Dimagrire con la dieta dissociata

Fare una dieta dieta dissiociata è una buona mossa per dimagrire, da oggi, combattere il soprappeso mangiando tutto il giorno quello che si vuole non è una golosa utopia, dimagrire con la dieta dissociata consente infatti di perdere peso in tempi rapidi evitando la monotonia dei classici menu ipocalorici.

Dimagrire con la dieta dissociata

Dimagrire dieta dissociata

Come si può dimagrire con la dieta dissociata?

Il principio fondamentale su cui si basa mira a rispettare la chimica della digestione, quindi a non introdurre nello stomaco cibi acidi e basici contemporaneamente, in sostanza afferma che non sono gli alimenti singoli né tanto meno la quantità a far ingrassare, piuttosto una combinazione errata degli stessi, evitando di assumere nello stesso pasto carboidrati e proteine si scongiura il rischio di sovraccaricare il sistema digestivo alterando l’equilibrio funzionale del corpo.

Quale dieta dissociata scegliere per dimagrire in modo sano e corretto?

Esistono molte varietà di diete dissociate, più o meno restrittive, la più famosa è sicuramente quella inventata dal francese Michael Montignac che a partire dalla metà degli anni cinquanta ottenne riscontri positivi in tutto il mondo, questa divide gli alimenti in tre categorie:

  • Tipo A: verdura (esclusi piselli e fagioli) e frutta
  • Tipo B: proteine-grassi (carne, pesce, uova e formaggi)
  • Tipo C: carboidrati (pane, pasta, riso, patate ecc)

Secondo Montignac è possibile combinare in un pasto cibi A e B oppure A e C, mai B e C, saziarsi senza stimolare l’appetito con la varietà è fattibile osservando alcune semplici regole che consentono di ridurre i centimetri senza rinunciare al piacere del gusto e penalizzare lo stato psicologico di chi affronta una dieta:

  • Non consumare carboidrati e proteine nello stesso pasto
  • Evitare pane bianco, farine raffinate in genere, prodotti di pasticceria, zucchero, alcol, margarina e burro
  • Mangiare molta frutta e verdura escluse banane, uva e patate
  • Abbinare la frutta esclusivamente ad altra frutta o consumarla come snack avendo cura che tra lo spuntino e il pasto seguente passino almeno due ore
  • Abolire i cibi fritti
  • Lasciare trascorrere quattro ore tra un pasto e l’altro
  • Bere molta acqua, almeno due litri e mezzo al giorno

Seguendo questi facili consigli è possibile preparare pietanze appetitose che prevedano l’inserimento quotidiano di alimenti del tipo A ricchi di fibre, vitamine e sali minerali indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo e fonte irrinunciabile per combattere i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento precoce.

Qui a seguire sono riportati  due esempi di menu giornalieri:

  • Menu 1: a colazione uova strapazzate con prosciutto e funghi, un bicchiere di latte di soia, tè o caffé; a pranzo spaghetti con porri, a metà pomeriggio succo di carota, per cena zuppa di mais e zucchine.
  • Menu 2: a colazione muesli con avena e mele, 150 grammi di yogurt magro con un cucchiaino di miele, tè o caffé; a pranzo insalata verde e patate al curry, a metà pomeriggio uno yogurt e un bicchiere di succo di crescione, per cena peperoni ripieni con riso.

Il metodo Montignac ha tre obiettivi principali:

  • Perdere peso velocemente senza morire di fame e  dover contare le calorie
  • Mantenere la linea e il peso raggiunto abbinando a cibi salutari uno stile di vita sano
  • Migliorare la salute raggiungendo una forma fisica e mentale ottimale.

Semplicità e varietà di questo regime alimentare lo rendono molto seguito sia da persone che hanno necessità di eliminare velocemente i chili di troppo, sia da coloro che per ragioni professionali si trovano fuori casa tutto il giorno, proponendo infatti menu a combinazioni multiple non è difficoltoso riuscire a seguire la dieta consumando i pasti al ristorante, per esempio, una bistecca accompagnata da insalata oppure un pesce cotto alla griglia con contorno di verdure miste sono sicuramente pietanze disponibili ovunque.

Le diete dissociate sono molto utilizzate per combattere il soprappeso o semplicemente per mantenere snella la silhouette, c’è da dire che alcune di queste sono considerate pericolose se portate avanti a lungo termine poiché, a differenza della Montignac, prevedono l’utilizzo di una sola categoria di alimenti a pasto (tipo solo frutta, solo proteine animali, solo formaggio ecc) se non addirittura un solo alimento nell’arco delle ventiquattro ore; per chiarire meglio:

  • Giorno 1: mele
  • Giorno 2: carote
  • Giorno 3: carne di pollo alla griglia o lessa
  • Giorno 4: yogurt magro
  • Giorno 5: patate bollite

Come si pi può intuire, seguendo questo schema per periodi prolungati si rischia di arrivare ad una condizione di malnutrizione dato che le vitamine presenti nella frutta e nella verdura vanno fornite giornalmente all’organismo che non riesce a immagazzinarle, allo stesso modo, se vengono eliminate le proteine, si penalizza l’apparato muscolare innescando fenomeni di affaticamento e spossatezza, si consideri inoltre che, ritornando ad alimentarsi normalmente per sopperire alle mancanze provocate dalla ristrettezza alimentare, i chili di troppo buttati giù con sacrificio tornano inesorabilmente ad appesantire il fisico, è proprio il caso di dire oltre il danno, la beffa.

In generale una dieta dissociata equilibrata consiglia di distribuire le tre categorie di alimenti in questo modo:

  • una ricca colazione a base di sola frutta oppure carboidrati o proteine
  • a pranzo si può scegliere tra, pesce, frutti di mare, carne, frutti di bosco, uova, da accompagnare sempre con verdura
  • a cena orientarsi verso una ricca pietanza a base di carboidrati oppure verdure (per esempio delle zuppe vegetali)
  • per lo spuntino di metà mattina si può scegliere un alimento proveniente da tutte e tre le categorie di alimenti A, B e C; per quello di metà pomeriggio preferibilmente carboidrati o vegetali ma non proteine.

Ultimi consigli, ottimi, da abbinare alla dieta dissociata

Abbinare alla dieta uno stile di vita che preveda attività fisica costante, per esempio l’utilizzo della cyclette o camminare per mezz’ora al giorno con passo sostenuto, rinunciare ad abitudini deleterie come il fumo e dormire un numero di ore sufficienti, sono alcune delle condizioni irrinunciabili per portare avanti una cura dimagrante in maniera salutare ed efficace; seguire una dieta dissociata ben equilibrata, che apporti in pratica tutti i componenti che il corpo richiede, può diventare una sana abitudine da seguire per migliorare la propria vita, per perdere peso quando necessario o per mantenerlo quando si è già raggiunto l’obiettivo, è bene tener presente che rivolgersi ad un medico specialista è il primo passo per affrontare il percorso in maniera corretta. Decidere di perdere peso normalmente fa paura per le rinunce cui si va incontro, dimagrire con la dieta dissociata è tuttavia possibile in maniera semplice, veloce e per niente monotona; che altro dire a coloro che si apprestano a seguirla se non: buon appetito e buon divertimento!

La dieta dissociata è una tipologia di dieta molto utile per dimagrire velocemente in modo sano.

Dieta a dieta

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo dimagrire con la dieta dissociata

voglio perdere tra i 10 e i 15 kg aiutatemi ho 22 anni e sono alta 1.65 e peso 80 kg mandatemi una dieta che funzioni

Ho 38 anni e da bambina ho iniziato con le diete... ma anche se son riuscita a perdere chili alla fine li ho sempre ripresi. Peso 60 chili e sono alta 1.57 purtroppo pur non essendo obesa io ho seri problemi nel confrontarmi col mondo esterno mi vergogno e mi chiudo in me stessa. Spero possiate aiutarmi con una dieta che mi permetta di pranzare sul posto di lavoro e con piatti facili e veloci. Grazie di cuore.

Lascia il tuo commento: