Dimagrire uomo

Come dimagrire la pancia nell'uomo? Più o meno sia per l'uomo che la donna, valgono gli stessi consigli alimentari.

Dimagrire pancia fianchi e girovita interessa anche all'uomo moderno, sempre attento alla sua presenza e forma fisica. Per dimagrire zone critiche come pancia e fianchi in maniera permanente è necessario acquisire e mantenere un metabolismo veloce. Come e cosa fare? Mangiare poco fa dimagrire: è sufficiente consumare piccoli pasti più volte al giorno per evitare di mangiare troppo nei pasti principali.

Dimagrire uomo

Dimagrire uomo

Non risparmiare calorie per un pasto abbondante

Mangiare nei momenti giusti permette di ridurre al minimo il rischio di innescare il meccanismo prodotto dalla fame che protegge le scorte di grassi.

Mangiare frequentemente incoraggia il corpo a bruciare i grassi invece del tessuto muscolare. Ci vogliono circa tre ore per digerire un pasto completo.

Ecco cosa avviene dopo un pasto:

  • Il cibo è suddiviso in zucchero
  • lo zucchero viaggia attraverso il sangue fornendo energia al corpo intero (controllato dall’ormone insulina).

Questo significa che ogni volta che si mangia, i livelli di zucchero nel sangue cambiano. In totale ci vogliono due o tre ore perché i livelli di zucchero nel sangue aumentino e poi diminuiscano di nuovo. Se si mangia un pasto abbondante, si forniscono grandi quantità di carburante al corpo in una volta sola. Il carburante in eccesso è immagazzinato come grasso. Piccoli pasti frequenti, invece forniscono una quantità gestibile d’energia durante la giornata:

  • il corpo può utilizzare immediatamente quest’energia
  • e quindi non ha bisogno di immagazzinarla come grasso.

Pasti piccoli per dimagrire

Fare pasti piccoli e frequenti, non solo aumenta la capacità di bruciare i grassi, ma ha altri numerosi vantaggi.

Metabolismo più veloce

Il corpo è geneticamente programmato per risparmiare energia quando l'assunzione di cibo si ferma. Lo zucchero nel sangue varia ogni tre ore e se non si mangia qualcosa per aumentarlo il ritmo metabolico può rallentare.

Pasti piccoli e frequenti possono aiutare:

  • ad aumentare il dispendio energetico a riposo (bruciare più calorie) e
  • ridurre il grasso corporeo in percentuale.

Perdita di peso più facile

È molto difficile perdere peso quando:

  • il metabolismo rallenta e
  • il corpo cerca di aggrapparsi ad ogni caloria.

Inoltre, lunghi periodi tra i pasti possono:

  • portare a scelte alimentari povere
  • trasformare rapidamente la perdita di peso in aumento di peso.

Un basso livello di zucchero nel sangue:

  • stimola la fame
  • aumenta i desideri.

Si hanno dei desideri si aspetta troppo tempo per mangiare. Se si mangia spesso:

  • non si diventa famelici
  • è possibile effettuare le scelte alimentari più saporite e nutrienti
  • si evita l'eccesso di cibo.

Riduzione del colesterolo

È stato dimostrato che fare piccoli pasti riduce i livelli di:

  • colesterolo totale dell'%
  • colesterolo LDL ("cattivo") del 12%.

I pasti frequenti mantengono i livelli di zucchero nel sangue più uniformi, aiutando ad eliminare i picchi d’insulina che possono innescare la produzione di colesterolo.

Energia prolungata

Il cibo fornisce al corpo energia e il corpo, a sua volta brucia quest’energia per funzionare. È relativamente facile sconvolgere questo delicato equilibrio:

  • saltando i pasti o
  • non mangiando per molte ore.

Quando i livelli di zucchero nel sangue sono alti, ci si sente eccitati. Al contrario, quando diminuiscono i livelli d’energia precipitano. Mangiare spesso aiuta a mantenere i livelli di zucchero nel sangue costanti, nel senso che ci si sentirà più carichi d’energia per tutto il giorno. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che gli atleti che mangiano ogni tre ore:

  • si concentrano meglio
  • si muovono più rapidamente
  • possono praticare esercizio fisico per periodi più lunghi di tempo.

Ciò significa non solo che si vive meglio la giornata, ma anche che si può praticare attività fisica in maniera più intensa e bruciare più calorie.

Stabilità dell’umore

C'è un forte legame tra cibo e umore. Mangiare più spesso può alterare la chimica del cervello. La chiave è di includere carboidrati complessi come:

  • frutta
  • verdura
  • cereali integrali

Essi aiutano a mantenere i livelli di serotonina (un ormone che migliora l’umore) nel cervello. Gli antidepressivi funzionano in modo simile per aumentare i livelli di serotonina. I cibi giusti possono realizzare la stessa cosa.

Come mangiare poco e spesso per dimagrire

Mangiare al momento giusto e frequentemente è il segreto per accelerare il metabolismo. Mangiare ogni tre ore (5 pasti al giorno) è la risposta:

  • il metabolismo è veloce
  • il corpo brucia i grassi invece dei muscoli
  • è meno probabile che le calorie aumentino
  • il sistema di protezione della fame non è attivato.

Rendono questa routine un'abitudine si avranno dei buoni risultati.

È necessario mangiare:

  • a sufficienza per sentirsi soddisfatti, ma non troppo pieni.
  • spesso e in quantità moderate, quanto basta per non avere di nuovo fame per altre tre ore. Il dimensionamento del cinque pasti dipende dal proprio fabbisogno calorico. Si può provare con sei piccoli pasti della stessa dimensione o tre piccoli pasti con due o tre "spuntini" ogni giorno.

Ogni pasto o "snack" dovrebbe contenere proteine. Che si tratti di yogurt magro o un panino al tonno, assicurarsi che contenga proteine.

In breve, mangiare poco fa dimagrire ma questo non significa stare a digiuno. Si deve mangiare poco ma più volte durante il giorno. Il bello di mangiare ogni tre ore, è che ci si sente come se in realtà si stesse mangiando più cibo del solito. Dal punto di vista psicologico quindi non è una rinuncia. In realtà, si sta mangiando di meno.

Anche mangiare yogurt può essere utile all'uomo che vuole dimagrire

Non ci sono dubbi sul fatto che lo yougurt faccia bene. Ma la notizia fino ad oggi probabilmente meno nota è che lo yogurt fa dimagrire. Lo yogurt non è solo uno spuntino meravigliosamente veloce, facile e nutritivo disponibile in ogni periodo dell'anno: le ultime ricerche scientifiche hanno messo in evidenza che il latte e lo yogurt oggi sono in grado di allungare la vita, proprio come accade in alcuni paesi nei quali lo yogurt e altri latticini, come ad esempio il kefir, sono elementi base dell'alimentazione.

Lo yogurt è un prodotto caseario al cui latte viene aggiunta una cultura batterica che causa la trasformazione del lattosio – che è lo zucchero del latte – in acido lattico. Un processo che dà allo yogurt quel suo gusto un po' acidulo e rinfrescante, quella sua consistenza unica e morbida. Tutte qualità che si ritrovano nel significato originale del nome turco di questo alimento: "Yoghumak", che significa addensare.

Le sue origini risalgono al 2000 a.C. In Medio Oriente, nonostante ci siano diverse versioni sulla sua storia. Secondo la prima, lo yogurt deriva da antiche tribù nomadi che misero una brocca di latte in pelli di pecora e capra che non erano state sigillate ermeticamente. Venendo a contatto con i germi che provenivano dalla parte esterna delle pelli, il latte si inacidì. Le tribù non lo usarono solamente come un cibo, ma anche come una medicina. L'altra teoria sulle origini dello yogurt è collegata ai Traci. Gli animali domestici più importanti per i Traci erano le pecore, che venivano usate non soltanto per la lana e per la carne, ma anche per il latte. I Traci si erano accorti che il latte inacidito durava più a lungo di quello fresco. Aggiungendo latte acido al latte fresco bollito, ottenevano un prodotto conosciuto come yogurt. Però va detto che il luogo di nascita dello yogurt così come lo conosciamo oggi sono i Balcani, soprattutto la Bulgaria.

La curiosità? I maggiori consumatori di yogurt sono i francesi. Secondo le statistiche il consumo della Francia è pari a 14,5 chilogrammi di yogurt all'anno procapite. I tedeschi ne consumano 14 chili, gli svedesi 13,5. I russi sono i più bassi consumatori di yogurt con solo 2,5 chilogrammi all'anno procapite. Ma quello che all'inizio era un semplice prodotto caseario oggi è cambiato. Oggigiorno le varietà di yougurt sono molto più ampie che mai. Molti yogurt sono caratterizzati dall'aggiunta di frutta e di sapori, alcuni dichiarano di essere privi di grassi, mentre altri pubblicizzano basse calorie o l'assenza di zuccheri. Altri ancora si presentano con l'aggiunta di vitamine, omega-3 e probiotici per aumentarne ulteriormente i benefici per la salute.

Quel che è certo è che i benefici per la salute dello yogurt sono molti.

Si tratta infatti di un alimento davvero ricco di:

  • iodio
  • calcio
  • fosforo
  • vitamina B2
  • proteine
  • vitamina B12
  • potassio
  • molibdeno
  • zinco
  • vitamina B5

Si tratta di elementi nutritivi che fanno dello yogurt un alimento salutare. Anche se va detto che l'informazione più interessante per la salute ci arriva senza dubbio dalla presenza dei fermenti lattici vivi, che producono molti benefici per la salute dell'organismo, aiutando a vivere più a lungo e fortificando il sistema immunitario. Le ricerche condotte mostrano infatti come l'incremento del consumo di yogurt, particolarmente nelle persone immunodepresse e negli anziani, possa innalzare le difese.

Ma non è tutto. Inserire lo yogurt nella propria dieta aiuta a:

  • allungare le aspettative di vita
  • aumentare le difese immunitarie
  • ridurre il cosiddetto colesterolo cattivo (LDL) e aumentare quello buono (HDL)
  • migliorare la quantità di calcio nelle ossa, prevenendo l'osteoporosi
  • prevenire l'artite
  • proteggere dall'ulcera
  • ridurre i rischi del cancro al colon-retto
  • dimagrire

Oltre a calcio e minerali, lo yogurt contiene delle proprietà naturali che aiutano e favoriscono la digestione. I nutrizionisti sostengono che lo yogurt aiuti a mantenere sano il colon e lo yogurt viene usato da tempo per curare e prevenire la dissenteria. Oltre a questo va sottolineato che le donne che soffrono frequentemente di disturbi o infezioni vaginali possono trovare sollievo da un consumo regolare di yogurt.

Quante calorie apporta lo yogurt (valori nutrizionali)?

Relativamente all'aspetto della perdita di peso, va sottolineato che lo yogurt è infatti molto povero di calorie: basti pensare che in 245 grammi di yogurt magro sono presenti solamente 155 calorie.

I valori nutrizionali dello yogurt sono diversi a seconda della tipologia dello yogurt:

  • Yogurt Intero = 66 Kcal; 3,8 g proteine; 3,9 g grassi; 4,3 g carboidrati
  • Yogurt Magro = 36 Kcal; 3,3 g proteine; 0,9 g grassi; 4,0 g carboidrati
  • Yogurt  P.Scremato = 43 Kcal; 3,4 g proteine; 1,7 g grassi; 3,8 g carboidrati
  • Yogurt alla frutta = 110 Kcal; 3,3 g proteine; 3,7 g grassi; 14,9 g carboidrati

Lo yogurt dà un aiuto significativo e specifico alla perdita di peso. Basti pensare che in soli tre mesi, 16 obesi – sia uomini che donne – in una dieta a basso contenuto calorico che includeva tre porzioni giornaliere di yogurt hanno perso il 61% di massa grassa e più dell'81% del grasso addominale rispetto a 18 persone obese sottoposte ad una dieta con lo stesso numero di calorie ma con pochi o addirittura alcun latticino ed un basso apporto di calcio. Non solamente il gruppo che ha assunto lo yogurt ha perso più peso, soprattutto attorno al girovita, ma ha anche ottenuto un tessuto muscolare più snello rispetto al gruppo con una dieta senza yogurt.
Aggiungere lo yogurt alla porpria dieta, secondo le ultime ricerche, può quindi aiutare a bruciare i grassi, a perdere velocemente peso e a tenere lo stomaco in una buona condizione. Viene affermato che non solo lo yogurt ha aiutato i partecipanti allo studio a perdere più peso, ma anche a mantenere una buona massa muscolare. Questa  è una questione critica durante le diete: si vuole perdere peso, non massa muscolare. I muscoli aiutano a bruciare calorie, ma durante la fase di dimagrimento spesso vengono compromessi.

I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati nel 2005 sull'International Journal of Obesity: il calcio e le proteine derivate da un'alimentazione che comprenda prodotti caseari può aiutare a bruciare i grassi e a procurare la perdita di peso.Va inoltre sottolineato un dato fondamentale: i partecipanti alla ricerca che hanno inserito lo yogurt nella propria dieta hanno anche perso l'81% del grasso nel girovita, nell'area dello stomaco. Si tratta del più pericoloso tipo di grasso. Un eccesso di adiposità in questa parte del corpo è infatti collegato ad un rischio maggiormente elevato di cardiopatie, diabete, ictus e molte forme di cancro.

In un editoriale che accompagna lo studio, si afferma che i risultati della ricerca sono impressionanti e che danno ulteriore risalto al ruolo del calcio e delle proteine presenti nei latticini nel determinare il peso e il grasso corporeo.

Lo yogurt ha molte proprietà, ma le più importanti sono che protegge l'organismo e che può aiutare a dimagrire.

Anche bere molta acqua aiuta a  dimagrire

I reni hanno bisogno di moltissima acqua per funzionare correttamente. Il funzionamento dei reni è direttamente proporzionale a quello del fegato, quindi se i reni non funzionano in modo corretto, nemmeno il fegato funziona bene. Il corpo funziona meglio quando è completamente idratato, infatti l'acqua aiuta a consumare parecchie calorie sia quando siamo a riposo che quando pratichiamo sport. Se si beve molta acqua si allevia l'appetito e di conseguenza si mangia meno. Inoltre bevendo molta acqua migliora la digestione e si espellono più facilmente i residui dal proprio corpo. Il nostro organismo è alla costante ricerca di sodio da assorbire e quando non trova abbastanza acqua cerca di integrarlo attraverso i sali. In realtà la necessita vera e propria del nostro organismo è quella di riuscire ad assimilare soltanto il sodio presente nei cibi e nell'acqua. Anche praticare sport dopo aver bevuto parecchio aiuta a migliorare la forma fisica e a tenersi in forma, poiché l'organismo redistribuisce i liquidi e le energie disperse sulla muscolatura e sulla massa magra. Un bicchiere d'acqua prima di ogni allenamento è indicato se si ha intenzione di disperdere molte energie. Una volta che il corpo è disidratato aumenta l'appetito per questo è necessario riassorbire i liquidi persi soltanto bevendo acqua altrimenti si rischia di recuperare peso in eccesso.

Ingerire acqua

Le persone che bevono una media di 6 ½ tazza (52 once) di acqua ogni giorno consumano 200 calorie in meno al giorno. . 200 calorie sono circa 73.000 calorie in meno in un anno e ci vogliono 3.500 calorie di per 1 chilo di grasso. Questo significa che stai perdendo circa 20 chili di grasso all'anno.

I miti della ritenzione idrica

Ritenzione idrica può essere causata da un aumento dei livelli di sodio nella dieta o, per le donne, attraverso un cambiamento nei cicli mestruali. Il mito più comune di ritenzione idrica è che un sacco di gente pensa che assorbire "troppa" acqua le renderà gonfie e più pesanti, ma in realtà è il contrario.  Più acqua viene ingerita, più prodotti di scarso saranno espulsi dal corpo.

Gli esperti raccomandano l'acqua potabile per perdere peso e ridurre la fame

Avere fame viene interpretato come il bisogno di ingerire cibo, in realtà potrebbe trattarsi di un bisogno legato all'idratazione. Così, invece del consumo del cibo, gli esperti consigliano l'acqua potabile da ingerire prima di comprendere quali sono le vere priorità. In questo modo non confonderete la fame con la sete ed eviterete inutili cibi grassi.

La disidratazione può rovinare il tuo allenamento

La mancata idratazione può rovinare l'allenamento. La maggior parte dei liquidi vengono integrati nei muscoli, se i il corpo è disidrato questi non funzionano in modo ottimale e si perde molto rispetto all'allenamento che si sta svolgendo.

Questi sono i punti cardine per chi vuole dimagrire assorbendo molta acqua. Sarebbe utile ingerire acqua già la mattina appena alzati, almeno uno o due bicchieri che aiutano l'organismo ad ingerire la quantità di sodio necessaria per iniziare la giornata. Assorbire acqua prima degli allenamenti aiuta il corpo ad espellere le sostanze di scarto e a lavorare in una forma ottimale. Le opinioni in rete per quanto riguarda questa cosa sono divergenti. Molti blogger e riviste vedono l'acqua come potenziale nemico per la pancia e per il gonfiore, in realtà la spiegazione medica è stata fornita qui sopra e per averne conferma potete consultare il vostro medico di famiglia o il vostro dietologo. Bevete molto, bevete prima dei pasti, prima di praticare e sport e bevete appena svegli, vedrete che noterete anche un miglioramento nel vostro organismo interno.

Considerazione finale sui consigli utili per dimagrire dedicati all'uomo

Come avete avuto modo di leggere i consigli per l'uomo che vuole rimanere in forma e dimagrire le zone tipo pancia e fianchi, sono davvero semplici e non richiedono una particolare dedizione o esperienza, ma solo l'abbinamento di essi ad una regolare attività fisica e sport.

Consigli per l'uomo che vuole dimagrire zone critiche come pancia e fianchi.

Perdere peso dimagrire velocemente

Lascia il tuo commento: