eccesso o in difetto, minacciando così la salute. Il calcolo del peso ideale sulla base delle informazioni raccolte fino a questo punto diventa, quindi, realistico al punto da permettere un regime di dieta e di allenamento salutari e non pericolosi.
Il motore per perdere peso è a questo punto l'abbassamento del numero di calorie (creare un deficit) di circa il 15 o 20% rispetto al fabbisogno quotidiano calcolato in precedenza. Gli strumenti per definire il fabbisogno calorico sono i calcolatori di calorie, che sfruttano degli algoritmi che tengono in considerazione la statura, il peso, le circonferenze delle parti principali del corpo (arti fianchi gambe cosce e glutei eccetera), l'età, il sesso.
Un suggerimento è quello della rotazione dell'assunzione di calorie: cambiare il proprio apporto di calorie ogni pochi giorni, evitando di stabilizzarsi su un apporto costante. Normalmente questo artifizio porta il corpo a "provare ad indovinare", stressando così ulteriormente il metabolismo che tenderà naturalmente ad accelerare, aiutato anche in questo processo dall'assunzione di un numero superiore di pasti rispetto alla norma (da 4 a sei pasti al giorno).

Oltre a questo, come si fa a dimagrire velocemente la pancia e i fianchi?

Le soluzioni e prodotti che possono aiutare a dimagrire ancor più velocemente sono diverse, le più famose oltra e fare movimento, sono bere aceto di mele, assumere carnitina e scegliere cibi con grassi buoni da inserire  nella propria alimentazione.

Iniziamo dal consiglio più semplice; Bere aceto di mele

L’aceto di sidro (in pillole o liquido) fa dimagrire quando integrato in una dieta nutriente e in uno stile di vita sano.

Ecco i benefici dell’aceto di sidro:

  • Aiuta la digestione
  • Disintossica il fegato
  • Elimina l'appetito rendendo
  • Accelera il metabolismo
  • Diminuisce la ritenzione idrica
  • Aiuta a mantenere un senso di benessere
  • È ricco di sostanze nutritive perché è fatto di sidro di mele. Esso contiene vitamine, minerali, fitonutrienti

Appetito

L’aceto di mele è una sostanza che è stata usata per molti anni come rimedio domestico per molti problemi come:

  • l'influenza di stomaco
  • colesterolo alto
  • mal di gola
  • dolori articolari
  • infezioni al seno.

Uno dei vantaggi però più propagandato che l'aceto di sidro di mele porta in tavola è la perdita di peso. Uno dei modi in cui aiuta a dimagrire è con il controllo della fame. La dose consigliata è da 1 a 2 cucchiaini ma deve essere assunto con l'acqua prima di un pasto. Questo contribuisce a ridurre l'appetito a causa di un composto di fibre che si trova nell’aceto chiamato pectina. Questa sostanza si mescola con l'acqua e si espande nello stomaco, provocando la riduzione dell’appetito.

Ritenzione

Quando il corpo trattiene l'acqua, il peso naturalmente aumenta. Questo può essere un effetto collaterale che si scatena assumendo troppo sodio. L’aceto di sidro ha un alto contenuto di potassio. Il potassio aiuta ad eliminare il sodio dal corpo. Questo a sua volta può portare a meno acqua nel corpo e quindi ad una perdita di peso.

Metabolismo

Ogni singolo processo quotidiano ha a che fare con il metabolismo.

Questo include:

  • dormire
  • respirare
  • leggere
  • allenarsi
  • digerire il cibo.

Il metabolismo è la velocità con la quale il corpo utilizza le calorie per formare energia ed eseguire tutte queste funzioni. L’aceto di mele contiene acido acetico. Quando l'acido acetico viene a contatto con gli alimenti, aiuta a promuovere l'assorbimento del ferro. Un assorbimento di ferro alto porta ad un utilizzo elevato d’ossigeno, che finisce per aumentare la velocità metabolica. Quando il tasso metabolico è elevato, sono bruciate tantissime calorie, provocando una perdita di peso.

Benessere

Tante persone sono mangiatrici emotive ed esagerano quando sono di fronte a situazioni stressanti. Un altro modo in cui l’aceto di mele aiuta a dimagrire è rilasciando proteine durante il processo digestivo. Il triptofano è un amminoacido che è rilasciato attraverso questo processo, ed è a sua volta responsabile del rilascio di serotonina, un neurotrasmettitore e tranquillante naturale. Quando la serotonina è prodotta, il corpo è meno portato a sentire lo stress e così si mangia meno.

Eliminazione

Dei tre macronutrienti, i grassi sono i più ricchi di calorie: contengono 9 calorie per grammo. L’aceto di sidro aiuta a ridurre il tempo di transito dei grassi nello stomaco perché migliora la digestione. Questo a sua volta porta alla perdita di peso perché meno grassi possono essere assorbiti dal corpo.

Assunzione

L’aceto di mele dovrebbe essere assunto prima d’ogni pasto.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Mescolare due cucchiaini d’aceto in un bicchiere d'acqua tiepida. Bere come una bevanda
  • Mescolare due cucchiaini d’aceto di mele in 112 ml di sidro di mele.
  • Mescolare un cucchiaino d’aceto di mele in una tazza d'acqua e ¼ di cucchiaino di bicarbonato di sodio.

Acquisto

Quando si acquista l'aceto di sidro di mele non va bene qualsiasi marca. Si deve scegliere una marca in cui l'aceto è passato attraverso un minor numero di processi. L’aceto che è stato pastorizzato, distillato o filtrato ha subito troppi processi. I tre processi citati non sono realmente necessari. Basta cercare quello che ha subito la doppia fermentazione ed è stato fatto con mele intere.

Come fare l'aceto di sidro di mele a casa

Per questo è necessario un chilogrammo di mele, che, dopo essere state macinate, devono essere messe in 1,25 litri d’acqua con una temperatura di 70 gradi. Poi aggiungere un po’ di zucchero o miele. Per iniziare il processo di fermentazione devono essere aggiunti a questo liquido 20 grammi di cracker di segale o 10 grammi di lievito. Durante i primi dieci giorni fermare il processo tre volte al giorno, tenendolo a temperatura ambiente.
Filtrare poi il liquido con una garza e versare in un recipiente dal collo largo, che è poi coperto con una garza. Mettere il recipiente in un luogo caldo. Il processo di fermentazione si completa in uno o due mesi. Quindi prendere l’aceto, versare nelle bottiglie e pulire il frigorifero. L’aceto di sidro di mele per la perdita di peso è pronto.

In breve, l’aceto di sidro fa dimagrire ma è necessario includerlo in una dieta equilibrata insieme ad un programma d’esercizio fisico.

Scegliere i grassi buoni fa dimagrire

Ogni volta che si mangiano cibi senza grassi, si avverte la sensazione che manchi qualcosa. Questo succede perché manca davvero qualcosa al corpo. È stato dimostrato che il grasso è una buona cosa per l’uomo. ll problema non è tanto la quantità di grasso che si mangia, ma quale tipo di grasso si sta mangiando. È bene sapere che abbiamo a disposizione grassi e oli che possono essere aggiunti alla dieta non solo per il gusto ma anche per la linea. Esiste infatti il grasso che fa dimagrire: è stato scoperto che alcuni tipi di grassi aiutano a perdere peso.

I grassi soddisfano i bisogni del corpo

I grassi sono uno dei tre macronutrienti essenziali degli esseri umani (gli altri due sono proteine e carboidrati). I grassi sono indispensabili per il corretto funzionamento del corpo.

I grassi svolgono funzioni importanti

Ogni cellula del nostro corpo è incapsulata in una membrana di grasso, rendendo i grassi essenziali per il corretto funzionamento cellulare.

Costituiscono la maggior parte del tessuto nervoso, cervello compreso.

Sono la colonna portante di molti ormoni, tra cui:

  • Estrogeni
  • Progesterone
  • Testosterone
  • cortisolo
  • e molti altri.

I grassi inoltre formano una classe di sostanze chimiche nel corpo chiamate eicosanoidi, ormoni dall’azione di breve durata che possono provocare infiammazioni o ridurle, a seconda dei grassi che si mangiano.
Con tutta questa necessità di grasso nel corpo, non c'è da meravigliarsi che si desideri assumere grassi.
Prima di riempire il carrello della spesa con tutti i tipi di cibi grassi che esistono, è bene guardare che grassi sono. C’è una grande differenza tra un tipo di grasso e l’altro, quindi è bene stare attenti se si vuole rimanere in buona salute e soprattutto se si vuole perdere dimagrire.

Il buono

L’olio di cocco appartiene a un tipo di grassi saturi chiamati trigliceridi a catena media (MCT). Mentre i grassi saturi godono di cattiva fama, i grassi saturi che causano problemi sono i grassi saturi a catena lunga si trovano:

  • nella carne e
  • nei latticini.

I trigliceridi a catena media, come l'olio di cocco, sono unici per la loro capacità di:

  • aumentare effettivamente il metabolismo e
  • aiutare a perdere peso.

Recenti studi hanno dimostrato che gli oli di cocco:

  • aumentano il tasso metabolico
  • diminuiscono il grasso
  • riducono l’appetito.

Mentre molti oli comuni danneggiano la tiroide e riducono il metabolismo, l'olio di cocco fa il contrario. Quando gli allevatori sono alla ricerca di modi per ingrassare il loro bestiame, evitano l’olio di cocco.

È noto da tempo che i grassi fanno sentire le persone piene per più tempo rispetto a carboidrati o proteine. Gli scienziati teorizzano che questo abbia qualcosa a che fare con quanto tempo un pasto contenente grassi rimanga all'interno dello stomaco. Se si mangia una pesca o un altro frutto, ad esempio, rimane all'interno dello stomaco per soli 20 o 30 minuti, ciò porterà ad avere fame prima. Mangiare un pasto con grassi o proteine comporta che il pasto rimanga nello stomaco fino a 2 o 3 ore.

L’olio di cocco aiuta le persone a sentirsi più sazie, riducendo:

  • l'appetito e
  • gli spuntini tra i pasti.

L’olio di cocco:

  • ha un sapore gradevole
  • garantisce effetti benefici oltre la perdita di peso.

Le persone che lo utilizzano regolarmente:

  • hanno la pelle più morbida e più elastica
  • mangiano di meno perché si sentono più piene
  • hanno più energia.

È facile aggiungere l’olio di cocco alla dieta:

  • Il gusto dell’olio non viene alterato
  • è adatto a quasi ogni pasto in cui viene utilizzato un grasso.

Molte persone prendono un cucchiaio o due di olio prima di mangiare per ridurre l’appetito. È inoltre possibile utilizzare olio di cocco come si qualsiasi altro olio:

  • con le uova
  • con le verdure saltate o
  • addirittura al posto del burro in cottura

Il cattivo

La soia è stata presentata come una cosa buona ma in realtà ha un lato oscuro. Soia e olio di soia sono ben noti per la loro capacità di diminuire la funzione tiroidea. La tiroide è responsabile del metabolismo di base e la funzione tiroidea diminuita porta ad un aumento di peso.

Anche altri oli, una volta ritenuti salutari, riducono la funzione tiroidea come quelli di:

  • arachidi
  • mais

Mentre gli studi sugli esseri umani sono in genere manchevoli per quanto riguarda il rapporto tra questi oli e l’aumento di peso, sappiamo che gli allevatori (che studiano molto di più l’aumento di peso) usano gli oli di cartamo, arachidi e mais nei loro mangimi per animali quando vogliono far ingrassare il bestiame.

Il pericoloso

Gli acidi grassi trans vengono creati quando alcuni oli sono riscaldati ad esempio per friggere o quando sono idrogenati. Recenti studi hanno dimostrato che questi tipi di oli sono molto dannosi per il cuore, poiché:

È importante evitare qualsiasi cibo che presenta sull’etichetta la dicitura "oli idrogenati" o "oli parzialmente idrogenati".

Troppo bello per essere vero?

In breve, le scelte alimentari spesso comportano un compromesso: o i cibi sono un bene per la salute o sono buoni. L'olio di cocco è un alimento che ha un buon sapore, è un tipo di grasso che fa dimagrire e offre anche altri benefici al corpo. Quando si fa la spesa, evitare i grassi trans e molti oli vegetali e scegliere invece una buona qualità di olio extra vergine di cocco biologico.

Anche la l-carnitina può essere un valito aiuto per dimagrire più velocemente

La L-carnitina è un sottile tipo di amminoacido naturale fondamentale per la combustione degli acidi grassi per l’energia apprezzato anche per le sue proprietà antiossidanti.Sintetizzata nel fegato e nei reni la L-carnitina necessita di due amminoacidi essenziali,lisina e metionina,per la sintesi degli acidi grassi richiede anche la presenza della niacina,della vitamina B6 e del ferro. Senza queste componenti essenziali il fegato ed i reni non possono fornire al corpo questo amminoacido essenziale.La L-carnitina ha lo scopo di trasportare gli acidi grassi nei mitocondri,dove vengono bruciati come combustibile cellulare.Questo amminoacido è stato scoperto nel 1927,ma non si è scoperto pienamente il suo significato fino al 1960.La L-carnitina è il ceppo biologicamente ativo dell’aminoacido,quello inattivo viene indicato come D-carnitina. Presente in numerosi alimenti la L-carnitina ha diverse possibilità di utilizzo medico,anche se è spesso usato come integratore alimentare a causa delle sue proprietà antiossidanti e alla capacità di aumentare l’energia.Prima di ogni discussione sulla L-carnitina si deve prima capire il ruolo degli amminoacidi nel processo metabolico.

Gli amminoacidi in genere fanno due cose:

  • Sono essenziali per la sintesi delle proteine
  • Sono ossidati e utilizzati come energia a livello cellulare

La carnitina è un amminoacido che trasporta i lipidi nei mitocondri dove vengono ossidati per produrre energia.Il suo scopo primario è quello di trasportare gli acidi grassi,attraverso la parete cellulare,ai mitocondri dove saranno bruciati come combustibile.I trigliceridi e il glicogeno sono due tipi di acidi grassi utilizzati dal corpo come combustibile:

  • Trigliceridi:produzione di energia a lungo termine
  • Glicogeno:produzione di energia per un periodo di breve tempo

È questa differenza tra i due acidi grassi e la selettività della L-carnitina che permette di fornire al corpo lunghe raffiche di energia.

Da chi viene prodotta la L-carnitina

Le aziende che producono la carnitina sono principalmente americane;una è la Labs Fitness che produce una soluzione da 1 grammo di liquido di L-carnitina che secondo le loro informazioni “massimizza la produzione di energia per ottimizzare le prestazioni del fisico”.L’altra azienda è la MRM che produce un grammo di L-carnitina in una soluzione mista con 100 mg di Co-Q10 e che secondo le loro informazioni essa “sostiene la produzione di energia dai grassi” e “promuove la salute cardiovascolare”.La LifeExtension produce la L-carnitina in polvere è la promuove come un potente antiossidante che rallenta il danno cellulare dell’invecchiamento.

Per cosa si usa la L-carnitina

I sostenitori di L-carnitina la chiamano l’ottimo brucia-grassi amminoacidi. Così è spesso utilizzata da coloro che necessitano di energia a lunga durata,come gli appassionati di fitness o quelli che gareggiano a livello competitivo. E’ utilizzata anche da coloro che vogliono perdere peso, mentre gli studi dimostrano che maggiore è la durata di attività fisica e maggiore è la combustione dei grassi e non c’è molta ricerca che dimostra che la L-carnitina svolge parte del processo.La perdita di peso ed i supplementi di L-carnitina hanno questioni controverse nel settore del fitness;la base per la perdita di peso è una corretta alimentazione e un regolare esercizio fisico.Gli integratori sono utili per aggiungere uno sforzo al tuo programma di dimagrimento.Tra i molti integratori per la perdita di peso la L-carnitina è quella che è sempre stata trovata utile se si cerca di far cadere i chili di troppo,essa infatti può aiutare a mobilitare il grasso in modo che possa essere bruciato in modo più efficiente.Oltre a trasferire gli acidi grassi sulla catena dei mitocondri e a migliorare la forza muscolare la carnitina può contribuire a ridurre il nervosismo e l’irritabilità associati ad alcuni carboidrati chiamati “piani”.Ulteriori vantaggi vengono dalla soppressione dell’appetito,dall’aumento di energia e dalla riduzione dell’affaticamento muscolare.La carnitina può anche proteggere contro i disturbi del fegato,le malattie cardiovascolari e il diabete.Il tuo corpo deve ricevere carnitina nella corretta quantità insieme ad amminoacidi,lisina e metionina.Hai anche bisogno di una quantità adeguata di vitamina B e C,così come del ferro.Questo può anche essere ottenuto attraverso la nutrizione da alimenti come le proteine animali.Coloro che assumono carnitina devono perciò essere reintegrati per evitare una carenza e se non ricevono abbastanza di queste vitamine,minerali e amminoacidi attraverso la dieta renderanno quei ultimi chili ostinati da rimuovere.La mancanza di L-carnitina può causare debolezza muscolare e bassi livelli di energia così come l’aumento di peso e di crampi;a lungo termine tali carenze possono portare al diabete,malattie cardiovascolari,obesità e Alzheimer.I vegetariani hanno più probabilità di avere una quantità insufficiente di carnitina a causa della mancanza di proteine animali nella loro nutrizione,pertanto la L-carnitina è un ottimo integratore per i vegetariani.

Studi sulla l-carnitina

In uno studio su 18 soggetti in soprappeso la carnitina ha inibito una diminuzione di massa corporea.I soggetti sono stati divisi in due gruppi di 9,per dodici settimane entrambi i gruppi hanno eseguito una dieta sana ed un esercizio moderato.Ad un gruppo sono stati dati 2000 mg di carnitina e all’altro un placebo.Nel gruppo placebo la perdita di peso media dopo 12 settimane è stata di 1 Kg; nel gruppo carnitina la perdita di peso media è stata di 11 Kg e sono diminuiti sensibilmente anche i livelli di grasso corporeo.Tuttavia non tutti avranno questi risultati di perdita di peso con carnitina.In un recente studio gli individui che prendono la carnitina per 8 settimane non hanno avuto esperienze precedenti di perdita di peso quindi non si può sapere se vale la pena provare questo supplemento; ma è accertato che l’assunzione di carnitina correlata ad esercizi di aerobica e allenamento fisico dà risultati soddisfacenti nella pedita di peso.

Le fonti di L-carnitina nella nostra dieta

Dal momento che la carnitina aiuta a liberare il grasso in modo più efficace durante l’aerobica cardio,è importante che si mangino cibi di qualità e di esercitare in modo coerente.Questi fattori sono ciò che rendono possibile il processo di combustione dei grassi.Il corpo può produrre piccole quantità di carnitina;per farlo sono necessari gli amminoacidi lisina e metionina e le vitamine niacina,B6 e la vitamina C. Una carenza di uno di questi nutrienti può abbassare i livelli di carnitina e ridurre il consumo di acidi grassi.

La lisina è l’amminoacido precursore che costruisce la molecola di carnitina.Le fonti di carnitina nella nostra dieta sono:

  • Carne e prodotti animali
  • Carne rossa
  • Pollo e tacchino
  • Prodotti caseari e latte
  • Frutta,verdura e cereali

La L-carnitina funziona meglio con una dieta a basso contenuto di zucchero e amidi (carboidrati).Gli studi dimostrano che la carnitina per lavorare in modo efficace deve essere equilibrata in una dieta che mantenga sotto il 50%,dele calorie totali assunte ogni giorno,l’assunzione dei carboidrati.Elevati livelli di insulina inibiscono l’attività ottimale della carnitina; i grassi omega 3 (semi di lino e olio di pesce) migliorano l’attività e la funzione della carnitina nel corpo.Una quantità adeguata di proteine ad ogni pasto è fondamentale per l’attività della carnitina e per bruciare i grassi.

Assunzione completa e corretta della L-carnitina

In primo luogo è necessario iniziare a prendere almeno 1000 mg al giorno di L-carnitina per promuovere la perdita di peso.Gli individui obesi possono iniziare con 2000 mg al giorno,mentre quelli con resistenza metabolica faranno bene ad iniziare con 3000-5000 mg al giorno.La ricerca ha dimostrato che quando si inizia a sentire più energia è un segno che il livello di carnitina che si sta utilizzando sta iniziando a bruciare il grasso corporeo.Aumenta la carnitina di una capsula al giorno da 500mg fino a che inizi a sentire questo livello maggiore di energia nel vostro stile di vita quotidiano.Il tuo livello di energia sarà la tua guida su come la carnitina sta lavorando efficacemente nel tuo corpo.

E’ meglio assumere la L-carnitina prima di colazione e di pranzo.I segni di inadeguata assunzione di carnitina includono:

  • Affaticamento
  • Progressivo aumento di peso
  • Colesterolo e trigliceridi
  • Debole funzione del cuore
  • Mancanza di concentrazione mentale
  • Scarsa funzionalità immunitaria

Non c’è dubbio che la perdita di peso ed i supplementi hanno questioni controverse nel settore del fitness,la base per la vera perdita di peso è una corretta alimentazione e un regolare esercizio fisico.Gli integratori sono utili per dare una spinta in più al tuo programma di dimagrimento ma non fate affidamento su di loro come la maggior parte del vostro regime calorico essi sono uno strumento che va integrato alla vostra pazienza e costanza.

Come si fa a dimagrire? Manca ancora qualcosa?

Come si fa a dimagrire velocemente senza, in ultimo un adeguato esercizio cardiovascolare? questa parte fondamentale sarà affidata agli specialisti in un primo momento e quindi ad una gestione personale, allo scopo di raggiungere autonomia e auto competenza per il raggiungimento dell'obiettivo della bellezza.

Come si fa a dimagrire? In questo articolo abbiamo dato utili consigli che rispondono al quesito.

Perdere peso dimagrire velocemente

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo come si fa a dimagrire?

Come si fa a dimagrire

Ho trovato estremamente interessante questa rubrica. Pur sintetica, ha comunque fornito a mio avviso un quadro completo riguardo il giusto approccio verso una dieta attenta e coscienziosa dieta con sorprendenti chicche da adottare nella pratica quotidiana per ottimizzare la propria condotta alimentare.

Lascia il tuo commento: