Denti dei bambini: consigli

Denti dei bambini, quali sono i consigli utili per la cura e la salute dei denti dei bambini? I denti iniziano a porre le basi del loro sviluppo già da prima della nascita del bambino. Vi sono due differenze importanti, riguardo la dentizione: i denti da latte, destinati a cadere durante la crescita, e i denti definitivi, che sostituiranno i denti da latte dopo la loro caduta.

Denti dei bambini: consigli

Denti dei bambini

Denti da latte:

Denti da latte: I bambini hanno solitamente 20 denti,che iniziano a spuntare dalle gengive intorno ai sei mesi di vita. La maggior parte dei bambini avrà tutti i 20 denti all’età di due o tre anni, tuttavia non allarmatevi se vostro figlio dovesse svilupparli prima o dopo tale età! I denti da latte di vostro figlio sono importanti: con essi lui o lei sorriderà, potrà masticare, e avere le prime esperienze di socializzazione.

Essendo la base su cui si svilupperanno poi i denti definitivi, è opportuno dedicare loro le dovute cure ed attenzioni.

Denti permanenti dei bambini:

Denti permanenti: I denti permanenti inizieranno a crescere intorno ai sei anni di vita, e nell’adulto sono 32. La maggior parte di essi spunta entro i 13 anni di età; tuttavia, i denti del giudizio, posti in fondo alla bocca, spuntano frequentemente fra i 17 e I 25 anni, e non di rado non spuntano affatto. Se i denti definitivi di vostro figlio devono essere essere rimossi per qualsiasi ragione, sappiate che non ne cresceranno altri al loro posto.

Cosa può danneggiare i denti dei vostri bambini?

Carie dentale

le nostre bocche sono piene di batteri che crescono sui nostri denti in strati molto difficili da rimuovere, chiamati “placche”. Questi batteri si nutrono di zuccheri contenuti in cibi e bevande, producendo acidi che indeboliscono lo smalto dentale. Se la presenza di tali acidi durasse molto a lungo, allora potrebbe causare una carie. Solitamente questo capita quando un bambino si alimenta troppo spesso con cibi e bevande zuccherate, o quando l’igiene orale è insufficiente. Se una carie non viene curata da un dentista, procederà lentamente verso l’interno del dente, corrodendolo e causando infezioni, dolore e, nei casi peggiori, sarà necessario procedere ad una devitalizzazione.

Erosione dentale

L’erosione dentale è il graduale consumo dello smalto sull’intera superficie del dente, ed è causata dall’aggressione di acidi. Questo tipo di acidi si trova solitamente in bibite molto popolari come succhi di frutta, bibite gassate e sciroppi, anche nelle loro varianti senza zucchero. Anche in caso di vomito o problemi di stomaco, l’organismo può produrre acidi in grado di corrodere lo smalto dentale. L’erosione dentale è causa di ipersensibilità dentale, e dolore. Sebbene lo smalto non venga rigenerato dall’organismo, raramente si rende necessaria una terapia medica; nei casi più gravi il dentista può proteggere il dente usurato, ricoprendolo con una sostanza specifica.

Come proteggere i denti del bambino?

Per ridurre i rischi di carie e erosione dentale, basta seguire questi semplici suggerimenti:

  1. Portare con regolarità i bambini dal dentista.
  2. Non eccedere con bevande o cibi zuccherati, né con bevande acide.
  3. Assicurarsi che i bambini si lavino i denti almeno due volte al giorno con dentifrici al fluoro.
  4. Incoraggiare i bambini a sputare l’eccesso di dentifricio dopo aver spazzolato i denti, senza farli risciacquare immediatamente dopo il lavaggio: l’acqua diminuisce l’effetto del fluoro.
  5. Informarsi dal dentista riguardo a trattamenti protettivi come integratori di fluoro o sigillanti di fessure dentali.

Andare dal dentista

Una buona idea è portare con voi i figli dal dentista durante le vostre visite, ancora prima della dentizione, cosicchè essi possano iniziare a familiarizzare in modo non traumatico alle terapie dentali, prendere confidenza con il dentista e gli/le assistenti, e nel frattempo il dentista potrà tempestivamente verificare eventuali difficoltà nella crescita dei denti. Sarà il vostro dentista a consigliarvi sulla frequenza a cui sottoporre il bambino a visite di controllo, o a suggerire esami approfonditi, come radiografie, per esempio, nel caso di carie. In genere un bambino vede molto più di frequente un dentista rispetto ad un adulto, anche perché i denti da latte hanno meno smalto dei denti definitivi, quindi sono più esposti al rischio di carie, che causa dolori difficilmente sopportabili da un bambino: un’ottima ragione per non dimenticarsi delle visite odontoiatriche!

Alimentazione

Ridurre l’apporto di zuccheri nella dieta dei vostri bambini e’ il modo migliore per prevenire la carie. Tuttavia, la questione più importante è la frequenza con cui si mangiano zuccheri, più che la quantità di zuccheri stessi; lo stesso vale per cibi e bevande acide: più spesso se ne assumono, più veloce sarà l’erosione dentale. Perciò riducete al minimo bevande gassate, sciroppi, succhi di frutta naturali, torte e dolci vari. Evitate cibi e bevande zuccherate fuori dai pasti principali o prima di andare a dormire, e controllate la presenza di zuccheri in alimenti insospettabili come salse, cereali e così via. Frutta, verdura, formaggi e latte sono merende molto più salutari a causa della presenza di zuccheri naturali; ricordate tuttavia che la frutta contiene acidi in grado di deteriorare lo smalto dei denti, se consumata in quantità elevata. Un buon modo per proteggere i denti dei vostri bambini è terminare il pasto con cibi alcalini, come per esempio del formaggio o un bicchiere di latte. Essendo alcalini, neutralizzano infatti gli acidi eventualmente presenti nella bocca. I bambini più grandi possono masticare delle gomme senza zucchero dopo i pasti, specialmente quelle contenenti xilitolo, il quale aiuta a rimuovere i batteri e a prevenire la carie.

Lavare i denti ai propri bambini:

E’ importante iniziare a lavare i denti dei bambini sin da quando iniziano a spuntare dalle gengive, con appositi spazzolini. La pratica di lavarsi i denti deve diventare una pratica quotidiana, quindi, sin da subito, iniziate a lavare i denti al bambini al mattino, appena sveglio e la sera, prima di coricarsi. All’eta di sette anni, potrete insegnare al bambino come lavarsi i denti, con movimenti dolci e circolari, usando dentifrici al fluoro. Dovrete essere presenti mentre il bambino si lava i denti, sia per incoraggiarlo (e fargli associare, quindi, il lavarsi i denti a qualcosa di piacevole), sia per controllare che lo stia facendo correttamente. Col tempo, questa pratica diventerà un’abitudine regolare. Esistono compresse coloranti che, masticate, mostrano sui denti le zone non correttamente pulite: questo aiuterà il bambino a correggere il modo con cui lava i denti e a pulire anche le zone trascurate.

Dentifricio

Molti dentifrici contegono un minerale chiamato fluoride, che rinforza lo smalto dentale rendendolo piu’ resistente. Tuttavia, un eccesso di fluoride potrebbe, paradossalmente, produrre macchie permanenti sui denti, chiamate “fluorosi dentale”. Quindi non esagerate nel somministrare integratori di fluoro ai bambini. Attenetevi ai consigli del vostro dentista. La quantità di fluoro nei dentifrici varia da marca a marca, e in virtù del fatto che i bambini hanno bisogno di differente apporto di fluoro a seconda della loro età, è consigliabile farsi suggerire dal vostro dentista quale prodotto sia più adatto.

Integratori di fluoro

Se vivete in una zona dove l’acqua è particolarmente povera di fluoro o se i denti di vostro figlio sono particolarmente a rischio di carie, il vostro dentista potrebbe suggerirvi integratori di fluoro sotto forma di compresse,gocce o altro. Potrebbe anche decidere di applicare uno strato di fluoro ai denti del bambino, al fine di fornirgli una protezione aggiuntiva.

Sigillanti di fessure

Alcuno bambini hanno fessure molto profonde sui denti definitivi posteriori (molari), che possono essere difficili da pulire. Queste fessure vengono sigillate con delle speciali resine che proteggono la superficie dei denti dalla carie. Il trattamento è molto rapido e indolore: il dentista pulisce la superficie del dente con un particolare acido, lo risciacqua e lo asciuga. La resina viene quindi applicata con un pennello e indurita con una luce blu. Tale trattamento dura molti anni, anche se, ovviamente, è opportuno effettuare visite di controllo per verificare lo stato di usura della resina. Ovviamente il bambino dovrà comunque lavarsi i denti regolarmente con dentifricio al fluoro.

Consigli efficaci per la cura dei denti dei propri bambini.

Malattie

Lascia il tuo commento: