Cosa fare per gli attacchi di panico

Cosa fare contro gli attacchi di panico? Avete deciso che è arrivato il momento di liberarsi da una condizione terribilmente scomoda, che vi impedisce di vivere in maniera corretta ed equilibrata visto che in ogni momento può riversare sul vostro corpo e sulla vostra mente un senso di frustrazione tale da preferire isolarsi dal mondo. Cosa fare per gli attacchi di panico è ciò su cui dovete concentrarvi con tutte le vostre forze, ciò per cui vale veramente la pena sfruttare ogni briciolo della propria grinta ed energia, così da liberarsi del problema.

Cosa fare per gli attacchi di panico

Attacchi di panico

ll sapere è importante:

Sebbene pochi ne siano a conoscenza, gli attacchi di panico sono un problema davvero comune nelle persone di tutto il mondo, motivo per cui moltissime persone hanno cominciato a chiedersi sempre più spesso cosa fare per liberarsi una volta di tutte dell’ansia e degli attacchi di panico.

Che cosa fare per gli attacchi di panico:

Questa condizione è uno stato isterico della mente che non si limita soltanto alla durata dell’attacco, ma che interessa la persona durante tutto l’arco della giornata influenzandone il comportamento e l’approccio con le altre persone: ecco il motivo per cui dovete cominciare fin da subito a chiedervi cosa fare per sconfiggere gli attacchi di panico!

Gli attacchi di panico non interesseranno solamente la vostra mente, in quanto ci sono una serie di fattori fisici che entrano inevitabilmente in gioco, facendovi soffrire sotto diversi punti di vista:

  • La respirazione subirà un grosso colpo, facendovi provare un senso di soffocamento davvero incontenibile; a seguito dell’attacco vi sentirete spossati e privi di energia, ma la respirazione tornerà mano a mano regolare.
  • Anche il battito cardiaco verrà coinvolto in maniera pesante dall’azione degli attacchi di panico, in quanto il rilascio di adrenalina provocherà un forte incremento della sua attività e facendo rimbombare il ritmo del vostro cuore sul petto. Ciò si tradurrà in forti dolori al torace accompagnati da una sensazione di oppressione davvero terribile.
  • Il sistema nervoso verrà alterato, portando a soffrire di dolori muscolari e articolari, seguiti da un senso di intorpidimento in alcune zone come le braccia e le gambe. Molte volte, infatti, gli attacchi di panico vengono confusi con i problemi cardiaci proprio per questo motivo.
  • Anche la sudorazione verrà aumentata, facendovi provare vampate di calore e un senso di disagio davvero profondo.
  • Il mal di testa derivato dagli attacchi di panico vi impedirà di pensare lucidamente, portandovi a ritirarvi nella solitudine della vostra mente, isolandovi dal resto del mondo.

Cosa fare per ridurre gli attacchi di panico:

La prima cosa da fare una volta che si ha stabilito che la propria condizione di salute corrisponde perfettamente a quella degli attacchi di panico è di andare a consultare il proprio medico. Una volta che gli avrete esposto i sintomi di cui soffrite, con le relative sensazioni fisiche e le frustrazioni che interessano la vostra mente, starà al medico confermare la diagnosi e stabilire un piano di difesa contro gli attacchi di panico e l’ansia, in maniera da alleviare la vostra condizione. Oltre ai vari trattamenti più o meno comuni, ci sono una serie di punti da rispettare, se si vuole evitare di soffrire ancora a causa degli attacchi di ansia e panico.

Evitate gli stimolanti:

In commercio così come in natura sono presenti un gran numero di sostanze stimolanti, come ad esempio il caffè, le sigarette, il ginseng, il caffè ed alcuni alcolici che possono indebolire l’equilibrio del corpo e, a causa di un uso eccessivo, portare una persona ad essere più incline a soffrire degli attacchi di panico. Riducendo questi prodotti potrete già fare un passo avanti verso la vostra guarigione, ecco la prima cosa da fare contro gli attacchi di panico!

Ridurre lo stress aiuta contro gli attacchi di panico:

Lo stress è un fattore della vita di tutti noi che la rende meno serena e spensierata, ecco perché d’ora in avanti sarà bene evitare qualsiasi possibile fonte di nervosismo o stress, se volete liberarvi degli attacchi di panico. Al giorno d’oggi, purtroppo, la gene è continuamente a contatto diretto con lo stress, visto la frenesia della nostra società moderna.

Adottare alcune misure per evitare che lo stress entri continuamente nella propria vita sarà un buon modo per ridurre anche gli attacchi di panico! Prendetevi qualche momento per voi, rilassatevi e godetevi un po’ di pace, in maniera da distendere i nervi e riposare la mente, in questo modo potrete star certi di fare qualcosa di utile contro l’ansia ed il panico che vi assale.

Convincete voi stessi:

Prima ancora di cominciare qualsiasi trattamento per gli attacchi di panico, è bene cominciare a pensare nella giusta maniera, iniziare a rendersi conto che è arrivato il momento di rialzarsi ed affrontare a viso aperto la condizione, perché solamente grazie ad una buona capacità di resistenza, sia mentale che fisica, potrete riuscire a liberarvi dell’ansia che vi attanaglia e degli attacchi di panico che rovinano la vostra quotidianità.

Ammettete a voi stessi che in questo momento siete deboli ed impotenti nei confronti della condizione che vi affligge, decidendo poi che c’è bisogno di un’azione rapida e tempestiva per cercare di risolvere il problema che tanto vi sta facendo penare.

Gli esercizi respiratori:

Il modo sicuramente più pratico e corretto per interrompere un attacco di panico è sicuramente quello di respirare a fondo, concentrandosi per rilassare il corpo e la mente, così da ridurre i sintomi che l’ansia porta su di voi. Quando sentite le prime avvisaglie dell’attacco di panico sedetevi e mettetevi comodi, cominciate a respirare profondamente, riempiendo bene i polmoni: in questa maniera distenderete i nervi e vi sentirete più pronti e lucidi per affrontare a testa alta gli effetti derivati dagli attacchi di panico.

Le sedute con lo psicologo:

Uno dei trattamenti più utilizzati per tentare di porre rimedio agli attacchi di panico è sicuramente quello di affidarsi alle mani di uno specialista per tentare di capire a fondo il problema e trovare la soluzione per risolverlo.

Grazie ad uno psicologo specializzato riuscirete a conoscere la vera natura del vostro disturbo, entrando nella vostra psicologia e riequilibrandola, in modo da controllare gli sbalzi di umore che vi portano a soffrire di attacchi di panico.

Sarà importante però instaurare un rapporto di vera amicizia e fiducia con il proprio analista, in quanto vi sarà più facile esporgli i propri problemi ed i propri disagi in tutta naturalezza e senza sentirsi a disagio; se considerate il vostro psicologo sempre e solo come un dottore o un esperto in materia non potrete mai sentirvi a vostro agio di fronte a lui, non riuscirete ad aprire totalmente il vostro interiore, dando al medico le giuste informazioni per trovare la soluzione al problema.

Gli attacchi di panico vi lasceranno in pace se proverete a seguire questi consigli, ma ciò succederà solo se manterrete la vostra salda determinazione e la convinzione necessaria ad affrontare il problema in modo diretto, senza indugiare altro tempo prezioso!

Ecco semplici mosse da fare in caso di attacchi di panico.

Attacco di panico

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo cosa fare per gli attacchi di panico

Attacchi di panico

Sono 16 anni che ho a che fare con questo mostro (il Panico) che non mi lascia vivere e che imprigiona la mia anima .
Mi sono documentata sull'argomento e si può quasi dire che sono una psichiatra ad honorem ma la mia mente non collabora : quando il respiro diventa affannoso , le gambe sembrano non riuscire a reggere il resto e un senso di oppressione stringe lo stomaco ...tutta la teoria va a farsi f......e si capisce quando profondo sia il precipizio nel quale siamo finiti.

Gli attacchi di panico dovete esorcizzarli

Ciao a tutti,mi chiamo Giancarlo, è da 14 anni che soffro di questa terribile malattia. dopo tutti questi anni posso anch'io tranquillamente affermare che aimè sono un grande esperto in materia.
l'unica cosa chè posso consigliarvi è parlatene con il vostro medico!! ogni caso è diverso dall'altro, c'è chi ha bisogno di qualche seduta di psicoterapia, invece ci sono casi "vedi il mio" in cui la malattia diventa cronica, ha bisogno di una terapia psicologica affiancata a una farmaco terapia...in giro è pieno di gente chè si fa RICCA sulle spalle della gente......
Non abbiate paura, sono le paure che alimentano il panico, esorcizzatele!
vi saluto Giancarlo

I miei attacchi di panico

Dal 1995 soffro di questo disturbo. Allora non lo chiamavano cosi. Ma vertigini. Da mesi la cosa mi sta abbattendo sotto tutti i punti di vista. La paura e la necessita di andare in ospedale diventa una costante. Ho provato diversi psicologi ma non riesco ad entrare nello loro tesi. Viaggio sempre con le gocce calmanti in borsa. Ma negli ultimi mesi nemmeno queste aiutano. Sono sempre alla ricerca della causa organica che mi fa stare tanto male. Purtroppo ne risente il lavoro, la famiglia e la vita sociale. Oggi per esempio è stato un dramma. Sono dovuta uscire dall'ufficio alle 12.30 mi pareva di soffocare e il cuore a 1000. Ora le gambe non reggono... Vedo che molti hanno il mio problema. Grazie per l'ascolto

Lascia il tuo commento: