Cuminum, Cumino

Il cumino chiamato in vari nomi tra cui cuminum cyminum l è una pianta nota da sempre per le sue virtù.

Il Cumino ha molte proprietà benefiche e curative, carminativo e blando sedativo, figurava, non a torto, nella maggior parte delle ricette culinarie dei Romani, facilita infatti la digestione dei pasti pesanti e trova per questo indicazione nelle forme dolorose gastriche ed intestinali accompagnate da flatulenza ed eruttazioni, e in particolare nel meteorismo postprandiale.

Cuminum, Cumino

Cumino

La pianta di cumino:

Nome comune: Cumino
Francese:
Cumin
Inglese: Cumin

Famiglia: Apiaceae
Parte utilizzata: i frutti

Costituenti principali del cumino:

  • olio essenziale: aldeidi fino al 60%
  • olio grasso (20%): proteine (18%)
  • flavonoidi, tannini, mucillagini

Attività principali e proprietà benefiche del cumino:

  • Carminative,
  • digestive,
  • aromatizzanti,
  • antispasmodiche,
  • emmenagoghe,galattagoghe.

Impiego tipico del cumino (a cosa serve):

  • turbe dispeptiche,
  • meteorismo postprandiale, le sue proprietà terapeutiche sono simili, anche se inferiori, a quelle di Finocchio, Anice e Carvi.

La medicina popolare riconosce ai frutti di Cumino, impropriamente chiamati semi, funzioni emmenagoghe e galattagoghe e, per uso esterno, proprietà stimolanti cutanee mentre Oli ed unguenti possono essere impiegati per preparazioni utili al massaggio.

Curiosità sul cumino:

  • Cuminum, nome antico della pianta, probabilmente di origine babilonese.
  • Il Cumino rientrava nella formulazione di un afrodisiaco di origine araba così composto: miele, Cumino, pepe.
  • In veterinaria viene aggiunto al mangime per renderlo più gradevole e per eliminare i gas putrefattivi conseguenza di anomala fermentazione intestinale.
  • Unitamente alla Carota, all'Anice, al Carvi, il Cumino faceva parte delle semenze calde dell'antichità (semenze fredde maggiori: semi di Zucca, melone, anguria,cetriolo).

Il cumino

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: