Disfunzione erettile: cause e cure della disfunzione erettile

La disfunzione erettile che cos'è e come si può curare? La disfunzione erettile è una patologia che preoccupa molti uomini ma fortunatamente con gli ultimi ritrovati della medicina risulta un disagio che può essere finalmente arginato.

Cosa causa la disfunzione erettile? Quali sono i rimedi e le cure per la disfunzione erettile? La disfunzione erettile detta DE o impotenza è un problema che fortunatamente ha avuto risvolti positivi, perché agli inizi del secolo numerosi sono stati gli interventi nel settore, consentendo agli uomini di avere un rapporto sessuale senza problemi. Prima di questi trattamenti gli uomini affetti da disfunzione erettile ovviamente vivevano il problema come un qualcosa di logorante dal punto di vista psicologico che poteva minare anche i rapporti interpersonali.


Che cosa è la disfunzione erettile?


La prima cosa da stabilire è il concetto di disfunzione erettile che altro non è che l'incapacità di un uomo di arrivare ad avere rapporti sessuali soddisfacenti e non riguarda il momento dell'eiaculazione, in questi casi si può parlare di eiaculazione precoce quando l'uomo raggiunge l'orgasmo troppo velocemente, oppure di eiaculazione ritardata quando l'uomo non arriva all'orgasmo. I problemi legati alla DE sono vari e si verificano su uomini di tutte le età.


Disfunzione erettile negli adolescenti

Il motivo prevalente in questi casi è legato all'ansia di prestazione, al fatto di aver procurato una gravidanza o all'incapacità di usare il preservativo che affermano essere causa della perdita dell'erezione.


Disfunzione erettile nella mezza età:

La causa di DE per questa categoria di uomini può dipendere da diversi fattori, come ad esempio lo stress, il lavoro oppure a patologie come il diabete.


Disfunzione erettile nelle persone anziane:

In questa fascia di età fanno parte tutti gli uomini che hanno più di 70 anni ed è normale che i problemi di erezione ci siano con l'andare avanti con gli anni, ma questo non vuol dire che non siano sessualmente attivi. Nella maggior parte dei casi la disfunzione erettile è causata da problemi circolatori ai vasi che fanno affluire il sangue al pene, legate ad un invecchiamento delle arterie, cuore e cervello e da una ricerca fatta nel 2008 è stato dimostrato che la disfunzione erettile come conseguenza di una patologia vascolare, potrebbe essere il campanello d'allarme per un infarto che potrebbe arrivare. Per questo motivo, gli uomini che hanno questo problema sono invitati a prestare particolare attenzione alla propria dieta, per mantenere i valori di colesterolo e la pressione bassaTanti pensano che il problema della disfunzione erettile sia legato ad un problema ormonale, ma questo è assolutamente da scartare: sulla base di studi fatti è stato appurato che bombardare di testosterone non risolve i problemi di DE ma svuota il portafogli.


Che cosa è l'erezione?

Si ha un'erezione quando l'uomo è eccitato oppure stimolato ed il sangue affluisce facendo irrigidire il pene.L'erezione è un meccanismo complesso che interessa i nervi, che dal midollo spinale arrivano giù fino al pene, interessa i vasi sanguigni che fanno affluire il sangue facendo in modo che la valvola posta alla base del pene impedisca al sangue di defluire fino a rapporto completato. Possono influire sull'erezione tanti fattori come la stanchezza, stress, problemi circolatori, abuso di tabacco e alcol.


Il problema di disfunzione erettile può essere causato da problemi psicologici?

Il problema della Disfunzione Erettile è diffuso molto tra i giovani ed un problema che interessa la sfera psicologica e non è imputabile ad un problema fisico se:

  • alla mattina presenta erezione;
  • con la masturbazione ha un'erezione;

mentre rientra in un problema psicologico se:

  • c'è tensione prima della penetrazione;
  • sensi di colpa, laddove si faccia sesso con la donna di un altro;
  • nella coppia non c'è più feeling;
  • forme depressive;
  • omosessualità non manifestata agli altri ma sentita inconsciamente.

In realtà non si può fare un vero elenco delle cause della disfunzione erettile anche se è un miscuglio tra cause fisiche e motivazioni psicologiche.

Le cause fisiche più diffuse che portano disfunzione erettile sono:

  • problema circolatorio legato all'invecchiamento delle arterie;
  • diabete;
  • tabacco;
  • eccesso di alcol;
  • essere in sovrappeso;
  • droga;
  • effetto collaterale di farmaci antidepressivi;

altre cause fisiche meno diffuse sono:

  • patologie del sistema nervoso;
  • operazione chirurgica alla prostata;
  • poca elasticità dei corpi cavernosi che non imprigionano il sangue che fornisce la rigidità e mantiene l'erezione;
  • problemi di natura ormonale;
  • lesioni midollari.

In presenza di un'impotenza che si manifesta da tempo, sono diverse le cose utili da fare come ad esempio affrontare il problema con la partner, parlarne col proprio medico e soprattutto evitare il fai da te, assumendo pillole che si spacciano per miracolose. Il medico fornirà tutto un elenco di esami da fare per verificare o meno la presenza di un problema fisico ed a diagnosi avvenuta, bisognerà rivolgersi ad uno specialista per le cure del caso.


Quali sono le terapie per la cura della disfunzione da poter seguire?

La terapia per la disfunzione erettile dipende ovviamente dal tipo di problema diagnosticato, se è di natura psicologica può servire:

  • fare una consulenza di coppia;
  • sedute di psicoterapia di coppia;

se invece il problema è fisico, il problema viene affrontato in diverse modalità.


Ricorso ai farmaci contro la disfunzione erettile per agevolare l'erezione

Negli ultimi dieci anni sono stati introdotti sul mercato dei farmaci per la DE che hanno risolto questo importante problema per tutta una categoria di paziente che soffrivano oltre che di impotenza slegata da patologie, anche all'impotenza legata al diabete oppure a patologie di tipo neurologico e midollare. Fortunatamente non esiste solo un tipo di farmaco per cui laddove uno non dovesse funzionare si possono sempre testare gli altri 2 questi farmaci hanno importanti effetti collaterali per cui non possono essere assunti autonomamente: la prescrizione del farmaco dev'essere fatta solo ed esclusivamente dal medico specialista dopo aver eseguiti tutti gli esami fisici.

I tre farmaci disponibili sotto forma di compresse sono:

  • Viagra a base di sildenafil;
  • Levitra a base di vardenafil;
  • Cialis a base di tadalafil.

Viagra

L'assunzione del Viagra provoca la dilatazione dei vasi sanguigni che favoriscono l'afflusso di sangue al pene favorendo l'erezione, a patto che si faccia ricorso alla stimolazione sessuale. L'erezione dura circa un'ora, la compressa produce gli effetti per circa 4 ore dall'assunzione, per cui bisogna consumare il rapporto entro le 4 ore ed il cibo potrebbe inibire l'efficacia del farmaco.

Gli effetti collaterali del viagra sono:

  • cefalea;
  • problemi visivi;
  • problemi digestivi;
  • viso arrossato;
  • battito cardiaco alterato;
  • non assumere succo di pompelmo che provoca aumento degli effetti del farmaco.

Cialis

I suoi effetti sono simili a quelli del Viagra, tranne il fatto che gli effetti durano molto più a lungo, quasi dodici ore, non è necessaria stimolazione ed il cibo non crea interferenze.

Gli effetti collaterali del cialis sono simili a quelli del Viagra ma in aggiunta si possono avere:

  • dolori alla schiena;
  • dolori ai muscoli;
  • interazione con pompelmo e con un antibiotico come la claritromicina e con un sedativo come il fenobarbital.

Il Cialis ha una composizione chimica molto simile a quella del Viagra, ma ci sono stati dei casi di pazienti che a seguito di assunzione di Cialis hanno avuto seri problemi agli occhi ed addirittura casi di cecità.

Levitra contro la disfunzione erettile:

La sua azione è simile a quella degli altri due farmaci, ha gli stessi effetti collaterali del Viagra, non produce il medesimo effetto di durata del Cialis, ma come per quest'ultimo ci sono stati dei casi di cecità a seguito dell'assunzione del farmaco.


Ci sono altri rimedi per la disfunzione erettile?

Oltre all'uso di compresse la disfunzione erettile può essere affrontata anche facendo ricorso a:

  • iniezioni sul pene;
  • palline che sono inserite nella cavità urinaria.

Sono una tipologia di rimedio che è stata superata dall'avvento delle compresse e che comunque era adatta solo per pochi uomini, e soprattutto coraggiosi che sceglievano di fare le punture direttamente sul pene.

Si possono inoltre utilizzare dei presidi meccanici che consentono oltre che ad avere un'erezione, anche a riuscire a concludere un rapporto sessuale.

Pompa che crea il vuoto

Il pene viene inserito dentro una sorta di cilindro dal quale viene tirata via l'aria appunto con una pompa. Il risucchio dell'aria dovrebbe portare il pene in erezione anche se quest'ultimo risulta freddo al tatto e di aspetto tendente al blu.

Anelli

Vengono posizionati alla base del pene e la loro funzione dovrebbe essere quella di evitare il deflusso del sangue dal pene in maniera troppo veloce.

Vibratori

La prescrizione di questa metodologia non è esattamente medica, ma in molti casi l'utilizzo di vibratori come il Penisator, che prevede l'applicazione di una specie di stimolatore proprio dietro il pene, che pare abbia dato ottimi risultati su uomini con problemi alla spina dorsale.

Interventi chirurgici contro la disfunzione erettile:

Intorno al 1990 si pensò che con la chirurgia si potesse risolvere il problema legato alla DE, ma purtroppo i risultati furono assai inferiori rispetto alle aspettative.

Le tipologie di intervento per curare la disfunzione erettile sono due:

  • curare la fuga venosa attraverso un piccolo intervento a cura dell'urologo;
  • inserimento di stecche all'interno del pene da parte dell'urologo; si può inserire una sola stecca e quando l'uomo vuole avere un rapporto sessuale alza il pene mettendolo in posizione verticale; un altro rimedio, molto caro, prevede l'inserimento di stecche sempre interne dentro le quale sarà insufflata dell'aria quando l'uomo deciderà di avere un rapporto.

Domande e risposte sul tema disfunzione erettile le c.d. (FAQ)

Domanda: La masturbazione può causare DE?

Risposta: la risposta è negativa e bisogna rivolgersi al medico per esporre tutti i problemi legati alla DE.

Domanda: se nelle ultime settimane non si è stati in grado di avere un rapporto sessuale, si può
trattare di una causa permanente e cosa fare per porvi rimedio?

Risposta: può capitare che motivi legati a stress, esaurimento nervoso, stanchezza, ansia da prestazione, possano causare momentanei problemi di erezione.

Altre cause sono invece imputabili a problemi fisici come il diabete, oppure ispessimento delle arterie che specie negli uomini anziani possono provocare DE permanente oppure possono essere imputate a noia o disinteresse per l'attuale compagna ed il consiglio potrebbe essere quello di astenersi dall'avere rapporti sessuali.

Cambiare partner per verificare se la DE possa essere provocata dalla compagna, oppure meglio ancora affrontare il problema con lei, evitare la penetrazione per un certo periodo e dedicarsi invece ai preliminare con lo scopo di agevolare l'erezione per mantenerla il più possibile.

Domanda: se il proprio medico di famiglia non prende nella giusta considerazione il problema e lo sottovaluta, come ci si deve comportare?

Risposta: si possono verificare dei casi in cui il medico di famiglia abbia una forma di imbarazzo ad affrontare problemi di DE e demanda il tutto allo specialista, oppure piuttosto che parlare del problema al proprio medico gli si pone direttamente la domanda su quali possano essere i centri migliori che si occupano di DE.

Domanda: chi non ha mai avuto un rapporto completo può andare incontro a DE e non avere problemi psicologici davanti ad una non prestazione temendo di essere derisi?

Risposta: per evitare di trovarsi in situazioni imbarazzanti ci si potrebbe rivolgere o al proprio medico, oppure ad uno specialista e far presente i propri dubbi.

Il medico potrebbe far eseguire tutta una serie di analisi per scongiurare problemi fisici, e dopo aver fatto la diagnosi concentrarsi sul problema e risolverlo, problema che potrebbe essere anche solo psicologico.

In molti casi l'assunzione di farmaci specifici come il Viagra, il Cialis o il Levitra, possono fornire quello stimolo necessario per il superamento di ostacoli momentanei, tant'è che poi questo tipo di terapia medica non viene continuata.

Domanda: se una persona anziana che ha avuto problemi alla prostata non ottiene successi dopo due assunzioni di Viagra, cosa può fare per la disfunzione erettile?

Risposta: a seconda del paziente una sola compressa di Viagra non provoca erezione, anche se non bisogna dimenticare che affinché ci sia erezione questa dev'essere stimolata sessualmente e che cibo ed assunzione di bevande alcoliche possono limitarne l'assorbimento.

Laddove però il Viagra non produca i risultati sperati ci sono sempre altri due farmaci ai quali si può ricorrere che sono il Cialis o il Levitra.

Domanda: un ragazzo che soffre di disfunzione erettile da tre anni cosa può fare, la fidanzata può aiutarlo?

Risposta: questo è un tema assai delicato che necessita di essere approfondito sotto vari aspetti sia dal punto di vista fisico che psicologico. Il sostegno morale della compagna è fondamentale per la riuscita della ricerca del problema così come della sua soluzione.

Domanda: c'è qualcosa che faccia aumentare il desiderio sessuale?

Risposta: la domanda è di difficile risposta perché ogni persona è diversa dall'altra e quello che potrebbe essere eccitante e stimolante per una, non lo è per l'altra.

Con l'avanzare dell'età il desiderio sessuale tende a diminuire e la ricerca medica si sta attivando per trovare dei farmaci che lo possano stimolare.

Domanda: può essere utile l'utilizzo di una pompa che crea il vuoto per la disfunzione erettile nel caso abbiano fallito i 3 farmaci?

Risposta: in caso di fallimento farmacologico, il ricorso alla pompa è utile e sono anche prescrivibili dal servizio sanitario nazionale e possono essere usati per un lungo periodo di tempo anche se sono evidenti degli aspetti svantaggiosi:

  • viene a mancare la spontaneità;
  • l'erezione non dura più di trenta minuti;
  • il pene è freddo;
  • la presenza di un anello alla base del pene può rendere difficoltosa la penetrazione.

Domanda: se a seguito di un leggero ictus si ha come strascico dei problemi di erezione, le erbe possono essere efficaci per trattare la disfunzione erettile?

Risposta: di solito i casi di ictus sono trattati con farmaci come la nifedipina che possono avere come importante effetto collaterale un problema legato all'erezione.

Rimedi naturali contro la disfunzione erettile:

I rimedi omeopatici solo ultimamente sono all'attenzione delle case farmaceutiche, anche se rimane comunque scetticismo e relativamente poca attività nel settore.

Questo però non esclude il fatto che alcune erbe siano utilizzate per affrontare la disfunzione erettile e tra queste:

  • il ginseng per attivare l'ipofisi e da questa la libido;
  • il ginko biloba è usato nei casi di impotenza provocata da problemi circolatori;

nel caso il paziente desideri proseguire le cure omeopatiche è sempre meglio farsi seguire da uno specialista e non affidarsi al sentito dire ed al fai da te.


Altre domande e risposte comuni dedicate alla disfunzione erettile:

Domanda: che conseguenze ci sono nell'utilizzare per molto tempo le iniezioni per contrastare la disfunzione erettile?

Risposta: il ricorso ad un farmaco chiamato Caverject per il trattamento della DE ha prodotto ottimi risultati anche se è importante che il paziente sia monitorato periodicamente per evitare che si possa verificare una fibrosi, o ispessimento nel punto del pene oggetto delle iniezioni, e trovare un punto diverso.

Domanda: assumendo farmaci per un'angina in peggioramento si possono avere effetti collaterali con l'assunzione contemporanea di farmaci per trattare la DE?

Risposta: sarebbe meglio evitare l'assunzione di farmaci per trattare la DE, perché questi ultimi hanno importanti interazioni con i farmaci che contengono nitrati, come il monomax, e che sono quelli utilizzati per curare l'angina.

L'importante effetto collaterale è che Viagra, Cialis o Levitra non possono essere assunti contemporaneamente ai nitrati perché provocano un repentino abbassamento della pressione.

Secondo altri specialisti si potrebbe trattare l'angina con farmaci che non contengono nitrati per consentire ai loro pazienti di assumere farmaci per la DE, tenendo sempre monitorata sia la pressione che il cuore.

Domanda: dopo un infarto ed un ictus, e l'assunzione di farmaci per trattare le patologie unitamente all'assunzione di un antidepressivo, questi farmaci possono essere la causa di disfunzione erettile?

Risposta: è positiva e risulta anche assai difficile poter assumere i farmaci per trattare la DE viste le importanti patologie riscontrate. L'unica possibilità non basata su un farmaco è l'utilizzo della pompa a vuoto.

Domanda: a seguito di un intervento di chirurgico di asportazione radicale della prostata, si possono avere rapporti e di conseguenza normali erezioni?

Risposta: gli uomini che hanno subito questo tipo di operazione non è detto che debbano sempre soffrire di DE, col tempo, circa 2 anni, saranno in grado di tornare ad avere una normale vita di coppia.

Domanda: gli uomini che hanno la pressione alta e prendono i farmaci per curarla, possono assumere i medicinali usati per trattare la DE?

Risposta: il fatto di soffrire di pressione alta non significa che una persona non possa assumere i farmaci per la DE, purché il tutto avvenga sotto diretto controllo del medico specialista.

Domanda: che cosa sono gli esercizi di Kegel?

Risposta: sono degli esercizi che hanno lo scopo di mettere in movimento i muscoli delle pelvi e sono utilizzati sia nel caso di pazienti che soffrono di eiaculazione precoce che nel caso di pazienti con disfunzione erettile e sono inoltre utilizzati come esercizio di riabilitazione dopo l'intervento alla prostata.

Sono esercizi che contribuiscono ad aumentare la muscolature pelvica ed è importante che si venga seguiti da personale esperto, onde evitare di fare qualche movimento errato.

Considerazioni finali sulla disfunzione erettile:

Il sapere unito alla moderna medicina può porre limite alla disfunzione erettile nell'uomo. Abbandonate l'imbarazzo e le preoccupazioni, affidatevi senza timore ad un esperto il quale studierà il giusto approccio per aiutarvi a sconfiggere questa disfunzione e potrete cosi tornare a godere pienamente della gioia e gratificazione che solo un rapporto sessuale con la S maiuscola può dare.

Indice - Articolo sulla disfunzione erettile

Disfunzione erettile / cause / cure / terapia / farmaci / rimedi / consigli

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo disfunzione erettile: cause e cure della disfunzione erettile

Disfunzione erettile

Diagnosi molto accurata ed intelligente. Complimenti.

I problemi della disfunzione erettile

Io sono un uomo che ho 73 anni, da circa tre anni mi sono accorto che vado sempre a peggiorare, nel senso sessualmente, perche ho il diabete, quello mellito, e anche un pò di prostata che ntrengo sotto controllo, fino ad'ora! in quanto al problema erettile all'inzio è abbastanza duro e poi dopo qualche minuto mi si abbassa, e non riesco più a concludere. Va bene che devo considerare l'età e anche il resto, ma ancora non mi vorrei dare per vinto, c'è anche da dire la mia compagna che non mi aiuta!! si limita a farmi solo con la mano! scusatemi ma sono giù di morale, saluto cordiale a tutto lo staf

Ho problemi di disfunzione erettile

Sono anche io un soggetto con problemi di impotenza, sono nati dal momento in cui hanno scoperto la mia ipertensione, i medicinali usati per ovviare al caso mi hanno abbassato la pressione ma l'effetto sull'erezione è stato devastante, impossibilità di avere rapporti soddisfacenti , tempi di erezione ridotti ai minimi temini a volte nulli, ma comunque sempre brevissimi, il mio urologo mi sta iniettando il Caveject, mi crea una sensazione di rinvigorimento che può durare anche 90 minuti la cura è iniziata da 15 e sono alla quarta iniezione, sì ci vuole un pò di coraggio ma si supera anche perchè la cura dovrebbe durare tre mesi in modo da ripristinare il giusto flusso e l'apporto di sangur nel pene, la vita a 60 anni cambia e sono molto fiducioso nei confronti del mio medico sicuro che tutto si aggiusterà, un saluto e spero di aver trovato il sistema migliore.

Lascia il tuo commento: