Depressione stagionale: depressione invernale

Una forma di depressione più diffusa di quanto si possa pensare è la depressione stagionale che come lascia intuire il nome stesso è relativa al periodo invernale.

Depressione stagionale, depressione invernale: che cosa sono? Con i termini depressione invernale e quello che viene chiamato letteralmente SAD (disordine affettivo stagionale) si intende descrivere una forma di depressione che si manifesta nella stagione invernale e che colpisce maggiormente le donne rispetto agli uomini.

Depressione stagionale: depressione invernale

depressione stagionale

I sintomi più evidenti della depressione invernale sono:

  • tono dell'umore basso;
  • poca energia;
  • avere i nervi a fior di pelle ed essere suscettibili;
  • fame incontenibile e mangiare molti carboidrati;
  • non avere voglia di socializzare e preferire rimanere in solitudine;
  • spossatezza e sonnolenza anche diurna.

Non tutti gli studiosi sono concordi nell'affermare che si possa inquadrare questo problema tra le forme di depressione più note. Ciò che comunque si evidenzia è che un numero elevato di persone accusa i sintomi suddetti nella stagione invernale, mentre nel periodo che abbraccia la primavera e l'estate, si assiste come ad una rinascita degli stessi.

È raro che per questo tipo di problema ci si rivolga ad un medico. Ma ci sono persone che hanno bisogno di un consulto medico e qualunque tipo di supporto, sia farmacologico che psicologico, gli deve essere fornito.

Tra le terapie che hanno riscosso maggiore successo c'è l'utilizzo dell'esposizione alla luce. C'è però una piccola porzione di persone che accusa tale problema anche all'avvicinarsi della primavera e nel periodo estivo. In questi casi si parla di disordine stagionale bipolare affettivo (psicosi depressiva stagionale) ed anche in questo caso si utilizzano le terapie utilizzate per le problematiche simili.

Depressione invernale: quali sono le cause?

Una piccola parte di persone vede il cambiamento delle stagioni come causa del loro star male. Questo però non significa che al loro problema non debba essere dato il giusto peso. Per le altre depressioni si parla di evento scatenante o stressante, che può essere di varia natura, per queste persone il cambiamento climatico è causa di profondo malessere.

È stato ipotizzato che forse la melatonina (che è una una sostanza chimica rilasciata dal cervello) possa avere qualche influenza sull'umore. La melatonina viene rilasciata a seguito di esposizione solare e può sortire effetti diversi sui soggetti. Ovviamente ogni organismo reagisce in maniera diversa l'uno dall'altro.

Depressione stagionale: come si cura?

Come accennato poc'anzi, è possibile trattare questo disturbo in diverse modalità:

  • trattamento con farmaci antidepressivi;
  • sedute di psicoterapia;
  • trattamenti a base di luce intensa.

Al malato viene fornita una lampada che produce una luce molto intensa. Come tutte le forme di cura alternativa al farmaco, si sono verificati dei casi in cui una guarigione che si pensava fosse tale, in realtà non lo era una volta sospesa la terapia della luce intensa. In altri casi, già solo dopo qualche seduta di luce terapia, i miglioramenti della sindrome depressiva ci sono stati. In queste situazioni particolari si è appurato che l'esposizione continuata alla luce intensa per diverse ore nell'arco della giornata, apporti benefici maggiori a parità di ore di sonno.

Il settore è pur sempre quello della sperimentazione, e non ci sono dati certi per considerare questa cura alternativa come efficace.

Depressione stagionale ed invernale

Malattie

Lascia il tuo commento: