Difterite della laringe: Difterite laringea

La difterite della laringe è pericolosa?

La difterite laringea a sintomi noti e cause conosciute, la difterite della laringe si può presentare, più frequentemente, come un' infezione delle vie respiratorie molto grave, oppure come un'infezione della pelle causata dal CORYNEBACTERIUM della difterite.

Se non diagnosticata in tempo la difterite laringea è mortale, e numerosi sono i casi che si sono verificati anche in Europa occidentale.

I batteri si depositano sui tessuti umidi di gola, naso e laringe, dove si moltiplicano e si scindono secernendo una tossina molto velenosa. I batteri e la tossina attaccano la mucosa della gola fino a distruggerla ed il paziente inizialmente presenta una forte infiammazione alla gola.

Difterite della laringe: Difterite laringea

Difterite della laringe

Nel momento in cui questi batteri si moltiplicano sulla mucosa spesso può accadere che il rivestimento possa cedere ostruendo le vie respiratorie e provocare spesso asfissia.

Nel momento in cui questa tossina prende possesso dell'organismo si possono verificare gravi danni a carico del muscolo cardiaco e del sistema nervoso.

In che modo si trasmette la difterite della laringe?

La trasmissione di questa malattia avviene in un modo molto semplice.

Basta uno starnuto oppure un colpo di tosse di chi è malato per contagiare una persona sana.

Si è immuni da questa malattia facendo dei vaccini preventivi che immunizzano da un eventuale contagio.

Spesso si può essere contagiati da persone che non hanno alcun sintomo e che sono chiamati portatori sani.

Un semplice contatto di pelle può portare al contagio.

In quali zone del mondo si sviluppa la difterite della laringe?

Questo tipo di batteri è presente ovunque, ma spesso si è constatato che i paesi densamente popolati ed estremamente poveri, la diffusione di questa malattia è notevole, anche perché mancano adeguati sistemi per eseguire vaccinazioni preventive.

E' una malattia, purtroppo, ancora presente.

Nel 1990 ci fu un'importante epidemia in Russia e nei paesi baltici, nonché nel SUD EST Asiatico.

Nei paesi occidentali fortunatamente con l'introduzione del vaccino si è tenuta sotto controllo la sua diffusione.

Ma il pericolo è sempre presente se si incontra una persona che viene dall'estero e che può essere malata.

Quali sono i sintomi della difterite laringea?

Il periodo di incubazione della malattia va dai 2 ai 5 giorni.

L'incubazione è l'intervallo nel quale la malattia si sviluppa.

I sintomi sono dati da mal di gola, tosse e difficoltà a respirare.

Se si tratta di infezione della pelle, si formano delle croste.

A questo si unisce un notevole aumento della temperatura, debolezza e stanchezza.

Se non diagnosticata in tempo, questa malattia porta, nel periodo tra le 2 e 6 settimane, danni al cuore con irregolarità nel battito e problemi al sistema nervoso e conseguente paralisi.

Nel peggiore dei casi si può arrivare anche all'arresto cardiaco.

Purtroppo il tasso di mortalità nei paesi poveri è del 30-40% mentre nei paesi occidentali è ridotto al 5-10%, anche se comunque è una percentuale elevata e questo perché la malattia potrebbe essere diagnosticata troppo tardi quando i danni sono, ormai, diventati irreversibili.

Qual'è il sistema migliore per tutelarsi da questa malattia?

La vaccinazione è il sistema migliore.

Nel Regno Unito si opera un programma importante di vaccinazione contro la difterite infantile.

Ai bambini viene somministrato il vaccino contro la difterite unitamente ad altri: tetano, pertosse, poliomelite, all'età di 2, 3 e 4 mesi.

Sarà poi eseguito un richiamo quando il bimbo avrà 5 anni.

Successivamente prima di lasciare la scuola, al bimbo verrà fatto un altro vaccino che lo coprirà per altri 10 anni.

Come viene appurato che si tratta di difterite (diagnosi)?

Basta un semplice tampone della gola, e fare la coltura dei batteri in laboratorio.

Prospettive per il futuro.

Nel momento in cui la patologia viene immediatamente riconosciuta, il pericolo di eventuale asfissia viene meno e c'è la concreta possibilità che la tossina venga eliminata dall'organismo.

Nel caso in cui la diagnosi non è repentina si possono verificare dei problemi sotto forma di paralisi soprattutto a carico della faccia ed alterazioni del ritmo cardiaco.

Si tratta di un tipo di malattia difficile da debellare dal pianeta, perché c'è sempre il portatore sano che può essere l'untore suo malgrado.

Cura per la difterite della laringe?

La cura è possibile eseguirla solo in ospedale.

Nel caso in cui ci si trovi davanti ad un caso sospetto di difterite grave e non c'è tempo per fare i tamponi, si usa un'antitossina che va a contrastare la tossina batterica.

Negli altri casi il paziente viene trattato con antibiotici, tenuto in isolamento con ventilazione artificiale se è il caso.

E' importante controllare tutte le persone entrate in contatto con il paziente; queste dovrebbero eseguire sia la vaccinazione che il trattamento preventivo con antibiotici.

Il tutto ovviamente deve avvenire con la collaborazione del medico di base e dell'ospedale.

Informazioni sulla difterite della laringe

Malattie

Lascia il tuo commento: