Dimagrire l’addome

Dimagrire l'addome è un desiderio che non appartiene unicamente alla donna, anzi, l'uomo del nuovo millennio è sempre attento alla sua forma fisica.

Dimagrire l’addome significa anche riuscire ad avere una pancia piatta e questo richiede tempo e pazienza, soprattutto se è anche necessario perdere quei chili che si sono accumulati nel corso degli anni. Il grasso addominale inferiore, noto come “maniglie dell’amore” è quello più ostinato ad andar via e può essere ridotto soltanto con una corretta combinazione di dieta e costante esercizio fisico che comprenda esercizio di tipo aerobico, allenamento addominale ed allenamento con i pesi.

Dimagrire l’addome

Dimagrire l’addome

Come fare a dimagrire l'addome?

Per fornirvi un quadro più chiaro su ciò che è necessario fare per perdere peso e ciò che vi troverete ad affrontare per raggiungere il vostro obiettivo è bene tenere a mente i seguenti punti: è molto difficile, quasi impossibile perdere peso solo in una parte specifica del vostro corpo. La perdita di grasso si verifica in via sistematica, nel senso che non è possibile controllare dove deve avvenire la riduzione di esso. Se credete che invece la perdita di grasso mirata sia possibile, allora capirete che l’unico modo possibile è attraverso interventi estetici come la liposuzione. Sull’argomento in questione vi sono tra l’altro molte idee sbagliate. Il principale malinteso riguarda il fatto che molte persone pensano che sbarazzarsi del grasso addominale sia possibile semplicemente lavorando con i muscoli dell’addome, ma in realtà questa è un’idea totalmente sbagliata dal momento che la verità è che il corpo avendo del grasso in eccesso deve decidere dove depositarlo per poi rimuoverlo quando necessario e la sistemazione di tale grasso è determinata principalmente dalla genetica. La sistemazione tra l’altro non è fatta a caso: la prima parte del corpo che viene riempita è il tronco (addome, fianchi e glutei) per una ragione di biomeccanica di base. Il tronco è infatti una zona del corpo centrale, è il posto migliore per immagazzinare le energie in più e poi portarle in giro per il corpo. L’accumulo di grasso è in altre parole la strategia di sopravvivenza del nostro organismo e per tale ragione il corpo cerca di massimizzare al meglio il sistema per affrontare un’eventuale insufficienza energetica. Secondo questa logica non avrebbe d’altronde senso accumulare il grasso nelle zone esterne, in mani e piedi dal momento che da qui dovrebbe poi spostarsi in zone troppo lontane per poter essere utilizzato e pertanto tutto il tragitto comporterebbe anch’esso una supplementare spesa calorica. Nelle donne le aree che tendono ad essere più persistenti a ridurre il grasso concentrato in esse sono i fianchi e le cosce. Negli uomini le aree problematiche sono in genere gli addominali bassi e le “maniglie dell’amore”. Negli uomini queste sono le zone in cui il grasso scomparirà per ultimo. In primo luogo il corpo elimina il grasso del viso e delle estremità ovvero degli arti per poi passare a busto, petto, cosce e glutei ed infine come ultima zona verrà rimosso appunto quello dell’addome. Sia negli uomini che nelle donne, il modo più efficace per bruciare questo strato di grasso dalla vita non si traduce in un intenso esercizio addominale, bensì in un esercizio di tipo cardiovascolare. L’esercizio aerobio è il vero segreto per bruciare grassi: camminare, fare jogging, andare in bicicletta, dell’esercizio ellittico ed anche salire le scale sono tutti ottimi metodi per bruciare calorie e dunque grasso. Nel caso in cui preferite praticare un attività a basso impatto provate con il nuoto: iniziate con un allenamento di 30 massimo 40 minuti per 2 o 3 volte alla settimana sino a raggiungere un ritmo di 4-6 volte la settimana. In questo modo riuscirete ad aumentare l’intensità del vostro allenamento ed anche la durata di ogni sessione. In generale la chiave per ottenere tutto ciò è lavorare almeno per 30-60 minuti di continuo per ogni sessione di allenamento.

Un allenamento della forza con l’ausilio di pesi aiuterà il vostro allenamento cardiovascolare a diventare più efficace nella costruzione del muscolo. Potete alternare l’allenamento con i pesi con uno di tipo resistente. Per evitare lesioni assicuratevi di allungare e riscaldare i muscoli prima di iniziare il vostro allenamento. Allo stesso modo è possibile allenarsi in palestra anziché autonomamente. In questo caso chiedete all’istruttore quali macchinari è meglio utilizzare per far lavorare la zona addominale. Sia nel caso in cui vi allenate a casa, sia se andate in palestra concentrate il vostro allenamento ogni giorno su una zona specifica (parte superiore ed inferiore del corpo) in modo tale che alla fine della settimana abbiate allenato tutto il corpo.
Pur praticando un’attività cardio ogni giorno, se ciò non viene associato ad una dieta equilibrata, non si riusciranno a vedere dei buoni risultati.

La dieta da seguire deve essere a basso contenuto di calorie. Indipendentemente da quanto allenamento si faccia quotidianamente, l’apporto calorico non deve essere superiore a quanto poi effettivamente viene bruciato: se il numero di calorie assunte supera quelle bruciate, allora si avrà una formazione di grasso addominale. La cosa migliore è assumere le calorie mediante 5 piccoli pasti durante il giorno o al più in 3 pasti un po’ più abbondanti. La dieta deve includere una varietà di alimenti a basso contenuto di grassi e zuccheri raffinati, con circa il 55% delle calorie provenienti da carboidrati, il 30% da proteine ed il restante 15% da grassi. Diversi fattori legati alla dieta influenzano un piano di perdita di peso che porti al successo. Il primo fattore riguarda l’assunzione di acqua dal momento che essa favorisce l’idratazione del corpo e la rimozione delle scorie e delle tossine presenti in esso e che potrebbero soffocare la perdita di peso addominale che quindi non riesce ad andare via. Bere più della quantità consigliata non aumenta la velocità della perdita di peso, anzi può inclinare l’equilibrio elettrolitico del corpo e provocare addirittura un’intossicazione da acqua. Come raccomandato, la quantità raccomandata è bere 8 bicchieri di acqua al giorno.

Saltare i pasti non è un buon modo per perdere peso, anzi può essere controproducente dal momento che rallenta il metabolismo e quindi il consumo di energia. Il corpo d’altronde, sembrerà un paradosso, ma ha bisogno di energia per perdere peso. Non mangiando in modo corretto e quindi non apportando calorie in corpo, porterà l’organismo a bruciare i muscoli e quindi portare a complicazioni negli organi.
Eliminare o ridurre il consumo di alcol, cibi ricchi di sodio ed alimenti altamente trasformati. Una dieta ricca di sodio può tra l’altro provocare un maggiore gonfiore addominale oltre che una pressione arteriosa alta e calcoli renali.

Se si vuole ridurre il grasso corporeo è necessario iniziare quindi a consumare meno calorie sulla base giornaliera: si dovrà raggiungere un deficit calorico. Nel tempo il corpo inizierà a sfruttare questo deficit convertendo il grasso in energia utilizzabile e così facendo le riserve di grasso cominceranno a sparire dal vostro corpo.

Considerazione finale sui consigli utili ed efficaci per dimagrire l'addome:

La perdita di grasso richiede tempo ed il proseguimento verso la corretta strada, senza supporto di pillole dimagranti che potrebbero essere molto pericolose per la vostra salute. Ancora più difficile diviene la perdita di peso nel caso in cui il grasso in eccesso non sia molto, perdere gli ultimi 10 Kg è la cosa più difficile da fare.
Il segreto per appiattire la zona addominale rimane quello di combinare nel giusto modo la dieta insieme all’esercizio fisico. La dieta da sola può aiutare nella perdita di peso, ma se si vuole giungere ad un miglioramento anche della propria forma fisica, è essenziale l’integrazione di un esercizio fisico che faccia lavorare i muscoli della zona addominale e quella sottostante. Il modo migliore per ottenere una vita più piatta e sottile è quello di fare un allenamento che non sia concentrano in una sola zona, ma che renda partecipe tutto il corpo. La perdita di grasso addominale è frutto per metà dalla nutrizione e per la restante parte dell’esercizio fisico. La perdita di peso avverrà in modo graduale e lentamente nel tempo, ma tutto sarà ricompensato dai buoni risultati che riusciranno ad essere conservati nel tempo.

Suggerimenti utili per dimagrire nella zona addome.

Perdere peso dimagrire velocemente

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo dimagrire l’addome

Dimagrire sull'addome

sono d’accordissimo su tutto cio' soprascritto.........assolutamente contrario nelle assunzioni di proteine ed aminoacidi........ ci deve essere una corretta assunzione di alimenti, acqua e soprattutto buona educazione di vita!!!

Consigli sul dimagrire l'addome

Ecco i miei consigli: Esercizi cardio e muscolari ,dieta corretta ,frutta e verdura come spuntini ,prediligere carboidrati semplici ai complessi a pranzo e cena, pasta e riso integrale conditi con spezie , olio d'oliva crudo, sali minerali e controlli medici di base ,se manca qualche integratore correggerne i valori .

Lascia il tuo commento: