Dissenteria

La dissenteria è una patologia nella maggiorparte dei casi estemporanea, ma quando colpisce può essere veramente fastidiosa... a dir poco.

La dissenteria si riferisce in generale a dei disturbi gastrointestinali caratterizzati dall’infiammazione dell’intestino ed in particolare del colon. In generale, qualunque disturbo intestinale che comprenda episodi di forte diarrea, è riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come dissenteria. Si tratta, in particolare, di una grave malattia che coinvolge l’intestino crasso.

Dissenteria

Dissenteria


La dissenteria

È caratterizzata da un’infiammazione ed un’ulcerazione dell’intestino, associati ad un dolore dovuto alle coliche nella regione del ventre. Oltre ciò, la dissenteria è caratterizzata da un passaggio di feci fluide o semifluide formate anche da muco e sangue. La dissenteria si diffonde fra gli uomini per mezzo di cibo ed acqua contaminati. Quando una persona è infetta, l’organismo contaminato vive nell’intestino e giunge quindi sino alle feci. Secondo il tipo d’infezione è anche possibile che la malattia venga trasmessa dagli animali agli esseri umani


Possibili cause della dissenteria

La dissenteria è causata dalla presenza di alcuni batteri, tra cui i più comuni sono: batteri E coli, oppure l'ameba Entamoeba histolytica. Questi microrganismi sono presenti nelle feci delle persone o degli animali infetti, o nel caso in cui si tratti dell’Entamoeba histolytica, questa può risiedere anche nel colon e solo quando si attacca alle pareti di esso provoca la dissenteria. Le persone con un sistema immunitario indebolito rappresentano dei soggetti a rischio dissenteria amebica. Oltre questi, anche altri organismi sono noti per causare la dissenteria; altri batteri meno comuni che generano diarrea sanguinosa comprendono infezioni di: Campylobacter.


Salmonella e Shigella

Nella maggior parte dei casi, la dissenteria è causata da cibi o bevande contaminate da feci contenenti i patogeni, in altre parole, anche nuotando in acque che sono contaminate è possibile contrarre la dissenteria. A causa della modalità di contagio, la dissenteria si verifica più frequentemente nelle persone che viaggiano e nei bambini che toccano feci infette senza poi lavarsi bene le mani. La dissenteria è associata anche a condizioni di scarsa igiene ambientale e proprio nelle zone caratterizzata da una scarsa pulizia, la dissenteria è una delle malattie prevalenti. La dissenteria amebica, ad esempio, è più comune nelle zone tropicali in cui vi sono precarie condizioni igieniche oltre che una condizione di vita poco favorevole, caratterizzata da zone sovraffollate.


Sintomi della dissenteria

A causa dell’irritazione ed infiammazione dell’intestino, alla dissenteria sono associati diversi sintomi, che variano da un soggetto all’altro secondo la loro intensità. Tra i più comuni sintomi della malattia rientrano quelli legati al sistema digestivo, ovvero: gonfiore addominale, dolore addominale, diarrea con sangue, flatulenza ed inoltre nausea con o senza vomito. Oltre questi, giacché l’infezione progredisce all’interno dell’organismo, la dissenteria può essere accompagnata da altri sintomi, inclusa una disidratazione. Altri possibili disturbi sono: diminuzione della produzione di urina, secchezza della pelle e delle mucose, sensazione di molta sete, febbre e brividi, crampi muscolari, debolezza muscolare (perdita di forza) e perdita di peso. Vi sono sintomi che possono persino compromettere la vita del soggetto infetto. In rare occasioni, la disidratazione può causare una situazione piuttosto rischiosa per la vita dell’individuo; a tal proposito si raccomanda di provvedere tempestivamente a chiedere soccorso nel caso in cui si presenti una delle seguenti condizioni:

  • variazione del livello di coscienza o di attenzione e quindi uno svenimento o una mancata risposta agli stimoli;
  • cambiamento improvviso dello stato mentale o cambiamento drastico nel comportamento, come ad esempio uno stato di confusione, delirio, letargia o allucinazioni;
  • febbre alta, superiore ai 38° C;
  • frequenza cardiaca accelerata (tachicardia);
  • forte dolore addominale o forti capogiri.

Quelli elencati sono i sintomi più pericolosi per il soggetto che contrae la dissenteria. I sintomi della dissenteria durano in genere almeno 5-7 giorni. Alcune persone presentano sintomi lievi, mentre altri possono avere dei sintomi piuttosto gravi. Il decorso della malattia varia, così come i sintomi, in base alle condizioni dell’individuo.

Dissenteria nei bambini e nei neonati

I bambini sono dei soggetti più a rischio rispetto gli adulti. La manifestazione della dissenteria nei bambini, può essere acuta o cronica. La prima forma è caratterizzata da dolore nei movimenti intestinali, oltre che da diarrea e dissenteriche. Talvolta, vi può anche essere la presenza di muco bianco-giallastro o del sangue nelle feci. Le evacuazioni sono precedute da dolori all’addome. Il bambino potrebbe sentire lo stimolo di evacuare molto spesso, nonostante non vi siano feci, ma solo del muco o del sangue da espellere. I sintomi nei bambini sono inoltre associati a dolore nel retto e lungo l’intestino crasso. Con l’avanzare della malattia, la quantità di muco e sangue aumentano. Casi cronici seguono invece quelli acuti.

Trattamento e dieta nei bambini e nei neonati

Il trattamento della dissenteria, nei bambini deve puntare particolare attenzione anche alla dieta: nelle prime 24 ore deve essere seguita un’alimentazione prettamente liquida con il consumo di latte e burro, molto efficaci per combattere i batteri e per la produzione di utili microrganismi all’interno dell’intestino. Al bambino può essere somministrato dai 15 ai 20 ml di olio di ricino, unito a del latte.

Per quanto riguarda invece i dolori dovuti alla dissenteria, si consiglia di far riposare molto il piccolo e di scaldargli l’addome ponendo una borsa di acqua calda nella zona in cui avverte dolore.

Trattamenti per la cura e tipi di farmaci

La dissenteria può essere curata con antibiotici e farmaci antiparassitari. La malattia non curata può diventare pericolosa portando alla disidratazione del soggetto: una grave condizione di disidratazione o degli squilibri elettrolitici possono portare a situazioni di shock o persino al coma. La terapia antibiotica è la maniera più efficace di trattare la dissenteria dovuta ad organismi batterici. È molto importante seguire il piano di trattamento per la dissenteria con precisione e prendendo tutti gli antibiotici prescritti, così come indicato dal medico, in modo da evitare anche la reinfezione o un eventuale ricaduta. Farmaci antibiotici che in genere vengono prescritti per il trattamento della dissenteria provocata da microrganismi batterici sono: Ceftriaxone, Ciprofloxacina e Trimetoprim-sulfametossazolo. Il trattamento più come per la dissenteria amebica, comprende invece, il metronidazolo, che è un farmaco antiparassitario.

Oltre a seguire le indicazioni mediche, al fine di migliorare una situazione di dissenteria ed accelerare il processo di guarigione, si raccomanda di: garantire un’adeguata idratazione bevendo molta acqua o soluzioni elettrolitiche ed inoltre riposare molto.

Dieta per la dissenteria (cosa mangiare)

La dieta deve essere ricca di alimenti liquidi, cosicché venga facilitata la rimozione dei batteri e venga minimizzato il più possibile, lo sforzo durante il movimenti intestinali. I liquidi fungono inoltre da lubrificante per le superfici ulcerate. L’alimentazione può inseguito essere arricchita da riso, pasta, frutta fresca e matura (in particolare banane e melograno). I cibi solidi possono invece essere introdotti nella dieta, solo dopo che il paziente si sia ripreso e la loro reintroduzione deve avvenire gradualmente. Frutta fresca e insalate di verdure sono invece consentite, poiché hanno un effetto disintossicante e purificante per l’intestino ed oltretutto è consigliabile che una dieta a base di questi alimenti venga seguita anche dopo che la dissenteria sia scomparsa. Evitare il consumo di carne di ogni tipo ed inoltre non prendere tè, caffè, zucchero bianco, farina bianca e suoi derivati.

Fattori di rischio per la dissenteria

Una serie di fattori aumentano il rischio di sviluppo di dissenteria. Non tutte le persone che si trovano di fronte ad uno di questi fattori, rischiano necessariamente di contrarre la dissenteria, ma vi è sicuramente una più alta probabilità di pericolo. Tra le situazioni più rischiose per il contagio rientrano: stretto contatto con persone o animali infetti, consumo di acque non trattate provenienti da laghi, fiumi o corsi d’acqua, viaggi in paesi in cui la malattia è comune ed infine frequenza di piscine pubbliche.

Come evitare la dissenteria

È possibile ridurre il rischio di contagio o trasmettere la malattia, facendo attenzione ad alcuni aspetti comuni della vita, come ad esempio:

  • evitare di deglutire acqua di piscine o fonti d’acqua la cui provenienza non è sicura.
  • Bere solo acqua purificata e fare particolare attenzione nel caso in cui si attinga acqua da campeggi o parchi.
  • Utilizzare solo acqua pulita per lavarsi i denti, così come per lavare gli indumenti.
  • Lavare bene le mani, con acqua e sapone, dopo aver toccato le feci di una persona o di un animale infetto; fare anche attenzione nel caso in cui si cambiano pannolini o se si è utilizzato un bagno pubblico.

Complicazioni e conseguenze dovute alla dissenteria

È possibile ridurre al minimo il rischio di incorrere in eventuali rischi e complicazioni, seguendo in maniera corretta il piano di trattamento indicato dal medico. Eventuali complicazioni che potrebbero seguire alla dissenteria sono: ascesso del fegato, artrite post-infettiva (si manifesta con dolore alle articolazioni, irritazione agli occhi e minzione dolorosa) ed infine un’ulteriore diffusione dell’infezione.

Sintomi cause cura e contagio per la dissenteria.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo dissenteria

Evitare la frutta con la dissenteria

Tra la frutta fresca non è consigliabile con dissenteria...assumere uva e fichi in quanto fermentano, al contrario del limone può aiutare.

Guarire dalla dissenteria

Grazie il vostro messaggio mi e' stato molto utile per la mia guarigione.

La dissenteria

É stato veramente molto chiaro !! Grazie mille

Grazie per questo artico molto chiaro ed evidente

Lascia il tuo commento: