Dente del giudizio: dolore al dente del giudizio

Il dente del giudizio è il terzo morale, tuttavia questo dente non sempre nasce oppure nasce molti anni dopo, rispetto agli altri denti; i denti del giudizio, in tutto, sono quattro denti, infatti rappresentano gli ultimi molari di ogni serie.

Il dente del giudizio è un dente che talvolta può essere problematico ed arrecare dolore alla persona interessata. Alcune volte, i denti del giudizio nascono senza provocare dolore e si allineano con gli altri denti, tuttavia il dente del giudizio, molto spesso, può provocare dolore, inoltre la presenza di un nuovo dente nell’arcata dentale può compromettere il corretto allineamento degli altri denti; in questo secondo caso, può essere necessario estrarre il dente del giudizio che provoca dolore.

Dente del giudizio: dolore al dente del giudizio

Dente del giudizio

Panoramica sul dente del giudizio

I denti del giudizio sono la terza ed ultima serie dei molari che, nella maggior parte dei casi, nascono durante la tarda adolescenza, intorno ai vent’anni; in alcuni casi, la nascita di questi denti è positiva, in quanto permette un migliore allineamento delle arcate dentali, mentre, in altri casi, i denti del giudizio non sono allineati con gli altri ed è necessario estrarre questi denti, in modo da evitare danni agli altri danni e ai tessuti circostanti

I denti del giudizio, come tutti gli altri denti, sono costituiti da tre parti, vale a dire:

  • lo smalto, che rappresenta la parte esterna del dente, di colore bianco, ed è composto, in gran parte, da un minerale molto duro, il fosfato di calcio
  • la dentina, che corrisponde allo strato sottostante lo smalto ed è composta da cellule vive che sintetizzano delle sostanze molto dure, i minerali
  • la polpa, che rappresenta la struttura interna del dente, costituita da cellule viventi ed attraversata dai vasi sanguigni e dal tessuto nervoso

Il dolore causato dal dente del giudizio

I denti del giudizio, molto spesso, posso provocare dolore, per diverse ragioni; il dolore causato dal dente del giudizio può essere avvertito prima che il dente nasca, durante lo sviluppo del dente o, persino, dopo la nascita del dente, in quanto i problemi che la nascita del dente del giudizio può causare sono numerosi.
Uno dei problemi che la nascita del dente del giudizio può causare dipende dall’allineamento dei denti, in quanto il dente del giudizio può essere orientato verso il secondo molare o troppo lontano dal secondo molare, può essere inclinato verso l’esterno o verso l’interno e può assumere diverse posizioni che compromettono il corretto allineamento dei denti; uno scorretto allineamento dei denti all’interno delle arcate dentali può danneggiare i denti stessi, la mandibola o altre strutture e tessuti circostanti.

Il dente del giudizio si può cariare facilmente

Il dente del giudizio che nasce orientato verso il secondo molare rende questo dente maggiormente soggetto alle carie, in quanto la mancanza di spazio tra i denti rende più difficile la rimozione delle sostanze che possono accumularsi tra i denti: questa condizione e la conseguente formazione di carie possono essere molto dolorose.

Dolore dal dente del giudizio

Il dolore derivante dal dente del giudizio, inoltre, può dipendere dal fatto che non sempre il dente del giudizio riesce a nascere, infatti, in alcuni casi, rimane all’interno della gengiva o nasce solamente in parte: il dente del giudizio che nasce solo in parte favorisce il passaggio dei batteri, quindi può causare una infezione che può manifestarsi con diversi sintomi, quali il dolore ed il gonfiore; i denti del giudizio che nascono solo in parte, inoltre, sono più soggetti allo sviluppo di carie ed altri disturbi, in quanto può essere difficile pulire bene questi denti con lo spazzolino e con il filo interdentale.

L’estrazione del dente del giudizio

In alcuni casi, il dolore causato dal dente del giudizio o altri danni provocati da questo dente, rendono necessaria l’estrazione del dente; questa operazione può essere eseguita con maggiore o minore facilità, a seconda della posizione del dente stesso e di altre condizioni.

In genere, è il dentista stesso ad informare il paziente su una eventuale difficoltà nell’operazione di estrazione del dente del giudizio; in ogni modo, i denti del giudizio che sono nati completamente vengono estratti come gli altri denti, sebbene questa operazione possa risultare comunque difficile, mentre i denti che sono nati solo in parte o sono rimasti all’interno della gengiva, di solito, vengono estratti con maggiore difficoltà.

Per rendere l’operazione relativamente più facile e meno dolorosa, si può scegliere di estrarre il dente in diverse sedute, quindi estraendo una piccola sezione alla volta.

Prima di estrarre il dente, comunque, si utilizza l’anestesia locale, in modo da intorpidire i tessuti circostanti, riducendo, di conseguenza, la sensazione di dolore che viene avvertita durante l’estrazione; in ogni modo, i farmaci da assumere prima e dopo l’operazione di estrazione devono essere prescritti dal dentista.

Il tempo di recupero dopo l'estrazione del dente del giudizio che causava dolore

Il tempo di recupero necessario, dopo aver estratto un dente del giudizio, varia a seconda della difficoltà dell’operazione di estrazione del dente, quindi dipende dalla posizione del dente e da altri fattori.

Sanguinamento

Durante le prime ventiquattro ore, dopo l’estrazione del dente del giudizio, può verificarsi un sanguinamento, che può bloccato con una garza pulita umida; se il sanguinamento è eccessivo o persiste per molto tempo, bisogna rivolgersi al proprio dentista o ad un medico, in modo da valutare se si tratti o meno di una condizione normale derivante dall’operazione di estrazione del dente.

Cosa fare dopo l'estrazione

Bisogna evitare, inoltre, tutte quelle azioni e quei comportamenti che potrebbero causare dolore o, comunque, peggiorare la condizione della zona in cui è stato estratto il dente; il dentista, ancora una volta, informa il paziente su quali comportamenti occorre evitare dopo l’operazione di estrazione del dente e, al tempo stesso, su quali accorgimenti bisogna adottare.

Gonfiore

Un altro sintomo che, in genere, si manifesta in seguito all’estrazione del dente del giudizio è il gonfiore del viso, che, di solito, è localizzato, quindi risulta gonfia solamente la parte del viso vicina alla zona in cui il dente è stato estratto; se il dolore dei denti ed il gonfiore del viso risultano essere eccessivi, il dentista può prescrire un farmaco che aiuta ad alleviare queste condizioni.

I farmaci possono essere prescritti sia per alleviare il dolore, che per combattere o prevenire una infezione del dente; durante il trattamento con i farmaci, bisogna evitare, ovviamente, il consumo di alcol.

Cosa mangiare

La dieta, inoltre, dovrebbe essere limitata al consumo di liquidi o di cibi morbidi e che non devono essere masticati; bisogna, quindi, evitare qualsiasi pressione e contatto con l’area in cui è stato estratto il dente, tuttavia, anche per quanto riguarda la dieta da seguire, si può richiedere il consiglio del proprio dentista.
Il dolore ed il gonfiore dell’area in cui è stato estratto il dente dovrebbero diminuire con il passare dei giorni, sebbene ciò dipenda anche dal tipo di operazione che è stata eseguita, in quanto un intervento più complesso richiede, ovviamente, un tempo di recupero maggiore, mentre un intervento meno difficile richiede, in genere, un minor tempo di recupero.

Punti dopo l'estrazione

Se sono stati applicati, dopo aver estratto il dente del giudizio, dei punti di sutura, il dentista fisserà un appuntamento per rimuovere i punti; bisogna attendere, infatti, la completa guarigione dei tessuti interessati da piccoli tagli.

Guarigione

Il processo di guarigione completa, a volte, può richiedere diverse settimane, tuttavia, in genere, già dopo una o due settimane non si avvertono più sintomi particolari, quali il dolore acuto o il gonfiore eccessivo del viso; in ogni modo, il dentista può informare il paziente su cosa aspettarsi dopo una estrazione del dente.

Considerazione finale sul dente del giudizio

I denti del giudizio sono gli ultimi molari di ogni arcata che nascono, in genere, intorno ai vent’anni, tuttavia, in alcuni casi, questi denti non nascono; la nascita dei denti del giudizio, in alcuni casi, può provocare dolore e causare diversi danni agli altri denti, di conseguenza, in questi casi, è necessario procedere all’estrazione del dente del giudizio.

Informazioni sul dente del giudizio e cosa fare in caso di dolore.

Malattie

Lascia il tuo commento: