Creatina: Integratori Creatina

La creatina nelle sue varie forme e marche è uno degli integratori alimentari più utilizzati dagli sportivi.

Gli integratori di creatina sono tra gli integratori più annoverati ed utilizzati nello sport, la ricerca scientifica in merito agli effetti dell’utilizzo della creatina sulla performance atletica è andata sempre più confermando che trattasi del più efficace e sicuro integratore per gli atleti di resistenza.

Integratori Creatina

Creatina

Come conseguenza la creatina è diventata l’integratore più popolare dell’industria degli integratori per sportivi.

Inizialmente la creatina, quando fece il suo ingresso sul mercato, era prerogativa di una piccola elite in quanto dai costi molto elevati poiché prodotta solo da alcuni laboratori. Dopo l’esplosione della sua efficacia molti laboratori si sono specializzati nella sua produzione, soprattutto in Germania, Stati Uniti e Cina. Ciò ha contribuito a far affievolire i prezzi sul mercato. Se questo aspetto da un lato risulta positivo, dall’altro non tutte le aziende produttrici garantiscono gli stessi procedimenti produttivi e le stesse misure di controllo sulla qualità del prodotto finito.

In altre parole, non sempre la creatina riportante il prezzo di vendita più basso è anche la migliore.

Processi di produzione della creatina

La creatina è sintetizzata grazie alla reazione del sale “sodio sarcosinato” (un derivato dell’acido acetico) con il cianammide (un ammide organico) attraverso il processo del “ciclo del cianammide”. Miscele di solventi organici a base acquosa sono utilizzate in qualità di mezzi per la reazione. L’utilizzo di materie prime di scarsa qualità e/o reazioni chimiche incomplete durante il processo di sintesi della creatina possono facilmente condurre alla presenza di agenti contaminanti nel prodotto finale come: diciandiammide, diidrotriacina e creatinina. Il diciandiammide è un derivato del cianammide. Il diciandiammide è il risultato di un incompleto ed inefficiente processo di sintesi della creatinaNonostante il diciandiammide non appaia essere un composto tossico, gli effetti a lungo termine dell’ingestione di alte quantità di tale composto non sono conosciute. La diidrotriacina è un altro composto che viene prodotto quale conseguenza di processi di produzione della creatina non ottimali. Ancora meno si sa circa gli effetti farmacologici e tossicologici dell’ingestione di diidrotriacina.

La creatina è naturalmente convertita in creatinina nei muscoli e poi, quest’ultima, viene escreta nelle urine come prodotto di scarto.

Altrettanto avviene quando la creatina si trova a lungo disciolta in acqua; cioè si trasforma in creatinina. Questo è quello che accade quando la creatina è disciolta in acqua durante i processi di sintesi della creatina stessa o ancora quando è disciolta in acqua per i test di purezza. L’ingestione di piccole quantità di creatinina non risulta avere conseguenze di tossicità, ma allo stesso tempo non è di alcun beneficio. La creatina di bassa qualità contiene elevate concentrazioni di diciandiammide, diidrotriacina e creatinina.

Accertamento della purezza della creatina:

Ci sono diversi metodi che, normalmente, vengono usati dai produttori di creatina per accertarsi della qualità e della purezza della creatina monoidrata che producono. Ciò significa impiegare varie tecniche d’analisi chimica come ad esempio l’HPLC e l’HPCE. La creatina destinata all’uso in qualità di integratore alimentare dovrebbe essere sottoposta ai test di purezza HPLC. Tale metodo mette in risalto la purezza della creatina nonché la presenza e la quantità di metalli pesanti, arsenico, E.Coli, Salmonella, Staph. Aureus, lieviti, muffe e coliformi.

Qui sotto un elenco dei test che dovrebbero essere effettuati sulla creatina ed i valori che per essi sono considerati accettabili:

TEST ACCETTABILITA'

Metalli pesanti ≤10 parti per milione (ppm)
Purezza ≥99%
Arsenico ≤3ppm
E.Coli Assente
Salmonella Assente
Staph. Aureus Assente
Lieviti e muffe ≤50/g
Coliformi ≤10/g

Invece nel testo qui sotto i valori degli agenti contaminanti (diciandiammide, diidrotriacina e creatinina) ritenuti accettabili.

TEST ACCETTABILITA'

Diciandiammide ≤50 ppm
Diidrotriacina Assente
Creatinina ≤50 ppm

Adesso, probabilmente, vi starete domandando chi produce la creatina più pura.

La maggior parte della creatina venduta alle aziende che commercializzano integratori per lo sport proviene dalla Germania, Stati Uniti e Cina. Negli Stati Uniti d’America diverse società producono creatina (ad esempio: Ferro Pfansteihl, Chattem Chemicals, US Biological, etc.). Ad ogni modo il fatto che tali aziende soddisfino i parametri di purezza federali non significa in assoluto la garanzia di assenza di agenti contaminanti. In Germania, Degussa AG (con ragione sociale: Alzchem Trostberg GMBH) affiliata al 100% alla Evonik Degussa GMBH è diventato il più grande produttore di creatina subito dopo aver acquisito la SKW-Trostberg (produttrice della ben nota Creapure™).

Nota Bene: il marchio CREAPURE™ è stato registrato nel 1997. Degussa-Alzchem utilizza tecnologie brevettate per la produzione di creatina monoidrato di alta qualità priva di impurità. Per provare tale aspetto produttivo, Degussa esegue test HPLC e USP su ogni singolo lotto di creatina prodotto. Inoltre, per la creatina prodotta negli stabilimenti della Degussa-Alzchem avviene un controllo di qualità indipendente dalla produzione e certificato secondo GLP (Good Laboratory Practice). Il GLP controlla i lotti prodotti e verifica il a osta all’uscita della merce dagli stabilimenti di produzione. Invece, dal 2003 la creatina CREAPURE™ di Degussa-Alzchem viene prodotta in impianti GMP (Good Manufacturing Practice, in italiano: Buona Prassi nella Produzione). Ciò significa che la produzione avviene rispettando nome di qualità rigorose e severe. La produzione della creatina in stabilimenti GMP è garanzia per i consumatori di qualità del prodotto e sicurezza nel suo consumo. Le norme che regolano la produzione in stabilimenti certificati GMP sono rigide quanto quelle del settore farmaceutico. La sorveglianza dei processi di produzione in tali stabilimenti certificati è rigida ed ogni processo di produzione deve essere necessariamente documentato. Infatti, molte delle ricerche condotte sugli effetti ergogeni della creatina sono state effettuate utilizzando creatina prodotta sia dalla statiunitense Pfanstheil o dalla tedesca DegussaCi sono svariate aziende che in Cina producono creatina (esempio: TainCheng International Inc.; Suzhou Worldbest Agro Biochemical Co., Ltd; Zhejiang Jinke Chemical; Shangai Ultra-fine Science & Technique Co., Ltd). Generalmente la creatina di derivazione cinese è la meno cara sul mercato rispetto a quelle di derivazione statunitense e tedesca. Ciò ha fatto insorgere forti riserve circa la qualità della creatina cinese. Infatti tali aziende cinesi non sono obbligate a rispettare le rigorose procedure di produzione della creatina necessarie per garantirne la sua qualità. Qui sotto in tabella i risultati sul contenuto di impurità ed agenti contaminanti rilevati su campioni diversi di integratori di creatina in commercio derivanti da produttori statunitensi, tedeschi e cinesi (di cui non si specifica il nome).

Fonte Diciandiamide Diidrotriazina Creatinina

Produttore USA n.1 300 ppm 90 ppm 2.500 ppm
Produttore USA n.2 400 ppm 410 ppm 190 ppm
Produttore USA n.3 100 ppm 40 ppm 300 ppm
Produttore tedesco <20 ppm Assente <50 ppm
Produttore cinese n.1 18.000 ppm Assente 100 ppm
Produttore cinese n.2 2.300 ppm Assente 1.500 ppm

Come avete potuto vedere, non tutta la creatina in commercio è uguale dal punto di vista della purezza, anche se sulle confezioni viene riportata la dicitura “99% pura creatina monoidrato”. Un metodo infallibile per tutelarvi circa la bontà della purezza della creatina che comprate è accertarvi della presenza in etichetta di due elementi:

  • uno identificativo della materia prima
  • uno relativo alla possibilità di tracciamento della commercializzazione del prodotto da parte della ditta distributrice il prodotto finale.

Con il primo ci si riferisce alla presenza del simbolo di marchio registrato: CREAPURE™. Con il secondo ci si riferisce alla presenza del numero di lotto specifico per CREAPURE™ riportato in etichetta o sulla confezione del prodotto finito. Infine, vi è un terzo modo per accertarvi della qualità della creatina commercializzata tra le tante aziende distributrici. Visitate il sito web della CREAPURE per consultare quali aziende in Italia ed all’estero la commercializzano.

Integratori di creatina

Integratori alimentari

Lascia il tuo commento: