Dimagrire 1 kg in 2 giorni

Dimagrire 1 kg in 2 giorni è veramente possibile o inverosimile? Diciamo che esistono dei piccoli accorgimenti da prendere per abbassare il proprio peso corporeo, addirittura di 1 kg in 2 giorni. Ma è sicuro? Se ripetuto poche volte al mese il corpo non subirà nessun danno e dunque non verrà debilitato. Comporterà un grande sforzo? Un quesito che si saranno poste migliaia di persone. In realtà la fatica sta nel cambiare le proprie abitudini. Quindi non si morirà di fame e non si faranno attività fisiche estenuanti.

Dimagrire 1 kg in 2 giorni

Dimagrire 1 kg in 2 giorni

La dieta per dimagrire 1 kg in 2 giorni

Per ottenere risultati efficaci, mangiare per 2 giorni gli stessi alimenti nello stesso modo. Questa dieta può essere ripetuta fino ad un massimo di 3 volte al mese, lasciando trascorrere alcuni giorni.

  • A colazione è consigliato: una spremuta d’arancia e possibilmente fatta spremendo 2 arance. Dopo circa mezz’oretta un caffè o una tazza di tè senza zucchero. Addolcire con il miele e non con lo zucchero.
  • Come spuntino di metà mattina sono consigliati: 2 o 3 fette di formaggio magro o uno yogurt magro alla frutta.
  • A pranzo: insalata con 2 carote grattugiate, condita con limone e per concludere una tazza di tè verde.
  • A merenda una spremuta di frutta, possibilmente di mela verde.
  • A cena invece: insalata di lattuga con 2 pomodori, un uovo sodo e per finire una tazza di tè verde.
  • Di notte, prima di andare a dormire, mangiare una mela, normalmente o frullata.

Bisogna però sapere che questa dieta è molto restrittiva perché i pasti non apportano le quotidiane calorie necessarie all’organismo. Concentra invece l’eliminazione di massa adiposa, muscolare e di acqua. Quindi se non si sta attenti a cosa si mangia nei giorni successivi, i chili vengono recuperati subito. Quindi una volta persi mantenere un certo equilibrio alimentare e un certo regime dietetico. Per far funzionare questa dieta bisogna quindi, oltre a restringere i nutrienti in questi due giorni, seguire anche una dieta di mantenimento nei giorni tra una restrizione e l’altra. La dieta di mantenimento è un regime alimentare che viene sempre prescritto dai dietologi o dai medici dopo una dieta restrittiva o ipocalorica per poter stabilizzare il peso raggiunto. Prima di una dieta dimagrante o restrittiva si è in sovrappeso e si consuma di media al giorno circa tra le 1800 e le 2000 calorie. La dieta dimagrante fa diminuire di peso e porta a un consumo calorico tra le 1400 e le 1600 calorie. Quindi se si torna ad assumere 1800 calorie o più al giorno, si ridiventerà grassi. La dieta di mantenimento serve proprio a stare tra le calorie giornaliere permesse dalla dieta seguita, aumentando però i componenti nutritivi eliminati in precedenza.

Le nostre abitudini alimentari sono fortemente influenzati dalle emozioni che proviamo. I nostri pensieri e il potere avrà un ruolo importante nel decidere la quantità che mangiamo così come il successo e il fallimento delle nostre spedizioni dieta.

Cibo ed emozioni: ecco come gli stati d'animo influenzano la fame

Vi siete mai chiesti come mai come mai quando si provano delle determinate sensazioni comportamentali, si tende a mangiare un determinato alimento?

Ecco una tabella che illustra cosa si è portati a mangiare nelle varie situazioni:

  • Rabbia, depressione, ansia, noia e solitudine causano il consumo di marmellata.
  • Si potrebbe desiderare di alleviare il dolore di una relazione passata o di lavare via i ricordi di essere stato licenziato dal vostro capo.
  • La fame emotiva si manifesta anche quando si prende cibo per superare le ansie di una stretta relazione e per evitare pensieri di rifiuto.
  • Bisogna stare attenti a non essere succubi del proprio stato d'animo e di quello che esso ci porta a mangiare.
  • È possibile che ci si butti sul cibo per colmare le lacune causate dall'inadempimento di alcuni bisogni primari come la fiducia e il senso di appartenenza in un rapporto.
  • Spesso le privazioni e le difficoltà vissute innescano forti emozioni che come in un bambino, portano a mangiare in modo incontrollato.
  • Ci sono poi casi in cui il mangiare è considerato un mezzo per affermare se stessi.
  • Si può anche ricorrere al cibo per evitare di pensare ad una situazione difficile, sia a casa che al lavoro.

Al fine di ottenere il massimo dal proprio corpo in una dieta è necessario ottenere prima il massimo dalla propria testa. Quindi anche l'aiuto di uno psicologo potrebbe essere indispensabile. La mente ci gioca brutti scherzi, bisogna essere scaltri e perspicaci, utilizzando il massimo autocontrollo quando necessario.

Consigli che possono tornare utili per perdere quel kg in più.

Perdere peso dimagrire velocemente

Lascia il tuo commento: